Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2011

Susan Boyle: la cover di Enjoy The Silence

La cantante Susan Boyle, rivelazione del talent show Britan’s Got Talent, ha realizzato una originale cover di uno dei più famosi successi dei Depeche Mode, “Enjoy The Silence”. Il brano farà parte del terzo e nuovo album della Boyle “Someone to Watch Over Me”, che uscirà il 1° Novembre 2011.
La versione originale del brano, scritto da Martin Gore, fu pubblicato nel 1990 come singolo e all'interno dell'album Violetor.
“La melodia della canzone è semplicemente bellissima” racconta Susan B. “ma veramente, queste parole suonano come se volessero toccare così tante persone, nello stesso modo in cui hanno toccato me”.
Sembra però che sia stato il suo management a convincerla a cantare il brano dei Depeche e a inserire nella scaletta del nuovo album un altro classico electro pop anni 80 come "Mad World" dei Tears For Fears.
Qui potete ascoltare l’anteprima della cover di Enjoy The Silence, in esclusiva per RollingStones.

Anche un Tributo a Jerry Lee Lewis alla Notte Bianca di Sanremo

Sabato 1 Ottobre a Sanremo ritorna l'appuntamento con la Notte Bianca, che quest'anno celebra il sessantesimoanniversario dalla nascita del Festival della Moda Maschile.
L'evento organizzata dal Comune di Sanremo con la direzione artistica di Pepimorgia e Stefano Senardi propone un ricco programma di concerti, set fotografici sfilate e dj set oltre che una sfilata di modelle sulla scalinata del Casino.
Tra gli appuntamenti musicali della serata spicca il tributo alla musica di Jerry Lee Lewis in programma in Piazza San Siro a partire dalle 21 e 30.
Sul palco salirà Matthew Lee, cantante e funambolico pianista rock’n’roll che propone uno show del tutto particolare ed unico in Italia ed è stato spesso ospite di trasmissioni televisive nazionali.  Nel 2005 Lee ha cominciato a suonare in importanti e famosi club italiani quali il The Place di Roma, Le Scimmie di Milano, Il Barfly di Ancona, il Naima di Forlì, First Floor Rock di Pescara. Ha partecipato inoltre ad importanti …

Mojo: un cd con le cover di George Harrison

La rivista inglese Mojo prosegue nella iniziativa di allegare al giornale un Cd di cover version. Dopo i Pink Floyd, questo mese è il turno di George Harrison al quale il magazine dedica anche una bella copertina. In occasione del 10 anniversario della scomparsa del chitarrista, Mojo rende omaggio a Harrison con un CD contenente 15 canzoni scritte dal "quiet Beatle" attingendo sia del repertorio solista che da quello storico dei Fab Four.
Accanto a nomi conosciuti come Ron Sexsmith, Ritchie Havens e gli Show of Hands molti anche i nomi nuovi della scena britannica come i Lanterns On the Lake e Emmy the Great.
Molti dei brani presenti nella compilation sono inediti o comunque di non facile reperibilità.

Questa la tracklist

1 Show Of Hands – If I Needed Someone
2 Webb Sisters – I Need You
3 Ron Sexsmith – Give Me Love
4 Richie Havens – Here Comes the Sun
5 Alessi’s Ark – The Ballad of Sir Frankie Crisp
6 Lanterns On the Lake – Long Long Long
7 Jonathan Wilson feat. Graham Nas…

Coldplay: la cover di Everybody Hurts dei REM

"Una delle nostre band preferite di sempre che per qualche folle motiovo ha deciso di smettere". Con queste parole Chis Martin ha commentato, nel corso del concerto tenuto ad Atlanta lo scorso 24 settembre, lo scioglimento dei REM. Dopodiche la band ha interpretato una bella versione di "Everybody Hurts" che Martin ha annunciato dicendo "Con enorme rispetto, questa cover vuol dimostrare quanto abbiano significato per noi“.
La versione originale del brano era contenuto nell'album  "Automatic For The People" pubblicato dalla band americana nel 1992. Negli anni la canzone è stata ripresa da molti artisti, da Paul Anka ai The Corrs, da Patti Smith a Joe Cocker. Fra le cover ufficiali, la più recente è quella realizzata nel 2010 per raccogliere fondi a favore della popolazione di Haiti colpita dal terremoto.
I Coldplay non hanno mai fatto mistero di essere grandi fan dei R.E.M. e li hanno spesso citati  tra le loro maggiori infuenze musicali.


Mario Biondi rende omaggio a Amy Winehouse

C'è anche un omaggio alla compianta Amy Winehouse nel nuovo EP di Mario Biondi. Il cantante catanese ritorna infatti con un mini album di 4 canzoni intitolato "Gambeling Man" che contiene anche una toccante versione di "Love is a losing game" brano che faceva parte dell'album "Back To Black" pubblicato nel 2007 dalla sfortunata cantante inglese. La cover è stata registrata dal vivo durante l’ultimo tour nel quale Biondi è stato accompagnato per alcune date da una “Big Orchestra” di quaranta elementi diretta dal maestro Giacomo Loprieno. Il brano fa parte da tempo delle scalette dei concerti del cantante catanese; da tempo su Youtube circola per esempio la versione proposta nel corso del concerto di Umbria Jazz nel 1998.
Oltre all'omaggio a Amy Winehouse, l'EP contiene anche un'altra interessante cover. Si tratta di "What's Happening Brother" di Marvin Gaye, brano contenuto nel capolavoro What's Going On del 1971. An…

Le cover dei Pink Floyd al Late Night Show di Jimmy Fallon

Uno degli show più popolari della televisione americana ha scelto di rendere omaggio alla band dei Pink Floyd attraverso delle cover che si preannunciamo molto interessanti. Dal prossimo martedì 27 settembre al Latre Night with Jimmy Fallon saranno ospiti una serie di artisti che interpreteranno alcune delle canzoni più amate dei Pink Floyd. I Foo Fighters si metteranno alla prova martedì con "In the Flesh" tratta dall'album The Wall, venerdì i Pearl Jam realizzeranno una cover di "Mother", i MGMT di "Lucifer Sam" (uno dei brani dell'album di debutto della band inglese) durante la messa in onda di mercoledì, l'indimenticabile "Wish You Were Here" sarà invece eseguito giovedì da Dierks Bentley, gli Shins avranno invece il difficile compito di interpretare "Breathe", brano tratto da The Dark Side of the Moon nella serata di lunedì.
Lo show di Jimmy Fallon viene trasmesso dal lunedì al venerdi sera dalla NBC americana.
Durante…

Un nuovo album di cover per Todd Rundgren

Dopo l'album dedicato interamente alla musica di Robert Johnson pubblicato qualche mese fa, Todd Rundgren torna con un nuovo album di cover. Si intitola "[Re]Production" ed è stato pubblicato lo scorso 13 settembre dalla Gigatone records. Nel disco il geniale produttore americano ha messo mano a 15 canzoni  sulle quali nel corso della lunga carriera aveva già lavorato nelle vesti di produttore. Le cover sono tutte riarrangiate in chiave elettronica con un abbondante uso di sintetizzatori e ancora una volta Rundgren ha suonato personalmente ogni singola nota presente nel disco. Si passa dal classico di Patti Smith "Dancing Barefoot" che faceva parte del capolavoro Wave, alla splendida "Dear God" degli XTC che però il produttore all'epoca escluse dall'album Skylarking, passando per una versione di" is It A Star" di Daryl Hall and John Oats, abbastanza fedele all'originale del 1974
Nessuna delle cover supera l'originale, ma res…

Le cover nel box set di Nevermind dei Nirvana

Il 24 settembre del 1991 i Nirvana pubblicavano Nevermind, il loro secondo album, destinato a seganre profondamente la storia della musica rock. Per festeggiare il ventesimo anniversario dell'uscita del disco verrà pubblicato un colossale box contenente ben 4 CD e un DVD.
Mentre la versione originale di Nevermind non conteneva nessuna cover, questo speciale cofanetto celebrativo ne contiene diverse. Non si tratta però di cover inedite ma di brani che era già stati pubblicati in passato anche se in versioni differenti.
Si tratta di "Here She Comes Now" dei Velvet Underground (che era già presente nel box With The Lights on) "Jesus Wants Me for a Sunbeam" dei Vaseliones che faceva parte del live MTV Unplugged e "Love Buzz" degli Shocking Blue già presente nell'albun d'esordio Bleach.
La cover del brano dei Velvet fa parte delle Smart Studio Sessions registrate alla BBC mentre le altre due cover sono state registrate dal vivo il 31 ottobre del 1…

Brian Wilson: il nuovo album è un omaggio ai film Disney

Sarà pubblicato il prossimo 25 ottobre "In the Key of Disney", il nuovo album di Brian Wilson. Come suggerisce  il titolo della raccolta, il geniale ex leader dei Beach Boys ha realizzato un personale e originalissimo tributo ai film della Disney. Wilson ha infatti scelto 11 brani tratti da alcune del più celebri colonne sonore della Disney e le riarrangiate e ricantate per l'occasione.
Da classici del passato come Biancaneve e i Sette Nani fino al recente Toy Story 3 dello scorso anno passando per Mary Poppins e Il Re Leome, il 69enne musicista californiano ha scelto per il suo nuovo album un repertorio inaspettato che però, come lui stesso ha raccontato, ha avuto una grande influenza sulla musica dei Beach Boys. Come nel caso di "When You Wish Upon a Star" tratta dalla colonna sonora del film Pinocchio. "L'ho sentito mentre stavo guidando la mia auto, e ho iniziato a canticchiare una melodia nella mia testa", ha raccontato Wilson. "Una vo…

Una cover per Simona Molinari e Peter Cincotti

E' una cover il nuovo singolo di Simona Molinari, giovane aquilana che si era fatta notare nel Festival di Sanremo del 2009 grazie al brano "Egocentrica".
Si tratta di "In cerca si te", e forse più conosciuta per le parole con cui inizia la strofa "Solo me ne vo per la città…", che da venerdì 16 settembre è in rotazione radiofonica e disponibile su i-Tunes
Il brano vede la preziosa partecipazione di Peter Cincotti al piano e in un cameo vocale.
La versione originale della canzone risale al 1945 quando fu portata al successo da Nella Colombo diventando uno dei brani più celebri del decennio. Gli autori sono Eros Sciorilli e Gian Carlo Testoni e negli anni la canzone, vera metafora di un popolo appena uscito dalla guerra e di tutto quello che non ha più, è stata interpretata da decine di artisti, da Orietta Berti a Natalino Otto, da Ernesto Bonino a Don Backy.
"La versione iniziale di questo brano - ha raccontato Simona Molinari - era ispirata …

Molte cover nel concerto di Bocelli al Central Park

E' stato un successo annunciato quello di Andrea Bocelli che ieri sera si è esibto in concerto al Central Park di New York. E nella scaletta del concerto molte sono state le cover. Il tenore si è esibito davanti a oltre 70 mila persone e ha proposto un omaggio al Belpaese sulle note delle arie più celebri di Verdi e Puccini (che ovviamente non possiamo considerare delle cover) ma anche con incursione nell territorio della musica leggera e con duetti emozionanti.
Il concerto, che il New York Times aveva presentato come l'evento dell'anno, si è aperto con l’ouverture de “La forza del Destino” e poi si è entrati subito nel vivo: da “La donna è mobile” a “Nel Blu Dipinto di Blu (Volare)”, da “O sole mio” alla “Boheme”, per poi passare alla sezione dedicata alle musiche dei film, nella quale Bocelli ha ugualmente brillato cantando i pezzi di Ennio Morricone, Nino Rota e Riz Ortolani.
Il pubblico si è emozionato per l'omaggio a Liz Taylor sulle note di "The Prayer&quo…

Lou Reed e Jackson Browne nel tributo a Woody Guthrie

Il prossimo anno si celebra il centesimo anniversario della nascita di Woody Guthrie, il grande musicista americano nato il 14 luglio del 1912. Tra le iniziative per celebrare l'evento, si inserisce anche la pubblicazione di un nuovo tributo al cantautore dell' Oklahoma che prevede la partecipazione di molti nomi importanti della musica internazionale.
Il disco si intitolerà "Note For Hope" e sarà pubblicato il prossimo 27 settembre. Non si tratta però di un cover album visto che I brani presenti nella compilation sono per lo più pezzi mai pubblicati o di cui erano presenti solo i testi, scritti da Guthrie tra il 1942 e il 1954 e che sono stati arrangiati dal bassista Rob Wasserman e dai musicisti ospiti.
Nella lista dei partecipanti spiccano i nomi di Lou Reed, Jackson Browne, Tom Morello e Van Dyke Parks.
Secondo alcune indiscrezioni sarebbe in cantiere una seconda compilation sempre dedicata a Guthrie che potrebbe essere pubblicata nel gennaio del 2012 e potrebbe…

Anche Steven Tyler degli Aerosmith nel tributo ai ZZ Top

Steven Tyler, Jonny Lang, Mike Fleetwood, Wyclef Jean, sono alcuni dei nomi che faranno parte di un album tributo agli ZZ Top, storica formazione del southern rock americano.  Il disco arriverà nei negozi il prossimo 11 ottobre e si intitolerà "A tribute from friends". Gli ZZ Top, che non pubblicano un disco nuovo dal 2003 quando uscì "Mescalero", hanno venduto oltre 25 milioni di album nel solo territorio americano e nel 2004 sono stati inseriti ufficialmente nella Rock'n Roll Hall Of Fame.
Tra i partecipanti al tributo spicca la presenza dei M.O.B., un supergruppo creato ad hoc e che comprende Mike Fleetwood e John McVie (componenti dei Fleetwood Mac), Steven Tyler (cantante degli Aerosmith) e il 30enne cantante e chitarrista blues-rock Jonny Lang. Curiosa invece la presenza dell'ex Fugees Wyclef Jean e quella dei Filter. La band del chitarrista dei Nine Inch nails ha scelto di interpretare il classico del repertorio degli ZZ Top Gimme all your lovin…

L'ultima cover di Amy Winehouse

Il prossimo 14 settembre Amy Winehouse avrebbe compiuto 28 anni. E proprio quella data è stata scelta per la pubblicazione di "Body and Soul", classico del 1930, cantato in duetto da Tony Bennett e dalla stessa Amy.
Il 14 settembre il brano sarà on air nelle radio di tutto il mondo, ci sarà una premiere del video su MTV e nello stesso giorno il singolo sarà in vendita digitale su iTunes. I proventi andranno tutti in beneficenza a favore della Amy Winehouse Foundation, che si occuperà di aiutare giovani in difficoltà e bambini con problemi di salute o che vivono in ospizi.
Il brano, scritto dal compositore Johnny Green, è per Tony Bennett una delle più belle canzoni di sempre e gli ricorda la sua gioventù a New York, quando andava in vari locali jazz sulla 52esima strada (“Swing Street”) a vedere e sentire giganti come Erroll Garner, Stan Getz, Art Tatum, Lester Young e Billie Holiday. Ha pensato che questa canzone sarebbe stata perfetta per collaborare con Amy Winehouse,…

U2: arriva il Tribute Album di Achtung Baby

La rivista inglese Q ha in programma una iniziativa speciale per celebrare il 20esimo anniversario di Achtung Baby, il capolavoro degli U2 che la band irlandese pubblicò nel novembre del 1991. Si tratta di un tribute album che sarà allegato al magazine e che vedrà la partecipazione di molti nomi illustri del rock, dai Depeche Mode a Patti Smith, da Jack White a Damien Rice. L'iniziativa è stata annunciata dallo stesso Bono Vox nel corso della conferenza stampa di presentazione del documentario degli U2, From the Sky Down al Toronto Film Festival.
Secondo quanto svelato da Bono, Jack White ha messo mano a Love is Blindness, i Depeche Mode a So Cruel, Damien Rice a One mentre Patti Smith avrebbe reinterpretato in maniera molto convincente Until the end of the World. Ma si vocifera che anche i Coldplay e i Glasvegas potrebbero far parte del interessante tributo che potrebbe essere allegato al numero di novembre della rivista inglese.
La band irlandese avrebbe ascoltato in antepr…

Soul UK: solo cover nel nuovo album di Beverley Knight

Da noi in Italia Beverley Knight non è molto conosciuta presso il grande pubblico; in Inghilterra invece è una grande star, al punto da essere stata nel 2007 insignita dalla Regina Elisabetta del titolo di MBE Membro dell'Ordine dell' Impero Britannico.
Normale quindi che il settimo album della cantante arrivi in italia con un po' di mesi di ritardo rispetto al mercato inglese. Il disco si intitola Soul UK e in Italia verrà pubblicato dalla Edel il prossimo 12 Ottobre mentre nel mercato britannico è stato pubblicato lo scorso 4 Luglio.
Il primo singolo estratto, la cover di  "Mama used to say" debutterà nelle radio italiane dal prossimo 16 settembre.
“Soul UK è il mio personale tributo agli artisti che mi hanno ispirata - ha raccontato Beverley - Alcuni hanno avuto un grandissimo successo, altri sono stati meteore, altri ancora non hanno avuto l’attenzione ed il rispetto che si meritavano. A tutti questi artisti, canzoni, autori e compositori che hanno in qualch…

Katie Melua: in arrivo un album di cover

La scaletta di "Secret Symphony", il nuovo album di Katie Melua non è stata ancora ufficializzata ma nelle interviste più recenti la cantante di origini georgiane ha svelato che si tratterà di un lavoro in gran parte composto da cover.
Sempre felice di sorprendere le aspettative della gente, Katie Melua ha lavorato con la Secret Symphony Orchestra per realizzare un album che la vede soprattutto come interprete di canzoni scritte da altri autori, anche se ci sono brani che lai stessa e Mike Batt hanno composto.
Nell'album che verrà pubblicato il prossimo 14 novembre troveranno spazio Gold in Them Hill, canzone scritta da Ron Sexsmith e cantata con Chris Martin e anche quella che Katie ha definito la sua canzone preferita, "Too Long At The Fair" di Bonnie Raitt.
Nella tracklist dovrebbe essere presente anche "Keeping The Dream Alive" brano portato al successo dalla band tedesca Münchener Freiheit nel 1988
"Secret Symphony" è stato registrato…

Charlotte Gainsbourg ricanta "Just Like a Woman" di Dylan

Charlotte Gainsbourg ha pubblicato una nuova versione di "Just Like a Woman" di Bob Dylan, canzone che la cantante e attrice francese aveva già inserito nel 2007 nella colonna sonora del film Io Non Sonbo Qui (I'm not There). In quel caso però il brano la cover era stata condivisa con la band dei Calexico mentre ora la cantante ha scelto di pubblicare una sua versione "solitaria" registrata dal vivo. Il brano è stato inserito nel suo nuovo nuovo EP intitolato Terrible Angels.
La versione originale di "Just Like a Woman" fu pubblicata da Bob Dylan nel 1966 ed era inserita nell'album Blonde On Blonde, forse il più leggendario tra i dischi incisi dal menestrello americano.
Figlia della attrice Jane Birkin e del cantautore francese Serge Gainsbourg, Charlotte continua dunque a dividersi con grandi disinvoltura tra il mondo del cinema e quello della canzone, facendosi in questo caso notare per una interpretazione vocale molto coinvolgente.

Charlotte Ga…

Con Mojo un cd di cover dei Pink Floyd

La rivista inglese Mojo si conferma come ottima fonte di cover interessanti per gli appassionati. Nel numero di ottobre è allegato infatti un cd tributo dedicato alla musica dei Pink Floyd al quale è stato dato il titolo di Return to the Dark Side of The Moon – Wish You Were Here Again. Si tratta infatti del meglio dei due celebri album della band inglese interpretati scelte dalla redazione di Mojo.
Oltre ad alcuni nomi nuovi della scena musicale britannica come i Wolf People e i Gallops, spiccano i nomi del cantautore canadese Doug Paisley, degli Orb e quello di John Foxx, impegnato in una interessante rilettura di "Have a Cigar" in chiave elettronica. Sembra che l'ex Ultravox abbia però realizzato una seconda versione della cover, con un intro più lunga rispetto a quella contenuta nel CD. Il brano è disponibile in download dal sito ufficiale di Mojo.
Come è facile immaginare la qualità del cd è molto discontinua e non tutte le cover sono degne di nota ma in definit…

Ryan Adams: una cover degli Iron Maiden

Il cantautore Ryan Adams, uno dei nomi più importanti della scena alt-country americana, non ha mai fatto mistero della sua passione per la musica metal. Ha però destato molta curiosità la sua decisione di rendere omaggio agli Iron Maiden con una cover acustica del brano "Wasted Years". Il brano è stato eseguito dal vivo lo scorso 30 agosto negli studi della BBC Radio 2. Adams era ospite dell'emittente radiofonica inglese per presentare il suo nuovo singolo "Lucky You"  e ha regalato ai suoi fan una toccante versione chitarra e voce del brano degli Iron Maiden.
La versione originale del brano, scritto dal chitarrista della band Adrian Smith, era stata pubblicata nel 1986 e faceva parte dell'album Somewhere in Time. Fu pubblicata anche come 45 giri arrivabdo a toccare la posizione numero 18 della classifica UK e diventando una delle canzoni più celebri degli Iron Maiden. La rivista Blender la inserì addirittura nella lista delle 50 migliori canzoni metal d…