Passa ai contenuti principali

Tenco 2012: la scaletta del tributo a Woody Guthrie

Anche il Club Tenco si apre alle nuove tecnologie.
L'intera serata tributo a Woody Guthrie andata in scena ieri sera sul palco del Teatro Ariston è già disponibile in podcast in formato mp3 nel sito ufficiale del Club Tenco.
Il prezzo dei download è stato fissato a 4,01 € sia per il primo che per il secondo tempo dello spettacolo.
"L'idea", spiegano i portavoce del Club che ha organizzato l'iniziativa in collaborazione con la Fonderia Mercury di Milano, "nasce da una parte per assicurare una maggiore diffusione agli eventi e dall'altra come forma di sostegno economico per il Club in un momento di gravi difficoltà finanziarie per la cultura in Italia".
La serata celebrativa per i cent'anni della nascita del leggendario artista americano si è aperta con la cover di Song For Woody di Bob Dylan. Da un verso del brano è stato tratto il suggestivo titolo della serata "Da Qualche Parte Lungo La Strada".
A celebrare Gutrhie sono stati Francesco De Gregori, suo fratello Luigi Grechi, l'Orc hestra Popolare Italiana di Ambrogio Sparagna, Giovanna Marini, Sarah Lee Guthrie (nipote dell'artista) e suo marito Johnny Irion, Davide Van De Sfroos, King of the Opera e The Klezmatics. Quest'ultimo, gruppo newyorchese, massimo interprete del sound "klezmer" che ha le sue radici nelle tradizioni ebraiche dell'Europa dell'Est.
La serata diventerà presto anche un film che, oltre alle esibizioni, conterrà anche altri materiali come gli interventi degli stessi artisti e di esperti che racconteranno il loro rapporto con l'artista americano e ne descriveranno l'attualità. Il tutto con un taglio cinematografico e non documentaristico.
L'opera - che si avvale della regia di Alessandro Dallolio e della fotografia di Marco Brindasso - sarà disponibile nelle prossime settimane.


King of the Opera

1. Song for Woody (musica e parole: Bob Dylan)
2. The floating song (musica e parole: Alberto Mariotti, ed. A buzz supreme)

Davide Van De Sfroos

1. This land is your land (musica e parole: Woody Guthrie)
2. Do re mi (musica e parole: Woody Guthrie)
3. Il camionista Ghost Rider (musica e parole: Davide Bernasconi)
4. The house of the rising sun (tradizionale)

Giovanna Marini

1. Those brown eyes
2. The great dust storm
3. What did the deep sea say

Orchestra Popolare Italiana di Ambrogio Sparagna
con Francesco De Gregori


1. Dante
2. L’onore (musica e parole: Ambrogio Sparagna, ed. Finisterre)
3. San Lorenzo (musica e parole: Francesco De Gregori)
4. Santa Lucia (musica e parole: Francesco De Gregori)
5. Vola vola (musica e parole: Francesco De Gregori)
6. Stellutis alpinis
7. Dormi piccola carina (musica e parole: Ambrogio Sparagna, ed. Finisterre)
8. Vorrei ballare (musica e parole: Ambrogio Sparagna, ed. Finisterre)

Sarah Lee Guthrie & Johnny Irion

1. California stars
2. Pastures of plenty
3. Hurricane windows
4. Bright examples

Klezmatics
1. Ale Brider
2. Gonna get through
3. This world
4. Holy ground
5. Mermaids avenue
6. Shnirele Perele
7. Lolly Lo



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

È morta Aretha Franklin: 5 cover per ricordare la regina del soul

È morta nella notte nella sua casa di Detroit Aretha Franklin.
La cantante aveva 76 anni ed era da tempo malata di tumore al pancreas. La Franklin, passata alla storia come “la regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento, una di quelle talmente famose da essere chiamate soltanto per nome.
Nel corso della sula leggendaria carriera Aretha ha interpretato un gran numero di cover, oltre 200 quelle catalogate dal sito SeconHandSongs, vera bibbia per gli appassionati di cover.  E molte delle sue interpretazioni hanno oscurato quelle che erano le versioni originali, a partire dalla leggendaria "Respect" di Otis Redding Noi oggi ricordiamo la grande regina del soul con cinge cover indimenticabili.
I say A Little Prayer (1968)


Respect (1967)




Jumpin' Jack Flash 1986




Eleanor Rigby - 1969




Bridge Over Troubled Water - 1971



Low: ascolta la cover di Let's stay together

I Low hanno hanno pubblicato su Spotify la cover di Let’s Stay Together di Al Green
La band americana originaria di di Duluth, paese natale di Bob Dylan, aveva già proposto il brano dal vivo, anche durante alcune apparizioni radiofoniche.

Ora il brano viene pubblicato ufficialmente e tutti i guadagni derivanti dagli streaming andranno all'associazione antirazzista National Association for the Advancement of Colored People, che lavora per ottenere uguaglianza di diritti per tutte le persone.

La versione originale del brano risale al 1971: la musica è di Al Jackson jr, (batterista dei Booker T) e Willie Mitchell (che è anche produttore della canzone). Il testo venne scritto in cinque minuti dallo stesso Al Green solo per compiacere i due amici, che parevano entusiasti della canzone, mentre lui non aveva alcuna intenzione di inciderla. Lo fece solo grazie all'insistenza di Mitchell che decise di pubblicarla  nel novembre del 1971 come primo singolo di quello che sarebbe diventa…

"Pino è", il concerto evento in memoria di Pino Daniele.

Ufficializzati i primi nomi per il concerto in ricordo di Pino Daniele, il grande cantautore napoletano somparso tre anni fa in segutio a un infarto che lo colpì nella casa di Orbetello in Toscana.
All'evento  prenderanno parte Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francesco De Gregori, Elisa, Emma, Giorgia, Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti e Giuliano Sangiorgi (Negramaro):
Il concerto - intitolato "Pino è" in omaggio al titolo di uno dei capolavori dell'artista si terrà il 7 giugno allo Stadio San Paolo di Napoli.
 La fondazione che gestisce l’eredità artistica del cantautore scomparso nel gennaio 2015 aveva annunciato all’inizio dell’anno la data e messo in vendita i biglietti.

Un omaggio ideato da  Ferdinando Salzano, manager dell’artista scomparso, il cui incasso sarà devoluto in beneficenza. L'elenco degli ospiti sarà aggiornato nelle prossime settimane.

The Jimi Hendrix Revolution il 22 marzo a Milano

Una straordinaria Tribute Night dedicata a Jimi Hendrix.
Il prossimo 23 marzo 2018 al Teatro della Luna di Milano è in programma The Jimi Hendrix Revolution - La religione elettrica.
Organizzato dall’agenzia di produzione e management We4Show – a new concept for the show, è un viaggio appassionante attraverso le parole, le note e i colori del chitarrista che ha rivoluzionato il mondo della sei corde e del rock. Uno spettacolo musicale coinvolgente, corredato da dipinti e da brevi racconti che inquadrano i pensieri e l'arte di questo straordinario personaggio. Una band trascinante, un pittore di fama, un celebre sceneggiatore e fumettista in veste di narratore. Il tutto musicalmente introdotto dai giovani studenti della Rock Guitar Academy di Donato Begotti. Uno spettacolo tutto dedicato al chitarrista di Seattle, non un semplice concerto, ma un’esperienza musicale in cui diverse forme d’arte si miscelano per raccontare l’indimenticabile genio di Jimi Hendrix.
Sul palco salirà u…