Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2012

Cocktail Martino: il miglior Tributo del 2012

Il Real Book è il libro di riferimento per i jazzisti di tutto il mondo, quello che contiene gli spartiti dei più importanti standard musicali, i classici che non possono mancare nel repertorio di un musicista jazz. E Bruno Martino è l'unico compositore italiano ad essere presente nel prestigioso "manuale del jazzista"grazie alla celebre "Estate" pubblicata per la prima volta nel 1960.
In questo 2012 è arrivato finalmente un tributo al grande musicista romano scomparso nel giugno del 2000. A realizzarlo è stato Nerio ‘Papik’ Poggi con il disco intitolato simpaticamente "Cocktail Martino".
Papik - che già in passato non aveva fatto mistero del suo amore per il repertorio di Martino -  ha coinvolto nel tributo  i musicisti che collaborano con lui nei suoi progetti, come il chitarrista Alfredo, Bochicchio, il trombettista Massimo Guerra, il bassista Pierpaolo Ranieri, il tastierista Fabrizio Foggia e il batterista Marco Rovinelli. Tra i cantati spic…

Dirty Diana: la migliore cover del 2012 secondo Cover Me

Il sito canadese Cover Me ha anche quest'anno stilato la propria personale classifica delle migliori cover dell'anno. Si tratta di scelte in qualche caso discutibili anche se senza dubbio autorevoli visto che arrivano da uno dei principali punti di riferimento in rete per gli appassionati di cover.
La speciale classifica del 2012 - formata in totale da 40 posizioni - vede alla numero uno un brano molto noto anche al pubblico italiano come "Dirty Diana" di Michael Jackson, pubblicata in origine nel 1987 per l'album Bad. A riprendere il brano è stato The Weekend, cantante canadese di origine marocchina, che ha inserito la cover come brano d'apertura del suo mixtape intitolato Echoes Of Silence, che però - a voler essere pignoli - è stato distribuito dalle pagine del sito cantante nel dicembre del 2011.
Lo stile di Abel Tesfaye (vero nome di The Weekend) ha favorevolmente impressionato la critica: curiosamente c'è chi come John Norris di Mtv lo ha definito …

Donald Fagen: un omaggio ad Isaac Hayes nel nuovo album

Sunken Condos è il nuovo album di Donald Fagen, il quarto da solista per l'ex Steely Dan. Il disco. passato purtroppo un po' inosservato in Italia, contiene otto nuove canzoni e una interessante cover.
Si tratta di "Out Of The Ghetto" di Isaac Hayes, brano del 1977 che il grande musicista americano pubblicò nell'album "New Horizon" oltre che come 45 giri.
Certamente non uno dei brani più famosi del suo repertorio, visto che sia l'album che il singolo non lasciarono tracce nelle classifiche. Certamente il nome di Isaac Hayes - per chi si occupa di cover - ricorre più spesso per le sue cover (come quelle indimenticabili di "The Look Of Love" e di  "By the Time I Get to Phoenix")  più che per i suoi originali visto che non è stato un autore molto ripreso.
La versione di Fagen  di "Out Of The Ghetto" è però molto bella, più smooth dell'originale pur mantenendo un'anima funky.
Ad accompagnare l'ex Steely Dan ci s…

The xx: la cover di Last Christmas

"Last Christmas" può a buon diritto essere considerata un "classico" del Natale. La versione originale fu pubblicata dagli Wham! nel dicembre del 1984 grazie ad una felice intuizione della casa discografica. In realtà - infatti -  George Michael aveva scritto il brano pensando alla Pasqua e il titolo provvisorio era "Last Easter". In effetti il testo del brano (escluso il ritornello) non ha molto di "natalizio" e parla della fine di una storia d'amore. Nonostante una copertina veramente orribile, il singolo vendette oltre un milione di copie in tutto il mondo anche se non riuscì ad arrivare alla numero delle classifiche per "colpa" del successo di "Do They Know It's Chirstmas" dei Band Aid.
Lunghissima la lista delle cover "ufficiali" del brano, alla quale ora si aggiunge anche una curiosa versione realizzata dagli The xxin occasione del BBC Radio 1 Live Lounge.
Nel corso della puntata dello scorso 17 dicemb…

Parisse: la cover di Don't Stop dello spot ENI

E' la cantautrice Parisse a cantare la cover di “Don’t Stop” dei Fleetwood Mac, per il nuovo spot di Eni Gas e Luce, già in rotazione televisiva in Italia, Francia e Belgio. La produzione artistica e la realizzazione di “Don’t stop” è del DDG PROJECT.
Della giovane e promettente cantante italo canadese avevamo già parlato in occasione dell'uscita del suo album di debutto  uscito nel 2011.  Il disco intitolato “Vagabond”, pubblicato da LAB e distribuito da Sony Music, conteneva quattro singoli di successo “Feel Like Runnin’”, “That’s The Way It Goes”, “My Baby’s Gone” e “Vagabond”, entrati nelle classifiche dei brani più trasmessi dalle radio e una interessante cover di "I feel the earth move".
La sua cover di “Upside Down” di Diana Ross, fu invece inserita in “New Classics 6” (Emi Music),  compilation di Radio Monte Carlo di grande successo.
Ora arriva questa cover del classico dei Fleetwood Mac del 1976 che in origine faceva parte dell'album Rumots e che da t…

Il Natale di Christina Perri

Mini album natalizio per Christina Perri, giovane star della musica americana che nonostante le sue origini italiane, nel nosto paese non è ancora riuscita a raggiungere il grande pubblico.
La 26enne cantante di Philadelphia ha da poco pubblicato "A Very Merry Perri Christmas" disco che contiene 6 tracce (che diventano 7 nella versione deluxe).
Oltre alla inedita "Something About December" che apre il disco, nel lavoro compaiono alcune cover interessanti ovviamente in tema con il Natale. Da segnalare soprattutto l'ennesima versione di "Happy XMas (War is over)" di John Lennon. La versione originale fu pubblicata come singolo da John e Yoko nel dicembre del 1971 e da allora è diventato un vero e proprio standard natalizio. Il brano fu pubblicato a nome Plastic Ono Band e porta la firma di John Lennon e Yoko Ono anche se la melodia si basa in realtà su di uno standard folk intitolato Stewball.
Anche "Merry Christmas Darling" è per gli americ…

Tributo smooth jazz agli Isley Brothers

Tributo smooth jazz alla musica degli Isley Brothers. Il disco è stato pubblicato dalla fantomatica band
Smooth Jazz All Stars che in passato ha già realizzato molti dischi simili dedicati ai Beatles, a Amy Winehouse, Mariah Carey e a molti altri.
Gli Isley Brothers sono una delle band più longeve della storia della musica soul visto che la loro carriera iniziò nel lontano 1954 e nonostante molti alti e bassi sono ancora tutt'oggi in circolazione. Ma soprattutto la loro carriera nasconde molti aneddoti interessanti per gli appassionati di cover. Per esempio la storia della celebre "Twist and Shout" canzone che tutti conoscono nella versione dei Beatles ma che i Fab 4 presero dal repertorio degli Isley Brothers. In realtà però non tutti sanno che la loro non era la versione originale. Scritta da un giovane Bert Burns, il brano fu interpretato dalla band dei Top Notes, con la produzione di Phil Spector. Burns però non era soddisfatto del risultato e chiese agli Isley Brot…

Laura Pausini: le canzoni del Medley New Year's Eve

A Laura Pausini piace cantare le cover. Lo ha dimostrato anche con l'album "Io Canto" pubblicato nel 2006, nel quale si cimentava nel repertorio dei classici della canzone italiana. Sicuramente però più sorprendente la scelta di interpretare 21 classici della dance music dagli anni 70 ad oggi per uno speciale medley della durata di oltre 20 minuti che da oggi è stato distribuito alle radio. Il brano intitolato Medley New Year's Eve è contenuto in "Inedito Special Edition CD+DVD", il nuovo progetto live di Laura Pausini pubblicato nel mondo Martedì 27 Novembre su etichetta Atlantic (Warner Music).
Dai Tramps alle Sister Sledge, da Patrick Hernandez agli Chic il brano è soprattutto un tributo  live alla disco music, anche se non mancano omaggi alla  musica italiana della Carrà e di Loredana Bertè.
Questa la lista completa delle canzoni del medley che è stato registrato dal vivo nel corso del concerto di Capodanno 2012 al Palalottomatica di Roma.

Disco Infer…

A Genova Tributo a Tom Waits

Lo scorso 7 dicembre Tom Waits ha compiuto 63 anni. Questa sera, con qualche giorno di ritardo, va in scena al Teatro La Claque di Genova una singolare festa di compleanno dedicata al grande cantautore americano intitolata "Happy Birthday Mr. Waits".
Protagonista sarà il cantautore genovese Federico Sirianni che per celebrare il compleanno del suo padre putativo, ha messo insieme il meglio della Genova musicale e non solo. Una quindicina di artisti provenienti dai più svariati generi che s’incontrano alla Claque per raccontare Tom Waits attraverso aneddoti, storie e, ovviamente, canzoni.
Ci sono i Premi Tenco Max Manfredi e Zibba, c’è Bobby Soul, che ha fatto un pezzo di storia musicale genovese con i Blindosbarra, c’è lo scrittore Bruno Morchio, c’è la giovane e apprezzata cantautrice Roberta Barabino e le nuove voci della canzone d’autore genovese al femminile, Jess e Valentina Amandolese, ci sono il violoncellista degli GnuQuartet Stefano Cabrera e la cantante Flavia Barb…

Avril Lavigne: la cover di "How You Remind Me"

La chiacchierata relazione sentimentale tra Avril Lavigne e il cantante dei Nickelback Chad Kroeger ha dato primi risultati "artistici". La cantante canadese ha infatti inciso una cover di "How You Remind Me", senza dubbio la più celebre delle canzoni dei Nickelback, brano con il quale la band conquistò nel 2001 la prima posizione nelle classifiche USA vendendo oltre mezzo milione di copie. Secondo la Nielsen inoltre è stato il brano più trasmesso dalle radio americane nel primo decennio del nuovo millennio con oltre 1,2 milioni di passaggi.
Kroeger ha raccontato in passato di aver scritto il brano pensando alla complicata relazione con la sua ex fidanzata Jodi.
La cover della Lavigne è in versione sadcore, rallentata rispetto all'originale e con il pianoforte al posto delle chitarre.
Il brano farà parte della colonna sonora del film manga “One Piece Film Z” in uscita in Giappone il prossimo 15 dicembre, nella quale sarà inclusa anche la cover di “Bad Reputati…

Viktor Lazlo: album tributo a Billie Holiday

Il nuovo album di Viktor Lazlo, cantante francese poco nota in Italia ma molto apprezata in patria, è un omaggio ad una delle più grandi voci della storia della musica, la cantante americana Billie Holiday,  morta a soli 44 anni nel 1959. Il disco si intitola "My name is Billie Holiday" e contiene 15 cover prese dal repertorio della grandissima "Lady Day", anche se in molti casi si tratta di standard della storia della musica. Come nel caso della canzone di apertura, la classica "Summertime" di George Gershwin composta nel lontabno 1935 per l'opera "Porgy and Bess". Billie Holiday fu però tra le prime a cantare il brano nel 1936.
Di qualche anno più tardi è invece "Srange Fruit" forse il più celebre dei brani incisi dalla cantante americana.
La canzone è del 1939 ed è stata scritta da Abel Meeropol, è una forte denuncia contro i linciaggi dei neri nel sud degli Stati Uniti e una delle prime espressioni del movimento per i diritti…

Bruno Mars: omaggi a Jimi Hendrix e alla Disney

E' stata la cover di "Fire" di Jimi Hendrix il piatto forete dell'esibizione di Bruno Mars al  BBC Radio One Live Lounge, che ha visto il cantante hawaiano ospite lo scorso 6 dicembre.
Per Mars si è trattato della seconda presenza nello show dopo quella del gennaio dello scorso anno.
Oltre al nuovo singolo "Lock out of heaven" il 27enne cantante americano ha proposto una sua versione del classico di Natale "Silent Night" da noi nota con il tritolo di "Astro del Ciel".
La versione originale di "Fire" faceva parte dell'album di Hendrix del 1967 intitolato "Are You Experienced?"
 e fu pubblicata anche come 45 giri. Molte negli anni le versioni interessanti, fra le quali quelle dei Red Hot Chili Peppers e di Alice Cooper.
Mars ha poi proposto un suo personale omaggio ai film della Disney con la cover di "Part of Your World" dalla colonna sonora del fim "La Sirenetta" che il cantante ha scherzosam…

La tracklist del disco di debutto di Chiara vincitrice di X Factor 6

Si intitola "Due Respiri" il disco di debutto di Chiara Galiazzo, vincitrice (annunciata) di X Factor 6.
Si tratta di un EP contenente 5 canzoni in uscita nei negozi e negli store digitali dal prossimo 11 dicembre. Oltre all' inedito scritto per lei da Eros Ramazzotti e da Luca Chiaravalli e Saverio Grandi, il disco contiene quattro delle cover che la 26enne cantante ha proposto nel corso del talent.

"Over the rainbow" è il celebre brano che Judy Garland cantava nella colonna sonora del film "Il Mago di Oz" del 1939, e porta la firma di Harold Arlen. Chiara ha conquistato tutti cantandola nel corso della seconda puntata dello show, sfoderando una prestazione vocale veramente impeccabile. La popolarità del brano è dovuta anche alle tantissime cover che negli anni sono state proposte dagli artisti più disparati. Il sito Second Hand Songs, vera enciclopedia delle cover, ha catalogato ben 273 versioni ufficiali del brano e ha "eletto" la canzo…

Rosario Bonaccorso rende omaggio a Nat King Cole

E’ dal 2009 che Rosario Bonaccorso torna ogni anno ad Imperia per festeggiare il suo compleanno in musica. Un regalo per il pubblico affezionato che lo segue tutti gli anni e un regalo per questo artista che a Imperia ha la sua casa e la sua famiglia.
Quest' anno il concerto sarà un omaggio al grande cantante americano Nat King Cole e si terrà l’8 dicembre al Teatro Cavour di Imperia.
Ad accompagnare Bonaccorso ci sarà Adrienne West, cantante afroamericana dalla voce inconfondibilmente calda e avvolgente considerata dalla critica “...una voce del jazz internazionale straordinariamente calda ed accattivante ...” che interpreterà alcuni tra i più celebri brani dell’artista statunitense che ha firmato alcuni dei più celebri brani della tradizione americana: Route 66, Unforgettable, Paper Moon, Smile…
Oltre alle amate, indimenticabili melodie di Nat King Cole, il programma della performance prevede alcune composizioni di Rosario Bonaccorso estratte dagli ultimi CD; brani che hanno …

Cecilia Quadrenni: debutto con cover degli A-Ha e Lady Gaga

Si intitola “Molto Personale"  l’Ep d’esordio della giovane cantante toscana Cecilia Quadrenni 
Nel lavoro trovano spazio quattro cover di grandi successi, che spaziano tra periodi e generi musicali diversi, arrangiati in chiave acustica dalla stessa Cecilia e un inedito intitolato “It’s Just Rain”.
L’uscita dell’EP  è stata anticipata dal singolo “Take On Me”, cover del successo degli A-Ha ri arrangiata in chiave acustica. La versione originale del brano fu pubblicata dalla band norvegese nel 1985 raggiungendo la vetta delle classifiche in tutto il mondo e contribuendo al successo del loro album di debutto.
«Con pochissimi strumenti – racconta la cantante in merito alla sua cover di “Take On Me” – emerge l'anima di un brano, la sua vera natura. Questo pezzo ha per me una forte componente intima e romantica che ho cercato di interpretare rispettando fedelmente la melodia … Come gli occhi che, senza trucco, lasciano trapelare le emozioni più nascoste... »  Tra le cover presen…

Un tributo acustico agli U2 a Taggia (IM)

Venerdì 7 dicembre tributo agli U2 all'Osteria Germinal di Taggia con l'esibizione della band piemontese U-Turn, protagonisti di un concerto in versione acustica.
Gli U-TURN nascono nell'inverno del 2003 dalle ceneri della rock-cover band "Black Out", nella quale militavano Mabu (chitarra) e Giambu (batteria). fino a raggiungere la formazione attuale con
Sali (voce) e Viden (basso), ultima new entry del gruppo.
La passione per la band irlandese e la grande voglia di cercare sempre margini di miglioramento li ha portati, in breve tempo, ad accr
escere la loro fama.
Ogni loro concerto è una festa. La loro volontà di ricreare le atmosfere e le set-list dei concerti degli U2 è forte, pur mantenendo un pizzico di personalità che li rende unici. Così come li rende originali il fatto di proporre dal vivo anche pezzi che raramente sono stati eseguiti live dagli U2.
Gli U-TURN ricorrono frequentemente a guest ed effetti scenici vari e, ove consentito, a videocamere e m…

La tracklist di Passione il nuovo album di Andrea Bocelli

Molte cover nel nuovo album di Andrea Bocelli, senza alcun dubbio il cantante italiano più amato nel mondo. Il nuovo album uscirà il prossimo 29 gennaio e si intitolerà "Passione". Il disco sarà prodotto da David Foster, produttore che in carriera ha già vinto ben 16 Grammy Awards e che aveva già lavorato con Bocelli per il fortunatissimo album del 2006 "Amore", che vendette oltre 4 milioni di copie nel solo territorio americano.
L’album è descritto come “un nuovo progetto che vuol essere un omaggio straordinario al sentimento” e vedrà Bocelli cantare in ben sei lingue differenti: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese
e napoletano.
Due collaborazioni di grande prestigio nel disco: quella con Jennifer Lopez e quella con Nelly Furtatdo.
J-Lo duetterà con Bocelli sulle note di "Quizás, Quizás, Quizás" versione in spagnolo di "Perhaps, Perhaps, Perhaps". Nelly Furtato canterà con il tenore italiano la cover di "Corcovado" di…

Greg Lake: nel tour italiano omaggi ai Beatles e a Elvis

Grande successo per il nuovo tuor italiano di Greg Lake, leggendario musicista inglese protagonista della scena rock progressive degli anni 70 con i King Crimson e gli Emerson Lake and Palmer.
Il chitarrista mancava dall'Italia del 1997 e torna sulle scene con un tour dal significativo titolo di Songs Of A Lifetime.
In scaletetta sono ovviamente presenti i grandi classici del glorioso periodo con i King Crimson del primo, epocale album e i brani più cebri incisi con il supergruppo deggli ELP,  il trio delle meraviglie insieme a Keith Emerson alle tastiere e Carl Palmer alla batteria. A sorpresa sono invece presenti anche omaggi musicali a Elvis Presley e ai Beatles.
Nel corso dello show Lake racconta di aver assistito ad un concerto del Re del Rock, prima di intonarte le note della celebre "Heartbreak Hotel" che Presley portò al successo nel 1956.
L'omaggio ai Fab Four arriva con la cover di "You've got ho hide your love away", hit dei Beatles del 19…

Robert Plant live in Rio de Janeiro 2012

Circola da qualche giorno in rete la registrazione (di ottima qualità) di una delle date del tour sudamericano di Robert Plant, quella dello scorso 18 ottobre presso la HSBC Arena di Rio de Janeiro.
Molte le cover proposte dal leggendario cantante dei Led Zeppelin nel corso dello show durante il quale è stato accompagnato dai Sensational Space Shifters, della quale fanno parte John Baggott dei Massive Attack e Liam "Skin" Tyson dei Cast. Ad aprire il concerto una bella versione di "Fixin' to Die", scritta da Bukka White nel 1940. Plant aveva già proposto in passato il brano sia nei concerti degli Zeppelin che all'interno del suo album del 2002 Dreamland (in versione personalizzata). "Fourty Four" è un classico scritto da Howlin' Wolf nel 1954 ba basato su un blues tradizionale dei primi anni del 1929. "Spoonful" fu invece resa celebre da Howlin' Wolf nel 1960 ma porta la firma di Willie Dixon. "I'm Your Witchdoctor"…