Passa ai contenuti principali

Il nuovo album di George Benson è un omaggio a Nat King Cole

George Benson ha da poco compiuto 70 anni e nel corso della sua leggendaria carriera iniziata nel lontano 1964 ha pubblicato più di 50 album in studio vincendo ben 10 Grammy Award.
Il suo nuovo album si intitola Inspiration ed è un omaggio a Nat King Cole, celebre cantante e musicista americano scomparso nel 1965 e che Benson ha sempre indicato come una delle sue principali fonti di ispirazione artistica.
Le 13 tracce del disco, che diventano 15 nella versione deluxe, sono state scelte tra alcune delle canzoni più conosciute del repertorio del cantante americano, da "When I Fall in Love" a "Route 66".  In particolare "Unforgettable" che è probabilmente la più celebre tra le canzoni cantate da Nat King Cole, è stata scelta come primo singolo per promuovere l'album. La versione originale risale al 1951 ma 40 anni dopo Natalie Cole riportò il brano in vetta alle classifiche grazie ad una curiosa cover nella quale duettava virtualmente con il padre. La cover di George Benson è invece impreziosita dalla presenza alla tromba di Winton Marsalis.
Ad aprire l'album una curiosa versione di "Mona Lisa" che Benson incise all'età di 8 anni a dimostrazione di quanto il cantante americano sia stato fondamentale nella formazione musicale del grande chitarrista.
Nel disco Benson si fa accompagnare dai 42 elementi della Henry Mancini Institute Orchestra con gli arrangiamenti originali di Nelson Riddle a cui si uniscono ospiti di grande livello.





Tracklist

01 – Mona Lisa – Lil’ Georgie Benson
02 – Just One Of Those Things
03 – Unforgettable Feat Wynton Marsalis
04 – Walkin’ My Baby Back Home
05 – When I Fall In Love And Idina Menzel
06 – Route 66
07 – Nature Boy
08 – Ballerina
09 – Smile Feat Till Bronner
10 – Straighten Up And Fly Right
11 – Too Young Feat Judith Hill
12 – I’m Gonna Sit Right Down And Write Myself A Letter
13 – Mona Lisa


Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

È morta Aretha Franklin: 5 cover per ricordare la regina del soul

È morta nella notte nella sua casa di Detroit Aretha Franklin.
La cantante aveva 76 anni ed era da tempo malata di tumore al pancreas. La Franklin, passata alla storia come “la regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento, una di quelle talmente famose da essere chiamate soltanto per nome.
Nel corso della sula leggendaria carriera Aretha ha interpretato un gran numero di cover, oltre 200 quelle catalogate dal sito SeconHandSongs, vera bibbia per gli appassionati di cover.  E molte delle sue interpretazioni hanno oscurato quelle che erano le versioni originali, a partire dalla leggendaria "Respect" di Otis Redding Noi oggi ricordiamo la grande regina del soul con cinge cover indimenticabili.
I say A Little Prayer (1968)


Respect (1967)




Jumpin' Jack Flash 1986




Eleanor Rigby - 1969




Bridge Over Troubled Water - 1971



Mötley Crüe: la cover di Like a Virgin di Madonna

I Mötley Crüe hanno realizzato una cover di "Like a Virgin" di Madonna. Il brano farà parte della colonna sonora del loro biopic “The Dirt” che verrà pubblicato il prossimo 22 marzo. Nikki Sixx - chitarrista del gruppo americano - ha raccontato di aver avuto l'idea di registrare la cover della celebre hit di Madonna mentre stava camminando con i suoi cani: "Quando la mia mente è aperta in quel modo, mi vengono queste idee. Quando mi è saltata in testa, in un certo senso ho alzato lo sguardo, come per ridere con Dio, e ho pensato che sarebbe stato piuttosto divertente'".

La band di Los Angeles ha già inciso in passato un discreto numero di cover, ma questa è senza dubbio il tributo più "pop" della loro carriera, visto che gli altri omaggi erano a classici del rock come "Helter skelter", "Jailhause rock", "Lust for Life" e "Anarchy in the UK".Non così originale l'idea di rifare in chiave rock "Like a…

Jack Savoretti: la cover di "Human" dei The Killers

Jack Savoretti continua a regalarci cover interessanti. Il cantautore di origini italiane, ospite della trasmissione BBC Piano Rooms condotta da Ken Bruce, ha reso omaggio ai The Killers con la cover della celebre "Human".
Una versione acustica a dire il vero più "chitarristica" che "pianistica" ma che convince in pieno grazie soprattutto alla bella interpretazione vocale di Jack.
Savoretti - che ha da poco pubblicato il nuovo album "Singing to strangers" - sarà in tour in Italia per tre concerti: il primo appuntamento a Padova il 16 aprile al Gran Teatro Geox, a seguire il 17 aprile al Fabrique di Milano e il 18 aprile all'Atlantico di Roma. Il tour proseguirà per tutta Europa toccando Olanda, Germania, Svizzera, Polonia, Inghilterra e Irlanda e si concluderà con una data evento il 31 maggio 2019 alla Wembley Arena di Londra.



La versione originale di "Human" è stata pubblicata dai The Killers nel 2008, primo singolo estratto dal …

The Niro feat. Gary Lucas: The complete Jeff Buckley & Gary Lucas songbook

E’ stato annunciato sabato scorso a Parigi, il nuovo album di The Niro che, in collaborazione con Gary Lucas, propone un inedito e sorprendente Jeff Buckley, co-autore con Gary Lucas di un intero progetto discografico mai uscito.
Durante il suo concerto al Sunset, Gary Lucas ha dato questa notizia chiamando The Niro sul palco e duettando con lui su alcuni titoli di Jeff Buckley. The Niro è il nome del progetto musicale dell'artista italiano Davide Combusti, protagonista della scena indie-rock dal 2002. Al suo attivo ha 4 album di cui 3 in inglese. Lo ritroviamo in apertura dei concerti di Sondre Lerche, Tom Hingley di Inspiral Carpets, Deep Purple, Lou Barlow, Badly Drawn Boy e Amy Winehouse. Gary Lucas è considerato uno dei più influenti chitarristi americani di sempre. Può vantare un capitolo rilevante nella carriera di Jeff Buckley col quale ha composto le storiche Grace e Mojo Pin. Ed è Gary Lucas che, scoprendo The Niro durante un tour italiano, gli propone di dare voce …