Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2013

Josh Groban: nel nuovo album un omaggio a Stevie Wonder

Oltre al chiacchierato duetto con Laura Pausini, il nuovo album di Josh Grobancontiene anche la cover di un classico di Stevie Wonder. Si tratta di "I Believe (When I Fall in Love It Will Be Forever)" brano che il geniale musicista americano incise nel 1971 e che chiudeva l'album "Talking Book", uno dei dischi più belli di Wonder.
Nonostante non si tratti certamente di uno dei brani più celebri del repertorio del grande cantante, il brano vanta una lunga serie di versioni anche di ottimo livello: da George Michael a Peter Frampton, da Art Gartfunkel a Macy Gray sono stati molti i grandi nomi che hanno voluto realizzare una cover della canzone.
Il disco del cantante americano si intitola "All That Echoes" , è prodotto da Rob Cavallo ed è in uscita il prossimo 5 Febbraio per il mercato USA.
In scaletta anche la cover di un classico folk come "She Moved Through the Fair" e di "The Moon's a Harsh Mistress," scritta da Jimmy Webb …

Tributo jazz a Lucio Dalla con Vinicio Capossela e Max Gazzè

Il gotha della musica jazz italiana rende omaggio a Lucio Dalla, il geniale cantautore scomparso lo scorso anno all'età di 69 anni. Il prossimo 5 marzo (quasi in concomitanza con il compleanno dell'artista) la Sony Music pubblica il primo Album Tributo ufficiale dedicato a Lucio Dalla che conterrà 14 brani tratti dal suo repertorio migliore interpretati non solo da importanti nomi della scena jazz nostrana, ma anche da alcuni personaggi molto noto al grande pubblico. Come nel caso di Max Gazzè che insieme a batterista Roberto Gatto interpreta "Il Cielo" brano che Dalla incise nel lontano 1967. E' del 1971 la canzone "Itaca" dialogo metaforico di un marinaio di Ulisse al suo capitano, dove ai cori Dalla fece cantare gli impiegati della sua casa discografica e che nel disco è interpretata da Vinicio Capossela.
Gege Telesforo invece rende omaggio al suo amico con una rilettura funk del suo brano "Stronzo" brano in cui Lucio con vocalizzi, gorghe…

Tributo ai Doors al Victory di Sanremo

A Sanremo prosegue la programmazione musicale dedicata ai tributi del Victory Morgana Bay. Venerdì  1° Febbraio, sul palco del celebre locale della movida matuziana,  approda la band piemontese dei 'The Men at the Doors'. Il gruppo omaggia la musica e la storia dei Doors, band americana fondata da Jim Morrison, Ray Manzarek, Robby Krieger e John Densmore. Si potranno ascoltare brani ormai entrati nella storia del rock come 'Light me fire', 'The end', 'Hello', 'Riders on the storm' e tanti altri. Alla voce Swan, chitarra Enzo Ciulla, tastiera Fabrizio Roperti e batteria Marco Breglia.
Il gruppo è attivo dal 2003 ed è una formazione nata dai “superstiti” dei Marea, band del torinese dedita ad un classico rock italiano.
Inizialmente il gruppo segue l’idea di continuare la strada dei brani inediti sostituendo una delle due chitarre con l’inserimento di un tastierista.Ben presto però,nasce l’esigenza di emozionare e di emozionarsi ripropon…

Conor Maynard: la cover di "Don't You Worry Child"

Dopo il successo ottenuto nelle discoteche e nelle classifiche di mezzo mondo, "Don't you worry child" degli Swedish House Mafia comincia ad avere delle cover version interessanti.
Senza contare i molti tentativi amatoriali di imitazione, la prima versione ufficiale arriva da Conor Maynard, il giovane cantante di Brighton che a soli 20 anni è considerato una delle star più amate della musica inglese grazie ad un album di debutto arrivato alla numero uno della classifica UK e a quattro singoli tutti entrati nella Top 10,
La sua carriera però era iniziata grazie ad una serie di cover postate sul YouTube che nel 2009 ottennero grande popolarità: "Breathe" di Lee Carr, "Dynamite" di Taio Cruz e soprattutto "Beautiful Monster" di Ne-Yo che fu notata dallo stesso cantante americano che diede una svolta alla carriera.
In questi giorni Conor per non dimenticato le sue radici, ha pubblicato proprio attraverso il suo canale You Tube la cover del bra…

Ting-A-Ling: il nuovo singolo di Aaron Neville

E' la cover di  "Ting-a-ling" il nuovo singolo di Aaron Neville, da qualche giorno in programmazione anche nelle radio italiane che nei confronti del grande cantante americano non sono mai state - a dire il vero - prodighe di passaggi.
Si tratta di un brano scritto nel 1952 da Ahmet Ertegun e portato al successo dai The Clover che raggiunsero la numero uno delle classifica R'n B di Billboard con il singolo pubblicato dalla Atlantic.
Qualche anno più tardi il brano fu ripreso anche da Buddy Holly ma da allora è stato un po dimenticato dai grandi interpreti.
Il brano farà parte dell'album “My True Story” in uscita il prossimo 5 febbraio, il primo della sua carriera pubblicato dalla storica etichetta jazz Blue Note
“My True Story” veste di nuova luce le migliori canzoni del periodo doowop, i brani sono stati rielaborati dallo stesso Neville che ha scelto i pezzi per il legame con la sua infanzia. Per ridare vita a questi brani è stata arruolata una session stellar…

Gian Piero Alloisio: Il Mio Amico Giorgio Gaber

Ogni volta che ne ha parlato in pubblico, Giorgio Gaber lo ha definito “il mio amico Gian Piero Alloisio”. A dieci anni dalla scomparsa dell’inventore del teatro-canzone, Alloisio ricambia l’affettuoso omaggio con un tributo specialissimo, accompagnato per l’occasione dal chitarrista storico della Band Gaber: Gianni Martini intitolato "Il Mio Amico Giorgio Gaber"
Lo spettacolo andrà in scena giovedi 24 gennaio al Teatro Comunale di Ventimiglia e Venerdì 25 gennaio al Treatro Loanesi di Loano (Sv)
Particolarmente significativo l'appuntamento di Loano visto che cade in occasione dell'anniversario della nascita del grande artista milanese.
Gian Piero Alloisio ha lavorato per 16 anni con Giorgio Gaber come autore e ha avuto modo di conoscerlo a fondo e come artista e come persona: in questo spettacolo sincero e diretto, pieno di aneddoti e di inediti pensieri “gaberiani” sulla politica, sulla religione, sull’amore e sull’arte, Alloisio canta e racconta l’amico scomparso…

"Sanremo in jazz": il nuovo album di Danila Satragno

Uscirà a febbraio “Sanremo in Jazz ” , il nuovo album della cantante jazz e vocal coach Danila Satragno, fondatrice del metodo Vocal Care® per il perfezionamento e il wellness della voce. Come suggerisce il titolo, l’album contiene dieci brani che hanno fatto la storia del Festival di Sanremo, riadattati in chiave jazz. Alla realizzazione del disco hanno partecipato grandi musicisti come Franco Cerri, Dado Moroni, Rosario Bonaccorso, Nicola Angelucci e Max Ionata.
« Questo album è nato dal desiderio di tradurre la canzone italiana nel linguaggio jazzistico – spiega Danila Satragno - passando attraverso il microcosmo dei singoli artisti e della loro profonda esperienza. La voce diventa regina di questa splendida contaminazione, in cui ognuno dei musicisti può sentirsi regista ed artefice. Una cifra stilistica ben riconoscibile per melodie indimenticabili. Ho riunito i migliori jazzisti della scena nazionale per accompagnarmi in un viaggio nella musica italiana, che ho iniziato tempo…

Ziggy Marley: due omaggi al padre nel nuovo album live

Non è sempre facile fare il cantante se sei il figlio di un genio della musica. Soprattutto non è semplice rendere omaggio alla memoria di tuo padre senza attirati le critiche più feroci.
Lo sa bene Ziggy Marley, figlio primogenito del grande Bob, che negli anni è stato molto attento a
centellinare le cover prese dal repertorio dell'immenso genitore. Lo ha fatto nel 1991 con una suoa versione di "Rainbow Country" pubblicata in "sordina" come B side del singolo Kozmic, giusto per non dare troppo nell'occhio. E lo ha fatto in compagnia dei The Chiftains nel 2002 con la cover della celebre "Redemption Song".
Colpisce quindi la presenza di due grandi classici di Bob Marley nel nuovo album live di Ziggy Marley da qualche giorno disponibile anche in versione CD e pubblicato dalla storica etichetta Tuff Gong, fondata dal padre nel 1965.
"War" è in realtà un brano scritto da Allen Colee Carlton Barrett, tratta da un discorso fatto dall'impe…

One Direction: il nuovo singolo sarà una cover dei Blondie

I One Direction stanno per pubblicare la cover di "One Way or Another" brano dei Blondie del 1978. Il singolo sarà disponibile su pre-ordine dal 31 gennaio 2013. e il ricavato sarà devoluti in beneficenza a favore della organizzazione Comic Relief,
Durante il passato weekend scorso gli One Direction sono stati in Africa - per la precisione in Ghana dove l'organizzazione è da tempo attiva con importanti progetti umanitari - per registrare il video.
Il singolo della teen band uscirà a supporto del Red Nose Day 103 istituito proprio da Comic Relief per ricordare i propri progetti,
In occasione del Rad Nose Day ognuno può partecipare inventandosi qualcosa di divertente, proprio come può essere un naso rosso.Lo stesso Zayn ricorda “A scuola il Red Nose Day è stato un grande avvenimento. Io e i miei amici non vedevamo l’ora che arrivasse. Un anno siamo andati a scuola in pigiama, è stato davvero cool!”
Per le giovani fan della band sarà una occasione per scoprire la canzone sc…

Birdy: la cover di People Help The People

Nel 2007 la band inglese dei Cherry Ghost conquistò le classifiche di mezza europa con il singolo "People Help The People", dolce ballata contenuta nel loro album di debutto. Purtroppo per loro il successo fu di breve durata visto che l'album successivo non ebbe lo stesso riscontro che del gruppo si sono ora perse le tracce.
La loro canzone più famosa, che ottenne una buona popolarità anche in Italia, puà ora avere una seconda chance nelle classifiche del nostro paese grazie alla cover realizzata da una giovane cantante inglese. Si chiama Birdy, vero nome Jasmine van den Bogaerde, ed è nata a Lymington  nel 1996  Sua madre è una pianista professionista. Inizia a suonare il pianoforte all’età di 5 anni.
Birdy è il nomignolo datole dai suoi genitori quando, appena nata, le davano da mangiare. Jasmine spalancava la bocca così tanto da sembrare un uccellino.
La cover di "People Help The People" cantata da Birdy è da qualche giorno in airplay nelle radio italian…

Beathole: a Taggia serata tributo ai Beatles

Nove band, molte delle quali del ponente ligure, renderanno omaggio questa sera alla musica immortale dei Beatles. L'appuntamento è al Music Hole di Taggia (Im) a partire dalle ore 21. La serata - che è stata simpaticamente ribattezzata Beathole - è stata fortemente voluta da Massimo Caldarelli, storico musicista sanremese, conosciuto e apprezzato non solo per le sue esibizioni ma anche per le sue molteplici iniziative legate alla musica.
Sul palco non solo gruppi della provincia di Imperia ma anche due interessanti formazioni torinesi.
I gruppi che parteciperanno al tributo sono:
Ambaradan
Beat Holes
Black Velvet
Crosswalk
Hole Igans
Paola & Max
Radiobitols
Roxy P.
Under Cover
Waste Pipes
Previsto anche il dj set di Radiomandrake.
Il Music Hole si trova nella zona del parco commerciale di Taggia, nei pressi della stazione ferroviaria.



E' L'Uomo per Me: la prima cover italiana del 2013

La prima cover italiana del 2013 è una nuova versione di "E' L'uomo Per Me", brano portato al successo da Mina nel 1964.
La storia della canzone, è una di quelle che vale la pena di raccontare anche perché non molti sanno che la versione originale del brano non è quella della Tigre di Cremona. Mina riprese infatti un brano scritto da Diane Hilderbrand e inciso per la prima volta nel dicembre del 1963 dalla cantante country Jody Miller con il titolo di "He walks Like a man". Al testo della versione italiana lavorarono Vito Pallavicini e Gaspare Gabriele Abbate, parolieri di grande successo, che cambiarono completamento il senso della canzone e la adattarono perfettamente a Mina. Fu infatti una delle prime canzoni scelte per il rilancio della cantante, dopo lo scandalo causato dalla sua gravidanza in seguito alla relazione con Corrado Pani, all'epoca già sposato, ed il conseguente ostracismo da parte della RAI.
Il brano - pubblicato come singolo nel mag…

Una incredibile cover di Ace Of Spades

Una cover di "Ace Of Spades" non è una notizia così originale visto che il brano dei Motorhead è di gran lunga il più popolare della band e vanta almeno 40 versioni ufficiali (ossia pubblicate su disco e regolarmente reperibili) oltre che centinai di versioni distribuite on line.
In questo caso però ad eseguire il brano è stata una band decisamente fuori dal comune, i Compreassorhead un trio di robot musicisti, assemblati insieme per riuscire a suonare diversi strumenti. Nello specifico questa è la line up della band.
Stickboy”, dotato di quattro braccia e due gambe alla batteria, Si tratta del componente più “vecchio” dei Compressorhead, essendo stato realizzato nel 2007.
“Fingers” suona invece la chitarra usando le sue 78 dita, e si è unito a Stickboy a partire dal 2009.
“Bones”, il bassista, è infine il membro più “giovane” della band di robot, essendo entrato a far parte dei Compressorhead solamente nel 2012.
Per ora alla band manca ancora un cantante ma non è detto …

Gavin DeGraw: la cover di "I need a dollar"

"I need a dollar" è il brano che nel 2010 ha fatto diventare Aloe Blacc una star mondiale, grazie a 22 milioni di visualizzazioni su YouTube e ottimi risultati nelle classifiche inglesi, francesi, americane e australiane.
La canzone che fu definita dalla stampa "the anthem of the recession" era nata in modo curioso. "Devo ringraziare di aver perso il lavoro - raccontò lo stesso Blacc ai giornalisti -  avevo iniziato a scrivere il testo nel momento della recessione, ma non usciva nulla. Poi un giorno mi hanno licenziato dal mio mestiere di consulente per un'azienda e mi sono trovato ad avere per davvero bisogno di quel dollaro. Così ho deciso di scrivere in prima persona. È stata la mia fortuna".  Ora il brano, che secondo molti puo essere considerato il primo reale inno del 21° secolo, è stata ripreso da Gavin DeGraw, il cantante americano noto in Italia soprattutto per il singolo "Charitot".  La cover compare all'interno di "Sweet…

Alex Britti: omaggio a Jimi Hendrix

Una Tribute Band d'eccezione per celebrare la musica di Jimi Hendrix. Il prossimo 26 gennaio il Teatro Orion di Roma ospita la prima data del nuovo tour di Alex Britti nel quale il cantante e e chitarrista romano rende omaggio ad uno dei suoi miti musicali.
Sul palco Britti sarà accompagnato da due componenti dei Simple Minds:  Mel Gaynor Ged Grimes rispettivamente battrrista e bassistya della band scozzese.
Quella all'Orion è al momento l'unica data italiana prevista. Il concerto andrà in tour in Europa nell'autunno 2013. Mel Gaynor suonerà anche nel prossimo album del cantautore romano in uscita nella primavera 2013. L'idea del tributo intitolato Jimi Hendrix Experience è nata proprio durante la registrazioni del nuovo lavoro di Britti, visto che spesso durante le session si finiva con il suonare le canzoni del grande mancino di Seattle.

Jimi Hendrix Experience

Orion, viale J.F. Kennedy 52 - Ciampino - Roma
biglietto 20 euro +dp
Prevendite GreenTicket e TicketO…