Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2013

Una Ragazza in Due: la cover dei Kings of Convenience

E' comparsa da qualche giorno in rete una curiosa cover live per i Kings Of Convenience. Il duo norvegese, che non ha mai fatto mistero di amare il nostro paese e la nostra musica pop, ha scelto Siracusa per registrare una versione dal vivo di "Una ragazza in due", una canzone che i Giganti portarono al successo nel 1965. In realtà la versione del gruppo italiano non è quella originale ma, come spesso accadeva negli anni 60, l'adattamento in italiano di una hit inglese. La versione originale era stata pubblicata alcuni mesi prima dal cantautore inglese Mitch Murray con lo pseudonimo di Mr. Murray e il titolo di "Down Came the Rain" . ll testo della versione italiana, molto distante da quella originale, è di Leo Chiosso, ed è la storia della rivalità tra due amici per una ragazza. Il singolo dei Giganti scalò nel corso del 1966 la Hit Parade fino ad arrivare alla posizione numero 5 e diventando insieme a "Tema"  e "Proposta" uno dei b…

Jack White: una cover di Loretta Lynn per il Record Store Day

Per festeggiare il Record Store Day 2013 dello scorso 20 Aprile, Jack White ha registrato una cover di "Coal miner's daughter" della cantante country Loretta Lynn. Il geniale artista di Detroit ha pubblicato il brano sulla sua etichetta la Third Man Records e lo ha reso disponibile anche attraverso la sua pagina di Soundcoud. Per la registrazione della cover l'ex White Stripe ha utilizzato una speciale cabina di registrazione: un'originale Voice-O-Graph del 1947, restaurata e rimesso in funzione, che il musicista americano ha voluto all'interno degli studi di Nashville della sua casa discografica e che permette ai di registrare il loro pezzo su un disco 6 pollici.
Ed è proprio all'interno di questa cabina che White ha registrato una sua versione di "Coal miner's daughter", uno dei più celebri brani del repertorio country, portata al successo nel 1969 da Loretta Lynn, il cui disco del 2004 Van Lear Rose fu prodotto proprio dall’ex White St…

Ferry Ultra: la cover di "Why Did You Do It?"

Nel 1976 la band inglese degli Stretch raggiunse la Top 20 inglese con il singolo "Why Did You Do It?”. Il brano, che portava la firma del chitarrista del gruppo Gary Kirby, passò invece quasi inosservato in Italia, mentre ottenne un buon successo nelle classifiche svizzere e austriache.
Non è un caso dunque che oggi il brano sia stato ripreso da un dj e producer tedesco, Ferry Ultra, veterano del genere funky, considerato uno dei dj più specializzati nel genere, tanto che la label tedesca Peppermint Jam di Mousse T. lo ha messo sotto contratto alla fine dello scorso anno. La voce è invece quella di Ashley Slater. già noto al pubblico inglese per aver collaborato in passato con Norman Cook, alias Fatboy Slim in occasione del progetto Freak Power. La cover che è contenuta nell'album “Ferry Ultra & The Homeless Funkers” in uscita su etichetta Time Records la prima settimana di Maggio 2013, è arrivata in questi giorni nelle radio italiane e sta già ottenendo un buon airplay…

Andrea Casta: oggi download day per "I Like Chopin"

Download Day quest'oggi su iTunes per il nuovo singolo di Andrea Casta, la cover di "I Like Chopin", che il cantante e violinista bresciano ha inserito nel suo album di debutto Room 80. La versione originale del brano fu portata al successo nel 1983 da Gazebo, capofila della italo disco degli anni 80  che con quella canzone raggiunse per la prima (e unica) volta la numero uno nella classifica italiana. Il singolo raggiunse la vetta della classifica anche in Svizzera, Germania e Austria e risultò a sorpresa il secondo più venduto dell'intero anno. A firmare quella hit fu Pierluigi Giombini, vero Re Mida della italo disco con oltre 12 milioni di dischi venduti in carriera. E' infatti lui l'autore di tutti gli altri successi di Gazebo oltre che di brani di successo come "Dolce Vita" di Ryan Paris e "You Are a Danger" di Gary Low.
La cover di Andrea Costa è molto distante dall'originale, cantata con voce morbida ed elegante e con in evide…

Addio a Richie Havens eroe di Woodstock

E' scomparso a 72 anni è scomparso per un attacco cardiaco Richie Havens, folkstar nera celebre per aver aperto nel 1969 il Festival di Woodstoock. Lo scorso anno aveva annunciato il suo ritiro dall'attività live per ragioni di salute, dopo una lunga carriera di oltre 45 anni.
Nato a Brooklin nel 1941, Havens f u scoperto da Fred Neil, che gli fece incidere un paio di album per la Douglas Records prima che il manager di Bob Dylan Albert Grossman lo prendesse sotto la sua ala protetrice. Nel 1967 il suo primo album di successo "Mixed bag" nel quale era presente anche una bella cover di "Just like a woman" dello stesso Dylan, autore al quale vent'anni più tardi dedcò anche un intero album. La prima di una lunga serie di cover che hanno caratterizato la sua brillante carriera. Su tutte però merita un ricordo la leggendaria versione di "Going Back To My Roots" brano che Lamon Dozier scrisse nel 1977 e che prima di diventare una hit disco nella ve…

Lana Del Rey: ascolta la cover di "Summer Wine"

Ancora una cover per Lana Del Rey dopo la bella versione di Chelsea Hotel No. 2 di Leonard Cohen realizzata poche settimane fa. La cantante americana ha pubblicato sul suo canale ufficiale di YouTube una sua versione di "Summer Wine" canzone che nel 1966 fu portata al successo da Nancy Sinatra (figlia del grande Frank) e dal marito Lee Hazlewood, autore del brano.
Come spesso capita nella storia del pop. il successo del brano fu inaspettato visto che in origine era stato relegato nella facciata B del singolo "Sugar Town" e solo in un secondo momento fu pubblicato come side A. Per Nancy Sinatra - che era reduce dal grande successo di "These Boots Are Made For Walking" - fu il primo di una lunga serie di brani cantati con il marito. Negli anni in molti hanno proposto cover del brano. Degna di nota soprattutto la versione eseguita dal vivo da Bono con i The Corrs e pubblicata nel 2002.  Ma anche questa cover cantata da Lana Del Rey raggiunge abbondantemente…

Boy George: la cover di "I Wanna Be Your Dog"

Boy George ha reso omaggio a Iggy Pop cantando la cover di "I Wanna Be Your Dog" degli Stooges. Il brano sarà inserito nel nuovo album della British Electric Foundation, formazione musicale ideata da Martyn Ware e Ian Craig Marsh degli Human League.
Il disco si intitolerà "Dark: music of quality and distinction - Vol. 3" e come i precedenti due volumi sarà interamente composto da cover version. Il disco uscirà il prossimo 27 maggio e tra gli ospiti presenti ci saranno Kim Wilde, Sandie Shaw, Green Gartside degli Scritti Politti e Andy Bell degli Erasure. "I wanna be your dog" è la dimostrazione di come non sia possibile determinare l'importanza di un brano semplicemente consultando le classifiche di vendita. Il brano degli Stooges nel 1969 fu inserito nel disco di debutto della band americana, fu pubblicato anche come 45 ma vendette pochissime copie. Negli anni però è diventato un vero e proprio classico del rock, con decine di cover degne di nota: d…

Non Escludo Il Ritorno: a Roma il Concerto Tributo a Franco Califano

Si svolgerà Domenica 21 aprile, nel giorno del Natale di Roma, il primo grande Tributo in memoria di Franco Califano, scomparso lo scorso 30 marzo all'età di 77 anni. L'evento è in programma ai Fori Imperiali di Roma e vedrà la partecipazione di molti  grandi artisti della scena musicale italiana: Marco Masini, Mariella Nava, Amedeo Minghi, Enrico Ruggeri, Noemi, Raf, Simone Cristicchi, Peppino di Capri e molti altri
Numerosi anche i personaggi romani del mondo dello spettacolo che saranno presenti: Neri Marcorè, Pippo Franco, Pino Insegno, Christian De Sica, Enrico Montesano e il calciatore Bruno Conti.A proposito di calcio, sarà presente anche Totò Di Natale, attaccante dell'Udinese che dopo la morte del Califfo mostrò una maglietta con una scritta in suo onore per festeggiare una sua doppietta. 
La direzione artistica è stata affidata a Edoardo Vianello e a Elio Cipri e a condurre la serata sarà F…

Chiara: la cover di Over The Rainbow per lo spot Telecom

Chiara Galiazzo è.la protagonista della nuova campagna pubblicitaria della Telecom. Si tratta di una serie di spot che sono dei veri e propri flash back della sua vita, una sorta di «real comedy» dedicati soprattutto all’impegno e al talento.
Nel primo spot in onda in questi giorni la giovane cantante padovana è in compagnia di oltre 600 persone sulla terrazza del Pincio di Roma. E il brano scelto per l'intera campagna è la cover di "Over the rainbow", il celebre brano che Judy Garland cantava nella colonna sonora del film "Il Mago di Oz".
La versione originale è del 1939, e porta la firma di Harold Arlen.
La popolarità del brano è dovuta anche alle tantissime cover che negli anni sono state proposte dagli artisti più disparati. Il sito Second Hand Songs, vera enciclopedia delle cover, ha catalogato ben 273 versioni ufficiali del brano e ha "eletto" la canzone come "la più ricantata del secolo".
Chiara cantò il brano, in modo impeccabile, n…

Michael Bublè: la cover di To Love Somebody

E' la cover di "To Love Somebody" dei Bee Gees il nuovo singolo di Michael Bublè. Il crooner canadese torna dunque ad affidarsi ad una cover per il secondo estratto dall'album "To Be Loved" in uscita il 15 Aprile.
La versione originale del brano risale all'estate del 1967. Il manager della band Robert Stigwood chiese loro di comporre un brano per Otis Redding: Robin e Barry Gibb scrissero una canzone molto in stile soul ma che lo sfortunato cantante americano morì prima di poter incidere. Il brano - che è una affettuosa dedica proprio nei confronti di Stigwood - fu così pubblicato dai Bee Gees all'interno del loro terzo album. Ebbe anche un buon successo come 45 giri arrivando nella top 20 della classifica americana, anche se gli anni d'oro della disco music erano ancora molto distanti,
Negli anni il brano è stato ripreso da decine di artisti: da Joe Cocker a Rod Stewart, da Jimmy Sommerville a Tom Jones, tornando molte volte in classifica. Esi…

Un Ragazzo di Strada: la cover di Manuel Agnelli e dei Calibro 35

Un ragazzo di strada è uno dei brani più celebri del beat italiano degli anni 60.
A portarla al successo furono nel 1966 I Corvi che raggiunsero la sesta posizione della Hit Parade.
Ora il brano - che in realtà è la cover di un brano della band americana dei Brogues - è stato ripreso dal gruppo dei Calibro 35 e da Manuel Agnelli degli Afterhours e farà parte della colonna sonora di SAID dei Drop Brothers, un pulp di produzione italo-spagnola tutto mafia e violenza.
I Calibro 35 - da sempre grandi appassionati dei polizieschi italiani -  hanno registrato in diretta la colonna sonora del film  mentre la pellicola scorreva sullo schermo, esattamente come facevano le orchestre per il cinema italiano anni ’60 e ’70.

Per i titoli di coda è stata scelta la canzone dei Corvi: il beat italiano degli anni ’60 incontra la mala,con alla voce l'amico Manuel Agnelli. Certamente la miglior versione del brano che negli anni è stato ripreso da una lunga lista di artisti: da Ivan Cattaneo ai Pooh…

Cube Guys e Barbara Tucker: un omaggio a Whitney Houston

I Cube Guys sono un duo formato da Roberto Intrallazzi e Luca Provera, conosciutissimi a livello internazionale per i loro dj set e le loro produzioni. 
 Barbara Tucker è una delle dive della musica house internazionale; cantante straordinaria nata nel ’67 a Brooklyn, e famosa per hit come  “Beatiful People” (1994) e  “Everybody Dance (The Horn Song)” (1998).
Insiene hanno reso omaggio a Whitney Houston con la cover di “I Wanna Dance With Somebody” .
 “Noi amiamo questa canzone, ti fa venire voglia di ballare e di aprire il tuo cuore allo stesso tempo”, dicono Luca & Roberto: “Abbiamo fatto questa canzone per i nostri djset l’anno scorso ed ora abbiamo deciso di realizzarla ufficialmente per tutti i dj in giro per il mondo … perché tu ballerai sempre con qualcuno, Whitney!”
La versione originale del brano è del 1987 e faceva parte del secondo album della sfortunata cantante americana scomparsa lo scorso anno. Fu pubblicato come singolo e vendette oltre un milione di copie ne so…

A Ravenna Concerto Tributo a Mia Martini

Il 12 maggio del 1995 moriva Mia Martini. Tra le tante iniziative organizzate per ricordare la cantante calabrese, vi segnalo La musica che mi gira intorno,  concerto tributo  che l'Associazione Byron presentera' nella serata di Venerdi' 5 Aprile, ore 21, al teatro Rasi di Ravenna. Nel corso del concerto Aida Cooper, special guest della serata, assieme alla band composta da Giovanni Sandrini (chitarra) Alessandro D’Altri (batteria), Rodolfo Valdifiori (basso), Davide Lavia (tastiera) e Mauro Vergimigli (sax), farà rivivere i successi impetuosi e caldi della grande interprete.
Il concerto è supportato anche da Amare Ravenna, Unipol Assicoop Romagna, Bambini Srl, Deco Industrie, con la Teleromagna.
La scaletta del concerto - tutto al femmiline -  sarà composta da 15 brani scelti tra i più amati sel repertorio di Mimì : "Padre davvero", “Almeno tu nell’universo”, "Notturno", “La nevicata del ’56”, "Minuetto", “Gli uomini non cambiano”, "Pic…

Beyonce rende omaggio a Amy Winehouse

Nella colonna sonora del film Il Grande Gatsy sarà presente anche una cover di Back To Black cantata da Beyonce Knowels e da Andre 3000 degli Outkast. Il film diretto da Buz Luhrman e basato sul celebre romanzo di F. Scott Fitzgeral, arriverà nelle sale americane il prossimo 10 maggio e il 15 maggio aprirà ufficialmente il prossimo festival del cinema di Cannes. La colonna sonora sarà prodotta da Jay-Z e pubblicata dalla Interscope Records. La cantante americana aveva già collaborato con la metà degli Outkast in Party, una traccia inclusa nel suo album 4.
Per il momento non è ancora trapelato molto sulla cover di "Back To Black" ma sembra che una fonte anonima della casa discografica abbia parlato di una versione molto distante dall'originale, che la sfortunata cantante inglese pubblicò nel 2006.

E' una cover il nuovo singolo di Chiara e Fiorella Mannoia

Il nuovo singolo di Chiara si intitola Mille passi, è cantato insieme a Fiorella Mannoia e - cosa per noi più importante - è una cover. Anzi ad essere più precisi è un "adattamento" in italiano come da qualche tempo ha iniziato a definirli il sito Second Hand Songs, vera bibbia delle cover.
La versione originale del brano è di Soha, una cantante franco algerina quasi sconosciuta al pubblico italiano, e si intitola Mil Pasos.
E’ stata la stessa Fiorella Mannoia a curare l’adattamento del brano, scrivendo il testo in italiano e duettando con Chiara Galiazzo nel ritornello. La cantante padovana, vincitrice dell'ultima edizione di X factor -  ha naturalmente mostrato sincero orgoglio per la prestigiosa collaborazione. Chiara ha ricordato che la Mannoia le ha fatto un grande regalo scrivendo e interpretando la canzone con lei e che Mille Passi va vista come un dialogo tra due amiche o comunque tra due persone che stanno interrompendo un rapporto contando i passi che le allon…

Lana Del Rey: la cover di Chelsea Hotel # 2

Lana Del Rey ha reso omaggio a Leonard Cohen con la cover di una delle sue canzoni più belle, la toccante Chelsea Hotel #2 che il cantautore canadese aveva scritto per Janis Joplin con la quale ebbe una storia d'amore nata proprio nel celebre albergo di New York. Fondato nel 1884, il Chelsea Hotel è diventato negli anni simbolo della cultra bohémien e seconda casa di artisti come Bob Dylan, Patti Smith Sid Viciuos e appunto Leonard Cohen.
La versione originale del brano fu pubblicata nel 1974 nell'album New Skin for the Old Ceremony, dopo la morte della sfortunata cantante americana. Negli anni molte le cover interessanti: da Lloyd Cole a Rufus Wainwright, da Meshell Ndegeocello a Allison Crowe. Lana Del Rey, che in questi giorni è impegnata nelle registrazioni del nuovo album, ha riarrangiato il brano in modo personale e ha realizzato anche un video, reso disponibile sul suo canale di Youtube e che in pochi giorni ha già raggiunto 2 milioni di visualizzazioni. Cover non migl…