Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2013

Little Hurricane: la cover di I'm on Fire di Bruce Springsteen

C'è anche un omaggio al Boss tra le 10 cover del nuovo lavoro dei Little Hurricane, giovane band californiana nata a San Diego nel 2010 e con all'attivo un disco d'esordio interessante e alcuni live set di rilevo come quello all'edizione del 2011 del Loolapalooza. La band è in realtà composta da due soli elementi "fissi" il cantante Anthony "Tone" Catalano e la batterista  Celeste "C.C." Spina.
Il nuovo lavoro si intitola "Stay Classy" ed è interamente composto da cover version, scelte con cura e originalità e riarrangiate con una discreta dose di coraggio. Come nel caso di "I'm On Fire" celebre brano di Bruce Springsteen del 1984 che il boss aveva inserito in Born In The USA,  il suo album più venduto di sempre (oltre 30 milioni di copie). Il brano fu il quarto dei 7 singoli estratti dall'album, tutti entrati nella Top 10 della classifica di Billboard.
La versione dei ragazzi californiani è ben realizzata, ri…

La "Sirenetta" Carly Rae Jepsen: la cover di Part of The World

La giovane cantante canadese Carly Rae Jepsen rende omaggio al cartone animato "La Sirenetta", interpretando uno delle canzoni più celebri della colonna sonora. Il brano farà parte di “The Little Mermaid: The Greatest Hits” disco che in arrivo nei negozi il prossimo 24 settembre in occasione della pubblicazione in 3D Blue Ray del celebre cartone animato della Disney, ribattezzata "The Little Mermaid Diamond Edition".
Il brano cantato dalla 27enne canadese è "Part Of Your World" che nella versione italiana era stata tradotta con il titolo di "La Sirenetta". La versione originale inglese è cantata da Jodi Benson, Sierra Boggess e in italiano da Simona Patitucci, Sierra Boggess che nel film danno la voce al personaggio di Ariel.
Curiosamente anche Bruno Mars aveva proposto lo scorso anno una cover del medesimo brano nel corso della sua esibizione al BBC Live Lounge. Forse non è un caso che anche lui come la Jepsen ha 27 anni e quando nel 1989 uscì…

La prima cover per "Roar" di Katy Perry

Subito una cover per "Roar" il nuovo singolo di Katy Perry pubblicato ufficialmente lo scrso 12 agosto. A realizzarla a tempo di record è stato Jona Selle musicista tedesco che già in passato si era fatto notare per alcune cover interessanti.
Si tratta di una versione acustica, decisamente distante dall'originale, con il cantante amburghese che suona la chitarra. Ma a rendere ancora più curioso il nuovo arrangiamento, da segnalare anche la presenza del violoncello, suonato dallo stesso Jona che lo ha spesso utilizzato in tutti i suoi precedenti lavori.
La versione originale di Roar ha ottenuto un ottimo successo nelle classifiche internazionali nonostante sia uscita in concomitanzoa con il nuovo singolo di Lady Gaga ed anticipa l'uscita del nuovo album Prism.
La cover è anche in vendita su iTunes.

Jona Selle - Roar



Solomon Burke: la cover di "When The Saints Go Marching In"

Da Louis Armstrong a Bruce Springsteen, da Elvis Presley a Tina Turner, da Fats Domino agli Isley Brothers. La lista degli artisti che hanno interpretato "When the saints go marching in" è veramente lunghissima e si arricchisce ancora di un nome prestigioso: quello del grande e compianto Solomon Burke. Il Re del Rock 'n Soul inserì il brano nella scaletta del suo concerto al Festival di Montreux nel luglio del 2006. Ora quello show è stato pubblicato nel Cd "Live at Montreux 2006" con oltre un ora di grande musica, quasi due nella versione in DVD che contiene alcune tracce extra.
Uno show ricco si cover interessanti che si concluse con una magistrale versione di "When The Saints Go Marching In", il più celebre brano spiritual della storia.
Difficile da attribuire la paternità esatta del brano; secondo alcuni storici il testo sarebbe opera di Luther G. Presley e la musica di Virgil Oliver Stamps,
La cover di Burke è certamente una delle migliori di s…

Tears For Fears: la cover di "Ready To Start" degli Arcade Fire

I Tears For Fears hanno realizzato la cover di "Ready To Start" degli Arcade Fire. Il brano circola in rete da qualche giorno attraverso il loro canale ufficiale di YouTube e sulla loro pagnina di Soundcloud. Il duo inglese che negli anni 80 ebbe un momento di grande popolarità mondiale grazie a hit come "Change" e "Shout" è tornato in questi giorni in studio per preparare un nuovo Cd di inediti, dopo l'inaspettata reunion del 2004.
Si tratta di una versione interesante, molto elettronica e con la voce di Roland Orzabal in bella evidenza. L'originale era stato pubblicato nel 2010 dalla band canadese come primo singolo dall'album The Suburbs. Come singolo in realtà non ottene un grande successo nelle classifiche di vendita, ma contribuì sicuramente alle ottime vendite del terzo album degli Arcade Fire che raggiunse la numero uno delle chart sia in UK che negli USA.
La carriera dei  Tears For Fears e ricca di cover interessanti e non sono nuov…

Martha Reeves rende omaggio a Marvin Gaye

Una voce leggendaria alle prese con una canzone capolavoro. E' il caso della cover di "What's going on" di Marvin Gaye cantata nel nuovo disco live di Martha Reeves, cantante americana che negli anni 60 ha lasciato un segno importante nella storia della musica soul con le Martha and The Vandellas.
Eppure il risultato finale, nonostante le ottime premesse, è piuttosto deludente. Una lunga versione di oltre 8 minuti e mezzo, con molti gorgheggi esagerati e molta poca anima.
Meglio allora andarsi a riprendere la versione originale che il grande musicista americano pubblicò nel 1971 nel omonimo capolavoro, primo concept album nella storia della musica black.
La rivista Rolling Stone ha inserito il brano al quarto posto nella classifica dei 500 migliori brani della storia del rock.
Negli anni la canzone è stata ripresa da decine di artisti ma nessuna cover è mai stata capace di avvicinare l'intensità dell'originale. Ma molto meglio di Martha Reeves hanno saputo f…

Una cover di De Andrè nella colonna sonora del nuovo film di Lucchetti

Farà parte della colonna sonora del nuovo film di Daniele Lucchetti, la cover di "Amore che vieni amore che vai" cantata da Diodato e che il musicista romano aveva inserito nel suo album di debutto. Una reinterpretazione in chiave rock del celebre capolavoro di Fabrizio De André che in passato era già stato interpretato da alcuni grandi della muscica italiana come Franco Battiato e Claudio Baglioni. La versdione originale è del 1966: fu pubblicato com e lato B del 45 giri "Geordie" nel quale il cognome del cantautore ancora non compariva. Il singolo, il decomo nella carriera di De Andrè, era a nome di "Fabrizio".
La cover di Diodato fa parte del suo album "E forse sono pazzo”, prodotto da Daniele Tortora e suonato da Daniele Fiaschi (chitarra elettrica), Duilio Galioto (piano, wurlitzer e organo), Danilo Bigioni (basso) e Alessandro Pizzonia (batteria).
"Amore che vioeni amore che vai" sarà uno dei brani portanti, l'unico cantato, de…

Michel Cleis: la cover di "Hey Lady Luck”

E' una cover la hit di Michel Cleis che nel corso dell'estate ha conquistato il club di mezza Europa. Si tratta di una nuova versione di "Lady Luck”, brano dell 2011 del giovane songrwiter inglese Jamie Woon. La versione originale aveva ottenuto un dioscteto successo nelle classifiche UK ed era stata inserita nel primo (e finora unico album) del cantante.
Michel Cleis è un  dj e produttore proveniente dalla Svizzera, giunto agli onori della ribalta per una hit di caratura mondiale (“La Mezcla”) che lo ha proiettato nella scuderia di Luciano e della Cadenza. La sua cover di  "Lady Luck", che per l'occasione è diventata  "Hey Lady Luck” è stata presentata in anteprima mondiale da Pete Tong su BBC Radio 1 e ha raggiunto la vetta delle Buzz Charts in UK.
Si tratta di una cover in chiave deep/garage molto distanti dai suoni della versione originale (comunque poco nota in Italia).
Il progetto include un  remix firmato Jimpster


Domenica a Sanremo Tributo ai Queen

Tributo alla musica dei Queen domenica 18 agosto a Sanremo. Sul palco allestito dal Comune in Piazzale Vesco, nella zona del Porto Vecchio, saliranno i Radio Gaga, band genovese che dal 2001 propone in modo fedele il repertorio della mitica band inglese. La formazione attuale è composta da Giorgio Pezzi alla voce Fabio Zunino al Basso, Fabio "Cannetta" Perissinotti Chitarra, Lorenzo Gazzano alle tastiere e Roberto Maragliano alla batteria. Sul palco salirà domenica sera anche la cantante Elisabetta Rondanina, che duetterà con Giorgio Pezzi sulle note della celebre “Barcelona” brano che nella versione originale, pubblicata 25 anni fa, era cantato in coppia da Freddie Mercury e Montserrat Caballé. Per la band, che ha all'attivo quasi 1000 concerti nel corso della carriera con esibizioni anche al Forum di Assago e al Palasport di Livorno, si tratta del debutto a Sanremo.

Organizzazione tecnica Gianni Oliva Iniziative. Inizio concerto ore 21,30.
Ingresso libero.

La cover di "Walking on the Moon" nel nuovo album di Jeff Golub e Brian Auger

Si chiude con un omaggio ai Police il nuovo album di Jeff Golub, il dodicesimo nella carriera del chitarrista americano. L'album si intitola Train Keeps A Rolling e rappresenta per Golub il coronamento di un sogno visto che il frutto di una collaborazione con uno dei suoi idoli musicali, il grande tastierista inglese Brian Auger. Di altissimo livello anche il resto dei musicisti, fra i quali spicca il nome del batterista Steve Ferrone, che in passato aveva già collaborato con Auger, suonando negli Oblivion Express.
Per Jeff Golub si tratta del primo album realizzato dopo il problema al nervo ottico che lo ha reso cieco nel giungo del 2011. Lo scorso anno poi il chitarrista americano è anche miracolosamente sopravvissuto ad un incidente nella metropolitana di New York: è scivolato sulle rotaie proprio mentre arrivava un convoglio che lo ha agganciato e trascinato per diversi metri. Ma è incredibilmente uscito quasi illeso. L'undicesima traccia del disco nuovo è la cover di &qu…

John Newman: la cover di "I Need Your Love"

John Newman è considerato una delle voci più interessanti della nuova scena musicale inglese. La sua "Love Me Again" ha raggiunto la vetta della classifica in UK e lo ha imposto all'attenzione della critica e del pubblico in tutta Europa.
Ospite della trasmissione radiofonica In:Demand trasmessa dall'emittente The Hits Radio, John ha regalato al pubblico una bella versione di "I Need Your Love" di Calvin Harrris e Ellie Goulding. Si tratta di una vera e propria "instant cover" visto che la versione originale è stato pubblicato come singolo nel mese di aprile (anche se faceva parte del terzo album di Harris pubblicato lo scorso anno).
Versione interessante, molto nello stile del celebre "BBC Live Lounge", trasmissione che per ora non ha ancora visto Newman tra i suoi ospiti. La sua "Love me again" è invece già entrata nel repertorio della trasmissione con la cover cantata da Nina Nesbitt.
La cover di "I Need Your Love"…

I National al lavoro su un Tributo ai Gratful Dead

“Siamo ossessionati dai Grateful Dead, si tratta di un’idea monumentale.“ Con queste parole Aaron Dessner chitarrista dei The National ha presentato il nuovo progetto discografico sul quale la band americana è al lavoro: un disco tributo dedicato alla gruppo del compianto Jerry Garcia.
Il disco comprenderà collaborazioni con Vampire Weekend, Bon Iver, Kurt Vile e The War on Drugs, ma Matt Berninger e i suoi stanno cercando di coinvolgere anche Ira Kaplan degli Yo La Tengo e Lee Ranaldo (Sonic Youth): con questi due musicisti si tratta di riuscire a incastrarsi tra le date live e in studio.Tutti i proventi dell’album andranno devoluti alla Red Hot, organizzazione no-profit che si occupa di aumentare la consapevolezza in merito al tema dell’Aids, attraverso la cultura popolare, già famosa per la serie di compilation benefiche.
Il titolo del disco non è ancora ufficiale ma potrebbe essere Red Hot + Jerry, un omaggio al grande leder dei Greatful Dead del quale in questi giorni ricorre i…

Una nuova versione di Things Can Only Get Better

Non è una cover. Ma neppure un semplice remix. E' una nuova versione di una grande hit degli anni 80, che è stata ripresa dal dj francese Cedric Gervais che si era già fatto notare per il remix di "Summertime Sadness" di Lana Del Rey.
Ora ha rimesso mano a "Things Can Only Get Better" di Howard Jones, brano che il musicista inglese aveva portato al successo nel 1985 raggiungendo la Top Ten sia in America che in UK. Curiosamente il brano era entrato anche nella classifica R&B di Billborad, all'epoca davvero una rarità per un musicista bianco.
La versione di Cedric Gervais non può essere propriamente definita una "cover" visto che il dj parigino ha utilizzato la voce originale di Howard Jones. Ma è stata utilizzata solo una piccola parte del cantato e gran parte del brano è stato risuonato ed è quindi riduttivo definirlo un "remix" Il brano infatti esce a nome Cedric Gervais & Howard Jones su etichetta Spinnin' Records pubbli…

Best Song Ever: la cover di Gabrielle Aplin

Gabrielle Aplin è una delle più interessanti novità della scena musicali inglesi. La giovane cantautrice del
Wiltshire che già si era in passato fatta parlare di sè per alcune cover interessanti come quella di "The Power Of Love" dei Frankie Goes To Holliwood, si è ora fatta notare per una curiosa cover di "Best Song Ever", nuovo singolo degli One Direction. La Alpin l'ha eseguita nel corso della puntata dello scorso 1 Agosto della trasmissione radiofonica Live Lounge trasmesso dalla BBC Radio One.
Come spesso capita nel corso della trasmissione, si tratta di una vera "instant cover" visto che la
teen band inglese ha pubblicato il singolo "Best Song Ever" solo pochi giorni fa. Per la precisione il 22 Luglio 2013 alle 19:08.
Versione molto diversa dall'originale, acustica e molto dolce. Potrebbe piacere anche ai giovani fan della band.



Desafinado: la cover di Dajana

Una nuova cover per Desafinado è uno dei grandi classici della musica brasiliana, uno dei dei brani di bossa nova più noti e più eseguiti al mondo. A realizzarla è stata una giovane cantante italiana, Dajana D'Ippolito, in arte semplicementeDajana.
Il brano farà parte del prossimo album della cantante dal titolo The Essential, in uscita nel prossimo anno. Il disco sarà un omaggio al Brasile e alla bossanova con anche alcuni brani inediti e la collaborazione di Irio e Robertinho De Paula. Desfinado fu scritta alla fine degli anni 50 da Antonio Carlos Jobim e il suo amico e collega Newton Mendonça e fu incisa per la prima volta nel 1959 da Joao Gilberto. Il grande successo internazionale arrivò però solo nel 1962 grazie alla versione realizzata da Stan Getz e Charlie Byrd (che aveva conosciuto il brano durante una tournee in Brasile dell'anno precedente). Da li in avanti una serie interminabile di versioni, molte delle quali davvero indimenticabili: da Quincy Jones a Herb Alpe…