Passa ai contenuti principali

The Raveonettes: la cover di The End dei Doors

Nonostante "The End" dei Doors sia indiscutibilmente considerato uno dei classici del rock e uno dei brani più amati del repertorio di Jim Morrison, la lista delle cover realizzate è veramente cortissima.
Fino ad oggi solo dieci le cover "ufficiali" della canzone catalogate dalla "bibbia" del settore SecondHandSongs. Forse perché confrontarsi con un brano del genere non è certamente facile e il paragone con l'inarrivabile interpretazione del Re Lucertola ha probabilmente scoraggiato molti.
In questi giorni si è aggiunta una undicesima versione realizzata dai The Raveonettes e contenuta nella compilation "A Psych Tribute to the Doors" realizzata dalla Cleopatra Records.
La versione del duo danese è interessante e coraggiosa, anche se inevitabilmente inferiore rispetto all'inarrivabile originale, che la rivista Rolling Stone ha inserito tra le 500 migliori canzoni di sempre e la rivista Guitar World tra le migliori 100.
Il brano era stato scritto da Jim Morrison nel 1966 e in origine descriveva la fine della storia con una sua fidanzata. Dopo mesi di interpretazioni dal vivo sul palco del celebre Whisky a Go-Go di West Hollywood, si trasforma però in qualcosa di diverso: un lungo canto di dodici minuti, maestoso e inquietante al tempo stesso. 
Il testo diviene un omaggio all'Edipo Re di Sofocle, che uccide il padre, sposa la madre e poi si cava gli occhi per espiare le sue colpe. "Padre ti ti voglio uccidere, Madre ti voglio scopare" urla Morrison nella parte conclusiva del brano.  Ma secondo Morrison "uccidere il padre" significava diventare adulti e "scopare la madre" accettare la sessualità in tutte le sue forme. Ma nella prima versione registrata gennaio del 1967 la parola "fuck" venne censurata e coperta da un urlo.
Olver Stone ricostruisce con un po'di fantasia la nascita del brano in una scena del suo film The Doors;
Morrison inserisce - nonostante le minacce del titolare del locale - il passo edipico della sua canzone e la band viene licenziata la sera stessa. Ma ad attenderli fuori dal pub ci sono i rappresentanti di un'etichetta discografica che portano il gruppo al loro primo album studio.
Ma - a proposito di film - il brano fu inserito nel 1979 da Francis Ford Coppola nella scena iniziale e in quella conclusiva di Apocalypse Now.
La versione contenuta nell'album d'esordio dura oltre 11 minuti. Quella contenuta nel Greatest Hits della band è stata editata a 6 minuti e mezzo. La versione dei The Raveonettes è stata ulteriormente dimezzata e dura solo 3 minuti e mezzo. Un po' troppo poco.

Commenti

Post popolari in questo blog

Queens of the Stone Age: la cover di Bad Boy

I Queens of the Stone Age sono stati i protagonisti della puntata di ieri - lunedì 24 ottobre - del BBC Live Lounge.
La band americana, che partecipava per la terza volta al celebre programma condotto da Clara Amfo, ha scelto di rendere omaggio a Marty Wilde, vera leggenda del rock'n' roll inglese, oltre che papà della celebre Kim.
Josh Homme e Dean Fertita hanno eseguito una cover di "Bad Boy" canzone che Wilde scrisse e portò al successo nel lontano 1959.
Una versione piano e voce, delicata e elegante che ha sorpreso anche i fan più accaniti.
Brano poco noto al pubblico italiano, e forse neppure troppo a quello inglese visto che entrò nella Top 50 solamente negli USA.
In più dell'originale: la voce di Josh
In meno dell'originale: la ritmica rock'n'roll

Sam Smith: il tributo a George Michael

Anche Sam Smith ospite del BBC Live Lounge.
Per il cantante londinese però l'emittente ha scelto di realizzare un vero vero special di 9 canzoni e lo ha fatto esibire presso il BBC Radio Theatre davanti ai suoi fan, invece che negli studi di Maida Vale.
Tra i brani proposti da Smith anche un tributo a George Michael. Un doppio omaggio al cantante scomparso lo scorso anno, con un mash-up di "Father Figure" e di "Faith" . Prima di eseguire la cover Smith commosso ha definito Michael "il suo artista preferito di tutti i tempi". Entrambe le canzoni facevano parte dell'album "Faith" pubblicato nel 1987, il primo nella carriera solista dell'ex leader degli Wham!
Il disco vendette oltre 20 milioni di copie e conquistò il Grammy come album dell'anno.

Per Sam Smith - alla sua quarta presenza in carriere nella celebre trasmissione - una esibizione vocalmente impeccabile e un arrangiamento interessante.

Raphael Gualazzi: la cover di Imagine di John Lennon

Un flop non solo di ascolti per Celebration, il nuovo programma del sabato sera di Rai 1 condotto da Neri Marcorè e Serena Rossi. Davvero poche dal punto di vista musicale le cose interessanti viste nel corso della prima puntata dello show, con la regia di Duccio Forzano, dedicata ai “re del pop”. Molte cover eseguite senza alcuna originalità, appiattite dall'orchestra diretta dal maestro Adriano Pennino, e spesso cantate in un inglese davvero approssimativo. Il risultato è parso un mix tra “Tale e Quale” e “Music” di Paolo Bonolis (ma con risultati molto peggiori).
Tra le poche interpretazioni degne di nota, una rilettura di “Imagine” cantata da Raphael Gualazzi. Si tratta però di una cover che il pianista marchigiano ha da tempo in repertorio e ha spesso eseguito con il medesimo “coraggioso” arrangiamento nel corso delle sue esibizioni live.

La versione originale di "Imagine" risale al 1971 e non ha bisogno di molte presentazioni, essendo una delle canzoni di pace pi…

David Crosby: un nuovo album e un omaggio a Joni Mitchell

Dopo il disco di Stephen Stills inseme a Joan Collins, un'altra piacevole sorpresa per gli appassionati del West Coast Rock e per i fan dei CSN&Y.
Anche David Crosby torna sulle scene con un nuovo album, il sesto in studio nella sua carriera da solista. Il disco si intitola "Sky Trails" e arriva ad un anni di distanza dal precedente "Lighthose" accolto a dire il vero in maniera tiepida sia dalla critica che dal pubblico. Tra le tracce del disco - che è prodotto dal figlio di Crosby James Raynolds - non manca una bella sorpresa per gli appassionati di cover: la rilettura di "Amelia" dell'amica Joni Mitchell. La versione originale compariva nell'album Hejra, capolavoro della cantautrice canadese pubblicato nel 1976.
La canzone fu scritta in omaggio ad Amelia Earhart la prima donna che tentò la trasvolata in solitaria dell'Oceano Pacifico e che scomparve assieme al suo aereo durante l'impresa. "Ho sempre apprezzato come in quest…

St. Vincent: una cover dei Beatles per Tiffany

E' da qualche giorno arrivato anche sugli schermi italiani lo spot del nuovo profumo del marchio Tiffany & Co ed ha subito destato la curiosità degli appassionati di musica.  Per la campagna pubblicitaria è stata infatti utilizzata una cover di "All You Need Is Love" dei Beatles. in una versione decisamente coraggiosa cantata da St. Vincent. La musicista americana - che il prossimo 13 ottobre pubblicherà il nuovo album Masseduction - aveva già eseguito il brano dal vivo in passato.
I Beatles eseguirono la versione originale di "All You Need Is Love" il 26 giugno del 1967 in occasione della prima diretta televisiva via satellite nel corso del programma Our World, e con un pubblico di oltre 350 milioni di persone. Scritta e cantata da John Lenno, la canzone vede la presenza ai cori degli amici Mick Jagger, Keith Moon, Eric Clapton, Keith Richards, Grahm Nash e molti altri. Il brano è stato ricantato in decine di versioni, compresa una cover in italiano dei S…