Passa ai contenuti principali

Chiara Civello racconta il nuovo album “Canzoni”


Sono diciassette i brani contenuti in "Canzoni" il nuovo album di Chiara Civello, nel quale per la prima volta la cantante si presenta nelle vesti di sola interprete.
L'album - prodotto da Nicola Conte - è stato registrato tra Rio de Janeiro, New York e Bari, innovandosi tra le molteplici contaminazioni musicali e i tributi al cinema italiano degli anni ‘60 e ’70, per poi elaborare il tutto in sonorità ricche di grande sensualità e romanticismo.

Così la cantante ha commentato le cover contenute nel disco.

1. Via con me (Paolo Conte)
Un inizio di disco ideale, uninvited, un ratto delle Sabine stile XXI secolo. Il ritmo incalzante dei desideri. La danza dei sogni in un dancefloor senza frontiere: it’s all wonderful!
2. Io che non vivo senza te (featuring Gilberto Gil) Pino Donaggio
 Non sono stati gli ospiti a scegliere le canzoni, sono le canzoni ad aver coinvolto gli ospiti a cantarle. Quando ho incontrato Gil per raccontargli del disco gli ho elencato alcuni dei brani in repertorio, ed appena ho nominato questa lui ha canticchiato il ritornello a memoria, in italiano, dicendomi che la ascoltava nella versione originale di Donaggio in radio a Bahia e che lui avrebbe desiderato cantarla.
Poi, mentre registravamo, al primo ascolto, quando è arrivato il ritornello Gil si è commosso e io con lui. In quel momento abbiamo entrambi capito di essere riusciti ad entrare davvero nel cuore di questa canzone e di averne attualizzato il groove senza che questo si perdesse.
3. Con una rosa (Vinicio Capossela)
Questo è uno dei testi più romantici che abbia mai cantato. Abbiamo aggiunto un pizzico di Jorge Ben e un briciolo di sax del grande Magnus Lindgren. Così adesso, durante l’ascolto, volendo si può provare ad accennare un passetto di qua, una spalluccia di là…
4. Que me importa el mundo (Rita Pavone)
Andate su Youtube, digitate Caterine Spaak - La noia. Damiano Damiani 1963.
Guardatevi il balletto della Spaak con la versione di Rita Pavone di “Che m’importa del mondo”. Una meraviglia irripetibile per gli occhi e per le orecchie.
Con Nicola ci siamo guardati e ci siamo detti: Meraviglia… facciamola nostra. Facciamola Bossa!
5. Va bene così (Vasco Rossi)
Va bene per te Vasco? Va bene se ci siamo catapultati nel Northern Soul?
Per me va benissimo! Uno dei groove più contagiosi del disco!
6. Io che amo solo te (featuring Chico Buarque) Sergio Endrigo
C’è gente che ama mille cose. Io amo Chico Buarque. Parla perfettamente l’Italiano, è un poeta, ha scritto dei capolavori e ha scelto di interpretare questa canzone con me. Era amico di Sergio Endrigo. Uno dei momenti più emozionanti di tutto il disco.
7. Never Never Never (Grande Grande Grande) Mina
I’d like to run away from you. Punto.
8. Metti una sera a cena (Milva)
 È una canzone la cui melodia incalzante mi ha sempre colpito per la sua sottile ironia, nonostante parli di una donna che all’improvviso realizza che per il suo amore non c’è più niente da fare. Morricone genio, film meraviglioso.
9. Una sigaretta (Fred Buscaglione)
Questa è una delle melodie italiane più jazz che io conosca. Mi ricorda le atmosfere di July London. E il testo è geniale.
10. FortissimoLa sensualità di due opposti. L’armonia dei contrari. Lina Wertmuller.
11. Incantevole (Subsonica)È il primo dei tentativi di rivisitare canzoni più recenti. Nicola ha avuto una bellissima intuizione ritmica che me l’ha fatta sentire subito vicina.
12. E penso a te (featuring Ana Carolina) (Lucio Battisti)Ad Ana questa canzone è sempre piaciuta moltissimo, dal momento in cui a Roma, durante un suo viaggio in Italia, gliela feci ascoltare per la prima volta.Io credo ai colpi di fulmine dell’ispirazione. Quando le ho detto della possibilità di inserirla nel disco mi ha detto: se non la registriamo insieme, la registro io.
13. Il mondo (Jimmy Fontana)
Uno dei veri grandi capolavori italiani. Ho sempre sognato di mettere l’arpa in uno dei miei dischi. Il pianoforte di Lussu e l’arpa sono stati fondamentali per evocare il mood giusto che mi permettesse di dare un silenzio generoso ad ogni pausa e un peso speciale ad ogni parola.
14. Senza fine (Gino Paoli)
Nello spazio senza fine c’è anche… Senza fine.
All’estero mi hanno chiesto spesso di cantarla, poi Nicola ha trovato il mood perfetto per me. Grazie ai meravigliosi flauti di Magnus, se chiudo gli occhi mi sento a casa di Henry Mancini!
15. I mulini dei ricordi (featuring Esperanza Spalding)
Questa è l’unica canzone non italiana del disco: “The windmills of your mind”, una canzone di Michel Legrand, interpretata da grandissimi come Dusty Springfield, Sting e tanti altri. Una delle mie canzoni preferite, sia per il testo che per la musica sublime di Legrand.
Con l’idea di farne una versione italiana, un giorno, cercando su Google, ho scoperto che era stata incisa da Jannacci una versione di suo figlio Paolo, molto bella e fedele all’originale. Jannacci era da poco andato via e senza pensarci due volte ho deciso di fare un tributo sia a lui, che a Dusty e a Legrand.
Qualche anno fa, a NY, un pomeriggio Esperanza mi introdusse a Minnie Riperton e io le feci conoscere “The windmills of your mind”. Quando stavo registrando questa canzone mi sono ricordata di quel pomeriggio, l’ho chiamata e le ho detto che volevo duettare con lei. Poco dopo ho preso l’aereo e abbiamo registrato insieme. Esperanza ha espresso il mood perfetto. Libero e puro, come è lei e come doveva essere la canzone.
16. Mentre tutto scorre (Negramaro)
Questo è uno dei New Standards come direbbe Herbie Hancock. La parte del “Verde coniglio” mi diverte tantissimo.
17. Arrivederci (Umberto Bindi)
Dammi la mano e sorridi senza piangere. Bindi. Grande. Grandissimo. Galantuomo anche quando parla dell’addio.


Commenti

  1. Fargetta ha fatto il remix del pezzo di Tiziano Motti: http://youtu.be/GirOcEhfezs

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Bob Dylan: un triplo album di cover

Bob Dylan ha annunciato a sorpresa l'uscita di un nuovo album per il prossimo 31 marzo. Un album triplo, il primo della sua vita, intitolato Triplicate interamente composto di cover version, prese dal repertorio dei grandi classici della musica americana, con una particolare attenzione alle canzoni rese celebri da Frank Sinatra.
L'album - il 38esimo in stidio nella carriera del cantautore sarà prodotto dallo stesso Dylan (con lo pseudonimo di Jack Frost) e uscirà in vari formati, tra cui triplo CD in digipak a otto pannelli, in digitale, cofanetto deluxe 3 LP in vinile a edizione limitata e confezione numerata.
Per il menestrello di Duluth sarà il terzo cover album in tre anni.

I Coldplay rendono omaggio a Chester Bennington

Anche i Coldplay hanno voluto rendere omaggio a Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park morto suicida a soli 41 anni lo scorso 20 luglio.
Durante il concerto tenuto ieri - 1 Agosto 2017 -  a New York presso il MetLife Stadium in New Jersey, Chris Martin e compagni hanno eseguito una toccante cover di "Crawling" , brano che faceva parte dell'album d'esordio della band Hybrid Theory.
Una versione distante dall'originale e che il cantante ha eseguito al pianoforte.
"Questa finirà su YouTube e devo cercare di farla bene" ha detto Chris "E' dedicata a chiunque senta la mancanza di qualcuno".
Al concerto era presente anche Mike Shinoda, amico e collega di Chester, che ha pubblicato su Instagram un breve filmato.

50 anni senza Luigi Tenco: 5 cover indimenticabili

Esattamente 50 anni nella notte tra il 26 e 27 gennaio del 1967 - moriva a Sanremo Luigi Tenco, uno dei più grandi e innovativi personaggi della storia della musica italiana. Aveva solo 28 anni ma con le sue canzoni aveva già segnato in modo indelebile la scena musicale.
In quei giorni Tenco stava partecipando alla 17esima edizione del "Festival della canzone italiana" di Sanremo con "Ciao Amore Ciao". La sera prima il brano era stato eliminato dalla giuria, ottenendo solamente 38 preferenze su 900
Oggi noi di My Way lo vogliamo ricordare con 5 cover da brividi.

Un tributo ai Kinks con il nuovo numero di Mojo

Il lettori della rivista inglese Mojo troveranno in allegato al numero di marzo una interessante iniziativa discografica: un album tributo dedicato ai Kinks con la rilettura integrale del loro album "Something Else" a 50 anni dalla sua pubblicazione. Il disco - il quinto in studio nella carriera della band dei fratelli Davies - arrivò nei negozi nel settembre del 1967 e fu l'ultimo ad essere prodotto dall'americano Shel Talmy, l loro storico produttore fino ad allora, che qui divide il suo ruolo con lo stesso Ray Davies.
L'album conteneva capolavori come "David Watts" (riportata al successo anni più tardi dai The Jam), Death of a Clown (resa nota in Italia dalla cover dei Nomadi con testo di Guccini e il curioso titolo di "Un figlio dei fiori non pensa al domani"), ma soprattutto la meravigliosa "Waterloo Sunset", qui ripresa dall'americano Ty Sagall.

Le HAIM cantano una cover di Shania Twain

Le HAIM hanno reso omaggio a Shania Twain con la cover della hit 'That Don't Impress Me Much”. Le ragazze – che in questi giorni stanno promuovendo il loro nuovo album “Something to tell you” - hanno eseguito il brano negli studi dell’emittente australiana Triple J nel corso della trasmissione Like a Version. Durante l’intervista le tre sorelle Haim hanno dichiarato il loro amore per la cantante canadese. “Se vuoi pensare di avere un appuntamento con una di noi devi sapere che per prima cosa devi essere un fan di Shania Twain” ha scherzato Este mente Sari ha definito la cantante “la fonte di ispirazione nella mia vita”.
"That Don't Impress Me Much” è una delle canzoni più famose del repertorio di Shania Twain che inserì il brano nel suo album del 1997 “Come On Over”. Scritta insieme al produttore Robert John "Mutt" Lange. Il singolo pubblicato alla fine del 1998 raggiunse la numero 7 in USA e la numero 5 in UK. Nel testo la cantante si dichiara poco dispo…