Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2014

Ascolta la cover di Rolling In The Deep cantata da Aretha Franklin

E' la cover di "Rolling In The Deep" di Adele il nuovo singolo della grande Aretha Franklin. Versione davvero molto bella che contiene anche - nel finale - lo snippet della celebre "Ain't no mountain high enough" di Marvin Gaye e Tammi Terrell.
La versione originale di "Rolling in The Deep" risale al 2010 e faceva parte dell'album "21". Numero uno nelle classifiche di mezzo mondo (USA, Italia, Francia, Canada) ma curiosamente non in Gran bretagna dove il singolo di è fermato alla numero 2. Davvero difficile pensare che "The Aretha Version" riesca a fare di meglio dal punto di vista delle vendite. Il Washington Post nel suo "Style blog" ha però lanciato il sospetto che la cantante abbia utilizzato in sala d'incisione uno dei famigerati software di auto-tune per "aggiustare" l'intonazione della voce. Nei commenti su YouTube i fan più attenti hanno indicato in Melodyne il programma incriminato.

Alice Cooper: la cover di Eleanor Rigby

In attesa dell’arrivo nei negozi della compilation tributo “The Art Of Paul Mc Cartney” prevista per il prossimo 17 novembre, continuano le anticipazioni in rete. E’ infatti già disponibile la cover di “Eleanor Rigby", cantata da Alice Cooper.
Alice ha spiegato: "Siamo stati molto influenzati dai Beatles e dalle grandi capacità compositive di Lennon e McCartney. Se chiedi a Ozzy e Steven Tyler la stessa cosa, vedrai che in tutto ciò che facciamo c'è molta melodia. Certo, saremo sempre un po' più pompati dei Beatles, ma facciamo sempre riferimento alle loro melodie".
La versione originale fu pubblicata nel 1966, come singolo e all’interno dell’album Revolver. Nella registrazione Paul George e John cantano ma non suonano alcuno strumento e invece non compare Ringo Starr.  Il 45 giri ebbe un grande successo nelle classifiche inglesi mentre venne accolto freddamente dal pubblico americano. Lunghissima la lista delle cover realizzate: quella di Alice Cooper non è f…

Sanremo 2015: anche cover internazionali nella Terza Serata

Anche l'edizione del 2015 del Festival di Sanremo avrà una serata dedicata alle cover. La conferma ufficiale è arrivata oggi con la divulgazione del regolamento da parte della Rai.
Il Festival di Sanremo si terrà dal 10 al 14 febbraio 2014 e sa serata del Giovedì prevede l' esecuzione da parte dei Campioni di 16 cover ("individuate dal Direttore Artistico - Carlo Conti - d'intesa con gli Artisti"). Votazione (sempre televoto + sala stampa): alla cover più votata verrà assegnato un premio. La novità interessante consiste nel fatto che per la prima volta il regolamento apre alle cover internazionali, a differenza di quanto accaduto negli ultimi anni. Resta da capire se verrà mantenuta l'idea di avere un tema conduttore per le canzoni come successo nelle ultime edizioni. Lo scorso anno la serata fu dedicata ai grandi cantautori italiani. Peccato che le cover proposte negli ultimi anni siano rimaste in gran parte inedite. Il regolamento completo è disponibile qui

Anche Paul Weller e Bruce Dickinson nei Tributo a Jon Lord

Il 4 aprile di quest’anno alcuni dei più affermati musicisti della scena mondiale si sono ritrovati alla Royal Albert Hall di Londra per celebrare la musica di Jon Lord, geniale tastierista inglese fondatore dei Deep Purple.
Il 30 settembre arriva nei negozi il CD che immortala quella magica serata alla quale hanno preso parte tra gli altri Paul Weller, Bruce Dickinson, Glenn Hughes, Rick Wakeman e molti altri.
La Sunflower Jam diretta da Paul Mann ha invece eseguito un tributo orchestrale alla musica di Lord, mentre per l’occasione si sono esibiti anche i Deep Purple nella formazione attuale.
E' stato invece Paul Weller ad inaugurare la serata con una bella cover di Things Get Better, brano che Lord incise all'inizio della sua carriera con la band degli Artwoods.
Il disco sarà disponibile anche in uno speciale cofanetto contenente 2 CD, un DVD con immagini inedite, due speciali vinili da collezione e una T-shirt celebrativa.
John Lord – considerato uno dei grandi maestri …

George Ezra rende omaggio a Cyndi Lauper

La nuova stagione della trasmissione radiofonica BBC Live Lounge è già entrata nel vivo con ospiti di alto livello e cover davvero interessanti, come nella tradizione del programma trasmesso dalla BBC Radio 1. Nella puntata dello scorso 18 settembre lo show di Fearne Cotton ha ospitato George Ezra, il giovane cantautore britannico che lo scorso anno con Budapest si è imposto all'attenzione di critica e pubblico e che ora si sta confermando con l'album di debutto Wanted On Voyage.
Ne corso del programma Ezra ha eseguito il nuovo singolo "Blame it on me" e una brillante versione acustica di "Girls Just Want To Have Fun". La versione originale è quella di Cyndi Lauper del 1983 ma il brano in realtà ha una storia piuttosto curiosa. Innanzi tutto non è - come molti pensano - il primo singolo inciso dalla cantante americana, che aveva già pubblicato un 45 giri alcuni anni prima senza però ottenere nessun successo.
Anche se sembra fatta apposta per la Lauper &quo…

Paul Simon: la cover di Here Comes The Sun

Ancora una cover di "Here Comes The Sun" dei Beatles. E' stato in questo caso il grande Paul Simon a rendere omaggio a George Harrison nel corso dello show di Conan O'Brien trasmesso dal canale americano TBS. La performance fa parte della George Harrison Week che il programma ha dedicato al Quite Beatles in occasione dell'uscita nei negozi di The Apple years 1968-75, un box con i primi sei album di George Harrison. Tra gli ospiti della settimana anche Beck e Norah Jones.
Oltre alla meravigliosa versione del classico dei Fab Four, molto interessante anche l'intervista al cantautore americano che parla del suo rapporto di amicizia con l'ex beatle.
Paul e George avevano cantato il brano insieme in una puntata del Saturday Night Live del 1976.
L'originale invece risale al 1969 e faceva parte dell'album "Abbey Road". Nonostante si tratti di uno dei brani più popolari dei Beatles, non fu mai pubblicato come singolo e fu registrato senza il co…

Trauma: la cover di "Sunny" di Bobby Hebb

"Sunny" è una delle canzoni più famose della musica pop, tanto che la BMI americana l'ha posizionata al 25esimo posto nella classifica dei brani più eseguiti di sempre. Il brano fu composto nel 1963 da Bobby Hebb all'indomani dell'assassinio di John F. Kennedy e della morte di suo fratello Harold. La prima versione ufficiale del brano fu però pubblicata solo due anni più tardi e per il mercato giapponese dalla cantante Mieko Hirota. Bobby Hebb pubblicherà il brano solo qualche mese dopo, nell'aprile del 1966 portandolo al grande successo in tutto il mondo (numero due in USA e numero 12 un UK). Da allora la canzone non ha smesso di essere popolare grazie a centinaia di versioni di grande successo, da Frank Sinatra a Cher dai Bonny M a Marvin Gaye.
Ora arriva questa nuova cover realizzata dai tedeschi Trauma e pubblicata in Italia da Rise Records (Time S.p.A.).
Il brano è uno dei brani più ricercati del momento a livello europeo, in classifica in questi giorni…

Una cover di Mia Martini per Eleonora Crupi

Il 20 settembre del 1947 nasceva l’indimenticabile Mia Martini. Eleonora Crupi, giovane interprete già vincitrice di Area Sanremo 2010 con il brano “Bastava”, portato poi al successo mondiale da Laura Pausini, ed interprete di brani raffinati ed eleganti che, negli ultimi anni, ne hanno messo in luce le doti interpretative, come “Questa sono io” e la delicata storia d’amore tra due ragazzi dello stesso sesso, “Perfetti”, torna con un omaggio alla grande Mia nel giorno della sua nascita.
Esce oggi su iTunes, e su tutti gli store di musica digitale una versione piano e voce di "Gli Uomini non cambiano". Nel brano Eleonora è accompagnata dalla pianista Gaia Possenti, l
“Mia Martini era e resta la più grande interprete che il nostro paese ha avuto la fortuna di ascoltare, ma non solo, Mia era anche una grande donna, tenace e combattiva nonostante le avversità della vita e quel vuoto dentro che si percepiva in ogni sua interpretazione rendendola unica, vera e toccante.
L’ho semp…

Andreas Varady: la cover di Let The Good Times Roll

E' la cover di "Let The Good Times Roll" di Louis Jordan il singolo con cui debutta in Italia Andreas Varady, il giovanissimo genio della chitarra scoperto e prodotto da Quincy Jones.
Il brano si avvale della collaborazione del cantante americano Gregory Porter, vincitore quest'anno di un Grammy Award per il miglior album jazz.
La versione originale del brano risale al 1949 ed è stato negli anni interpretato da decine di grani nomi della musica. Lo stesso Quincy Jones inserì la canzone nel suo album del 1995 facendola cantare a Bono e Stevie Wonder e Ray Charles.
Ungherese di origine gitana, cresciuto in Irlanda, Andreas Varady ha iniziato a suonare insieme al padre la chitarra all’età di quattro anni, dimostrando fin da subito di avere grandissime qualità, riuscendo nel non facile compito di fondere la tecnica e lo stile di maestri come Wes Montgomery e George Benson con la tradizione di Django Reinhardt.
Andreas ha iniziato prestissimo a suonare dal vivo; già nel …

Annie Lennox: la cover di I Put A Spell On You

Nina Simone, Joe Cocker, Bryan Ferry, Nick Cave e Marilyn Manson, Sono solo alcuni degli artisti che hanno realizzato una cover di "I put a spell on you". Ora alla già lunga lista - che secondo la "bibbia" del settore Second Hand Songs conta ben 50 versioni pubblicate ufficialmente - si aggiunge anche il nome di Annie Lennox.
L'ex voce degli Eurythmics ha inserito il brano nel suo nuovo album "Nostalgia", che uscirà in tutto il mondo il 28 ottobre. L'album è una raccolta di 12 standard resi noti da artisti come Billie Holiday, Nina Simone, Jo Stafford e Louis Armstrong.
Accanto ad Annie, che suona la maggior parte del disco, il suo collaboratore e produttore di lunga data Mike Stevens nel cui studio nella West London è stato registrato l'album.
Per la gioia degli appassionati del vinile il disco uscirà in formato LP già dal 30 settembre, molto prima del CD.
"I Put A Spell On You" fu composta dal musicista americano Screamin' Ja…

A Milano "Buon Compleanno Mimì" Tributo a Mia Martini

Il 20 settembre del 1947 nasceva a Bagnara Calabra Domenica Rita Adriana Berté, che con il nome d'arte di Mia Martini è stata una delle interpreti più apprezzate della musca italiana. Per ricordare la sfortunata cantante scomparsa nel 1995, torna anche quest'anno il concerto tributo "Buon Compleanno Mimì”.
Dopo il grande successo dell’edizione 2013, svoltasi al Teatro Nuovo in Piazza San Babila a Milano, l'ediazione di quest'anno si svolgerà il 20 settembre presso il Teatro Dal Verme, Via San Giovanni sul Muro 2 Milano (Cairoli).
Lo spettacolo, organizzato dall’Associazione Culturale Minuetto-Onlus con la direzione artistica di Vincenzo Adriani e Giancarlo Del Duca, sarà presentato da Luisa Corna.
Anche quest’anno celebreranno l’arte unica e indimenticabile della raffinata e intensa artista importanti nomi del panorama musicale italiano: Alex Britti, Anna Tatangelo, Annalisa Scarrone, Marco Carta, Renzo Rubino, Michele Bravi, Loredana Errore , Laura Bono e Manu…

Maroon 5: la cover di Happy di Pharrell

Uscita alla fine dello scorso anno "Happy" di Pharrell Williams ha dominato le classifiche di mezzo mondo nel corso del 2014: oltre 2 milioni di copie vendute solo negli Stati Uniti e quasi 100 mila in Italia.
Molte anche le cover che circolano in rete della canzone, anche se per il momento nessuna ancora ufficialmente pubblicata. Da segnalare però - per la qualità audio e video dell'esibizione - quella realizzata dai Maroon 5 nel corso della loro recente apparizione al BBC Live Lounge della Radio 1.
La band americana - ospite negli studi londinesi lo scorso 11 settembre - ha tenuto un vero e prorio mini show di cinque canzoni, durante il quale Adam Levine e compagni hanno proposto alcune loro grandi hit del loro repertorio, due brani del nuovo album V e la cover di Happy di Pharrell.
Arrangiamento acustico davvero sorprendente e voce di Adam Levine in gran forma. Piacerà senza dubbio ai fan della band californiana.


Santana: la cover di Cielito Lindo nel nuovo album live

Contiene anche la cover di "Cielito Lindo" il nuovo album live di Carlos Santana in uscita in Italia il prossimo 23 settembre e intitolato ‘Corazon, Live From Mexico: Live It To Believe It'.
Il disco - disponibile anche in versione DVD e Blu Ray - contiene la registrazione del concerto che il chitarrista ha tenuto il 14  dicembre dello scorso anno all' Arena FVG di Guadalajara in Messico. Uno show davvero speciale nella città natale di Carlos Santana, durante il quale ha condiviso il paco con grandi ospiti come Gloria Estefan, Juanes e Miguel. “Corazón, Live From Mexico: Live It To Believe It” è diretto da Nick Wickham e prodotto da Emer Patten e Paul “Skip” Rickert. Il DVD e l’album hanno come produttori esecutivi Clive Davis - collaboratore di lunga data di Santana nonché Chief Creative Officer di Sony Music Entertainment, Carlos Santana, Afo Verde - Chairman e CEO di Sony America Latina, Spagna e Portogallo, Michael Vrionis - Presidente di Universal Tone Manageme…

Barbra Streisand: la cover di Love Me Tender

E' il duetto virtuale con Elvis Presley sulle note della celeberrima "Love Me Tender" uno dei momenti migliori contenuti in "Partners" il nuovo album di Barbra Streisand.
Il disco - in uscita il prossimo 16 settembre - contiene preziosi duetti con alcune delle più prestigiose voci maschili del panorama internazionale, da Andrea Bocelli a Lionel Ritchie, da John Legend a John Mayer. Barbra ha infatti spesso cantato in passato con molti colleghi, e si è dimostrata sempre impareggiabile nel dividere il microfono con altri artisti.
"Elvis venne a vedere il mio primo show all'International Hotel di Las Vegas nel 1969 e mi invitò al suo concerto - ha spiegato la cantante - Era veramente una star, era incredibile. Non è stato un duetto difficile, dato che mi è capitato di incontrarlo un paio di volte nel corso della mia carriera. Ed è un po' come se le nostre anime si siano toccate".
La Streisand è l’artista femminile che ha venduto di più nella sto…

Ligabue canta Alice di Francesco De Gregori

Sarà in radio da domani una nuova versione di "Alice" di Francesco De Gregori cantata insieme ad un ospite davvero speciale: Luciano Ligabue.
“La partecipazione di Luciano è sorprendente. Sembra che l'abbia scritta anche lui insieme a me pochi giorni fa - ha dichiarato De Gregori che aggiunge - L'abbiamo improvvisata in studio con un paio di chitarre, niente di più: con la voce di Liga questa vecchia canzone prende altri colori
senza però perdere nulla della sua forza originale".
La canzone farà parte del doppio CD "VIVAVOCE", in uscita il prossimo 10 novembre, in cui De Gregori rivisita con arrangiamenti inediti 28 canzoni del suo repertorio.
Il singolo “Alice” sarà disponibile su iTunes e tutti gli store digitali a partire da domani, in contemporanea con la radio date.
La versione originale risale al 1973 e faceva parte del secondo album del cantautore romano. De Gregori gareggio con il brano al  "Disco per L'estate", arrivando ultimo …

Ed Sheeran la cover di Chasing Cars per MTV

Ospite nel weekend negli studi di MTV, Ed Sheeran ha regalato ai suoi fan una bella cover di "Chasing Cars" degli Snow Patrol.  Il 23 enne cantante inglese ha eseguito il brano accompagnandosi con la chitarra acustica e utilizzando una loop station che gli ha permesso di rendere ancora più speciale la sua esibizione acustica.
Sheeran è reduce dal clamoroso successo del suo nuovo album X, per otto settimane al primo posto della classifica UK grazie anche alla irresistibile Sing.
La versione originale di "Chasing Cars" risale al 2006 ed è il brano più celebre degli Snow Patrol. E' stata candidata nella sezione Miglior Canzone Rock ai Grammy del 2007 e lo stesso anno ha ricevuto una nomination come Miglior Singolo Britannico ai Brit Awards. Vanta già molte cover ufficiali tra le quali quella di Natasha Bedingfield e quella dei The Baseballs. Lo stesso Sheeran aveva già eseguito il brano dal vivo nel corso del 2012 e durante il suo concerto all' iTunes Festiv…

A novembre l'album tributo "The Art of McCartney"

Arriverà nei negozi il prossimo 17 novembre il mastodontico album tributo dedicato a Paul Mc Cartney.
Il disco si intitolerà "The Art of McCartney" che avrà in scaletta ben 34 tracce scritte da Sir Paul e reinterpretate da altri artisti di fama mondiale. Alcuni davvero di altissimo livello, come  Bob Dylan, Brian Wilson, Alice Cooper, Dr. John, i Kiss, BBKing e  Billy Joel. Al progetto ha collaborato anche il figlio dell'ex Beatle, James, che ha suonato la tastiera in "Hello Goodbye" insieme ai Cure
I disco sarà disponibile in diverse edizioni, dalla  più economica alla superdeluxe in cofanetto (contenente una chiavetta USB a forma di basso Hofner con i file flac delle canzoni).
Il  Tributo è nato da un'dea del produttore americano Ralp Sall, grande fan dei Fab Four, che ha seguito il progetto in prima persona in tutti i suoi aspetti.

E' già possibile pre ordinare il disco qui.


The Art of McCartney tracklist
Maybe I’m Amazed - Billy JoelThings We …

Nelson: la cover di "L'estate sta finendo"

Ancora una cover dei Righeira in questa estate del 2014. Dopo la versione di "Innamoratissimo" cantata da Syria nel suo nuovo album, tocca ora alla celebre "L'estate sta finendo" brano che Michael e Johnson Righeira portarono al successo nel 1985. A ricantare la celebre hit è stato Nelson, cantante e autore napoletano, che ha riarrangiato il brano in chiave acustica.
Ad accompagnare la cover, un bel video girato dal regista Claudio D'Avascio, che ha già firmato video musicali per Neffa (“Cambierà”) e Raf (“Non è mai un errore”). Le location e le situazioni narrative sono sostanzialmente tre: una spiaggia semideserta in cui un gruppo di detenuti in catene viene deportato da una bellissima schiavista in una sfilata semi-onirica sospesa tra il sadismo e il glamour (la schiavitù all'amore a cui nessun uomo può sottrarsi), una piscina limpidissima in cui il cantautore decide di fare il morto vestito in smoking e la liberazione di trovarsi all'improvviso…

Madison Beer: la cover di Stay With Me

A soli 15 anni la giovanissima Madison Beer è considerata una delle promesse della nuova scena pop americana, grazie al successo del singolo Unbreakable ma anche ad una manciata di cover distribuite in rete. Una in particolare, la versione di "At Last" di Etta James, è stata notata da Justin Bieber che ha tweetato il link attraverso il suo seguitissimo profilo, dandole una immediata popolarità.
Ora la cantante newyorchese che sta lavorando al suo album di debutto, ha postato attraverso la sua pagina di YouTube la cover di "Stay With Me" di Sam Smith.
Nel giro di pochi giorni il video ha già superato le 300 mila visualizzazioni.
La versione originale di Sam Smith è stata una delle grandi hit dell'anno: numero 1 in UK, Canada e Israele e numero 2 nella classifica USA. La versione di Madison non aggiunge nulla a quella originale, ma potrebbe contribuire a farla diventare una star.

5 Seconds Of Summer: un omaggio ai Blink 182

Prima partecipazione alla trasmissione BBC Live Lounge per i 5 Seconds Of Summer, giovane formazione australiana che vanta quasi 7 milioni di fan su Facebook.

Nel corso del programma la band ha proposto il nuovo singolo Amnesia, terzo estratto dal loro album di debutto, e la cover acustica di "I Miss You" dei Blink 182.

La versione originale della canzone risale a 10 anni fa. La band americana inserì la canzone nel quinto album di studio che porta semplicemente il loro nome. Il brano ebbe anche un ottimo successo come singolo arrivando fino alla numero 8 della classifica inglese.

Non si tratta in realtà di una novità assoluta per i fan dei 5 Seconds of Summer. La band australiana aveva già pubblicato in rete una versione del brano attraverso la propria pagina di YouTube incisa nel 2011 e l'anno successivo aveva inserito la cover in un EP Unplugged.

Il testo della canzone contiene dei riferimenti ai personaggi di “The Nightmare Before Christmas“, capolavoro d’animazione …

Johnny Winter: la cover di Unchain My Heart

Si apre con la cover di "Unchain My Heart" il disco postumo di Johnny Winter intitolato "Step back" e arrivato nei negozi a meno di due mesi di distanza dalla prematura scomparsa del chitarrista americano.
Paul Nelson, che dell'album è il produttore ed è stato il chitarrista della band di Winter e il suo manager, ha spiegato in una intervista a Billboard che l'artista "era orgoglioso di questo lavoro e felice di essere circondato da tanti ospiti di nome". Al disco hanno infatti partecipato Eric Clapton, Dr. John, Ben Harper, Leslie West (Mountain), Joe Bonamassa e Billy Gibbons degli ZZ Top
Il disco è stato ultimato da Winter poche settimane prima della sua morte, avvenuta il 16 luglio scorso a Zurigo, per cause che non sono mai state ufficialmente svelate. La cover di "Unchain My Heart" è stata realizzata con la collaborazione dei Blues Brothers Horns. Anche se molti ricordano il brano per la versione di Joe Cocker del 1987, la versio…

Bryan Adams: tutte le cover del nuovo album

Si intitolerà "Tracks of my years" il nuovo album di Bryan Adams in uscita il prossimo 7 ottobre su etichetta Polydor/Universal e da oggi in preorder su iTunes.
Il disco conterrà undici cover di grandi classici degli anni ‘50, ‘60 e ’70 molto eterogenei tra loro come "Rock & Roll Music" di Chuck Berry, "I Can't Stop Loving You" di Ray Charles, "God Only Knows" dei Beach Boys e "Any Time At All" dei Beatles, a cui si aggiungerà un inedito dal titolo “She Knows Me”, scritto a quattro mani con lo storico collaboratore Jim Vallance (autore di classici come  “Heaven”, “Summer of ‘69” e “Run To You”).
«Selezionare queste canzoni è stato un lungo lavoro - ha detto Bryan - Ne abbiamo registrate parecchie prima che quelle giuste in qualche modo si presentassero da sole, o suonassero sufficientemente diverse dalle originali. Siamo rimasti in studio per circa 3 mesi, spalmati su un periodo di 2 anni.
Quando ero un teenager la radio la fa…

Ace Frehley: la cover di "The Joker"

Contiene anche una cover di Steve Miller il nuovo alum di Ace Frehley – storico chitarrista dei Kiss. Il lavoro si intitola “Space Invaders” e contiene 11 nuove canzoni e una curiosa versione di “The Joker” grande classico della Steve Miller Band. Frehley ha spiegato che la scelta di incidere la cover del brano arriva dalla sua casa discografica. “Io in realtà non era affatto convinto di voler inserire il brano nel disco – ha spiegato il chitarrista – Ma poi ho ripensato al mio primo album solista del 1978. All’epoca fu un assistente del mio produttore Eddie Kramer ad insistere affinche inserissi la cover di “New York Groove”, un brano degli Hello scritto da Russ Ballard. Ed è diventato il mio più grande successo. Magari ora la storia potrebbe ripetersi!”
Il nuovo album di Frehley arriva a 5 anni di distanza dal precedente “Anomaly” ed è il sesto da solista nella carriera dell’ex componente dei Kiss.
La versione originale di “The Joker” risale al 1973. Secondo molti critici la canzon…

Arcade Fire: tutte le cover del Reflektor World Tour

Si è chiuso con la data "casalinga" di Montreal il trionfale Reflektor world tour degli Arcade Fire. Tour nel corso del quale la band di Win Butler ha spesso stupito il proprio pubblico con cover davvero sorprendenti.
A fare un po' di ordine nelle scalette dei concerti della band canadese ha pensato l'attentissimo sito Consequence Of Sound, che ha tirato le somme della tournee.
Nel corso dei 74 show che gli Arcade Fire hanno tenuto quest'anno, la band ha eseguito ben 68 canzoni differenti e ben 35 di queste sono state delle cover. Alcune sono addirittura diventate quasi ricorrenti all'interno della setlist come  "Controversy" di Prince eseguita per ben 6 volte o "Uncontrollable urge" dei Devo (suonata in quattro occasioni) e "Heart of glass" dei Blondie.
In molti casi poi la band ha "localizzato" la scenta dei brani, prendendo spunto da quanto avava già fatto Springsteen nel corso della sua ultima tournee:  gli Arcade …