Passa ai contenuti principali

Sugar Man: la cover dei Yolanda Be Cool

Quattro anni dopo il successo planetario di “We No Speak Americano”, cover dance di “Tu vo' fa l’americano” che ha collezionato dischi d’oro e di platino in tutto il mondo, tornano in team Yolanda Be Cool & DCUP con la cover del brano “Sugar Man”.
Si tratta di un brano a dire il vero non molto noto al pubblico italiano ma che ha una storia che merita di essere raccontata.
Fu pubblicato per la prima volta nel 1970 da dal cantautore americano Rodriguez all’interno del suo album di debutto “Cod Facts” senza ottenere particolare successo. Così come erano passati praticamente inosservati i suoi precedenti singoli.

Sixto Rodriguez (chiamato così perché sesto figlio) era stato notato locale periferico di Detroit, il Sewer da due coraggiosi talent scout che avevano deciso di puntare sul talento del cantante noto per i suoi atteggiamenti scontrosi (il concerto di lancio del disco lo tenne dando per tutto il tempo le spalle al pubblico).
Il successo però non arriva e Rodriguez torna da dove è venuto: si mette a fare l'operaio demolitore e il muratore. Si candida persino a sindaco di Detroit ma chiude questa parentesi con una manciata di voti.
Incredibilmente però per lui il successo arriva dall’altra parte del mondo: in Australia in Nuova Zelanda e soprattutto in Sud Africa dove grazie al passaparola nel giro di pochi anni i suoi album diventano la colonna sonora della rivolta anti-apartheid, per via dei testi anti-establishment contro l'oppressione e i pregiudizi sociali.
Nel 1981 arriva persino un disco di platino e una popolarità - dicono in molti - pari a quella di Elvis Presley e il soprannome di “Bob Dylan Ispanico”. Tra i suoi fan più accaniti c’è anche il grande Steve Biko.
Il tutto però a sua insaputa, visto che in Sudafrica circolano voci che sia morto suicida o ucciso durante un concerto. Notizie falese, forse fatte circolare ad arte per non pagare al musicista le royalties che gli spettavano.

Tutto questo fino a quando alla fine degli anni 90 suo fan e un giornalista musicale decidono di provare a scoprire qualcosa di più su di lui. E scoprono la sua incredibile storia che porta Rodriguez nel 1998 a suonare in Sudafrica in una trionfale turnee.

L’incredibile storia del cantautore è stata raccontata nel 2012 nel bel film documentario , "Searching For Sugar Man" che prende il titolo proprio dal suo brano capolavoro. E dato che la storia di “Sugar Man” è davvero pazzesca, il brano in realtà è registrato a nome di Jesus Rodriguez, fratello di Sixto, forse solo per motivi burocratici.

La cover dei Yolanda Be Cool non sarà indimenticabile, ma ha il merito di riportare l’attenzione del pubblico su una storia davvero unica. Meglio aveva fatto nel 2006 Paolo Nutini che aveva registrato una versione del brano come b side del singolo Last Request.

Yolanda Be Cool è un duo australiano attivo dal 2009 e formato da Sylvester Martinez e Johnson Peterson. Il nome del duo è un riferimento al film Pulp Fiction, nel quale Jules, interpretato da Samuel L. Jackson, in una delle scene finali, chiede urlando ad una rapinatrice armata chiamata Yolanda di stare "quieta", "cool" in lingua originale, citando uno dei tormentoni di Fonzie.




SUGAR MAN

Sugar man, won't you hurry
'Cos I'm tired of these scenes
For a blue coin won't you bring back
All those colors to my dreams

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man met a false friend
On a lonely dusty road
Lost my heart when I found it
It had turned to dead black coal

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man you're the answer
That makes my questions disappear
Sugar man 'cos I'm weary
Of those double games I hear

Sugar man, Sugar man, Sugar man, Sugar man,
Sugar man, Sugar man, Sugar man

Sugar man, won't you hurry
'Cos I'm tired of these scenes
For the blue coin won't you bring back
All those colors to my dreams

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man met a false friend
On a lonely dusty road
Lost my heart when I found it
It had turned to dead black coal

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man you're the answer
That makes my questions disappear

Commenti

Post popolari in questo blog

I Coldplay rendono omaggio a Chester Bennington

Anche i Coldplay hanno voluto rendere omaggio a Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park morto suicida a soli 41 anni lo scorso 20 luglio.
Durante il concerto tenuto ieri - 1 Agosto 2017 -  a New York presso il MetLife Stadium in New Jersey, Chris Martin e compagni hanno eseguito una toccante cover di "Crawling" , brano che faceva parte dell'album d'esordio della band Hybrid Theory.
Una versione distante dall'originale e che il cantante ha eseguito al pianoforte.
"Questa finirà su YouTube e devo cercare di farla bene" ha detto Chris "E' dedicata a chiunque senta la mancanza di qualcuno".
Al concerto era presente anche Mike Shinoda, amico e collega di Chester, che ha pubblicato su Instagram un breve filmato.

Le HAIM cantano una cover di Shania Twain

Le HAIM hanno reso omaggio a Shania Twain con la cover della hit 'That Don't Impress Me Much”. Le ragazze – che in questi giorni stanno promuovendo il loro nuovo album “Something to tell you” - hanno eseguito il brano negli studi dell’emittente australiana Triple J nel corso della trasmissione Like a Version. Durante l’intervista le tre sorelle Haim hanno dichiarato il loro amore per la cantante canadese. “Se vuoi pensare di avere un appuntamento con una di noi devi sapere che per prima cosa devi essere un fan di Shania Twain” ha scherzato Este mente Sari ha definito la cantante “la fonte di ispirazione nella mia vita”.
"That Don't Impress Me Much” è una delle canzoni più famose del repertorio di Shania Twain che inserì il brano nel suo album del 1997 “Come On Over”. Scritta insieme al produttore Robert John "Mutt" Lange. Il singolo pubblicato alla fine del 1998 raggiunse la numero 7 in USA e la numero 5 in UK. Nel testo la cantante si dichiara poco dispo…

Arcade Fire: la cover di Green Light di Lorde

Ospiti della trasmissione Live Lounge della BBC Radio 1, gli Arcade Fire hanno eseguito dal vivo la cover di "Green Light" di Lorde.
La band canadese - accompagnata da un coro composto di sette ragazzi - ha eseguito anche il nuovo singolo "Everything Now". Gli Arcade Fire erano già stati ospiti della trasmissione nel 2005.
Scritta dalla stessa Lorde in collaborazione con il produttore Jack Antonoff e Joel Little, "Green Light" è il stato il singolo che ha anticipato l'uscita di Melodrama, il secondo album della cantante neozelandese che arriva a quattro anni di distanza dal successo mondiale di "Pure Heroine".
La versione degli Arcade Fire non è all'altezza della fama del gruppo, e anche molti fan non hanno potuto fare a meno di notare la non impeccabile interpretazione vocale di Régine Chassagne


Queens of the Stone Age: la cover di Bad Boy

I Queens of the Stone Age sono stati i protagonisti della puntata di ieri - lunedì 24 ottobre - del BBC Live Lounge.
La band americana, che partecipava per la terza volta al celebre programma condotto da Clara Amfo, ha scelto di rendere omaggio a Marty Wilde, vera leggenda del rock'n' roll inglese, oltre che papà della celebre Kim.
Josh Homme e Dean Fertita hanno eseguito una cover di "Bad Boy" canzone che Wilde scrisse e portò al successo nel lontano 1959.
Una versione piano e voce, delicata e elegante che ha sorpreso anche i fan più accaniti.
Brano poco noto al pubblico italiano, e forse neppure troppo a quello inglese visto che entrò nella Top 50 solamente negli USA.
In più dell'originale: la voce di Josh
In meno dell'originale: la ritmica rock'n'roll

Nouvelle Vague: il nuovo singolo è un omaggio ai Ramones

E’ la cover di “I wanna be sedated” dei Ramones il nuovo singolo dei francesi Nouvelle Vague, progetto musicale ideato da Marc Collin e Olivier Libaux che si propone di eseguire classici della new wave e del punk anni ottanta, reinterpretandoli in stile bossanova. La cover fa parte dell’album I Could Be Happy – il quinto in studio per il gruppo – pubblicato alla fine del 2016. La voce è quella di Camille Dalmais, cantante e attrice francese che aveva già partecipato al primo album dei Nouvelle Vague, cantando le cover di "Too Drunk to Fuck", "In a Manner of Speaking", "The Guns of Brixton",  e"Making Plans for Nigel”.
La versione originale di I Wanna Be Sedated fu pubblicata dai Ramones nel 1978 per l’album “Road To Ruin” e parla del “duro lavoro” delle rockstar perennemente in tour.
A firmare il brano – che la rivista americana Rolling Stone ha inserito nella propria classifica delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi – sono Dee Dee Ramone,…