Passa ai contenuti principali

Sugar Man: la cover dei Yolanda Be Cool

Quattro anni dopo il successo planetario di “We No Speak Americano”, cover dance di “Tu vo' fa l’americano” che ha collezionato dischi d’oro e di platino in tutto il mondo, tornano in team Yolanda Be Cool & DCUP con la cover del brano “Sugar Man”.
Si tratta di un brano a dire il vero non molto noto al pubblico italiano ma che ha una storia che merita di essere raccontata.
Fu pubblicato per la prima volta nel 1970 da dal cantautore americano Rodriguez all’interno del suo album di debutto “Cod Facts” senza ottenere particolare successo. Così come erano passati praticamente inosservati i suoi precedenti singoli.

Sixto Rodriguez (chiamato così perché sesto figlio) era stato notato locale periferico di Detroit, il Sewer da due coraggiosi talent scout che avevano deciso di puntare sul talento del cantante noto per i suoi atteggiamenti scontrosi (il concerto di lancio del disco lo tenne dando per tutto il tempo le spalle al pubblico).
Il successo però non arriva e Rodriguez torna da dove è venuto: si mette a fare l'operaio demolitore e il muratore. Si candida persino a sindaco di Detroit ma chiude questa parentesi con una manciata di voti.
Incredibilmente però per lui il successo arriva dall’altra parte del mondo: in Australia in Nuova Zelanda e soprattutto in Sud Africa dove grazie al passaparola nel giro di pochi anni i suoi album diventano la colonna sonora della rivolta anti-apartheid, per via dei testi anti-establishment contro l'oppressione e i pregiudizi sociali.
Nel 1981 arriva persino un disco di platino e una popolarità - dicono in molti - pari a quella di Elvis Presley e il soprannome di “Bob Dylan Ispanico”. Tra i suoi fan più accaniti c’è anche il grande Steve Biko.
Il tutto però a sua insaputa, visto che in Sudafrica circolano voci che sia morto suicida o ucciso durante un concerto. Notizie falese, forse fatte circolare ad arte per non pagare al musicista le royalties che gli spettavano.

Tutto questo fino a quando alla fine degli anni 90 suo fan e un giornalista musicale decidono di provare a scoprire qualcosa di più su di lui. E scoprono la sua incredibile storia che porta Rodriguez nel 1998 a suonare in Sudafrica in una trionfale turnee.

L’incredibile storia del cantautore è stata raccontata nel 2012 nel bel film documentario , "Searching For Sugar Man" che prende il titolo proprio dal suo brano capolavoro. E dato che la storia di “Sugar Man” è davvero pazzesca, il brano in realtà è registrato a nome di Jesus Rodriguez, fratello di Sixto, forse solo per motivi burocratici.

La cover dei Yolanda Be Cool non sarà indimenticabile, ma ha il merito di riportare l’attenzione del pubblico su una storia davvero unica. Meglio aveva fatto nel 2006 Paolo Nutini che aveva registrato una versione del brano come b side del singolo Last Request.

Yolanda Be Cool è un duo australiano attivo dal 2009 e formato da Sylvester Martinez e Johnson Peterson. Il nome del duo è un riferimento al film Pulp Fiction, nel quale Jules, interpretato da Samuel L. Jackson, in una delle scene finali, chiede urlando ad una rapinatrice armata chiamata Yolanda di stare "quieta", "cool" in lingua originale, citando uno dei tormentoni di Fonzie.




SUGAR MAN

Sugar man, won't you hurry
'Cos I'm tired of these scenes
For a blue coin won't you bring back
All those colors to my dreams

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man met a false friend
On a lonely dusty road
Lost my heart when I found it
It had turned to dead black coal

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man you're the answer
That makes my questions disappear
Sugar man 'cos I'm weary
Of those double games I hear

Sugar man, Sugar man, Sugar man, Sugar man,
Sugar man, Sugar man, Sugar man

Sugar man, won't you hurry
'Cos I'm tired of these scenes
For the blue coin won't you bring back
All those colors to my dreams

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man met a false friend
On a lonely dusty road
Lost my heart when I found it
It had turned to dead black coal

Silver magic ships you carry
Jumpers, coke, sweet Mary Jane

Sugar man you're the answer
That makes my questions disappear

Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

È morta Aretha Franklin: 5 cover per ricordare la regina del soul

È morta nella notte nella sua casa di Detroit Aretha Franklin.
La cantante aveva 76 anni ed era da tempo malata di tumore al pancreas. La Franklin, passata alla storia come “la regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento, una di quelle talmente famose da essere chiamate soltanto per nome.
Nel corso della sula leggendaria carriera Aretha ha interpretato un gran numero di cover, oltre 200 quelle catalogate dal sito SeconHandSongs, vera bibbia per gli appassionati di cover.  E molte delle sue interpretazioni hanno oscurato quelle che erano le versioni originali, a partire dalla leggendaria "Respect" di Otis Redding Noi oggi ricordiamo la grande regina del soul con cinge cover indimenticabili.
I say A Little Prayer (1968)


Respect (1967)




Jumpin' Jack Flash 1986




Eleanor Rigby - 1969




Bridge Over Troubled Water - 1971



The André: la cover di Rolls Royce di Achille Lauro

Tra le tante cover di "Rolls Royce" di Achille Lauro realizzate in "tempo reale" e comparse in rete nelle ultime ore, spicca quella di The Andrè il misterioso artista della scena indie che la sua timbrica naturale e spontanea ricorda in maniera impressionante quella di Fabrizio De Andrè.
Sul suo canale YouTube è infatti comparsa la rilettura del discusso brano in gara nell'edizione di quest'anno del Festival di Sanremo, accompagnato dalla breve nota "Il Maestro si cimenta nella discussa canzone su Paul Gascoigne". Il brano - come nello stile delle cover di The Andrè - è stato riarrangiato in versione acustica, chitarra e voce.


Dallo scorso 18 gennaio, è disponibile nei negozi tradizionali, in disco e vinile, “THEMAGOGIA – Tradurre, tradire, trappare” l’esordio discografico di The Andrè, artista che interpreta, con nuovi linguaggi, il mondo dell’indie e della trap.


Achille Lauro (vero nome Lauro De Marinis) è senza dubbio il personaggio più discus…

Mina canta "Il Tempo Di Morire" di Battisti

Anche se molti la chiamano erroneamente “Motocicletta”,  Il Tempo Di Morire è uno dei grandi classici del repertorio di Lucio Battisti. Da domani il brano sarà anche il nuovo singolo di Mina, uno dei due inediti contenuti nel nuovo album “Paradiso - Battisti Songbook”, in cui Mina ha raccolto tutte le sue interpretazioni già edite delle canzoni di Battisti-Mogol, arricchendolo con il valore aggiunto di due inediti assoluti; sono le due canzoni che aprono il primo CD e il primo vinile: “Vento nel vento”, arrangiata da Rocco Tanica, e “Il tempo di morire”, arrangiata da Massimiliano Pani. Quest’ultima sarà in rotazione radiofonica da venerdì 16 novembre.

Sono stati recuperati anche due brani non più facilmente reperibili, a suo tempo inclusi nell’antologia fuori catalogo “Mazzini canta Battisti” (“Perché no” e “Il leone e la gallina”).

L’edizione in CD di “Paradiso - Battisti Songbook” contiene inoltre alcune rarità: cinque canzoni di Battisti interpretate in spagnolo e una interpret…

Una cover dei Guns N' Roses per Nicole Atkins e Mark Lanegan

Nicole Atkins e Mark Lanegan hanno reso omaggio ai Guns N' Roses con la cover di "November Rain", brano che la band statunitense pubblicò nel 1992 nell’album “Use Your Illusion I”. La Atkins ha spiegato in un’intervista a Stereogum di aver deciso di realizzare la cover del brano la scorsa estate durante una vacanza nel Vermont: “Ho sognato la canzone e quando mi sono svegliata l’ho registrata. Una volta tornata a Nashville ho contattato Mark Lanagan che conosco dal 2006. Era da anni che parlavamo di fare un duetto e ho pensato che non avevo nulla da perdere a provare a chiederglielo. Alla fine è andato tutto come mi ero immaginata!” Dal canto suo il leader degli Screaming Trees ha commentato: “Registrare la cover è stato fantastico. Ho messo insieme due delle mie cose preferite: la voce di Nicole e i Guns N' Roses”. La Atkins ha ancora aggiunto “La cosa migliore della cover è che per il primi 30 secondi non capisci bene cosa sia e solo dopo realizzi che si tratta di…