Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2015

Billy Corgan rende omaggio ai Beatles

Di una ennesima cover di “Something” probabilmente non si sentiva la necessità, visto che secondo il sito SecondHandSongs sono quasi 200 le versioni pubblicate del grande classico dei Beatles. Certo che però che la cover realizzata da Billy Corgan che da qualche giorno circola in rete ha suscitato molta curiosità. Nel video girato da un fan, si vede il frontman degli Smashing Pumpkins interpretare il classico dei Fab Four accompagnandosi al pianoforte, durante le prove dello show “VIP Experience", tenuto dalla band la scorsa settimana a Des Moines, Iowa. La registrazione risale allo scorso 20 giugno.
Una versione molto scarna, ma comunque interessante anche perché si tratta del primo tributo ai Beatles da parte della band americana che in passato ha reso omaggio a Bowie, Cure, Depeche Mode e Fleetwood Mac. La versione originale di “Something” fu pubblicata nel 1969 nell’album “Abbey Road”. Frank Sinatra – uno che non fu mai prodigo di complimenti nei confronti dei Quattro Baro…

Una cover di Ciampi per i Sinfonico Honolulu

Il singolo nuovo dei Sinfonico Honolulu è una cover di Piero Ciampi, il grande cantautore livornese scomparso nel 1980. Il brano si intitola "Fra Cent'Anni" e anticipa l'uscita del primo album di inediti del gruppo prevista per Ottobre 2015.

La versione originale fu pubblicata da Ciampi come singolo nel 1962 con lo pseudonimo di Piero Litaliano, nome d'arte che riprendeva il soprannome con il quale il cantautore si era fatto conoscere a Parigi alla fine degli anni 50 quando nell'ambiente bohémien lo chiamavano "l'italianó".

Il brano è firmato insieme all'amico Gian Franco Reverberi , fratello di Giam Piero, che Ciampi aveva conosciuto durante il servizio militare.

Il singolo pubblicato dalla CGD non ebbe alcun successo in termine di vendite, ma fu successivamente inserito in molte compilation postume.

Il Sinfonico Honolulu aveva già reso omaggio in passato a Ciampi, cantando la cover di "Livorno" per il tributo intitolato "Co…

The T-Street Band in concerto a Nizza

Concerto in territorio francese per la The T-Street Band, una delle più apprezzate e attive Tribute Band dedicate a Bruce Springsteen. Il gruppo si esibirà infatti domani sera sul palco dell'Hard Rock Cafe di Nizza, in Costa Azzurra. Per la band piemontese capitanata da Joe Fandango si tratta della prima esibizione oltre confine,
Sul loro sito così raccontano la loro storia:

Nell'aprile del 2009 ci sono due annunci che sbucano sul sito di Cantine. Il ritrovo che sancisce la nascita della band è una serata tributo proprio al Boss: il 18 aprile al Corner House di Torino suona la Bi Street Band, e quella sera si trovano quelli che daranno il via al progetto: Joe alla voce, Dino alla batteria, Edo alle tastiere. Da lì a poco arriverà Bruno alla chitarra, poi Maurizio "BigMan" al sax, ed in ultimo Davide al basso, a completare lo "zoccolo duro" della Band. Da quel periodo di costruzione si arriva al primo live, nel febbraio 2010. Col tempo entrano nella band Pao…

Queenmania e Katia Ricciarelli in concerto

Lunedì 29 giugno, alle ore 22, i Queenmania, storica band tributo dei Queen, saliranno sul palco del Teatro Manzoni di Milano (via Alessandro Manzoni, 42 – ingresso da 29 euro) e, con la straordinaria partecipazione di Katia Ricciarelli, proporranno uno spettacolo esclusivo ricco di costumi, scenografie e proiezioni video per far rivivere la leggenda di Freddie Mercury.
I QueenMania - formati da Sonny Ensabella (Voce), Fabrizio Palermo (Basso e voce), Tiziano Giampieri (Chitarra e Voce) e Andrea Ge (Batteria e voce) - vantano la collaborazione con artisti di spicco del panorama musicale italiano e internazionale come Enrico Ruggeri, vero e proprio “Padrino” del gruppo, Tullio De Piscopo, Maurizio Solieri (Vasco Rossi, Steve Rogers Band, etc), Stef Burns (Vasco Rossi, Alice Cooper), Cristina Scabbia (Lacuna Coil), Irene Fornaciari, Luigi Schiavone (E. Ruggeri), Davide “Cesareo” Civaschi (Elio e le Storie Tese), Clara Moroni (Vasco Rossi), Roberto Tiranti (Labyrinth, New Trolls), Fabio…

Una cover dei Duran Duran nel nuovo album degli Eagles of Death Metal

Il nuovo album degli Eagles of Death Metal uscirà il prossimo 2 ottobre e conterrà un sorprendente omaggio ai Duran Duran. Si tratta della cover della celeberrima "Save a prayer" brano che Simon Le Bon e compagni incisero nel 1982 all'interno dell'album Rio.
Il disco si intitolerà 'Zipper Down' e conterrà 11 brani scritti a quattro mani da Josh Homme e Jesse Hughes Homme.
L'album - prodotto dallo stesso Homme - è stato registrato ai Pink Duck Studios di Burbank, California, con i due componenti della band che hanno suonato tutti gli strumenti. "Save a Paryer" è uno dei brani più famosi dei Duran Duran. Fu il terzo singolo estratto dal loro secondo album e raggiunse la numero 2 delle classifiche UK. Merito anche del bel video girato in Sri Lanka dal regista Russell Mulchay.
Curiosamente invece la canzone non fu mai pubblicata come singolo nel territorio americano.

Chiara Ragnini: la cover di "Vita" di Lucio Dalla e Gianni Morandi

La cantautrice Chiara Ragnini ha realizzato una nuova cover per il suo progetto Homeplay – Cover fatte in casa, come le cose buone di una volta.
Dopo aver reso omaggio a Samiele Bersani, Lucio Battisti e Nek , Chiara ha scelto di cantare "Vita" di Lucio Dalla e Gianni Morandi.

La versione originale della canzone - scritta da Mario Lavezzi con un testo di Mogol - fu pubblicata nel 1988 come brano d'apertura dell'album "Dalla/Morandi".

"All'inizio la canzone si intitolava 'Angeli sporchi', ed iniziava con le parole 'Cara in te ci credo' - ha raccontato lo stesso Lavezzi - Dalla ci impose una modifica: la parola 'cara' diventò 'vita' perché a qualcuno poteva dare l'impressione che lui e Morandi si chiamassero così tra loro".

Il brano fu pubblicato come singolo e contribuì non poco al successo dell'album che raggiunse la numero 1 nella Hit Parade italiana e risultò il quarto album più venduto

“Sono cresciuta…

Un album di cover per Dave Edmunds

Dave Edmunds torna con un nuovo album intitolato "On Guitar ...Rags and Classic". Per il 71enne chitarrista gallese si tratta del primo album completamente strumentale nella sua lunga carriera, ed anche il primo interamente composto da cover, alcune delle quali davvero curiose.
Dieci brani che Edmunds ha registrato nel proprio studio domestico, occupandosi in prima persona anche della produzione e suonando tutti gli strumenti.

Il disco si apre con la cover di "A Whiter Shade of Pale" il classico dei Procol Harum del 1967 che in Italia venne ripreso dai Dik Dik con un testo di Mogol intitolato Senza Luce.
" I Believe I Can Fly" è una hit scritta da R.Kelly nel 1996 e contenuta nella colonna sonora del film "Space Jam". "God only knows" dei Beach Boys faceva parte del loro capolavoro "Pet Sound" pubblicato nel 1966. "Wuthering Heights" fu il singolo di debutto di Kate Bush nel 1978 e raggiunse la numero uno in classif…

Pete Townshend’s Classic Quadrophenia

Forse nessuno ne sentiva realmente il bisogno, ma un altro capolavoro degli Who è stato riletto in versione orchestrale. Dopo la versione di “Tommy” realizzata dalla London Symphony Orchestra, la Deutsche Grammophon ha pubblicato “Pete Townshend’s Classic Quadrophenia”, rilettura molto barocca dell’opera rock che gli Who pubblicarono nell’ottobre del 1973.
"Quadrophenia" è il sesto album della band inglese e secondo Townshend anche l'ultimo grande disco realizzato dal gruppo. Fu disco d'oro sia in America che in UK arrivando in seconda posizione in classifica in entrambe le nazioni.
I nuovi arrangiamenti orchestrali sono stati realizzati da Rachel Fuller, compagna dello stesso Townshend, mentre le parti vocali originariamente cantate da Roger Daltrey sono state affidate al tenore Alfie Boe.
Al progetto ha partecipato come ospite anche Billy Idol, che duetta con Boe in Cut My Hair, I've Had Enough, Bell Boy e Sea And Sand. In The Punk And The Godfather e in Dr…

Pietra Montecorvino: album tributo a Pino Daniele

Dieci canzoni per ricordare la musica di Pino Daniele. Sono quelle contenute in "Pietra a metà" il nuovo album di Pietra Montecorvino dedicato al grande cantautore napoletano scomparso all'inizio dell'anno.
Un disco che la cantante partenopea ha inciso di getto, in un solo giorno, con la collaborazione di Erasmo Petringa che ha curato i nuovi arrangiamenti dei brani. Brani che la stessa Montecorvino ha raccontato di aver scelto in un attimo, attingendo tra le sue preferite nel repertorio di Daniele, privilegiando alcuni piccoli grandi gioielli meno noti al grande pubblico.
Come nel caso di "O ssaje comme fa 'o core" brano che compariva nella colonna sonora di "Pensavo Fosse Amore e Invece era un calesse", con un testo scritto dallo stesso Massimo Troisi.
Anche "Qualcosa Arriverà" che apre il disco è legata alla carriera del grande attore napoletano, visto che Daniele la scrisse per il film "Le Vie del Signore Sono Finite"…

Flaming Lips: la cover di Good Vibrations dei Beach Boys

I Flaming Lips tornano a rendere omaggio agli anni 60. Dopo aver pubblicato lo scorso anno un tributo all’album “Sgt. Pepper” dei Beatels, la band capitanata da Wayne Coyne ha realizzato una cover di “Good Vibrations” dei Beach Boys. Il brano – che i Flaming Lips avevano cantato dal vivo lo scorso 30 marzo al Fonda Theatre di Los Angeles nel corso di un concerto-tributo a Brian Wilson – è stato inserito nel documentario prodotto da Flood Magazine , intitolato "Brian Fest: A night to celebrate the life and music of Brian Wilson”.

Registrata durante le session per l’album “Pet Sound” , “Good Vibrations” fu pubblicata come singolo solo nell’ottobre del 1966, raggiungendo la numero uno delle classifiche sia negli USA che in UK. Anche in Italia il 45 giri ottenne un buon successo arrivando fino alla numero 12 della nostra Hit Parade.
Si tratta certamente di uno dei capolavori assoluti scritti da Brian Wilson, che amava definire il brano una “Pocket Symphony”. Il testo fu firmato …

Emma: la cover di "Napule è" di Pino Daniele

Tributo a Pino Daniele nel corso dei Wind Music Awards con la cover di "Napule è" cantata da Emma Marrone. La cantante sul palco dell' Arena ha ricordato il bluesman partenopeo che l’aveva ospitata proprio nel suo show "Nero a Metà" lo scorso settembre.
Peccato che l'esibizione della cantante - tutto sommato meglio di molte altre e con un intenso finale recitato -  verrà ricordata soprattutto per le gaffes. Emma riesce a sbagliare il primo verso della celebre canzone e poi, forse a causa della grande emozione, incappa in una frase che scatena l'ironia del web: "Pino è stato uno dei primi ad avere l'onore di cantare con me" ha detto ricordando la collaborazione con il compianto cantautore. Qualche critica in rete anche per il napoletano non proprio perfetto (visto che Emma è di origini pugliesi).


"Napule è" fu pubblicata nel 1977 da Pino Daniele ed apriva il suo album di debutto "Terra Mia". Uscì anche come 45 giri (il …

Nuovo album dei Maiden uniteD con ospite Paul Di' Anno

Si intitola "Remembrance” il nuovo album dei Maiden uniteD, tribute band specializzata nella rilettura in chiave acustica del repertorio degli Iron Maiden. Il gruppo è capitanato dall’eclettico Damian Wilson (cantante dei Threshold e degli Headspace) e ha già all’attivo due album che hanno entrambi ottenuto un buon successo di critica e pubblico. Della band fa parte in modo stabile anche Ruud Jolie chitarrista degli olandesi Within Temptation.
Il nuovo lavoro contiene 9 tracce scelte nel vasto repertorio della band inglese fra le quali spicca la rilettura di “Strange World” – brano che faceva parte dell’album di debutto dei Maiden - che è stata pubblicata come primo singolo.
La cover di Prowler è invece impreziosita dalla voce di Paul Di Anno, che fino al 1981 è stato il cantante degli Iron Maiden e che quindi aveva cantato anche la versione originale pubblicata nel 1980. Anche per la cover di “Futureal” è stato coinvolto il cantante della versione originale: in questo cas…

Avicii: la cover di Feeling Good per lo spot della Volvo

E’ la cover di “Feeling Good” di Nina Simone il nuovo singolo di Avicii, il ventisenne Dj svedese che nel giro di poche stagioni è diventato uno dei personaggi più importanti della scena dance internazionale.
Il brano – che farà parte del suo nuovo album “Stories” in uscita a settembre – è stato scelto per il lancio commerciale della Volvo XC90. Si è trattato di una vera e propria collaborazione con la multinazionale automobilistica svedese che ha utilizzato la cover per lo spot arrivato da qualche settimana anche in Italia, un po’ in ritardo rispetto al resto d’Europa.
La voce scelta da Avicii per la canzone è quella di Audra Mae, trentunenne cantante americana che si era già  fatta notare nella hit “Addicted to you” contenuta nell’album d’esordio del dj svedese.
“E’ stato fantastico lavorare con Audra – ha spiegato Avicii -  ha una voce potente e carica di emozioni radicata nelle tradizioni della musica country e folk. “Feeling Good” che ho sempre amato, è una delle migliori canzon…