Passa ai contenuti principali

35 anni fa moriva Bob Marley: le cover più belle

35 anni fa - l’11 maggio del 1981 – moriva nel Cedar of Lebanon Hospital, di Miami a soli 36 anni Bob Marley.
Si spense a causa di un tumore, diramatosi da una ferita all'alluce destro e che il musicista rifiutò di farsi amputare per motivi religiosi, nel rispetto dei principi del rastafarianesimo che impone che il corpo umano venga conservato integro. 

La sua straordinaria importanza nel mondo non solo musicale è evidente anche attraverso le centinaia di cover delle sue canzoni realizzate nel corso degli anni da artisti di ogni nazionalità e di differenti estrazioni musicali.
My Way oggi rende omaggio al grande musicista giamaicano con 5 cover davvero indimenticabili.



Redemption Song è la traccia che chiude l’ultimo album in studio di Marley uscito nel 1980 .Quando la scrisse, gli era stato già diagnosticato il cancro che lo avrebbe portato alla morte. Nella canzone, voce e chitarra, si parla di redenzione e di liberazione dalla schiavitù. E’ una delle sua canzoni più ricantate.
La cover “definitiva” è quella che venne registrata nel 2003 da Johnny Cash e Joe Strummer con la produzione di Rick Rubin e che venne pubblicata l’anno successivo nel box Unearthed




Waiting in Vain fa parte dell’album Exodus del 1977. Fu pubblicata come 45 giri raggiungendo la posizione numero 27 delle classifiche inglesi. 18 anni dopo la versione originale arrivò la meravigliosa cover di Annie Lennox contenuta nell’album Medusa del 1995. con un arrangiamento del produttore Stephen Lipson.


 

No Woman No Cry è la canzone più famosa del repertorio di Marley anche se il brano porta la firma anche di Vince Ford, amico di infanzia del musicista. Il sito SecondHandSongs ha catalogato oltre 60 versioni ufficiali della canzone. Tra le quali anche quella incisa dai Fugees nel 1996 nell’album The Score.


 

Get Up Stand Up fu scritta da Marley insieme a Peter Tosh e fu pubblicata nell’album “Burnin” dei Wailers del 1973. Fra le tantissime versione realizzate ne esiste una davvero leggendaria cantata insieme nel 1988 da Peter Gabriel, Bruce Springsteen, Tracy Chapman e Youssou N'Dour sul palco del Amnesty International Concert for Human Rights.


 

I Shot The Sheriff è una delle tracce dall'album Burnin' uscito nel 1973. A renderla famosa ci pensò l’anno successivo Eric Clapton che incise una cover del brano nel suo 461 Ocean Boulevard. Pubblicato come singolo il brano raggiunse la numero uno della classifica di Billboard e divenne uno parte fissa dei concerti di Mr. Slowhand.

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Bob Dylan: un triplo album di cover

Bob Dylan ha annunciato a sorpresa l'uscita di un nuovo album per il prossimo 31 marzo. Un album triplo, il primo della sua vita, intitolato Triplicate interamente composto di cover version, prese dal repertorio dei grandi classici della musica americana, con una particolare attenzione alle canzoni rese celebri da Frank Sinatra.
L'album - il 38esimo in stidio nella carriera del cantautore sarà prodotto dallo stesso Dylan (con lo pseudonimo di Jack Frost) e uscirà in vari formati, tra cui triplo CD in digipak a otto pannelli, in digitale, cofanetto deluxe 3 LP in vinile a edizione limitata e confezione numerata.
Per il menestrello di Duluth sarà il terzo cover album in tre anni.

Laura Xmas: il Natale di Laura Pausini

Da domani venerdì 4 novembre arriva nei negozi "Laura XMas" l'album di Natale di Laura Pausini. "Un sogno che da tempo tenevo chiuso nel mio cassetto " ha spiegato la cantante sulla sua pagina Facebook. Il disco è prodotto da Patrick Williams e dalla stessa Laura, pubblicato per Atlantic-Warner Music in versione italiana e spagnola e sarà distribuito in oltre 60 Paesi e presentato alla stampa mondiale il 24 novembre a Parigi, Disneyland Paris.
La tracklist sarà leggermente diversa a seconda dei paesi. La scelta dei brani è però caduta su grandi classici della tradizione natalizia, da "Jingle Bells" a "Adeste Fideles" , mentre il brano scelto per lanciare il disco è la celebre Santa Claus is coming to town, da domani in radio. Il brano è accompagnato da un videoclip girato al Teatro Comunale Ebe Stignani di Imola con il patrocinio del Comune di Imola, diretto dal regista Gaetano Morbioli,

Questa la tracklist del disco
1.         "It'…

Un omaggio a Bruno Lauzi nel nuovo album dei Musica Nuda

C'è anche un omaggio a Bruno Lauzi nel nuovo album dei Musica Nuda, progetto musicale formato dalla cantante Petra Magoni e dal contrabbassista Ferruccio Spinetti.
Si tratta della cover di "Ti Ruberò" brano che dava il titolo al secondo album del cantautore genovese pubblicato nel 1965, che il duo rilegge con classe e originalità grazie ad un arrangiamento essenziale ma suggestivo, dilatando la durata della canzone ben oltre i 3 minuti scarsi della versione originale.
Con "Ti Ruberò" Lauzi partecipò alla seconda edizione del Festival Delle Rose, vincendo il Premio dell'Ente del Turismo. La cover dei Musica Nuda fa parte dell'album "Leggera" il loro decimo lavoro in studio pubblicato lo scorso 27 gennaio, che contiene 12 brani inediti, cantanti per la prima volta, ma casualmente tutti in italiano.

Un tributo ai Kinks con il nuovo numero di Mojo

Il lettori della rivista inglese Mojo troveranno in allegato al numero di marzo una interessante iniziativa discografica: un album tributo dedicato ai Kinks con la rilettura integrale del loro album "Something Else" a 50 anni dalla sua pubblicazione. Il disco - il quinto in studio nella carriera della band dei fratelli Davies - arrivò nei negozi nel settembre del 1967 e fu l'ultimo ad essere prodotto dall'americano Shel Talmy, l loro storico produttore fino ad allora, che qui divide il suo ruolo con lo stesso Ray Davies.
L'album conteneva capolavori come "David Watts" (riportata al successo anni più tardi dai The Jam), Death of a Clown (resa nota in Italia dalla cover dei Nomadi con testo di Guccini e il curioso titolo di "Un figlio dei fiori non pensa al domani"), ma soprattutto la meravigliosa "Waterloo Sunset", qui ripresa dall'americano Ty Sagall.

Erica Mou canta un classico di Nilla Pizzi

Dal 7 ottobre è in tutti i digital store e nelle radio il nuovo singolo di Erica Mou: la cover de “L’Edera”, per Godzillamarket e distribuita da Artist First. Erica Mou ha deciso di incidere questa perla della grande musica italiana e di realizzarne anche un videoclip, dopo aver vissuto un’intensa esperienza con gli adolescenti del Dynamo Camp. Infatti, “L’Edera” per Erica racconta sì un amore giovane con parole antiche, ma evoca anche il coraggio di crescere, il diritto di amare e capire l’amore, di arrampicarsi, di legarsi e di lasciarsi andare. E l’entusiasmo e la forza dei ragazzi del Dynamo Camp hanno ispirato l’ideazione del videoclip.
La versione originale della canzone – scritta da Saverio Seracini e Vincenzo D'Acquisto - risale al 1958. Fu presentata in gara al Festival di Sanremo nella doppia interpretazione di Nilla Pizzi e Tonina Torrielli. Per sua “sfortuna” la canzone dovette vedersela con la mitica “Nel blu dipinto di blu” e quindi non vinse l'edizione del 58&…