Passa ai contenuti principali

Shawn Colvin e Steve Earle: la cover di Ruby Tuesday

Forse di una nuova versione di "Ruby Tuesdey" non si sentiva molto la necessità visto che dopo "Satisfaction" e "Paint It Black" è il brano dei Rolling Stones che vanta in maggior numero di cover ufficiali, secondo il sito SecondHandSongs.
Ora la lista si allunga ancora con la versione cantata in coppia da Shawn Colvin e Steve Earle e contenuta nel loro album Colvin & Earle uscito lo scorso 10 giugno.
Una versione dai suoni folk, ma tutto sommato piuttosto fedele all'originale. Le differenze più evidenti sono la mancanza del flauto dolce (che nella versione degli Stones era suonato da Brian Jones) e del pianoforte (suonato dal produttore Jack Nitzsche).
Shawn Colvin e Steve Earle hanno molte volte condiviso in passato il palco a partire dal 1987 e hanno spesso dichiarato nelle interviste la loro reciproca stima. Nel suo album "Cover Girl" del 1994 la Colvin inserì anche una sua interpretazione di "Someday" di Eerle. Ma i due non avevano mai realizzato un album inseme.


"Ruby Tuesday" fu pubblicata dai Rolling Stones nel gennaio del 1967 su un 45 giri che sulla facciata B vedeva un'altro capolavoro come "Let's Spend The Night Together".  Erano davvero altri tempi!
I misteri della canzone sono diversi. Il primo fra tutti è: chi ha scritto il brano?
Sulla copertina del disco è accreditato a Jagger e Richards ma esistono numerose teorie. Per esempio quella di Marianne Faithfull che nella sua autobiografia sostiene che il brano sia opera di Brian Jones e Keith Richards. Un altro parere autorevole è quello di Billy Wyman che attribuisce il brano al solo Richards, il quale a sua volta si è divertito a mantenere un po' di mistero, raccontando però, in un'intervista a Rolling Stone, di aver composto la canzone nel 1966 in una stanza di hotel a Los Angeles.
Altro mistero: chi è la "Ruby" della canzone?
Lo stesso Richard disse che la protagonista era una groupie da lui conosciuta; il pezzo è incentrato infatti intorno a una figura femminile descritta come uno "spirito libero". La "musa" potrebbe essere stata Linda Keith, una delle sue ragazze dell'epoca, ma anche in questo il vecchio Keith non è mai stato troppo preciso.
Se però pensate che "Ruby Rubacuori" non c'entri nulla con la canzone forse vi sbagliate. La versione italiana cantata da I Profeti si intitolava infatti "Rubacuori" ed aveva un testo (orrendo) scritto da Mogol.

Commenti

Post popolari in questo blog

Bob Dylan: un triplo album di cover

Bob Dylan ha annunciato a sorpresa l'uscita di un nuovo album per il prossimo 31 marzo. Un album triplo, il primo della sua vita, intitolato Triplicate interamente composto di cover version, prese dal repertorio dei grandi classici della musica americana, con una particolare attenzione alle canzoni rese celebri da Frank Sinatra.
L'album - il 38esimo in stidio nella carriera del cantautore sarà prodotto dallo stesso Dylan (con lo pseudonimo di Jack Frost) e uscirà in vari formati, tra cui triplo CD in digipak a otto pannelli, in digitale, cofanetto deluxe 3 LP in vinile a edizione limitata e confezione numerata.
Per il menestrello di Duluth sarà il terzo cover album in tre anni.

I Coldplay rendono omaggio a Chester Bennington

Anche i Coldplay hanno voluto rendere omaggio a Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park morto suicida a soli 41 anni lo scorso 20 luglio.
Durante il concerto tenuto ieri - 1 Agosto 2017 -  a New York presso il MetLife Stadium in New Jersey, Chris Martin e compagni hanno eseguito una toccante cover di "Crawling" , brano che faceva parte dell'album d'esordio della band Hybrid Theory.
Una versione distante dall'originale e che il cantante ha eseguito al pianoforte.
"Questa finirà su YouTube e devo cercare di farla bene" ha detto Chris "E' dedicata a chiunque senta la mancanza di qualcuno".
Al concerto era presente anche Mike Shinoda, amico e collega di Chester, che ha pubblicato su Instagram un breve filmato.

50 anni senza Luigi Tenco: 5 cover indimenticabili

Esattamente 50 anni nella notte tra il 26 e 27 gennaio del 1967 - moriva a Sanremo Luigi Tenco, uno dei più grandi e innovativi personaggi della storia della musica italiana. Aveva solo 28 anni ma con le sue canzoni aveva già segnato in modo indelebile la scena musicale.
In quei giorni Tenco stava partecipando alla 17esima edizione del "Festival della canzone italiana" di Sanremo con "Ciao Amore Ciao". La sera prima il brano era stato eliminato dalla giuria, ottenendo solamente 38 preferenze su 900
Oggi noi di My Way lo vogliamo ricordare con 5 cover da brividi.

Un tributo ai Kinks con il nuovo numero di Mojo

Il lettori della rivista inglese Mojo troveranno in allegato al numero di marzo una interessante iniziativa discografica: un album tributo dedicato ai Kinks con la rilettura integrale del loro album "Something Else" a 50 anni dalla sua pubblicazione. Il disco - il quinto in studio nella carriera della band dei fratelli Davies - arrivò nei negozi nel settembre del 1967 e fu l'ultimo ad essere prodotto dall'americano Shel Talmy, l loro storico produttore fino ad allora, che qui divide il suo ruolo con lo stesso Ray Davies.
L'album conteneva capolavori come "David Watts" (riportata al successo anni più tardi dai The Jam), Death of a Clown (resa nota in Italia dalla cover dei Nomadi con testo di Guccini e il curioso titolo di "Un figlio dei fiori non pensa al domani"), ma soprattutto la meravigliosa "Waterloo Sunset", qui ripresa dall'americano Ty Sagall.

Le HAIM cantano una cover di Shania Twain

Le HAIM hanno reso omaggio a Shania Twain con la cover della hit 'That Don't Impress Me Much”. Le ragazze – che in questi giorni stanno promuovendo il loro nuovo album “Something to tell you” - hanno eseguito il brano negli studi dell’emittente australiana Triple J nel corso della trasmissione Like a Version. Durante l’intervista le tre sorelle Haim hanno dichiarato il loro amore per la cantante canadese. “Se vuoi pensare di avere un appuntamento con una di noi devi sapere che per prima cosa devi essere un fan di Shania Twain” ha scherzato Este mente Sari ha definito la cantante “la fonte di ispirazione nella mia vita”.
"That Don't Impress Me Much” è una delle canzoni più famose del repertorio di Shania Twain che inserì il brano nel suo album del 1997 “Come On Over”. Scritta insieme al produttore Robert John "Mutt" Lange. Il singolo pubblicato alla fine del 1998 raggiunse la numero 7 in USA e la numero 5 in UK. Nel testo la cantante si dichiara poco dispo…