Passa ai contenuti principali

Nathan East: una cover di Stevie Wonder nel nuovo album

C’è anche un omaggio a Steve Wonder nel nuovo album di Nathan East, leggendario bassista americano che la rivista Peaple with money ha recentemente inserito al primo posto nella classifica dei musicisti più pagati al mondo con un fatturato annuale di 96 milioni dollari e un patrimonio netto stimato di 215 milioni di dollari.
Il disco – pubblicato dalla Yamaha Entertainment Group – si intitola “Reverence” e contiene una interessante cover di “Higher Ground “ in origine contenuta nell’album “Innervision” uscito nel 1973. Stevie non solo scrisse e produsse il brano, ma suonò anche ogni singolo strumento, comprese le percussioni. Il tutto – secondo la leggenda – in poco più di due ore.
La canzone venne pubblicata come singolo (in versione leggermente più corta) e negli USA raggiunse la numero 1 della Billboard RnR e la numero 4 della Hot 100. Il singolo ottenne un buon successo anche in Italia arrivando fino alla numero 22 della classifica del 45 giri, mentre in Inghilterra non andò oltre la posizione numero 29.
I primi a incidere una cover del brano furono nel 1974 Ike & Tina Turner ma indimenticabile ù soprattutto la versione pubblicata nel 1989 dai Red Hot Chili Peppers e contenuta nell'album “Mother’s Milk”.
La bella versione di Nathan East (quasi completamente strumentale) vede protagonista il sassofono di Kirk Whalum, storico collaboratore di Whitney Houston e attualmente uno dei musicisti più apprezzati della scena smooth jazz.
La lunghissima lista di musicisti con i quali Nathan East ha suonato nel corso della sua carriera contiene anche il nome di Stevie Wonder. Oltre a quelli di Barry White, Anita Baker, The Love Unlimited Orchestra, Babyface, B.B. King, Eric Clapton, George Harrison, Elton John, Laura Pausini, Michael Jackson,  Bryan Ferry, Savage Garden, Sting, Quincy Jones, Al Jarreau, Kenny Loggins, The Manhattan Transfer, Herbie Hancock, Daft Punk e in Italia Eros Ramazzotti e Pino Daniele.


Commenti

Post popolari in questo blog

Bob Dylan: un triplo album di cover

Bob Dylan ha annunciato a sorpresa l'uscita di un nuovo album per il prossimo 31 marzo. Un album triplo, il primo della sua vita, intitolato Triplicate interamente composto di cover version, prese dal repertorio dei grandi classici della musica americana, con una particolare attenzione alle canzoni rese celebri da Frank Sinatra.
L'album - il 38esimo in stidio nella carriera del cantautore sarà prodotto dallo stesso Dylan (con lo pseudonimo di Jack Frost) e uscirà in vari formati, tra cui triplo CD in digipak a otto pannelli, in digitale, cofanetto deluxe 3 LP in vinile a edizione limitata e confezione numerata.
Per il menestrello di Duluth sarà il terzo cover album in tre anni.

Laura Xmas: il Natale di Laura Pausini

Da domani venerdì 4 novembre arriva nei negozi "Laura XMas" l'album di Natale di Laura Pausini. "Un sogno che da tempo tenevo chiuso nel mio cassetto " ha spiegato la cantante sulla sua pagina Facebook. Il disco è prodotto da Patrick Williams e dalla stessa Laura, pubblicato per Atlantic-Warner Music in versione italiana e spagnola e sarà distribuito in oltre 60 Paesi e presentato alla stampa mondiale il 24 novembre a Parigi, Disneyland Paris.
La tracklist sarà leggermente diversa a seconda dei paesi. La scelta dei brani è però caduta su grandi classici della tradizione natalizia, da "Jingle Bells" a "Adeste Fideles" , mentre il brano scelto per lanciare il disco è la celebre Santa Claus is coming to town, da domani in radio. Il brano è accompagnato da un videoclip girato al Teatro Comunale Ebe Stignani di Imola con il patrocinio del Comune di Imola, diretto dal regista Gaetano Morbioli,

Questa la tracklist del disco
1.         "It'…

Il nuovo album di Rick Wakeman: tutte le cover

Si intitola “Piano Portaits” il nuovo album di Rick Wakaman, il centesimo lavoro da solista nella lunga carriera di uno dei tastieristi più celebri della storia della musica rock. Il disco – pubblicato lo scorso 13 gennaio per l’etichetta Write Notes – contiene 15 classici del passato che spaziano dalla musica classica al rock, da Debussy ai Led Zeppelin.Incoraggiato dal grande successo ottenuto dalla sua versione di “Life On Mars” registrata lo scorso anno per la BBC Radio 2, il 67enne musicista londinese ha pubblicato una raccolta di cover strumentali, con il solo accompagnamento del pianoforte, registrate presso lo studio Old Granary in South Norfolk.

Tra i brani in scaletta spiccano gli omaggi ai Beatles (ai quali l’ex Yes aveva già dedicato un intero album nel 1997) con le riletture di “Help!” e di “Eleanor Rigby”. Ma emoziona anche il tributo all’amico David Bowie, con le cover di “Life On Mars” e di “Space Oddity”. In entrambi i casi Wakeman aveva partecipato anche alle versio…

50 anni senza Luigi Tenco: 5 cover indimenticabili

Esattamente 50 anni nella notte tra il 26 e 27 gennaio del 1967 - moriva a Sanremo Luigi Tenco, uno dei più grandi e innovativi personaggi della storia della musica italiana. Aveva solo 28 anni ma con le sue canzoni aveva già segnato in modo indelebile la scena musicale.
In quei giorni Tenco stava partecipando alla 17esima edizione del "Festival della canzone italiana" di Sanremo con "Ciao Amore Ciao". La sera prima il brano era stato eliminato dalla giuria, ottenendo solamente 38 preferenze su 900
Oggi noi di My Way lo vogliamo ricordare con 5 cover da brividi.

A Short Love Story: la canzone che omaggia Alberto Sordi

"You Never Told Me" è un brano che fa parte della colonna sonora del film Fumo di Londra, pellicola diretta e interpretata nel 1966 dal grande Alberto Sordi
La canzone - che porta la firma dello stesso Albertone di Piero Piccioni e di Robert Mellin - è cantata da Julie Rogers, cantante inglese celebre in patria soprattutto per la hit The Wedding
Il brano era stato presentato da Sordi nell'ultima puntata di Studio uno, dove insieme alla cantante era stato protagonista di un memorabile sketch con Mina.
Ora il motivo rivive grazie alla canzone A Short Love Story è frutto della collaborazione fra i produttori Somewhere Anywhere e il cantante Anglo-Ucraino Claude Eman, che contiene un sample del brano
La versione più famosa di You Never Told Me resta però quella incisa in italiano da Mina con il titolo di "Breve Amore". Il 45 giri arrivò fino alla numero 9 della Hit Parade italiana nel 1967.