Passa ai contenuti principali

Boy George torna con la cover di YMCA

A 56 anni e dopo un lungo periodo di inattività discografica Boy George torna sulle scene con la cover di un classico dei Village People. Il brano scelto è la celeberrima "YMCA" vero gay anthem degli anni 70.
L'ex front-man dei Culture Club ha accettato di fare da testimonial per la YMCA australiana con l'obiettivo di sostenere questioni importanti per i giovani australiani come la parità di matrimonio, la cura della salute mentale e la disoccupazione giovanile.
Il cantante - che è attualmente impegnato in Australia come couch e del talent The Voice - ha raccontato di aver avuto qualche dubbio iniziale: "Il punto è che quando devi interpretare una cover devi entrare nel brano. Ho dovuto cantare il testo per capire che poteva funzionare in un mio show".
A proposito della causa sostenuta George ha invece spiegato:
"Io non ho intenzione di sposare nessuno, ma penso che le persone debbano essere in grado di poterlo fare".

La carriera del cantante inglese è stata segnata da molte cover di successo: a partire dalla versione di "Everithing I own" incisa nel 1987 e la bella "The Crying Game" cantata nel 1992.

La versione originale di YMCA risale al 1978. Numero uno un UK e numero due in America (dove venne stoppata da "D'ya think I'm sexy" di Rod Stewart, oltre ad essere il brano più celebre dei Village People è entrato nell'esclusivo club dei singoli che hanno venduto oltre 10 milioni di copie. Scritto dal produttore Jacques Morali da Henri Belolo e da Victor Willis (che era il "poliziotto" del gruppo) fu registrato ai Sigma Sound Studio di New York e pubblicato dalla Casablanca Records. Morali (che era nato in Marocco e aveva iniziato la sua carriera di produttore in Francia) aveva già lanciato le Richie Family ed era alla ricerca di una formazione in grado di raccontare la pittoresca nightlife gay di quegli anni a partire dal Greenwich Village. Il titolo fa riferimento alla Young Men's Christian Association, sigla con la quale vengo indicati i centri ricreativi e di accoglienza riservati ai giovani cristiani: negli USA si tratta soprattutto di palestre in cui si svolge attività educativa e dove è possibile anche ricevere alloggio. E secondo la canzone anche molto altro...
Il 45 giri di YMCA arrivò alla numero uno in UK ma solo alla numero due in USA. In Italia addirittura non entrò nella HitParade: dimostrazione di come per valutare la popolarità di un brano sia sempre meglio non fidarsi troppo della classifiche. 


Commenti

Post popolari in questo blog

Laura Xmas: il Natale di Laura Pausini

Da domani venerdì 4 novembre arriva nei negozi "Laura XMas" l'album di Natale di Laura Pausini. "Un sogno che da tempo tenevo chiuso nel mio cassetto " ha spiegato la cantante sulla sua pagina Facebook. Il disco è prodotto da Patrick Williams e dalla stessa Laura, pubblicato per Atlantic-Warner Music in versione italiana e spagnola e sarà distribuito in oltre 60 Paesi e presentato alla stampa mondiale il 24 novembre a Parigi, Disneyland Paris.
La tracklist sarà leggermente diversa a seconda dei paesi. La scelta dei brani è però caduta su grandi classici della tradizione natalizia, da "Jingle Bells" a "Adeste Fideles" , mentre il brano scelto per lanciare il disco è la celebre Santa Claus is coming to town, da domani in radio. Il brano è accompagnato da un videoclip girato al Teatro Comunale Ebe Stignani di Imola con il patrocinio del Comune di Imola, diretto dal regista Gaetano Morbioli,

Questa la tracklist del disco
1.         "It'…

Bob Dylan: un triplo album di cover

Bob Dylan ha annunciato a sorpresa l'uscita di un nuovo album per il prossimo 31 marzo. Un album triplo, il primo della sua vita, intitolato Triplicate interamente composto di cover version, prese dal repertorio dei grandi classici della musica americana, con una particolare attenzione alle canzoni rese celebri da Frank Sinatra.
L'album - il 38esimo in stidio nella carriera del cantautore sarà prodotto dallo stesso Dylan (con lo pseudonimo di Jack Frost) e uscirà in vari formati, tra cui triplo CD in digipak a otto pannelli, in digitale, cofanetto deluxe 3 LP in vinile a edizione limitata e confezione numerata.
Per il menestrello di Duluth sarà il terzo cover album in tre anni.

Erica Mou canta un classico di Nilla Pizzi

Dal 7 ottobre è in tutti i digital store e nelle radio il nuovo singolo di Erica Mou: la cover de “L’Edera”, per Godzillamarket e distribuita da Artist First. Erica Mou ha deciso di incidere questa perla della grande musica italiana e di realizzarne anche un videoclip, dopo aver vissuto un’intensa esperienza con gli adolescenti del Dynamo Camp. Infatti, “L’Edera” per Erica racconta sì un amore giovane con parole antiche, ma evoca anche il coraggio di crescere, il diritto di amare e capire l’amore, di arrampicarsi, di legarsi e di lasciarsi andare. E l’entusiasmo e la forza dei ragazzi del Dynamo Camp hanno ispirato l’ideazione del videoclip.
La versione originale della canzone – scritta da Saverio Seracini e Vincenzo D'Acquisto - risale al 1958. Fu presentata in gara al Festival di Sanremo nella doppia interpretazione di Nilla Pizzi e Tonina Torrielli. Per sua “sfortuna” la canzone dovette vedersela con la mitica “Nel blu dipinto di blu” e quindi non vinse l'edizione del 58&…

Norah Jones: le cover nel nuovo album "Day Breaks"

9 inediti e 3 cover nel nuovo album di Norah Jones. La cantautrice americana pubblica il 7 ottobre con il suo sesto album da solista che arriva a quattro anni di distanza dal precedente "Little broken hearts" e a tre dalla collaborazione con Billie Joe Armstrong per "Foreverly".
Il disco - prodotto dalla stessa Jones - si intitola "Day Breaks" e vede la presenza di molti ospiti d'eccezione come il sassofonista Wayne Shorter, l'organista Dr. lonnie Smith e il batterista Brian Blade.
Queste le cover contenute nell'album.
"Don't Be Denied" è un brano che Neil Young ha scritto nel 1973 per l'album Time Fades Away. Certamente non tra le canzoni più celebri del cantautore canadese, vanta però un discreto numero di cover tra le quali quella cantata da Nils Lofgren nel 2008.

"Fleurette africaine (African Flower)" è il rifacimento di "Les fleurs africaines" scritta da Duke Ellington e pubblicata nel 1962 all'i…

50 anni senza Luigi Tenco: 5 cover indimenticabili

Esattamente 50 anni nella notte tra il 26 e 27 gennaio del 1967 - moriva a Sanremo Luigi Tenco, uno dei più grandi e innovativi personaggi della storia della musica italiana. Aveva solo 28 anni ma con le sue canzoni aveva già segnato in modo indelebile la scena musicale.
In quei giorni Tenco stava partecipando alla 17esima edizione del "Festival della canzone italiana" di Sanremo con "Ciao Amore Ciao". La sera prima il brano era stato eliminato dalla giuria, ottenendo solamente 38 preferenze su 900
Oggi noi di My Way lo vogliamo ricordare con 5 cover da brividi.