Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Mark Knopfler ricanta 'Romeo and Juliet' alla BBC

Forse non è del tutto corretto considerarla una "cover" visto che lui stesso è l'autore e il primo interprete del brano, ma su queste pagine con c'eravamo mai occupati di "Romeo and Juliet" e la versione cantata pochi giorni fa da Mark Knopfler per lo show Piano Room della BBC meritava attenzione.

Il leggendario chitarrista scozzese - che il prossimo anno tornerà a esibirsi in Italia con sette concerti tra Maggio e Luglio - non ha mai rinunciato negli anni ad eseguire dal vivo il repertorio dei Dire Straits, la band nella quale ha militato dal 1977 al 1995 vendendo oltre 100 milioni di dischi.

Negli studi della BBC il 69enne "sultano dello swing" ha proposto una delle canzoni del nuovo album
Down the road wherever e una bella versione acustica di "Romeo and Juliet" originariamente pubblicata nel 1980 nell'album "Making Movies". Scritta dallo stesso Knopfler, la canzone racconta la fine della sua storia d'amore con la c…

Album di cover in arrivo per i Lemonheads

Il nuovo album dei Lemonheads uscirà il 8 febbraio del 2019 e sarà un disco di cover con omaggi agli Eagles, Nick Cave Lucinda Willimas e Yo La Tengo. La band di Evan Dando - che negli anni ha regalato agli appassionati un buon numero di cover interessanti - ha ufficializzato l’uscita per la Fire Records di Varshons II, seguito del primo capitolo pubblicato nel 2009 e che conteneva cover che spaziavano da GG Allin a Christina Aguilera. La prima cover del disco è stata già pubblicata in rete: si tratta di Can’t Forget, brano degli Yo La Tengo del 1990 e contenuto nell’album “Fakebook”.

Questa la tracklist

01 Can’t Forget (Yo La Tengo)
02 Settled Down Like Rain (The Jayhawks)
03 Old Man Blank (The Bevis Frond)
04 Things (Paul Westerberg)
05 Speed of the Sound of Loneliness (John Prine)
06 Abandoned (Lucinda Williams)
07 Now and Then (Natural Child)
08 Magnet (NRBQ)
09 Round Here (Florida Georgia Line)
10 TAQN (The Eyes)
11 Unfamiliar (The GiveGoods)
12 Straight to You (Nick Cave &…

Zucchero ricanta Everybody's Got to Learn Sometime

Sul profilo Facebook di Zucchero è apparsa oggi una nuova versione piano e voce di Everybody's Got to Learn Sometime. Zucchero aveva già proposto più volte in passato la cover della hit dei Korgis. Nel 2004 aveva tradotto il brano in italiano e lo aveva inserito nell'album Zu & Co con il titolo di "Indaco dagli occhi del cielo" e con la presenza al piano di Vanessa Carlton e di Haylie Ecker al violino. Nella versione internazionale di disco il brano era però stato inciso con testo in inglese, così come era stato eseguito dallo stesso Zucchero dal vivo ha eseguito per la prima volta il 29 Novembre 2003 a Città del Capo, durante un concerto organizzato dal leader sudafricano Nelson Mandela.
I Korgis pubblicarono la versione originale nel 1980 e il 45 giri raggiunse la quinta posizione in UK e la 18esima negli USA e la prima posizione i Francia e Spagna.
Oltre alla cover di Zucchero meritano un ascolto le versioni di Beck, dei Dream Academy e degli Erasure.

Robbie Williams canta una cover dei Tears For Fears

Robbie Williams ha reso omaggio ai Tears For Fears con la cover della celebre “Everybody Wants to Rule the World”. Lo ha fatto per il nuovo progetto di Trevor Horn, leggendario cantante dei Buggles e poi produttore dei Frankie Goes To Hollywood, Pet Shop Boys, Art Of Noise e molti altri. Il suo nuovo album si intitolerà “Reimagines: The Eighties (feat. The Sarm Orchestra)" e sarà un disco di cover di canzoni degli anni '80, con orchestra e ospiti speciali del calibro di Robbie Williams, Simple Minds, Seal, Tony Hadley e All Saints. I Tears For Fears pubblicarono la versione originale di Everybody Wants to Rule the World nel 1985 come terzo singolo estratto dal loro secondo album Songs from the Big Chair. Fu il primo 45 del gruppo a raggiungere la numero uno nella Billboard Hot 100 mentre in UK si fermò alla posizione numero due.
In passato il brano era stato ricantato tra gli altri da Gloria Gaynor, da Jason Donovan dai Korgis e da
Jamie Cullum

Questa la tracklist del disco

Francesco De Gregori canta 'Anema e core'

Per il suo nuovo album Francesco De Gregori reinterpreta “Anema e core” uno dei classici della canzona napoletana. Scritta nel 1950 dal musicista Salve D'Esposito e dal paroliere Tito Manlio il brano ebbe da subito un grande successo in tutto il mondo grazie alla interpretazione di Tito Schipa (il primo a registrare il brano) e alla celebre versione di Roberto Murolo del 1955. Negli anni poi la canzone è stata ripresa da decine di artisti: a partire da Nilla Pizzi per arrivare a Peppino Di Capri, Ornella Vanoni, Cristiano Malgioglio, Andrea Bocelli e Irene Fargo ed è stata tradotta in inglese, tedesco, francese, spagnolo e portoghese. La cover di Francesco De Gregori è cantata insieme a sua moglie, Chicca Gobbi, con l’accompagnamento alla chitarra di Paolo Giovenchi. Una versione che i due eseguono già da ciraca un anno dal vivo e che adesso finisce su disco in doppia versione, acustica e orchestrale Il videoclip, in anteprima su Repubblica, diretto dal filmaker e fotografo D…

Panic! at the Disco: la cover di 'Hey Ya' degli Outkast

Le “Spotify session” continuano a regalare sorprese interessanti per gli appassionati di cover. Dopo i Def Leppard, Dua Lipa e Taylor Swift è ora il turno dei Panic! at the Disco. La band americana capitanata da Brendon Urie ha inciso in esclusiva per gli utenti della popolare piattaforma musicale la cover di “Hey Ya” degli Outkast. La versione originale del brano scritto e prodotto da Andrè 3000 nel 2003 arrivò alla numero 1 della classifica di Billboard e contribuì al grande successo dell’album "Speakerboxxx/The Love Below". La canzone ottenne 4 nomination ai Grammy 2004 ma vinse solo nella categoria “Best Urban”
Tra gli artisti che negli anni hanno ricantato il brano spiccano i nomi di Booker T, Will Young, Yo La Tengo e gli italiani Sinfonico Honolulu. La grintosa cover dei Panic! At the disco si segnala come una delle più interessanti.

Armando Quattrone, la cover di 'Che sarà'

Nel 1971 i Ricchi e Poveri e Josè Feliciano arrivarono secondi al Festival di Sanremo con la canzone "Che sarà" scritta da Jimmy Fontana e Franco Migliacci e che diverrà il primo successo del gruppo genovese e la prima hit italiana per il cantante portoricano che all'epoca non aveva ancora sfondato nel nostro paese.

Ora il brano è stato ripreso da Armando Quattrone giovane cantautore calabrese partito qualche anno fa dall'Italia per trasferirsi ad Amburgo, la città europea che da subito ha amato il suo talento made in Italy e che gli è valso in poco tempo un contratto discografico con 'Universal' in Germania per l'album d'esordio 'Calabria', pubblicato a luglio. Quattrone ha aperto a Stoccarda il concerto di Sfera Ebbasta, dopo essersi esibito anche nei live di Ermal Meta e Max Gazzè. Il suo tour invece, partito ad aprile dalle Canarie, sta facendo tappa in tutta Europa.

«L’emigrazione oggi ha un luogo simbolo che è Riace, sarebbe bello pens…

Giorgia: la tracklist di ‘Pop Heart’

Non solo classici itlaiani non nuovo album di Giorgia in arrivo il prossimo 16 novembre. Svelata la scaletta di "Pop Heart" che vedrà la cantante romana alle prese con classici di Zucchero, Ramazzotti, Jovanotti, Mengoni Vasco Ross e Tiziano Ferro oltre che alcuni omaggi a grandi classici della musica internazionale come "I feel love" e "Sweet Dreams".
Nel disco Giorgia duettaerà con Eros Ramazzotti, Tiziano Ferro, Ainé ed Elisa.
Questa la tracklist ufficiale

Le tasche piene di sassi (Jovanotti, di L. Cherubini e F. Santarnecchi)
Una storia importante – feat. Eros Ramazzotti (Eros Ramazzotti, di E. Ramazzotti, P. Cassano e A. Cogliati)
Lei Verrà (Mango, di G. Mango e A. Salerno)
Gli ostacoli del cuore – feat Elisa (Elisa e Ligabue, di L. Ligabue)
Dune Mosse (Zucchero e Miles Davis, di M. Figlie e A. Fornaciari)
Il conforto – feat Tiziano Ferro (Tiziano Ferro e Carmen Consoli, di T. Ferro e E. Dabbono)
Sweet Dreams (Are Made of This) (Eurythmi…

Barbra Streisand canta Imagine e What A Wonderful World

In attesa dell’uscita del nuovo album "Walls" prevista per il 2 novembre  Barbra Streisand ha pubblicato il suo nuovo singolo nel quale rende omaggio in un curioso mash up a due grandi classici della musica, Imagine di John Lennon e What A Wonderful World di Louis Armstrong, La 76 enne cantante americana - che in carriera ha totalizzato 52 dischi d'oro, 31 di platino e 13 di multiplatino – non aveva ancora interpretato il classico di Lennon del 1971.
"Walls" sarà il 36esimo album in studio nella sua carriera ed è stato prodotto da Julia Gillard. Nella tracklist comare anche la cover della leggendaria What the World Needs Now Is Love di Burt Bacharach.

Bobo Rondelli e Peppe Voltarelli: 1958 anno zero

Tutto esaurito all'ex chiesa di Santa Brigida di Sanremo per il concerto di Bobo Rondelli e Peppe Voltarelli che con il loro "1958, anno zero" hanno inaugurato gli eventi collaterali del Tenco 2018.
Una scaletta che ha reso omaggio alle canzoni di 60 anni fa, spaziando tra i classici del rock'n'roll e quelli della musica italiana.
Un set acustico nel quale il cantautore livornese non ha rinunciato alla sua verve comica, brillantemente accompagnato dall'ex leader del Parto Delle Nuvole Pesanti. Da "La Bamba" di Richie Valens a "Summertime Blues" di Eddie Cochran, da "All I Have To Do Is Dream" degli Everly Brothers a "Johnny B. Goode" di Chuck Berry,  da "O' Cafè" di Domenico Modugno a "Caravan Petrol" di Renato Carosone il concerto è stato un divertente omaggio a quello che per molti versi è stato il vero "anno zero" della storia della musica.
E poi ancora "Blue Suede Shoes&quo…

Shawn Mendes: ascolta la cover di 'Under pressure'

In vista dell'uscita nelle sale cinematografiche di "Bohemian Rhapsody", il film che racconta la storia di Freddie Mercury, si moltiplicano gli omaggi alla musica dei Queen. Shawn Mendes ha registrato una cover acustica di "Under pressure", il brano che i Queen registrarono con David Bowie nel 1981.

La cover è stata prodotta da Teddy Geiger, cantautrice statunitense che collabora con Shawn Mendes già da qualche anno.

"Sono onorato di poter raccogliere l'incredibile eredità di Freddie e dei Queen incidendo una cover di una delle mie canzoni preferite - ha raccontato il cantate - È stato davvero eccitante registrarla insieme ad una fidata collaboratrice e amica come Teddy Geiger".

Under Pressure fu registrata nel luglio del 1981; Bowie si trovava a Montreux per incidere con Giorgio Moroder il singolo "Cat People" e nello studio affianco la band inglese stava registrando l'album Hot Space. La canzone nacque sulla base di un demo che Mer…

Jovanotti : ascolta l'omaggio a Franco Califano

Jovanotti ha reso omaggio a Franco Califano. Lo ha fatto attraverso Insagtram, pubblicando un breve video di una cover acustica di "Un Tempo Piccolo" che "il Califfo" porto al successo nel 2005 e che i Tiromancino ripresero pochi mesi
dopo per la raccolta "95/05"

"Califano mi piace tantissimo - scrive Jovanotti - Quelle settime piú molto italiane sempre in bilico tra ricordo sogno malinconia leggerezza. Gran pezzo."

La canzone porta la firma di Antonio Gaudino, Alberto Laurenti e dello stesso Franco Califano e non di Federico Zampaglione che però curò il video del brano. Nel nuovo album dei Tiromancino il brano comare in una nuova versione cantata con Biagio Antonacci.

Il video della cover di Lorenzo lo trovate qui

Giorgio Poi: la cover di "Walking on a dream"

C'è una bella cover di "Walking on a dream" degli Empire of The Sun in circolazione: è quella realizzata da Giorgio Poi per Red Bull Music nella quale il cantautore romano (d'adozione visto che è nato a Novara) ha suonato tutti gli strumenti.
Il video della cover è stato presentato in esclusiva su Sorrisi, ed è stato girato nello studio mobile di Red Bull Music. Un modo per festeggiare il decennale del brano che dava il titolo all'album di debutto del duo australiano formato da Luke Steele e da Nick Littlemore pubblicato nell'estate del 2008. La canzone ottenne un buon successo anche nelle classifiche italiane (conquistando il disco d'oro) e arrivò in vetta alla classifica Dance di Billboard.
Giorgio Poi - poli-strumentista legato al team della Bomba Dischi - si conferma una dei personaggi più interessanti e promettenti della musica italiana contemporanea

Rick Wakeman: nel nuovo album omaggi a Queen e Beatles

Si intitola "Piano Odyssey" il nuovo album di Rick Wakeman, il leggendario tastierista inglese che ha legato il suo nome negli anni 70 al periodo d’oro degli Yes.
Il nuovo lavoro arriva ad un anno dal fortunato “Piano Portraits” e contiene rieltture di brani presi dal repertorio dei Beatles, David Bowie, Queen e degli stessi Yes. L’album – che non a caso esce per la divisione Classical della Sony Records – è stato registrato insieme a musicisti della Orion Orchestra e del prestigioso English Chamber Choir.
Gli arrangiamenti sono stati curati da Guy Protheroe.
Tra i brani in scaletta anche una rilettura del Sogno d'amore di Franz Liszt.

Questa la tracklist
1. While My Guitar Gently Weeps
2. Liebesträume / After The Ball
3. And You & I
4. Rocky (The Legacy)
5. The Boxer
6. The Wild Eyed Boy From Freecloud
7. Strawberry Fields Forever
8. Roundabout
9. Cyril Wolverine
10. Jane Seymour
11. Largos
12. Bohemian Rhapsody 


Eric Clapton: il nuovo album dedicato al Natale

Alla fine anche il leggendario “Slowhand” si è arreso alla tradizione e ha dedicato il suo primo album “natalizio”. Si intitola infatti (con poca originalità) “Happy Xmas” il nuovo album di Eric Clapton, il 24esimno in studio nella carriera solista del chitarrista inglese che mancava dalle scene dal 2016 quando uscì “I still do”. Non particolarmente originale la scelta del repertorio che comprende le classiche White Christmas, Have Yourself A Merry Little Christmas e Jingle Bells ma anche l’inedità “For Love On Christmas Day” scritta dallo stesso Clapton. Un voto in meno all’album per colpa dell’orrenda copertina disegnata personalmente dallo stesso Clapton. Solo per i fan.
Questa la tracklist

01. White Christmas
02. Away In A Manger (Once In Royal David’s City)
03. For Love On Christmas Day
04. Everyday Will Be Like A Holiday
05. Christmas Tears
06. Home For The Holidays
07. Jingle Bells
08. Christmas In My Hometown
09. It’s Christmas
10. Sentimental Moments
11. Lonesome Christma…

Giorgia: la cover di "Le tasche piene di sassi"

Sarà la cover di "Le tasche piene di sassi" di Jovanotti il primo singolo del nuovo album di Giorgia intitolato "Pop Heart". Lo ha svelato la stessa cantante sui propri canali social, ringraziando l'amico Lorenzo per "per questa meraviglia.".
La versione originale del brano che Jovanotti scrisse per la madre, fu pubblicata nel 2011 nell'album "Ora". Il brano porta la firma di Lorenzo Cherubini e del suo pianista Franco Santarnecchi. L’emozionante racconto di un momento intimo e profondo della vita di Jovanotti, ma anche dell’esistenza di ognuno di noi, pura poesia in musica, che Giorgia ha reinterpretato con rispetto ed intensità. Rispetto alla versione originale però spariscono gli archi e compare la batteria elettronica.

L'album "Pop Heart" uscirà il prossimo 16 novembre e conterrà solo cover di brani italiani riarrangiati con il produttore Michele Canova.

Il ritorno del Paisley Underground

Le Bangles, i Dream Syndicate, i Rain Parade e i Three O’Clock uniscono le forze per celebrare la stagione del Paisley Underground che li vide protagonisti nella metà degli anni '80, Lo fanno pubblicando una curiosa compilation di cover intitolata 3 x 4 nella quale le band si scambiano il repertorio, in una sorta ri reciproco tributo alla scena neo-psichedelica californiana di quegli anni.
Le Bangles per esempio hanno scelto di interpretare “That’s What You Always Say dei Dream Syndicate, “Talking In My Sleep" dei Rain Parade e “Jet Fighter" dei Three O’Clock.
Quest'ultima canzone, in origine contenuta nell'album Sixteen Tambourines del 1983, è stata svelata in anteprima in attesa dell'uscita dell'album prevista per il 1 Novembre.

Questa la tracklist

The Bangles

“Jet Fighter” (The Three O’Clock)
“Talking In My Sleep” (Rain Parade)
“That’s What You Always Say” (The Dream Syndicate)

The Dream Syndicate

“Hero Takes A Fall” (The Bangles)
“She Turns To Flower…

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

Steve Perry: nuovo album e omaggio ai Beatles

C’è anche un omaggio a Beatles nel nuovo disco di Steve Perry, il 69enne musicista statunitense che torna sulle scene con l’album “Traces”. Si tratta della cover di “I need you” brano scritto da George Harrison per la fidanzata Patty Boyle che i Fab Four pubblicarono nel 1965 all’interno dell’ album “Help!”. L’ex leader dei Journey trasforma il brano in una intensa ballad con un nuovo arrangiamento che mette in primo piano la voce di Perry. Il cantante ha raccontato di aver ottenuto per la sua cover la “benedizione” della vedova di George grazie all’intercessione dell’amico Steve Ferrone.
“Quando ho ascoltato per la prima volta I Need You ero solo un ragazzino di 16 anni ma già allora pensai che il brano poteva essere ancora meglio con un arrangiamento RnB” ha spiegato Perry che non pubblicava un album nuovo dal 1994.
La cover di Steve Perry entra di diritto nella lista delle cover più interessanti della canzone, che a dire il vero non è particolarmente lunga: da segnalare la version…

Brunori canta "Com'è profondo il mare" di Lucio Dalla

Una serata dedicata a "Come è profondo il mare" album capolavoro che Lucio Dalla pubblicò nel 1977 e che consacrò il successo del cantautore bolognese.
E' quella che il prossimo 12 ottobre vedrà protagonista a Palermo Brunori SAS che per l'occasione sarà accompagnato da una speciale orchestra composta per l'occasione con le orchestrazioni di Mirko Onofrio.
Il concerto - che fa parte del Sky Arte Festival - si terrà presso la Chiesa di Santa Maria dello Spasimo.

Queste le canzoni che facevano parte del disco:

Come è profondo il mare
Treno a vela
Il cucciolo Alfredo
Corso Buenos Aires
Disperato erotico stomp
Quale allegria
...E non andar più via
Barcarola


L'ingresso è gratuito ma bisogna prenotare.  Info: https://www.festivalskyarte.com/

Morto Charles Aznavour: 5 cover per ricordare l'ultimo chansonnier

Il mondo della musica in lutto per la scomparsa del grande Charles Aznavour.
Aveva 94 e in carriera aveva interpretato oltre mille canzoni vendendo oltre A300 milioni di dischi nel mondo.
Elton John, Bob Dylan, Sting, Placido Domingo, Céline Dion, Julio Iglesias, Edith Piaf, Liza Minnelli, Sammy Davis Jr, Ray Charles a Elvis Costello: sono solo alcuni dei tantissimi gli artisti che negli anni hanno cantato le sue canzoni.


Queste sono cinque cover indimenticabili prese dal repertorio del "Sinatra di Francia"

Elvis Costello - She



Ray Charles - For Mama




Iva Zanicchi





Liza Minnelli "You've Let Yourself Go"




Amanda Lear - For me ... formidable