Passa ai contenuti principali

Wynton Marsalis rende omaggio a Buddy Bolden

Nonostante il suo nome non sia particolarmente noto al grande pubblico, il cornettista Charles "Buddy" Bolden è considerato uno dei padri del jazz. Ma la figura di quello che per molti è stato il primo Re di New Orleans resta per molti aspetti un vero mistero e il fatto che Bolden non abbia mai inciso o registrato la sua musica non ha fatto che accrescere la sua leggenda. A raccontare la vita e l’arte del musicista americano ci pena ora il film “Bolden!”, in arrivo il 3 maggio nelle sale degli Stati Uniti con la regia di Dan Pritzker (al suo debutto dietro alla macchina da presa) e l’attore inglese Gary Carr nel ruolo di protagonista. La colonna sonora del film vede impegnata un’altra leggenda del jazz: il trombettista Wynton Marsalis, da sempre grande fan di Bolden. Per l’occasione Marsalis - vincitore in carriera di nove Grammy Awards – è accompagnato dalle vocalist Catherine Russell e Brianna Thomas e da un cast di musicisti straordinari come Wycliffe Gordon, Victor Goines e Marcus Printup. Le tracce scelte per la colonna sonora sono prese dal repertorio di Bolden, in gran parte rese npoi celebri da Louis Armstrong.
Purtroppo per ora non è prevista la distribuzione in Italia del film.

Traklist

1 Come on Children 03:24
2 Make Me a Pallet on the Floor 01:56
3 Gone My Way 02:36
4 Creole Belles 01:47
5 Bolden Jump 02:24
6 Timelessness (Short Version) 02:22
7 You Rascal You 02:49
8 Russian Lullaby 02:02
9 Stardust 03:37
10 Timelessness 03:48
11 Phantasmagoric Bordello Ballet 03:38
12 Shake It High, Shake It Low 01:59
13 Red Hot Mammas 02:13
14 Whoa You Heifer 02:09
15 Don’t Go Away Nobody 02:37
16 All the Whores Go Crazy (About the Way I Ride) 02:25
17 Basin Street Blues 03:30
18 Dinah 03:07
19 Muskrat Ramble 02:31
20 Black and Blue 02:54
21 Tiger Rag 03:17
22 Making Runs 01:58
23 Whip It 02:00
24 Funky Butt (I Thought I Heard Buddy Bolden Say) 05:06
25 Didn’t He Ramble 01:53
26 Buddy’s Horn 02:07


Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

Johnson Righeira e iPesci omaggiano gli Skiantos

Quarant'anni fa gli Skiantos pubblicavano "Mi piaccion le sbarbine" destinato a diventare uno dei brani più popolari del loro repertorio. A rendere omaggio al grande Freak Antoni - cantante del gruppo scomparso nel febbraio del 2014 - e a festeggiare il compleanno del brano ci ha pensato Johnson Righeira (al secolo Stefano Righi) che insieme al "fratello" Michael spopolò con i Righeira negli anni 80.
La cover è stata realizzata inseme a iPesci,  duo electro torinese che ha sempre avuto proprio gli Skiantos e i Righeira come punti di riferimento.
Il Progetto vede l’uscita contemporanea del videoclip, girato interamente nella “chiacchierata” casa d’appuntamenti delle Bambole di Torino e vede una guest star inaspettata, il provocatore radiofonico Giuseppe Cruciani, che li ha ospitati nella sua trasmissione “La Zanzara” su Radio 24 per la presentazione in anteprima di video e brano.



La versione originale di "Mi Piaccion Le Sbarbine" apriva il terzo albu…

J Mascis: omaggio a Tom Petty con la cover di Don’t Do Me Like That

La scorsa estate il frontman dei Dinosaur Jr. J Mascis eseguì sul palco di un piccolo locale di Provincetown una versione "karaoke" di un classico di Tom Petty. L'esibizione (a dire il vero non proprio impeccabile) non passò inosservata ad uno dei clienti del bar che postò su Facebook il video della cover in qualità Lo Fi. Ora però il musicista americano ha deciso di pubblicare una cover ufficiale del brano e di renderla disponibile sul suo canale YouTube. Una versione sicuramente migliore rispetto a quella dello scorso anno, della quale però viene mantenuto lo spirito originale.
Si tratta della prima registrazione ufficiale di J Macis dall'uscita dell'album "Elastic Days" del 2018.



La versione originale di "Don’t Do Me Like That" fu pubblicata nel 1979 nell'album " Damn the Torpedoes" di Tom Petty & The Heartbreakers. Il singolo entrò nella Top 10 della classifica di Billboard, diventando il primo successo nella storia de…

Mötley Crüe: la cover di Like a Virgin di Madonna

I Mötley Crüe hanno realizzato una cover di "Like a Virgin" di Madonna. Il brano farà parte della colonna sonora del loro biopic “The Dirt” che verrà pubblicato il prossimo 22 marzo. Nikki Sixx - chitarrista del gruppo americano - ha raccontato di aver avuto l'idea di registrare la cover della celebre hit di Madonna mentre stava camminando con i suoi cani: "Quando la mia mente è aperta in quel modo, mi vengono queste idee. Quando mi è saltata in testa, in un certo senso ho alzato lo sguardo, come per ridere con Dio, e ho pensato che sarebbe stato piuttosto divertente'".

La band di Los Angeles ha già inciso in passato un discreto numero di cover, ma questa è senza dubbio il tributo più "pop" della loro carriera, visto che gli altri omaggi erano a classici del rock come "Helter skelter", "Jailhause rock", "Lust for Life" e "Anarchy in the UK".Non così originale l'idea di rifare in chiave rock "Like a…

Florence + The Machine: la cover di "Oh! Darling" dei Beatles

Le ristampe degli album regalano spesso piacevoli sorprese agli appassionati di cover. Come nel caso della nuova edizione di "Lungs", album di debutto di Florence and the Machine, che in occasione del decimo anniversario della sua pubblicazione ritorna nei negozi in una nuova edizione arricchita. Tra le tracce extra da senalare la cover di "Oh Darling!" dei Beatles che la cantante registrò dal vivo negli studi di Abbey Road. Non si tratta però di un inedito, visto che da anni il brano circola in ret ed era statato gia insertito in una precedente versione "box" dell'album.
Ma resta una delle migliori versioni del brano dei Beatles e merita di essere riscoperta.




Composta da Paul, ma ovviamente attribuita alla coppia Lennon/McCartney, "Oh! Darling" venne registrata dai Beatles una prima volta durante le session per Get Back, nel gennaio del 1969. Sarà poi insertita però nell'album "Abbey Road". Fu pubblicata come singolo solo per…