Passa ai contenuti principali

Frank Ocean: la cover di Moon River

Frank Ocean torna a sorpresa con una nuova canzone, la cover della celebre "Moon River" dalla colonna sonora di Breakfast at Tiffany's del 1961.
Il rapper americano, che dopo il successo di "Blonde" è al lavoro sul nuovo album, ha regalato ai fan una interpretazione intensa e potente, caratterizzata da un gran lavoro di armonizzazione delle voci. Una romantica sorpresa arrivata nella notte di San Valentino.

Nel 1961 la Paramount decide di realizzare un film tratto dal celebre romanzo di Truman Capote "Colazione da Tiffany" e ambientato nella New York degli anni 40. La regia sarà affidata a Blake Edwards, il ruolo da protagonista a Audry Hepburn mentre per la colonna sonora viene contattato un giovane autore italo americano, Hanry Mancini, che qualche anno prima aveva vinto un Grammy per la colonna sonora di Peter Gunn. Per il testo Mancini contatta Johnny Mercer, noto autore e fondatore della Capitol Records. Mercer all'epoca ha già 58 anni e sta quasi pensando di ritirarsi, ma accetta l'incarico e realizza l'ultimo e più importante successo della sua carriera. Il brano in origine si intitolava con meno originalità Blue River, titolo già molto presente nella storia discografica americana. Mercer decise allora di cambiarlo in Moon River, prendendo spunto da un fiume del South Carolina.
Nonostante sia stata scritta appositamente per per la Hepburn, la versione cantata dall'attrice americana non è inclusa nell'album della colonna sonora di Breakfast at Tiffany's; la prima versione ad entrare in classifica fu quella realizzata dal cantante soul Jerry Butler. Ma il brano arriverà alla numero uno in Inghilterra grazie alla versione incisa nel 1962 dal crooner sudafricano Danny Willims
Il brano vinse un Oscar come miglior canzone nel 1962 e nella serata di gala a Los Angeles verrà cantato da Andy Willims che per ironia della sorte l'anno prima aveva rifiutato la canzone.
Da allora il brano è stato interpretato da decine di star: da Perry Como a Ben E.King, da Frank Sinatra ai REM, da Aretha Franklin a Neil Diamond.
In Italia da Mina, Nico Fidenco e Bobby Solo.
Non male per un brano basato su solo tre note, con la melodia interamente sui tasti bianchi del pianoforte.


Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

Una cover di Billy Idol per i Simple Minds

Le carriere dei Simple Minds e di Billy Idol si sono spesso incrociate, a partire da quando il biondo cantante inglese nel 1985 rifiutò la canzone di Keith Forsey "Don't you" che diventerà il maggior successo nella storia della band scozzese.
Ospite della trasmissione BBC Radio 2 Breakfast Show la band di Jim Kerr ha voluto però "ringraziare" il cantante con la cover di "White Wedding" brano che Idol incise nel 1982 nel suo album di debutto.
Una cover acustica e improvvisata, nello stile di quelle proposte ogni venerdì nel corso del programma condotto da Chris Evans.
Il brano - scritto dallo stesso Idol - è uno dei più coverizzati nella carriera del cantante anche se degne di nota sono solo le versioni dei Queen of the Stone Age (del 2007) e quella dei Franz Ferdinand (un breve snippet all'interno della cover di What You Waiting For).

È morta Aretha Franklin: 5 cover per ricordare la regina del soul

È morta nella notte nella sua casa di Detroit Aretha Franklin.
La cantante aveva 76 anni ed era da tempo malata di tumore al pancreas. La Franklin, passata alla storia come “la regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento, una di quelle talmente famose da essere chiamate soltanto per nome.
Nel corso della sula leggendaria carriera Aretha ha interpretato un gran numero di cover, oltre 200 quelle catalogate dal sito SeconHandSongs, vera bibbia per gli appassionati di cover.  E molte delle sue interpretazioni hanno oscurato quelle che erano le versioni originali, a partire dalla leggendaria "Respect" di Otis Redding Noi oggi ricordiamo la grande regina del soul con cinge cover indimenticabili.
I say A Little Prayer (1968)


Respect (1967)




Jumpin' Jack Flash 1986




Eleanor Rigby - 1969




Bridge Over Troubled Water - 1971



Low: ascolta la cover di Let's stay together

I Low hanno hanno pubblicato su Spotify la cover di Let’s Stay Together di Al Green
La band americana originaria di di Duluth, paese natale di Bob Dylan, aveva già proposto il brano dal vivo, anche durante alcune apparizioni radiofoniche.

Ora il brano viene pubblicato ufficialmente e tutti i guadagni derivanti dagli streaming andranno all'associazione antirazzista National Association for the Advancement of Colored People, che lavora per ottenere uguaglianza di diritti per tutte le persone.

La versione originale del brano risale al 1971: la musica è di Al Jackson jr, (batterista dei Booker T) e Willie Mitchell (che è anche produttore della canzone). Il testo venne scritto in cinque minuti dallo stesso Al Green solo per compiacere i due amici, che parevano entusiasti della canzone, mentre lui non aveva alcuna intenzione di inciderla. Lo fece solo grazie all'insistenza di Mitchell che decise di pubblicarla  nel novembre del 1971 come primo singolo di quello che sarebbe diventa…

"Pino è", il concerto evento in memoria di Pino Daniele.

Ufficializzati i primi nomi per il concerto in ricordo di Pino Daniele, il grande cantautore napoletano somparso tre anni fa in segutio a un infarto che lo colpì nella casa di Orbetello in Toscana.
All'evento  prenderanno parte Biagio Antonacci, Claudio Baglioni, Mario Biondi, Francesco De Gregori, Elisa, Emma, Giorgia, Jovanotti, Fiorella Mannoia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti e Giuliano Sangiorgi (Negramaro):
Il concerto - intitolato "Pino è" in omaggio al titolo di uno dei capolavori dell'artista si terrà il 7 giugno allo Stadio San Paolo di Napoli.
 La fondazione che gestisce l’eredità artistica del cantautore scomparso nel gennaio 2015 aveva annunciato all’inizio dell’anno la data e messo in vendita i biglietti.

Un omaggio ideato da  Ferdinando Salzano, manager dell’artista scomparso, il cui incasso sarà devoluto in beneficenza. L'elenco degli ospiti sarà aggiornato nelle prossime settimane.