Passa ai contenuti principali

Frank Ocean: la cover di Moon River

Frank Ocean torna a sorpresa con una nuova canzone, la cover della celebre "Moon River" dalla colonna sonora di Breakfast at Tiffany's del 1961.
Il rapper americano, che dopo il successo di "Blonde" è al lavoro sul nuovo album, ha regalato ai fan una interpretazione intensa e potente, caratterizzata da un gran lavoro di armonizzazione delle voci. Una romantica sorpresa arrivata nella notte di San Valentino.

Nel 1961 la Paramount decide di realizzare un film tratto dal celebre romanzo di Truman Capote "Colazione da Tiffany" e ambientato nella New York degli anni 40. La regia sarà affidata a Blake Edwards, il ruolo da protagonista a Audry Hepburn mentre per la colonna sonora viene contattato un giovane autore italo americano, Hanry Mancini, che qualche anno prima aveva vinto un Grammy per la colonna sonora di Peter Gunn. Per il testo Mancini contatta Johnny Mercer, noto autore e fondatore della Capitol Records. Mercer all'epoca ha già 58 anni e sta quasi pensando di ritirarsi, ma accetta l'incarico e realizza l'ultimo e più importante successo della sua carriera. Il brano in origine si intitolava con meno originalità Blue River, titolo già molto presente nella storia discografica americana. Mercer decise allora di cambiarlo in Moon River, prendendo spunto da un fiume del South Carolina.
Nonostante sia stata scritta appositamente per per la Hepburn, la versione cantata dall'attrice americana non è inclusa nell'album della colonna sonora di Breakfast at Tiffany's; la prima versione ad entrare in classifica fu quella realizzata dal cantante soul Jerry Butler. Ma il brano arriverà alla numero uno in Inghilterra grazie alla versione incisa nel 1962 dal crooner sudafricano Danny Willims
Il brano vinse un Oscar come miglior canzone nel 1962 e nella serata di gala a Los Angeles verrà cantato da Andy Willims che per ironia della sorte l'anno prima aveva rifiutato la canzone.
Da allora il brano è stato interpretato da decine di star: da Perry Como a Ben E.King, da Frank Sinatra ai REM, da Aretha Franklin a Neil Diamond.
In Italia da Mina, Nico Fidenco e Bobby Solo.
Non male per un brano basato su solo tre note, con la melodia interamente sui tasti bianchi del pianoforte.


Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

Johnson Righeira e iPesci omaggiano gli Skiantos

Quarant'anni fa gli Skiantos pubblicavano "Mi piaccion le sbarbine" destinato a diventare uno dei brani più popolari del loro repertorio. A rendere omaggio al grande Freak Antoni - cantante del gruppo scomparso nel febbraio del 2014 - e a festeggiare il compleanno del brano ci ha pensato Johnson Righeira (al secolo Stefano Righi) che insieme al "fratello" Michael spopolò con i Righeira negli anni 80.
La cover è stata realizzata inseme a iPesci,  duo electro torinese che ha sempre avuto proprio gli Skiantos e i Righeira come punti di riferimento.
Il Progetto vede l’uscita contemporanea del videoclip, girato interamente nella “chiacchierata” casa d’appuntamenti delle Bambole di Torino e vede una guest star inaspettata, il provocatore radiofonico Giuseppe Cruciani, che li ha ospitati nella sua trasmissione “La Zanzara” su Radio 24 per la presentazione in anteprima di video e brano.



La versione originale di "Mi Piaccion Le Sbarbine" apriva il terzo albu…

J Mascis: omaggio a Tom Petty con la cover di Don’t Do Me Like That

La scorsa estate il frontman dei Dinosaur Jr. J Mascis eseguì sul palco di un piccolo locale di Provincetown una versione "karaoke" di un classico di Tom Petty. L'esibizione (a dire il vero non proprio impeccabile) non passò inosservata ad uno dei clienti del bar che postò su Facebook il video della cover in qualità Lo Fi. Ora però il musicista americano ha deciso di pubblicare una cover ufficiale del brano e di renderla disponibile sul suo canale YouTube. Una versione sicuramente migliore rispetto a quella dello scorso anno, della quale però viene mantenuto lo spirito originale.
Si tratta della prima registrazione ufficiale di J Macis dall'uscita dell'album "Elastic Days" del 2018.



La versione originale di "Don’t Do Me Like That" fu pubblicata nel 1979 nell'album " Damn the Torpedoes" di Tom Petty & The Heartbreakers. Il singolo entrò nella Top 10 della classifica di Billboard, diventando il primo successo nella storia de…

È morta Aretha Franklin: 5 cover per ricordare la regina del soul

È morta nella notte nella sua casa di Detroit Aretha Franklin.
La cantante aveva 76 anni ed era da tempo malata di tumore al pancreas. La Franklin, passata alla storia come “la regina del soul”, era una delle più celebri personalità della cultura popolare del Novecento, una di quelle talmente famose da essere chiamate soltanto per nome.
Nel corso della sula leggendaria carriera Aretha ha interpretato un gran numero di cover, oltre 200 quelle catalogate dal sito SeconHandSongs, vera bibbia per gli appassionati di cover.  E molte delle sue interpretazioni hanno oscurato quelle che erano le versioni originali, a partire dalla leggendaria "Respect" di Otis Redding Noi oggi ricordiamo la grande regina del soul con cinge cover indimenticabili.
I say A Little Prayer (1968)


Respect (1967)




Jumpin' Jack Flash 1986




Eleanor Rigby - 1969




Bridge Over Troubled Water - 1971



Lorde canta la cover di "The Sound Of Silence"

Lorde è tornata ad esibirsi dal vivo, per una buona causa: il concerto di beneficenza "You are us/Aroha nui", organizzato all'interno dello stadio di Christchurch in Nuova Zelanda per sostenere le famiglie delle vittime della sparatoria dello scorso 15 marzo.

Accompagnata alla chitarra dal cantautore Malon Williams, neozelandese come lei, Lorde ha eseguito la cover di "The Sound of Silence" di Simon & Garfunkel, secondo la leggenda fu composta da Paul Simon nel novembre 1963 dopo l'sassinio del presidente americano John Fitzgerald Kennedy.
Una versione che ha commosso il pubblico e la stessa Lorde, che non aveva mai eseguito pubblicamente il brano in precedenza e che non appariva dal vivo da alcuni mesi .

«È incredibile far parte di questa cosa - ha detto Lorde al microfono - Voglio dire alla nostra comunità musulmana, ai nostri fratelli e alle nostre sorelle: siete stati davvero forti e resilienti e siamo con voi. Questo è il nostro modo di starvi acca…