Passa ai contenuti principali

Post

Goo Goo Dolls: una raccolta di rarità e un omaggio a Tommy Keene

In Italia i Goo Goo Dolls sono stati una vera "meteora" musicale e la loro popolarità è legata esclusivamente al successo di "Iris" pubblicata nel 1998 per la colonna sonora del film "City Of Anglels", In patria però la band di Buffalo può vantare una lunga carriera caratterizzata da ben 19 singoli entrati in classifica e quattro nomination ai Grammy. Ora la band capitanata da John Rzeznik ha pubblicato un nuovo singolo, la cover di “Nothing Can Change You" in origine cantata da Tommy Keene, cantautore dell'Illinois scomparso nel 2017 a soli 59 anni Si tratta di uno dei 20 brani contenuti nella raccolta "Rarities" in uscita il prossimo 25 giugno e che, come suggerisce il titolo, conterrà b sides, rarità e registrazioni indite del periodo tra il 1995 e il 2007. Una versione registrata dal vivo, più ruvida rispetto a quella originale, molto poco nota però al pubblico italiano. La versione originale di "Nothing Can Change You" ve
Post recenti

Il nuovo album di Nick The Nightfly è un tributo a Sting

Dal 18 Giugno 2021 sarà disponibile su tutte le piattaforme streaming e download ed in tutti i negozi di dischi il nuovo album di Nick "The Nightfly" e sarà un tributo alla musica di Sting e dei Police Il disco si intitola "Swing with Sting" ed stato interamente registrato live al Blue Note di Milano. Tutto il disco sarà presentato ed eseguito ad Umbria Jazz 2021 in un concerto che si terrà il 17 Luglio al Teatro Morlacchi. “Era da tanto tempo che pensavo e immaginavo come avrebbero potuto suonare la musica dei Police ed i suoi successi da solista con la nostra big band. Era un’idea che mi risuonava in testa da tanto tempo. Ho deciso quindi di condividere quest’idea con il mio caro amico e collaboratore da tanti anni, il nostro direttore d’orchestra Gabriele Comeglio”. Nick The Nightfly Tutti conoscono la storica voce di Nick The Nightfly e la sua lunga esperienza come deejay radiofonico per Radio Monte Carlo. Nick è anche un affermato musicista che ha collaborato c

Una cover dei Mötley Crüe per James LaBrie dei Dream Theatre

James LaBrie , storico cantante dei Dream Theatre, ha omaggiato i Mötley Crüe, eseguendo la cover di “Kickstart My Heart” uno dei classici della metal band californiana. Nel brano il cantante è accompagnato dalla band canadese dei Falset,  che alla batteria vede la presenza di Chance LaBrie, il figlio di James. “Eseguire questa cover mi ha fatto ricordare di quando nel 1986 facevo parte di una cover band dei Mötley Crüe - ha spiegato James LaBrie - Inutile dire che quando mi è stato chiesto di eseguire “Kickstart My Heart” con i Falset ho colto subito l’occasione. I Mötley Crüe sono sempre stati per me quella rock band grezza, con i piedi per terra, che molti artisti vorrebbero poter imitare e raggiungere, ma tali altezze sono state raggiunte da pochissimi, e i CRÜE lo hanno fatto e suonato come nessun altro”. Una cover che non si distacca molto dalla versione originale. La versione originale di compare nell'album " Dr. Feelgood pubblicato dai Mötley Crüe nel 1989. Il b

Field Music: la cover di “Under Pressure” dei Queen e David Bowie

I Field Music nel gennaio scorso in pieno lockdown, avevano partecipato all'annuale concerto per l'associazione Celtic Connections, proponendo la cover di "Under Pressure". Ora la band dei fratelli Brewis, con un po' di ritardo, ha condiviso in rete il video di quell'omaggio al classico cantato dai Queen e da David Bowie. Una versione abbastanza fedele all'originale, certamente non un brano semplice da rileggere, ma che il gruppo affronta con eleganza. L'edizione di quest'anno del Roaming Roots Revue (ribattezzata efficacemente “Songs For Survival”) ha visto la partecipazione tra gli altri anche di Simon Neil dei Biffy Clyro) e di Ricky Ross. I Field Music hanno pubblicato ad Aprile il loro nuovo album Flat White Moon, che contiene la canzone "No Pressure" ispirata proprio dal classico dei Queen e David Bowie. La versione originale di "Under Pressure" fu registrata dai Queen e da David Bowie nel luglio del 1981; Bowie si trova

Toyah (in topless) e Robert Fripp omaggiano gli ZZ Top

Puntuale, anche questa domenica, Rovert Fripp e Toyah regalano ai loro fan una nuova cover "domestica" per la loro rubrica settimanale "Sunday Lunch". Il brano scelto questa domenica è un omaggio agli ZZ Top, il celebre trio texano capitanato da Billy Gibbons. Si tratta della celebre "Sharp Dressed Man" una delle hit del gruppo che con il suo sound che univa il blues rock all'elettronica, conquistò le classifiche negli anni '80. Sulla carta nulla di più distante dallo stile dei King Crimson che però ha dimostrato con questi video una inaspettata autoironia. La moglie Toyah Wllicox ha invece ancora una volta, nonostante l'età, giocato con gli atteggiamenti provocanti mettendo in cris il celebre aplomb di Mr, Fripp che non rimane indifferente al suo topless.Robert e Toyah sono accompagnati anche in questo video dal "misterioso" chitarrista Sidney Jake, diventato nelle ultime settimane presenza fissa in casa Fripp. Nata durante il lockdo

Jack White: tutte le cover del nuovo album live

Il nuovo live di Jack White regala molte sorprese interessanti ai fan e gli appassionati di cover. Il disco si intitola “Live At The Masonic Temple” e fa parte del Vault Package #47 della Third Man Records. L’album - disponibile in una speciale edizione in in quadruplo vinile, è stato registrato al Masonic Temple di Detroit il 30 luglio 2014 e comprende ben 38 pezzi. Ma vanno aggiunte anche le tracce contenute in uno speciale 7″ che contiene per la prima volta la performance del musicista statunitense al Saturday Night Live dello scorso ottobre. In quella occasione White suonò un medley contenente "Ball and Biscuit” (che faceva parte dell'album "Elephant" dei White Stripes), “Don't Hurt Yourself" (in origine pubblicata da Beyoncé nell'album "Lemonade" e prodotta dallo stesso White) e un omaggio a Blind Willie Johnson con la cover di “Jesus Is Coming Soon" (brano del 1928). La canzone “Don't Hurt Yourself" contiene anche un &

Una cover country per i 10 anni di "Born This Way" di Lady Gaga

Il 23 maggio del 2011 Lady Gaga dava alle stampe il suo secondo album in studio "Born This Way". Per festeggiare il decimo compleanno del disco la cantante ha scelto di pubblicare una speciale ristampa del disco che conterrà in aggiunta sei cover dei brani originali realizzate per l'occasione da artisti della comunità LGBT. Questa è la rilettura in stile country della title track realizzata da Orville Peck, misterioso musicista canadese che appare sempre in pubblico con una curiosa maschera con le frange. L'album Born This Way The Tenth Anniversary sarà disponibile a partire dal prossimo 18 giugno ed è pre order , insieme a del merchandising di dubbio gusto, sul sito della cantante . La versione originale di "Born This Way" è stata pubblicata da Lady Gaga nel febbraio del 2011. Il brano è stato scritto dalla stessa Lady Gaga con Jeppe Laursen. Il brano ha raggiunto la posizione numero uno in diciannove Paesi tra i quali gli USA. Nel Regno Unito il singolo