Passa ai contenuti principali

Post

Addio a Olivia Newton-John: 5 cover da ricordare

E' morta a 73 la cantante e attrice australiana Olivia Newton-John , celebre soprattutto per il ruolo di Sandy nel film "Grease" del 1978. . A darne notizia è stato con un messaggio su Facebook il marito John Easterling. La cantante era da tempo malata di cancro. Tra i suoi maggiori successi "Physical", "Have You Never Been Mellow" e soprattutto "You're the One That I Want", cantata insieme a John Travolta nel film “Grease”. Ma la sua carriera è stata caratterizzata anche da molte cover di successo. Queste le nostre 5 preferite. Olivia Newton-John - Everything I Own (Bread) Olivia Newton-John - Jolene (Dolly Parton) Olivia Newton-John -  Ring Of Fire (Johnny Cash) Olivia Newton-John Tutta La Vita (Lucio Dalla) Olivia Newton-John - The Air That I Breathe (Albert Hammond)
Post recenti

James Taylor canta una cover di Leonard Cohen

James Taylor ha inciso una cover di "Coming Back To You" di Leonard Cohen. Il brano farà parte di una compilation tributo al grande artista canadese in uscita ad ottobre per la Blue Note Records. Il disco sarà prodotto da  Larry Klein,  si   intitolerà Here It Is e vedrà tra gli ospiti artisti del calibro di  Iggy Pop, Peter Gabriel,  Norah Jones e  Gregory Porter. A proposito della sua cover James Taylor ha  spiegato: " Come quasi tutti quelli della mia generazione, venero Leonard Cohen. Non appena ho cominciato a formare il miei gusti musicali, le canzoni di Cohen sono state tra le mie preferite e hanno avuto una grande influenza sulla mia carriera di cantautore. Per il progetto, sono stato attratto da un pezzo meno noto come "Coming Back To You". Larry ha scelto di farmela cantare nella tonalità originale, e al limite delle mie possibilità vocale. Un modo di uscire dalla mia comfort zone ". James Taylor non aveva mai ufficialmente pubblicato una cover

Liam Gallagher: nel nuovo EP una cover di John Lennon

C'è anche una cover di John Lennon tra le tracce del nuovo EP di Liam Gallagher "Diamond In The Dark”. Si tratta di “Bless You”, che debutta ora in formato digitale dopo essere stata pubblicata nell’edizione deluxe in vinile, destinata ai fan. L'ex Oasis ha discusso della sua versione di "Bless You" con Chris Moyles di Radio X e ha spiegato "La canto in modo molto fluido e sexy, molto Marvin Gaye, Ecco cosa succede quando non bevi latticini e non fumi. Sono diventato Marvin Gaye!” Una versione moto convincente e che non fa rimpiangere l'originale. Liam non ha mai nascosto la sua venerazione nei confronti di John Lennon che lo portato a battezzare Lennon Francis il suo secondo figlio, nato dalla relazione con Patsy Kensit. L’EP contiene anche le versione in studio e live di “Diamond In The Dark”. Considerata una delle migliori ballate di  Lennon , “Bless You” è  contenuta nell’album “Walls and Bridges” del 1974. Una canzone d'amore per Yoko, che J

Una cover di Lenny Kravitz per Toyah & Robert Fripp

Nuovo appuntamento con Robert Fripp, leader dei King Crimson e Toyah Willcox per la loro rubrica domenicale “Sunday Lunch“, nel quale la coppia si cimenta in brevi e divertenti riletture dei classici del rock in versione "domestica". Dopo i recenti omaggi a AC DC, Billy Idol, Rammstein e Slipknot questa settimana i due hanno scelto la cover di "Are You Gonna Go My Way" di Lenny Kravitz. Come sempre impagabile la mimica di dell'imperturbabile leader dei King Crimson, mentre la moglie si presenta in video armata di padella e wrap, con tanto di finale a sorpresa. Fripp, giorni fa, ha descritto come "abbastanza improbabile" l'ipotesi di un nuovo tour dei King Crimson mentre ha anche annunciato che a partire dal 2023 saranno previsti i primi live ufficiali del loro progetto nel loro “Sunday Lunch concert tour”.   Are You Gonna Go My Way apre e dà il titolo al terzo album di Lenny Kravitz uscito nel 1993 che fu il primo disco del chitarrista ad entrare

Glass Animals: ascolta la cover di "Say My Name"

I Glass Animals hanno reso omaggio alle Destiny's Child con la cover di "Say My Name". Lo hanno fatto negli studi dell'emittente australiana Triple J per la nuova puntata della popolare trasmissione "Like a Version". Dave Bayley e compagni hanno riletto il brano in maniera molto originale con un arrangiamento sorprendente. La band inglese - che nelle prossime settimane sarà impegnata nel tour australiano - ha anche proposto una bella versione del nuovo singolo "Heat waves" che li ha fatti conoscere (un po' in ritardo) anche dal pubblico italiano. Il gruppo è alla sua terza partecipazione allo show "Like a Version": nelle precedenti esibizioni aveva omaggiato Kanye West e Gnarls Barkley. . La versione originale di “Say My Name” venne pubblicata dalle Destiny’s Child nel novembre del 1999. Scritta dalle stesse componenti del gruppo Beyoncé Knowles, LeToya Luckett, LaTavia Roberson e Kelly Rowland insieme a LaShawn Daniels, Fred Jerki

St. Vincent: ascolta l'omaggio ai Nine Inch Nails con Dave Grohl

St. Vincent ha pubblicato ufficialmente la cover di “Piggy” dei Nine Inch Nails realizzata con Dave Grohl. La cantante aveva originariamente registrato la canzone nel 2020 per celebrare l'ingresso dei Nine Inch Nail nella Rock and Roll Hall of Fame e per l’occasione aveva chiamato alla batteria il leader dei Foo Fighters. La versione di Clark di "Piggy" è stata a luno una escusiva di Amazano per poi essere stampata su un 7 pollici in occasione del Record Store Day nel 2021, insieme alla sua cover di "Sad But True" dei Metallica sul lato B. Ora finalmente il brano - che la Clarck definì “la sua canzone preferita dei NIN - è disponibile anche in streaming. E si tratta di un vero gioiello: interpretatazione da brividi e arrangiamento coraggioso. La prossima settimana, St. Vincent si esibirà in una “residency” di una settimana al The Late Show con Steven Colbert. La versione originale di “Piggy” compare nell’album The Downward Spiral (anche noto come Halo 8) pub

Fast Animals and Slow Kids: la prima cover al 100% elettrica

È dei Fast Animals and Slow Kids la prima cover "al 100% elettrica" della storia. La band perugina l'ha realizzata per la nuova campagna pubblicitaria della Renault Megane E-Tech 100% electric che riprende un celebre spot del 1999 passato alla storia con il nome di GETUPPA. Il brano ripreso dai FASK è la celeberrima "Sex Machine" di James Brown e l'incisione della cover è stata realizzata all'interno di una Megane E-Tech allestita come una vera e propria sala di registrazione: con un mix di strumenti elettrici in scala ridotta e batteria midi per contenere gli ingombri. Tutti gli strumenti sono stati collegati ad un mixer e l’abitacolo dell’auto è stato attrezzato con microfoni d’ambiente per poter registrare con nitidezza suoni, voce, cori.   “Siamo stati davvero molto felici della proposta di Renault. Nei 10 anni della nostra carriera possiamo dire di aver registrato brani in posti assurdi ma sicuramente questa, all’interno di una auto, è l’esperienza