Passa ai contenuti principali

Post

Mario Venuti: la cover di "Ma Che Tempo Fa"

Il nuovo singolo di Mario Venuti è un omaggio a Nada. Venerdì 7 maggio il cantautore catanese pubblica la cover id "Ma che Tempo Fa" . Un nuovo progetto nel quale Venuti si diverte a giocare con le atmoesfere musicali che già aveva toccato in brani come "Fortuna" e che da sempre hanno caratterizzato il suo stile.  “Le buone canzoni puoi rigirarle come vuoi, rimangono belle - afferma Venuti - ma sfido chiunque ad aver mai pensato ad un samba per questo successo di Nada.” Ma che freddo fa, scritta da Claudio Mattone e Franco Migliacci e interpretata nel Sanremo del 1969 da Nada, diventa un coinvolgente samba-pagode. Dal 7 maggio oltre al singolo, distribuito in tutte le piattaforme digitali, sarà disponibile il primo dei quattro 45 giri (Puntoeacapo – Microclima/Artist First) ad edizione limitata firmati dall’artista. Le quattro copertine dei vinili bianchi, create dall’artista Monica Silva e dal Creative Director Valerio Fausti, formeranno un’opera d’arte unica, car
Post recenti

Algal the Bard: gli Iron Maiden in versione "medievale"

Gli appassionati di cover sono abituati a non sorprendersi di nulla, soprattutto quando si tratta di contaminazioni tra "generi musicali". Certo che una versione in stile "medievale" di un brano degli Iron Maiden potrebbe sembrare davvero fuori dal comune. A realizzare l'improbabile connubio è stato Álvaro Galán, un musicista spagnolo che si è fatto conoscere con lo pseudonimo di Algal The Bard e che in questi giorni sta facendo un vero boom di visualizzazioni in rete con la cover di "Hallowed Be Thy Name". Alvaro è un virtuoso del liuto e degli strumenti antichi, ha 42 anni e ha cominciato a proporre le sue cover in rete dal 2016, diventando negli anni una delle star del cosiddetto "bardcore" che consiste nel riproporre una canzone moderna in stile medievale. Nel suo repertorio ci sono già classici di Metallica, System Of The Down, Rainbow, Europe e Ozzy Osbourne. Ora arriva questo omaggio alla band di Steve Harris nella quale Algal suona il

Foo Fighters e Brian Johnson: la cover di “Back In Black”

I Foo Fighters avevano già eseguito in passato la cover di "Back in Black" degli AC/DC (era successo nel 2001 e nel 2002). Ma ora la band di David Grohl ha suonato il brano insieme a Brian Johnson, leggendario frontman della band australiana. E' successo lo scorso 2 maggio al SoFI Stadium di Los Angeles nell’ambito di Vax Live, evento organizzato dall’associazione Global Citizen per sensibilizzare i governi occidentali su un’equa distribuzione dei vaccini anti-Covid. Per ora in rete circola solo un breve "teaser" della cover visto che l'intero show, al quale hanno preso parte anche Eddie Vedder, H.E.R., Jennifer Lopez e J Balvin, sarà sarà trasmesso il prossimo 8 maggio dai network televisivi ABC e CBS. La versione originale di "Back in Black" dà il titolo al disco più famoso degli AC/DC, pubblicato nel luglio del 1980. Scritta da Malcom Young, Angus Young e Brian Johnson, è un omaggio a Bon Scott, scomparso il 19 febbraio del 1980 e sostituito ne

Max Gazzè, Daniele Silvestri e Piero Pelù: l'omaggio a l’omaggio Erriquez (VIDEO)

Nel Concerto del Primo Maggio di quest'anno anche un omaggio a Erriquez, al secolo Enrico Greppi, volto e anima della Bandabardò , scomparso recentemente all'età di 60 anni. Sul palco dell'Auditorium Parco Della Musica lo hanno ricordato Max Gazzè, Daniele Silvestri e Piero Pelù insieme a Finaz, fondatore della band toscana. Accompagnati dalla Magical Mystery Band (Fabio Rondanini, Gabriele Lazzarotti, Duilio Galioto, e Daniele Fiaschi e Daniele "Il Mafio" Tortora) hanno cantato la cover di "Beppeanna", uno dei brani più famosi della band. Max Gazzè e Daniele Silvestri erano molto legati a Erriquz, tanto che il nuovo album prodotto insieme "La matematica dei rami", riporta proprio una dedica all'amico scomparso. Piero Pelù è stato quasi un padrino della band: ha cantato nei cori di W Fernandez, la prima canzone della Banda, condividendo negli anni tournée e concerti. A questo link il video dell'esibizione

Billy Davis Jr. e Marilyn McCoo dei The 5th Dimension cantano "Blackbird" dei Beatles

Il nuovo album di Billy Davis Jr. e Marilyn McCoo , due dei componenti della leggendaria band dei The 5th Dimension, è un omaggio alla musica di Lennon e McCartnely. Il disco si intitola "Blackbird: Lennon-McCartney Icons" e contiene 10 classici presi dal repertorio dei Beatles e di quello da solista di John e Paul. Il disco è stato prodotto da Nic Mendoza. Billy Davis Jr. e Marilyn McCoo sono sposati da 52 anni e insieme hanno contribuito al successo della band californiana, come Aquarius/Let the Sunshine In o Wedding Bell Blues. Il singolo che ha anticipato l'uscita dell'album è la cover della celebre "Blackbird". Questa la tracklist Got To Get You Into My Life (feat. Yancyy) The Fool On The Hill (feat. Natalie Hanna Mendoza) Blackbird Yesterday Ticket To Ride The Long and Winding Road Silly Love Songs Help! (Just Like) Starting Over [feat. James Gadson] And I Love Her La versione origina

The Sisters Of Mercy: in arrivo un tributo metal

Il prossimo 26 giugno l'etichetta tedesca Metalville Records pubblicherà un album tributo ai The Sisters Of Mercy, storica formazione della scena gothic britannica. Il disco si intitolerà “Black Waves Of Adrenochrome – The Sisters Of Mercy Tribute“ e conterrà 14 brani presi del repertorio migliore della band di Andrew Eldritch, compresi classici come "This Corrosion" (presente in due versioni diverse) , "Marian" e "Temple of Love". Per i fan dei Sisters of Mercy sarà una modo di ingannare il tempo in attesa dei concerti del 2022. I due concerti italiani della band britannica – inizialmente previsti per marzo 2021 e poi spostati a ottobre – sono stati infatti confermati per martedì 26 aprile 2022 all’Alcatraz di Milano e mercoledì 27 aprile 2022 all’Orion Club di Ciampino (Roma) 01. FROWN – Heartland 02. ATROCITY – More 03. IN EXTREMO – This Corrosion 04. PARADISE LOST – Walk Away 05. CRADLE OF FILTH – No Time To Cry 05. DEADLOCK – Temple Of Love 06. N

Birdy rende omaggio a Olivia Rodrigo con la cover di "Drivers License"

Anche Birdy ha voluto rendere omaggio al talento della giovanissima Olivia Rodrigo, la "big next thing" della musica americana. Lo ha fatto con una cover al pianoforte registrata per il canale YouTube Cover Nation. Il brano ha aperto un mini show della cantante di circa mezz'ora trasmesso in esclusiva per l'appuntamento ribattezzato Takeover Tuesday realizzato dal popolare canale specializzato in cover. La  cantante - che si fece conoscere all'inizio della sua carriera proprio grazie alle cover di "Shelter" degli XX e di "People Help The People" dei Cherry Ghost - ha interpretato il brano accompagnandosi al pianoforte in una versione piuttosto fedele all'originale. Leggendo i commenti sembra che il pubblico di Cover Nation abbia apprezzato l'interpretazione di Birdy che il 30 di aprile pubblicherà il suo nuovo album "Young Heart". "Drivers License" è il singolo di debutto di Olivia Rodrigo, giovanissima star della