Passa ai contenuti principali

Post

Matt Berninger canta un classico dei Velvet Underground

Anche Matt Berninger partecipa all' album tributo al leggendario disco di debutto dei Velvet Underground " I'll Be Your Mirror: A Tribute to the Velvet Underground & Nico" in uscita il prossimo 24 Settembre per la Verve Records (l'etichetta che pubblicò i primi due dischi del gruppo newyorchese). Il cantante dei The National ha scelto di cantare la celebre “I’m Waiting for the Man”. Una bella versione, più scarna e acustica rispetto all'originale ma con la voce del cantautore statunitense decisamente "a fuoco". Durante i giorni del lockdown Berninger aveva già regalato ai fan molte cover interessanti. Il disco " I'll Be Your Mirror" è stato prodotto da Hal Willner, storico collaboratore di Lou Reed scomparso a causa del coronavirus lo scorso anno. "I'm Waiting for the Man" è stata scritta da Lou Reed e compare nell'album di debutto dei Velvet Underground uscito nel marzo del 1967. La canzone racconta la storia di
Post recenti

Lady Gaga e Tony Bennett: ascolta l'omaggio a Cole Porter

Nuovo duetto per Lady Gaga e Tony Bennett. Si tratta della cover di "I Get A Kick Out Of You", disponibile da oggi in tutti gli store digitali. Il brano anticipa l'uscita dell'album "Love for sale" che verrà pubblicato il prossimo 1 ottobre e sarà un tributo a Cole Porter con duetti e interpretazioni soliste di entrambi gli artisti, registrate tra il 2018 e il 2020, L'album sarà disponibile in edizione standard (con 10 tracce) , deluxe (con due bonus tracks), vinile e un box set da collezione ed è già disponibile per il preorder. Mentre il video di "I Get A Kick Out Of You" verrà presentato in anteprima esclusiva venerdì 6 agosto alle 18 su MTV (Sky 131 e in streaming su NOW) e su MTV Music (Sky 132 e 704). Tony Bennett  e Lady Gaga avevano già duettato nel 2014 per l'album "Cheek to cheek" che debuttò direttamente alla numero uno della classifica di Billboard. Tracklist "It's De-Lovely" (2:53) "Night and Day&q

Miley Cyrus: omaggio ai Pixies al Lollapalooza

Miley Cyrus sempre più "regina delle cover". La popstar americana continua ad arricchire il suo repertorio con nuove interpretazioni sempre più sorprendenti. Lo scorso 29 luglio la cantante si è esibita in quel di Chicago come headliner al Lollapalooza 2021 e per l'occasione ha aperto il concerto con un omaggio ai Pixies. Un medley tra la sua "We Can’t Stop" e "Where Is My Mind?" per omaggiare la band di Black Francis, in passato spesso protagonista del Lollapalooza. Nel corso del concerto la 28 enne cantante statunitense ha reso omaggio anche ai Blondie, a Cher, ai Temple of the Dog e a Sinead O'Connor oltre a duettare con Billy Idol e Kid LAROI. Il video dell'esibizione è subito apparso in rete grazie al contributo dei fan. La versione originale di Where Is My Mind? compare nel' album Surfer Rosa pubblicato dai Pixies nel 1988. Nel 1999 il brano - prodotto da Steve Albini e scritto da Black Francis - venne inserito nella colonna sono

Los Lobos: esce il nuovo album Native Sons

Il nuovo album dei Los Lobos si intitola "Native Sons" ed è un omaggio alla loro città. Nel disco, il 17esimo nella lunga carriera della band californiana, trovano spazio 12 cover prese dal repertorio di grandi artisti di Los Angeles come Jackson Browne, Barrett Strong,Buffalo Springfield, WARe i Beach Boys, Jaguars, The Basters e The Premiers. L'unica canzone inedita è la title track "Native Sons". D'altronde il gruppo di David Hidalgo deve gran parte del suo successo alle cover version e in particolare alla fortunata rilettura de "La Bamba" di Richie Valens che portò la band nel 1987 in vetta alla classifica di Billboard. Ma nel repertorio live dei Los Lobos sono apparsi negli anni omaggi ai più svariati artisti, da Joni Mitchell, Bob Marley, Santana, Vicente Fernández, Motörhead, Grateful Dead, Neil Young, Led Zeppelin, Buddy Holly, Elvis Costello, Tito Puente, Sly & the Family Stone e molti altri. Il disco è stato registrato nel 2020, dura

BTS: ascolta la cover di "I'll Be Missing You"

I BTS hanno scelto di rendere omaggio a Puff Daddy (e a Sting) per il loro debutto al BBC Live Lounge, la popolare trasmissione di Radio One, vero punto di riferimento per gli appassionati di cover di tutto il pianeta. Le star del K-pop, accompagnate per l'occasione da una band al completo, hanno cantato la celebre "I'll Be Missing You" portata al successo nel 1997 da Puff Daddy e Faith Evans e basata sul campionamento della celebre "Every Breath You Take" dei Police. «Questa va a tutti quelli che hanno perso qualcuno che amano veramente», ha rappato RM nell'attacco della canzone. Se avete raggiunto la maggiore età è difficile che impazziate per la loro versione, ma le armonizzazioni vocali create per questa cover sono tutto sommato apprezzabili. Nel corso della puntata i BTS hanno cantato anche il brano Permission to Dance (scritto da Ed Sheeran) e la loro hit Dynamite. La versione originale di "I'll be missing you" cantata da Puff Da

Bongo Cha Cha Cha: un tormentone nato 62 anni fa

Il remake di "Bongo Cha Cha Cha" è diventato a sorpresa dei tormentoni dell'estate 2021. A riportare al successo il brano cantato nel 1959 da Caterina Valente sono stati i Goodboys un duo che ha già collezionato diversi Dischi di Platino totalizzando più di 2.5 miliardi di streams, conosciuti per la loro collaborazione coi Meduza in 'Piece Of Your Heart' e 'Lose Control' che da sole hanno totalizzato più di un miliardo di streams. Tecnicamente non sarebbe corretto chiamarla "cover" visto è stata mantenuta la parte vocale originale, ma il risultato finale è davvero lontano dalla versione pubblicata nel 1959 dall'artista italiana naturalizzata francese. Il successo del remix è stato virale grazie alle challenge sui social di Federica Pellegrini e Giulia De Lellis. La versione originale di "Bongo Cha Cha Cha" viene pubblicata nel 1959 da Caterina Valente ed è uno dei primi esempi di "cha cha cha" italiano. Gli autori però n

Jonathan Davis dei Korn canta un classico dei Pet Shop Boys

Dopo la versione cantata dagli Years & Years arriva una nuova versione di "It's a sin" dei Pet Shop Boys. A ricantare il classico del duo inglese è stato Jonathan Davis dei Korn, che ha riletto il brano in modo molto originale, con un arrangiamento gothic. La cover farà parte della colonna sonora della nuova stagione della serie TV trasmessa per il mercato USA da Amazon Prime Video e ancora inedita in Italia. Già in passato Davis aveva dimostrato la sua passione per la musica anni '80: con i Korn aveva riproposto con successo "Word up!" dei Cameo e "One" dei Metallica (oltre a Another Brick in the Wall di Pink Floyd, ufficialmente pubblicata nel 1979 considerata un classico del decennio successivo). La versione originale di "It's a sin" venne pubblicata dai Pet Shop Boys nell'estate del 1987 per poi essere inserita nel secondo album del gruppo "Actually". E' uno dei brani di maggior successo del duo inglese: nu