Passa ai contenuti principali

Post

Sabrina Carpenter: la cover di un inno della comunità LGBTQ

Sabrina Carpenter è uno dei personaggi del momento e la sua "Espresso" è ormai una hit anche nelle classifiche italiane. Per il suo debutto al BBC Live Lounge la Carpenter ha scelto di cantare una cover di Chappell Roan . altra giovane cantautrice statunitense che si sta facendo notare in questo 2024 e sua compagna di etichetta.   La Carpenter - che in questi mesi sta accompagnando Taylor Swift nel suo tour mondiale - ha ricantato "Good Luck, Babe!" brano diventato un inno LGBTQ+ e ha spiegato: “Non ho smesso di ascoltare questa canzone da quando è uscita. Sono un grande fan di Chappell e volevo dare al brano una piccola svolta". La sua versione inizia con un arrangiamento quasi acustico mentre nella seconda parte è decisamente più simile all'originale. "Good Luck, Babe!" è un brano pubblicato da Chappel Roan nell'aprile del 2024. La canzone - firmata dalla Roan con Justin Tranter e Dan Nigro - è diventata un inno della comunità LGBT. Il t
Post recenti

Seal: la ristampa del secondo album (30 anni dopo)

Per celebrare i 30 anni dalla sua prima pubblicazione, esce in versione Deluxe e rimasterizzato il secondo album di Seal . Il disco - pubblicato il 23 maggio del 1994 e prodotto da Trevor Horne – conquistò la prima posizione nelle classifiche inglesi e la quindicesima negli USA, grazie al successo dei singoli “Prayer for the Dying” e “Kiss from a Rose”.  Alle 11 tracce originali sono state aggiunte 10 registrazioni inedite e alcune rarità che faranno la gioia degli appassionati di cover. Nella deluxe version son infatti state aggiunte le cover di “Fly Like An Eagle”di Steve Miller (contenuta nella colonna sonora di “Space Jam”) e due omaggi a Jimi Hendrix: “Manic Depression” (con Jeff Beck) e “The wind cries Mary” (B side del singolo “Kiss From a Rose”). Nulla di nuovo quindi, ma si tratta di riletture interessanti.          

Paul Weller elogia Billie Eilish e canta la cover di "What Was I Made For?"

Paul Weller ha cantato "What Was I Made For?" di Billie Eilish, il brano incluso nella colonna sonora di Barbie che ha consentito alla cantante americana di conquistare il suo secondo Oscar. Lo ha fatto dal vivo nel corso del popolare programma BBC Radio 2 Sofa Session condotto da Jo Whiley. «La canzone è molto bella, la melodia incredibile. E anche le parole. Penso che sia semplicemente un gran pezzo» ha commentato ex leader dei Jam che ha aggiunto « L’ho ascoltata grazie alla mia figlia più giovane, Nova. È una sua grande fan». Già in passato il cantante inglese aveva espresso la sua ammirazione per Billie Eilish definendola "fucking great". La cover non è stato per ora pubblicata sul canale ufficiale della BBC e quindi potrebbe avere vita breve su YouTube. "What Was I Made For?" di Billie Eilish fa parte della colonna sonora del film Barbie ed è stato pubblicato come singolo nel luglio del 2023. La ballata per piano e voce è stata scritta dalla cantan

Mario Biondi rende omaggio a De Gregori con la cover de "La Donna Cannone"

Mario Biondi ha pubblicato un nuovo EP di cover. Si intitola "L'Oro" ed è un omaggio alla grande canzone italiana, Il disco era stato anticipato dalla cover di "E Tu come stai" di Claudio Baglioni, alla quale ora si aggiungono altri tre grandi classici del repertorio di Patty Pravo, Francesco De Gregori e Riccardo Cocciante, realizzati con la collaborazione di grandi musicisti. "L’Oro”, pubblicato per Beyond e distribuito da The Orchard, rappresenta il primo progetto interamente in italiano nella discografia dell'artista siciliano. I quattro brani contenuti in questo EP sono particolarmente cari a Mario Biondi e hanno avuto un ruolo determinante nella sua formazione artistica. Infatti il crooner siciliano ha dichiarato più volte di essere cresciuto ascoltando molta musica italiana, in particolare dei grandi cantautori ed interpreti degli anni 70 e 80 grazie soprattutto al padre Stefano Biondi, anch’egli noto cantante. “L’Oro” è quindi un tributo ai gran

David Lee Roth: il nuovo singolo è una sorprendente cover anni 80

Il nuovo singolo di David Lee Roth è la cover di una hit anni 80 dei Tommy Tutone. L'ex frontman dei Van Halen ha ricantato "867-5309/Jenny" brano non molto noto in Italia ma che ebbe nel 1981 una buona fortuna nelle classifiche USA. Una rilettura abbastanza fedele all'originale anche se non passano inosservate alcune piccole differenze: l'assolo di chitarra elettrica è stato sostituito dal un assolo di armonica molto blues ed è stata aggiunta una chitarra acustica. La carriera di Roth è sempre stata legata alle cover: con i Van Halen aveva ripreso con successo "You Really Got Me" dei Kinks , "Pretty Woman" di Roy Orbison e "Dancing in the street" di Martha & The Vandellas e nel 1985 aveva debuttato da solista con le cover di "Californa Girl" dei Beach Boys e "Just a Gigolo". La cover di "867-5309/Jenny" (nota anche come "That Telephone Song") non è ai livelli delle glorioso passato, ma è

David Bowie: la cover di "I can't explain" in una versione inedita

David Bowie pubblicò la cover di "I can't explain" degli Who nell'album Pin Ups del 1973. Ora però è stata resa disponibile una versione differente del brano, finora rimasta inedita.  La cover venne registrata il 24 giugno 1972 e  denominata "Trident Studios Version - Take 2"  ed è decisamente uptempo rispetto a quella che venne invece inserita nell'album e che era stata registrata alcuni mesi prima durante le session dell'album Ziggy Sturdust. Ma tutto sommato la versione scelta per l'album,  rallentata rispetto a quella degli Who, era preferibile per la sua originalità. Il brano è una delle rarità contenute nel nuovo cofanetto targato Parlophone Records intitolato “Rock 'n' Roll Star!” che verrà pubblicato il prossimo 14 giugno, e conterrà 29 tracce inedite che comprendono demo, outtakes, versioni alternative e registrazioni dal vivo. "I Can't Explain" è il singolo di debutto degli Who e venne pubblicato alla fine del 196

Eminem torna con un nuovo singolo (e rende omaggio alla Steve Miller Band)

Il nuovo singolo di Eminem non è solo un omaggio a Harry Houdini, il famoso mago originario di Detroit (proprio come lo stesso rapper). E' anche un tributo alla celebre "Abracadabra" hit della Steve Miller Band, sulla base del quale il brano è interamente costruito. Non si tratta di un semplice "sample": il ritornello è un vero remake della hit del 1982. Il singolo "HOUDINI" di Eminem anticipa il nuovo album in studio “The Death of Slim Shady (Coup de Grâce)”, di prossima uscita dopo quattro anni di attesa dal suo ultimo progetto discografico “Music to Be Murdered By”, pubblicato nel 2020 e che raggiunse la vetta della Billboard 200. Con il ritorno del collaboratore di lunga data Jeff Bass dei Bass Brothers, EMINEM rivisita il suo suono iconico dei primi anni 2000 (si cita il leggendario slogan "Guess Who’s Back?") ed il videoclip diretto da Rich Lee è un omaggio al successo del 2002 "Without Me". La versione originale di "Ab