Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2020

Billie Joe Armstrong dei Green Day rende omaggio a Johnny Thunders

Dopo la cover di "I Think we're alone now" di cui abbiamo parlato qualche giorno fa, Billie Joe Armstrong ha pubblicato una nuova cover sul suo canale YouTube.
Si tratta di un omaggio a Johnny Thunders, il leggendario chitarrista newyorchese scomparso nel 1991 dopo aver lasciato un segno indelebile nella storia del rock prima con i New York Dolls e poi con gli Heartbreakers. Il cantante dei Green Day ha ripreso la bella You Can't Put Your Arms Around A Memory, probabilmente il brano più celebre pubblicato da Thunders nella sua carriera.
La cover - a differenza di quella della scorsa settimana - non è stata accompagnata da alcun riferimento al coronavirus. Armstrong però saluta i fan con un "Welcome to No Fun Mondays" di cui lancia anche l'hashtag, segno che quello con le cover potrebbe trasformarsi in un appuntamento settimanale.
E se sono tutte belle come questa, ben vengano!





La versione originale di "You Can’t Put Your Arms Around a Memory"…

Jamiroquai: la cover di Let's Dance di David Bowie

In tempi di quarantena "Let's dance" di David Bowie si trasforma in "Lockdown" e diventa un invito a rimanere a casa e a rispettare le regole. È la curiosa cover proposta da Jay Kay dei Jamiroquai, che ha postato il video sul profilo Instagram e sul suo canale YouTube. Il testo diventa così: "Lockdown, indossa la mascherina sul viso e guarda la tv, tentando di evitare il contagio da Covid 19".
In realtà non una vera e propria cover, visto che Jay Kay canta su una base strumentale del classico di Bowie, ma in questo caso la cosa più importante è il messaggio: #stayhome.



La versione originale di "Let's Dance" fu pubblicata da David Bowie nel 1983.
Il singolo raggiunse la prima posizione sia negli USA che in UK diventando uno dei brani più famosi nella carriera del Duca Bianco.
Il brano porta la firma dello stesso Bowie ed è prodotto da Nile Rodgers.

Joan Baez canta ‘Un mondo d’amore’ per gli italiani in isolamento

Dopo i video messaggi di Bono Vox, di Patti Smith e dei Pearl Jam, anche Joan Baez ha voluto salutare italiani in isolamento a causa dell’emergenza Covid-19.
Lo ha fatto imbracciando la sua inseparabile chitarra acustica e cantando la cover di "Un mondo d’amore", il singolo del ’67 di Gianni Morandi.
“Ho visto italiani cantare dai balconi e penso che siano una fonte di ispirazione per tutto il mondo” ha spiegato la cantante nel video pubblicato sui sui canali social.
Joan Baez l’aveva già proposto il brano dal vivo nel 2008 alla trasmissione Che tempo che fa.
La cantautrice - nota per il suo stile vocale ma anche per il suo impegno per i diritti civili e per il pacifismo - ha sempre avuto un rapporto molto stretto con la nostra nazione e la nostra musica. Una delle sue canzoni più famose, l'inno Here's to you fu scritta con Ennio Morricone e nel 1967 pubblicò un live registrato in Italia.





La versione originale di "Un mondo d'amore" fu pubblicata n…

Eric Clapton compie 75 anni: le cover migliori di mr. Slowhand

Eric Clapton - nato a Ripley, nella contea inglese del Surrey, il 30 marzo 1945 - compie oggi 75 anni.
Clapton è considerato uno dei migliori chitarristi di sempre, secondo, dopo Jimi Hendrix, nella classifica stilata dalla rivista Rolling Stone e l'unico a essere stato inserito tre volte nella Rock and Roll Hall of Fame
"Mr, Slowhand" ha legato il suo nome ad alcune delle band più importanti della storia del rock, a partire dagli Yardbirds nei quali entrò appena 17enne nel 1963, passando per i Bluesbreakers di John Mayall, con i quali esordisce dal vivo il 6 aprile 1965 in un concerto a Londra. per poi fondare i leggendari Cream con Ginger Baker e Jack Bruce. Dopo lo scioglimento dei Cream nel ’68 Clapton suona brevemente con i “Blind Faith” e con i “Delaney & Bonnie” prima di fondare i “Derek & The Dominos” dove collaborerà con Duane Allman. Ma la sua Fender è presente nei dischi di Bob Dylan, Beatles, Rolling Stones, Aretha Franklin, Phil Collins e decine di …

Massimo Di Cataldo: la cover de "Il Mondo" per l'emergenza Coronavirus

Massimo Di Cataldo ha registrato la cover de Il mondo di Jimmy Fontana, per sostenere le iniziative di solidarietà promosse dal NuovoIMAIE.
Il cantautore romano aveva già interpretato il brano in una delle puntate dello show "Ora o Mai Più"  del 2018 che lo aveva visto tra i concorrenti in gara. La nuova versione è stata registrata  insieme ad un collettivo di artisti: Alessio Pizzotti – piano, Alberto Lombardi – chitarra, Ingo Peter Schwartz – basso, Fabio Giandon – batteria.  Come racconta l’artista: «A causa dell’emergenza CoronaVirus tantissime persone si trovano in difficoltà, tanti i musicisti e gli artisti che hanno visto bloccata la loro attività, ma nonostante il difficile periodo si cerca di reagire adoperandosi per trovare nuove forme di collaborazione. È nata spontanea l’esigenza di continuare a suonare insieme anche se ognuno da casa sua, mettendo a disposizione le proprie competenze. È una situazione difficile per tutti, e noi che viviamo della musica e nello …

Dave Mustaine dei Megadeth e la figlia omaggiano i Beatles

Anche il cantante Dave Mustaine dei Megadeth ha regalato ai suoi fan un video musicale "casalingo" .
In compagnia di sua figlia Electra, il cantante californiano ha registrato una cover di “Come Togheter” dei Beatles. Il video dell’esibizione, girato nel salotto di casa Mustaine, è stato condiviso sulla pagina Instagram del musicista, accompagnato da un messaggio della figlia:

"Ecco un piccolo #MyMusicMoment in compagnia di mio padre @davemustaine, un uomo che non vorrei mai perdere! Questo è il vero motivo per cui la famiglia Mustaine resta a casa. Speriamo anche tu possa fare lo stesso! E mi raccomando, lavati le mani, fai la tua parte nel sociale e rimani in forma!”

Nel videoclip Mustaine suona indossando una mascherina protettiva.
Electra, che canta la cover del brano. ha 22 anni e aveva già messo in mostra il suo talento musicale esibendosi al CMA Music Festival e cantando una cover proprio dei Megadeth.




Visualizza questo post su Instagram



Pentatonix: la cover in 8D diventata virale

Questo periodo di quarantena forzata da Coronavirus ha dato un'inaspettata popolarità ad alcune canzoni diventate virali sui social (e su Whatsapp in particolare).
Sono le cosiddette "canzoni in 8D", accompagnate da messaggi che promettono sensazioni acustiche straordinarie se ascoltate in cuffia: in pratica la sensazione di ritrovarsi completamente immersi in un suono che sembra essere multidimensionale.
Tra le canzoni più condivise in queste ultime ore c'è anche la cover a cappella di "Hallelujah" di Leonard Cohen  realizzata dei Pentatonix.
In realtà nulla di particolarmente nuovo dal punto di vista tecnico, anche perchè la versione del quintetto texano, risale al 2016 e compare nell'album "A Pentatonix Christmas", il quinto nella carriera del gruppo.


.

Al contrario delle registrazioni olofoniche e binaurali, l’audio 8D non deve il proprio effetto a come viene registrato il suono, ma a come viene modificato dopo la registrazione
La tecnolo…

Billie Joe Armstrong dei Green Day: la cover di “I Think We’re Alone Now”

Anche il cantante dei Green DayBillie Joe Armstrong ha approfittato di questi giorni di quarantena forzata per regalare ai fan una cover. E ha scelto di interpretare un classico degli anni '60 di Tommy James and the Shondells, la hit "I Think We're Alone Now", brano che il gruppo californiano non aveva mai eseguito in precedenza.
“Mentre siamo tutti in quarantena ho riflettuto sulle cose che contano davvero nella mia vita”, ha scritto il frontman dei Green Day su Instagram. “Famiglia, amici e ovviamente la musica. Ho pensato che se dobbiamo passare questo tempo in isolamento, almeno possiamo stare soli insieme”.
Il brano è stato ripreso con un arrangiamento molto energico che, scorrendo i commenti in rete, sembra essere piaciuto ai fan della band.





"I Think We're Alone Now" fu portata al successo nel 1967 da Tommy James and the Shondells. L'autore del brano è il loro produttore, Ritchie Cordell autore anche di altri successi come "Money Money…

Mina compie 80 anni: le sue cover migliori

Oggi compie 80 anni Mina, la voce più amata della musica italiana, icona unica nella storia del nostro Paese, un’artista eclettica e versatile che ha interpretato musica di tutti i generi spaziando tra i diversi stili con assoluta proprietà di linguaggio.
Nata a Busto Arsizio, in provincia di Varese, il 25 Marzo del 1940, Mina Anna Maria Mazzini[ i trasferisce presto con i genitori e un fratello a Cremona, dove abiterà fino agli anni del suo successo. Il suo debutto in TV risale al 1959 nella trasmissione Il musichiere condotto da Mario Riva.
Nel 1961 arriva la sua primo (e unica) partecipazione al Festival di Sanremo. Le due canzoni "Io amo tu ami " e "Le mille bolle blu" si classificano al quarto e quinto posto e Mina decide (e mantenne la promessa) di non partecipare mai più alla kermesse.
Nel 1978 annuncia il suo ritiro dalle scene pubbliche: l'ultima esibizione il il 23 agosto, si tiene nel tendone di Bussoladomani a Lido di Camaiore.
Continua però inces…

Marcus Mumford canta la cover di “You’ll Never Walk Alone"

Anche Marcus Mumford, voce e leader dei Mumford And Sons, è sceso in campo per sostenere la battaglia contro il Coronavirus. Lo ha fatto con una toccante cover acustica di “You’ll Never Walk Alone” i cui proventi andranno a favore della Grenfell Foundation and War Child UK.
Marcus ha spiegato:
"Ho registrato questo brano dopo una conversazione con il mio caro amico Jason Sudeikis, mentre stavo facendo la colonna sonora del suo inedito show televisivo, Ted Lasso. Potrebbe ancora finire nello show, ma lo abbiamo tenuto nella manica per un paio di mesi. Per molte ragioni volevamo che uscisse nel mondo prima piuttosto che dopo. Quindi eccolo qua".

Il pianoforte è suonato da Reuben James che Mumford non esita a definire "un genio".




In molti identificano "You’ll never walk alone" come l’inno della squadra del Liverpool.
In realtà fu scritto nel 1945 per uno spettacolo di Broadway, Carousel, da Richard Rodgers e Oscar Hammerstein II, duo innovativo che diede …

Franco Battiato compie 75 anni: 5 cover per festeggiare il Maestro

Tanti auguri a Franco Battiato che oggi 23 marzo compie 75 anni.
Una carriera straordinaria quella del Maestro siciliano, personaggio eclettico e sempre avanti sui tempi, capace di farsi amare sia dal pubblico più raffinato che e da quello più popolare. Dal rock progressivo alla canzone d’autore, passando per la sperimentazione elettronica Battiato è stato uno dei musicisti più influenti della storia della musica italiana, e l’elenco degli aristi che gli hanno reso omaggio è davvero lunghissimo. Curiosamente però manca all’appello Mina che pur avendo inciso ufficialmente oltre 370 cover, non ne ha mai cantata una di Battiato.
Qui a MyWay vogliamo festeggiare il Maestro con 5 cover indimenticabili.


Subsonica - Up Patriots to Arms



Fiorella Mannoia – Povera Patria



CSI – E ti vengo a cercare


Carmen Consoli – L’animale


Adriano Celentano – La Cura

Idhea: la cover italiana di "Dance Monkey" selezionata da Music On

C'è anche una giovane cantante ligure tra le protagoniste del popolare format musicale "Who sang it better".
Si tratta di Idhea, che con la sua cover di "Dance Monkey" è stata selezionata per una delle sfide on line pubblicate sul canale YouTube della piattaforma Music On. Tutto nasce con un video che Deborah Lo Re (questo il vero nome dalla cantante bordigotta) pubblica lo scorso novembre sul proprio pagina di YouTube.
Una clip realizzata in completa autonomia, sia per la parte audio che per quella video. La cover viene notata dal portale Music On, che la inserisce in un video nel quale la versione di Idhea viene messa a confronto con quella di cantanti di altre 11 nazioni, dall'Armenia alla Cina, dalla Polonia all'Indonesia, dal Canada alle Filippine.
Il risultato è stato davvero sorprendente: ad oggi il video ha già superato quota  4 milioni di visualizzazioni.




Non solo: la voce di Deborah è stata apprezzata anche dal musicista e youtuber svedese…

Addio a Kenny Rogers leggenda della musica country: le cover migliori

È morto ieri a 81 anni Kenny Rogers, una delle icone della musica country statunitense . Rogers, che si era ritirato nel 2015, viveva nello Stato della Georgia, è deceduto per "cause naturali" nella sua abitazione.
Era nato nato in Texas nel 1938 e la sua carriera era iniziata negli anni '50 con il gruppo rockabilly The Scholars. Il successo arriva alla fine degli anni '60 con il gruppo The First Edition, e poi con una fortunata carriera da solista, soprattutto negli Stati Uniti: tra le sue hit ci sono “The Gambler”, “Lady”, “Islands in the Stream”, (insieme a Dolly Parton) e "What About Me?” (con Kim Carnes)
Nel 1985 Rogers è stato uno degli artisti che ha partecipato al progetto USA for Africa,
In Italia il suo nome è legato in particolare alla versione di We've Got Tonight cantata con Sheena Easton.
Molte le cover cantate nel corso degli anni da Rogers. Ne abbiamo scelto 5 per ricordarlo.


We've Got Tonight (Bob Seger)




Love Me Tender (Elvi Presley)




Thi…

Norah Jones: la cover di "Patience" dei Guns N'Roses

Anche Norah Jones scende in campo nella battaglia contro il Coronavirus e lo fa con un video nel quale canta la cover di “Patience” dei Guns N' Roses. La cantautrice ha girato la clip accompagnata al pianoforte. nella sua abitazione newyorchese dove si è messa in quarantena, ed è accompagnata da un messaggio in cui chiede ai suoi fan di supportare con offerte i programmi relativi al coronavirus:

“Spero che stiate bene in questi strani tempi. Se siete in grado di fare una donazione, ci sono molte organizzazioni che sono impegnate a procurare cibo o provviste alle persone bisognose. @Feeding America, @MusiCaresFoundation sono un paio di queste. E per favore rimanete a casa come impegno di responsabilità sociale nei confronti dei nostri medici.”


La Jones non aveva mai cantato in precedenza il brano, come lei stessa spiega all'inizio della clip:
"ieri ho ascoltato una canzone che mi ha fatto sentire bene e che ho sempre voluto eseguire"
Il video è stato postato sulla…

Vacanze Romane: la cover metal dei False Memories

La band di dark metal milanese dei False Memories ha realizzato la cover di "Vacanze Romane" dei Matia Bazar. In questo momento di grande difficoltà il gruppo ha voluto lanciare un messaggio di speranza:
“Torneremo ancora a riversarci nelle tue generose strade, piene di bellezza, odori, sapori e magia, ma non è questo il momento. Ammireremo ancora le tue colline, i laghi e i mari che ti circondano, ma solo quando ritroverai la forza e la fierezza che sempre hai avuto. Hai solo bisogno di un po’ di pace, ma non sarai mai sola: il tuo popolo è sempre con te e tu sei nel loro cuore. E’ così che , a modo nostro, noi False Memories abbiamo pensato di omaggiare la nostra amata Italia , ora “con il cuore nel fango” ma che presto tornerà a risplendere”.

I False Memories nascono nel 2016 da un’idea di Francesco Savino, chitarrista del gruppo.
La formazione attuale vede la presenza di Rossella Moscatello alla voce, Gianluca Zaffino al basso e Emanuele Cossu alla batteria.
Gli arrangi…

Damien Rice canta la cover di 'Chandelier' di Sia

Anche Damien Rice ha partecipato alla compilation "Song For Australia" il cui ricavato sarà devoluto alle organizzazioni impegnate nell'emergenza incendi in Australia, che oltre a uccidere 33 persone hanno distrutto più di 3 mila abitazioni e raso al suolo 12,6 milioni di ettari di aree boschive.
Il cantautore irlandese ha registrato una intensa cover acustica di “Chandelier” di Sia.
L'album, nato da un'idea della cantante folk-pop australiana Julia StoneIl per ora è disponibile solo in forma digitale, mentre il vinile e il cd usciranno solo a giugno.
Tra gli artisti presenti spiccano i nomi di Joan As Police Woman. The National e Martha Wainwright,



La versione originale di "Chandelier" è stata pubblicata da SIA nel 2014, primo estratto dal suo album "1000 Forms of Fear ". E' stato il primo vero successo da solista della cantante australiana; numero 8 negli USA, numero 6 in UK, numero 1 in Francia e numero 2 in Italia.
Il brano è scritto…

Diodato canta "La Cura" di Franco Battiato (VIDEO)

Ieri sera Diodato ha cantato “La Cura” di Franco Battiato in apertura del programma di Rai 2 “Che Tempo Che Fa”. In una puntata interamente dedicata all’emergenza Coronavirus, il vincitore del Festival di Sanremo ha cantato il classico di Franco Battiato, in un una toccante versione acustica, accompagnato solo dalla chitarra. Durante la cover, registrata nel pomeriggio in uno studio completamente vuoto, la regia ha fatto scorrere le immagini più toccanti del nostro Paese in ginocchio.
Oltre al grande valore simbolico, vale la pena di sottolineare che si tratta anche di un’ottima interpretazione.




La versione originale de “La Cura” compare nell’album L'imboscata pubblicato da Franco Battiato nel 1996. Il brano è firmato inseme al filosofo Manlio Sgalambro. Fra le tante cover, meritano spiccano quelle di Celentano e di Noemi.

L'omaggio agli Oasis dell'ex Housemartins Paul Heaton

Spesso su queste pagine mi sono occupato delle cover proposte nel corso del programma Radio 2 Breakfast Show, il più delle volte accusandole a dire il vero di essere un po' troppo simili alle versioni originali. Non è il caso della cover di "Some Might Say" degli Oasis proposta nella puntata di Venerdì scorso del programma condotto da Zoe Ball. A cantare il brano sono stati Paul Heaton (cantante degli Hosmartins negli anni 80) e Jacqui Abbott, ex componenti dei The Beautiful South. Una versione dai suoni country che forse non si sposano bene pero con la hit dei fratelli Gallagher.
I due hanno in questi giorni pubblicato il loro quarto album insieme intitolato "Manchester Calling".




"Some Might Say" venne pubblicata dagli Oasis nell'aprile del 1995.
E' stato il primo singolo del gruppo ad arrivare alla prima posizione nelle classifiche di vendita britanniche. La canzone porta la firma di Noel Gallagher e fu inserita nell'album (What's t…

Ligabue compie 60 anni: le cover più belle

Il 13 Marzo del 1960 nasce a Correggio, un piccolo paese dell’Emilia-Romagna Luciano Ligabue. Oggi il rocker italiano spegne dunque 60 candeline e festeggia anche 30 anni di una attività musicale, iniziata nel 1990 con il successo di “Balliamo sul Mondo”. Una carriera che lo ha portato a pubblicare 12 album in studio e che lo ha visto anche grande interprete di omaggi agli artisti italiani e internazionali che lo hanno ispirato. Qui a MyWay oggi festeggiamo i 60 anni del Liga con le 5 cover più belle cantate dal rocker emiliano.

I giardini di marzo

Omaggio a Mogol e Battisti pubblicato nel 2006 nell’album “Innocenti Evasioni”


A Che Ora è La Fine del Mondo
Versione italiana di “It’s the end of the world as you know it” dei REM



Ultimo Tango a Memphis
Cover in italiano di "Suspicious Minds" di Elvis Presley.


Fiume Sand Creek
L’omaggio a Fabrizio De Andrè nell’album “Amico Fragile”



Incontro
L'omaggio all'amico Francesco Guccini

Becky Hill canta la cover di "No Time To Die" di Billie Eilish

A meno di un mese dalla sua pubblicazione, arrivano le prime cover di "No Time To Die" di Billie Eilish. Becky Hill ha infatti proposto la sua versione del tema del nuovo film della serie dedicata a James Bond, nel corso della trasmissione BBC Live Lounge. La 26enne cantante inglese era alla suoa seconda partecipazione al popolare show condotto da Clara Amfo sulla BBC Radio 1, nel quale ha cantato anche il suo nuovo singolo Better Off Without You.
Becky Hill si è fatta conoscere in Gran Bretagna grazie alla partecipazione al talent The Voice UK, ma è nota al pubblico italiano soprattutto per aver cantato nella hit "Lose Control" dei Meduza, il trio italiano capace lo scorso anno di conquistare le classifiche con "Piece Of Your Heart".
La cover di "No Time To Die" non aggiunge nulla alla versione originale, ma è stata cantata comunque in modo convincente.




La versione originale di "No Time To Die" è stata pubblicata da Billie Eilish il …

Coldplay: la cover di "1999" di Prince (VIDEO)

I Coldplay hanno nuovamente reso omaggio a Prince. Lo hanno fatto suonando in questo caso nel corso del programma Tiny Desk, il format di musica dal vivo della statunitense NPR. Il brano scelto è stato “1999” che Chris Martin e il chitarrista Jonny Buckland hanno suonato con i componenti del coro For Love. L’esibizione risale inj realtà al mese di gennaio ma è stata messa in oline solo oggi,
Oltre al brano di Prince i Coldplay hanno anche suonato tre brani del nuovo album “Everyday Life” (2019) – “Cry Cry Cry”, “Broken” e “Champion Of The World” - e “Viva La Vida”, da “Viva La Vida or Death and All His Friends” (2008). In passato la band aveva già omaggiato il musicista di Minneapolis eseguendo dal vivo “Rasperry berret” e “Nothing compares 2 U”.

La cover di “1999” è al minuto 10 e 30, ma il nostro consiglio è quello di guardare l’esibizione per intero.




La versione originale di “1999” fu pubblicata da Prince nel 1982. Nel 45 giri la canzone dura 3 minuti e 36 secondi ma nell’alb…

Tiziano Ferro: la cover di Someone You Loved di Lewis Capaldi contro il Coronavirus

Tiziano Ferro ha voluto invitare tutti a restare a casa con la cover di "Someone You Loved" di Lewis Capaldi, invitando tutti i suoi fan a rispettare le direttive emanate per contrastare il diffondersi del Coronavirus e a rimanere a casa.
Il brano è stato postato dall’ artista sulla sua popolare pagina Instagram, dopo aver ha chiesto suggerimenti ai fan sulla canzona da eseguire.
“Oggi ho deciso per esempio di provare a cantare un brano che mi piace. Senza ambizione, solo per il piacere di farlo” ha spiegato il cantante “Dimostriamo a tutti che anche in un momento così triste, sappiamo costruire” ha aggiunto Ferro “Proviamo ad essere indulgenti e gentili l’uno con l’altro, evitiamo commenti brutti”.



Visualizza questo post su Instagram
Un post condiviso da Tiziano Ferro (@tizianoferro) in data: 8 Mar 2020 alle ore 10:46 PDT
Pubblicata nel novembre del 2018, "Someone you loved" è stato il terzo singolo nella carriera del cantautore scozzese Lewis Capaldi e il suo p…

Harry Styles: la cover di Sledgehammer di Peter Gabriel

La crescita musicale di Harry Styles è sempre più evidente, anche dalle cover che l’ex One Direction sceglie di interpretare. Dopo il sorprendente omaggio a Joni Mitchell al BBC Live Lounge di qualche giorno fa, arriva ora la cover di “Sledgehammer” di Peter Gabriel. Harry ha cantato il brano nel corso dell’Howard Stern Show trasmesso dal network SiriusXM. “E’ la canzone con il migliore mix musicale” ha spiegato il cantante durante l’intervista. Styles ha anche raccontato di aver registrato il suo nuovo album “Fine Line” negli studi “Real World” di proprietà dello stesso Gabriel.
La cover è sostanzialmente fedele all’originale, ma è cantata da Harry senza indecisioni, ben assistito dalla sua band (quasi tutta al femminile). Peccato per la mancanza di una vera sezione fiati.


"Sledgehammer" è il brano di maggior successo nella carriera da solista di Peter Gabriel: numero 1 negli USA, numero 4 in UK e numero 8 in Italia. L’ex Genesis pubblicò il singolo il 25 aprile del 1986,…

Una cover di "Caruso" per il compleanno di Lucio Dalla

Nel giorno del suo 77 compleanno, la Irma Records celebra Lucio Dalla con la cover della celebre "Caruso". Il brano è stato riletto dalla cantante Serena Zaniboni, accompagnata al piano da Claudio Vignali, per il loro progetto multiartistico Ze Hop, uno spettacolo multimediale che coniuga musica elettronica, ambient, trip hop, downtempo con arte digitale.
Serena Zaniboni è un'interessante artista multimediale bolognese. Cantante, visual artist (illustratrice, pittrice, mua), performer, bodypainter, insegnante di musica e arteterapeuta, ha collaborato con musicisti attivi sulla scena italiana e internazionale.




Lucio Dalla incise nel per la prima volta "Caruso" nel 1986 per l'album Dallamericaruso. Oggi è considerata  una delle canzoni italiane più conosciute nel mondo, grazie anche alle tante cover realizzate da cantanti stranieri come Julio Iglesias, Lara Fabian o la band Il Divo. Alle quali vanno aggiunte le versioni cantate da Mina, Luciano Pavarotti, Mi…

Robert Plant torna con una cover dei Low (e una nuova band)

Robert Plant ha registrato una cover di Everybody’s Song dei Low insieme ai Saving Grace, band che lo affiancherà questa estate in un tour in tutto il Nord America, e che ora dalla stampa viene indicato come il "nuovo gruppo" dell'ex voce dei Led Zeppelin. Una cover dall'arrangiamento decisamente più folk rispetto alla versione originale e che non ha sorpreso i fan più attenti di Plant: il cantante in passato aveva già espresso la sua ammirazione nei confronti della band di Duluth.
I Saving Grace sono Suzi Dian (voce), Oli Jefferson (percussioni), Tony Kelsey (mandolino, chitarra acustica) e Matt Worley (banjo, chitarra acustica).




La versione originale di "Everybody's Song" compare nell'album The Great Destroyer, il settimo nella carriera dei Low.


I National rendono omaggio agli INXS: la cover di Never Tear Us Apart

I The National hanno registrato una cover di “Never Tear Us Apart” degli INXS. Il brano sarà inserito nella compilation “Songs For Australia” ideata della cantautrice Julia Stone per raccogliere fondi a favore delle comunità colpite dai recenti roghi in terra australiana. I ricavati dalla vendita della compilation – a cui partecipano anche Damien Rice, Joan as Police Woman, Kurt Vile, Martha Wainwright - verranno devoluti alle associzioni ambientaliste australiane Firesticks, Landcare Australia, SEED, Emergency Leaders for Climate Action, WildArk e il NSW Rural Fire Service.
L'album (e il relativo merchandising) è in pre-order qui.



La versione originale di “Never Tear Us Apart” è contenuta nell’album “Kick” degli INXS pubblicato nel 1988. La canzone è stata scritta da Andrew Farriss e Michael Hutchence. Il singolo ha raggiunto la posizione numero 7 negli USA e la numero 24 in UK. Pirma dei National, il brano era già stato cantato da Tom Jones e Natalie Imbruglia, Joe Cocker, Pal…