Post

Visualizzazione dei post da marzo, 2023

Bowling For Soup: la cover pop punk di "Flowers" di Miley Cyrus

Immagine
I Bowling for Soup sono tornati con un nuovo album di cover. La punk band texana che era stata capace di conquistare le classifiche all'inizio del nuovo millennio con gli album Drunk Enough to Dance , e A Hangover You Don't Deserve , ha sempre avuto un certo "feeling" con le cover a partire dalla rilettura di "Summer Of 69" di Bryan Adams che diede loro una buona popolarità nel 2000. Negli anni poi la band di Jaret Reddick ha ricantato brani di ogni genere, dai Green Day a Ben E.King, da Mariah Carey ai Social Distorsion. Ora la band torna con un album interamente composto da cover dal titolo Don't Mind If We Do, in uscita il prossimo 4 aprile. Il disco è stato anticipato dalla cover di "Flowers" di Miley Cyrus in versione pop punk. La versione originale di "Flowers" è stata pubblicato come singolo da Miley Cyrus il 12 gennaio del 2023. Il brano è da otto settimane in vetta alla classifica di Billboard e ha raggiunto la prima posi

Yo La Tengo: le cover dei Beatles e di Dylan insieme ai Wilco

Immagine
Finale di concerto con sorpresa per i fan degli Yo La Tengo che erano presenti allo show di venerdì scorso, 24 marzo. al Metro di Chicago. Per i bis la band di Ira Kaplan ha chiamato sul palco i Wilco e insieme hanno eseguito quattro cover.I brani eseguiti sono stati “She’s A Woman” dei Beatles , “Love Minus Zero/No Limit” di Bob Dylan , “One Track Mind” degli Heartbreakers e “Who Knows Where The Time Goes?” dei F airport Convention . Tre delle quattro canzoni non erano mai state in precedenza eseguite dal vivo dal gruppo (mentre "Love Minus Zero" era già stata suonata in due occasioni). Nel corso del concerto gli YLT avevano anche omaggiato gli stessi Wilco suonando la cover di “If I Ever Was a Child”. Il video è "amatoriale" ma è stato registrato a pochi metri dal palco e la qualità è ottima.

Peggy Seeger: la nuova cover di 'The First Time Ever I Saw Your Face'

Immagine
Peggy Seeger ha pubblicato una nuova versione della celebre "The First Time Ever I Saw Your Face" scritta per lei dall'ex marito Ewan MacColl. La cantautrice newyorchese, sorellastra del leggendario Pete Seeger, oggi ha 87 anni e ha scelto di ricantare il capolavoro che il marito scrisse per lei nel 1957 e che divenne celebre grazie a  Roberta Flack. A proposito delle tante cover esistenti del brano, la Seeger ha spiegato: "Adoro ascoltare tutti i diversi modi in cui i cantanti hanno fatto propria la canzone. È una testimonianza della storia universale e della brillante narrazione: è ingannevolmente semplice ma al tempo stesso così potente". La stessa Seeger aveva già registrato in passato due versioni della canzone: la prima nel 1962 in compagnia del marito e nel 2007 insieme al figlio.  A proposito di questa nuova cover ha spiegato: "Ho avuto due compagni di vita, un uomo e una femmina, e ho tre figli e 9 nipoti. Mi sono resa conto che i testi delle cano

Bob Sinclar: il nuovo singolo è una cover anni '80

Immagine
Il nuovo singolo di Bob Sinclar è la cover di una hit anni '80 . Il popolare deejay e produttore francese ha pubblicato la sua rilettura di “Never knew love like this before" successo di Stephanie Mills del 1980. Il brano è stato pubblicato insieme all'artista francese Quinze , originario del Camerun, con all’attivo quattro album dalle chiare influenze soul, funky, r&b ed elettro. Una rilettura in puro stile "vintage" anche nel video diretto da Jonathan Kluger, con tanto di microfono Sennheiser 441 in bella evidenza. Il cantante a proposito della collaborazione con il DJ parigino ha dichiarato "Vivo un sogno ad occhi aperti". La versione originale di Never Knew Love Like This Before venne pubblicata nel 1980 dalla newyorchese Stephanie Mills, Diventerà la hit più importante della sua carriera raggiungendo la posizione numero 6 negli USA e la numero 4 in UK. Nel 1981 il brano - che porta la firma di James Mtume e Reggie Lucas - ha conquistato due

100 batteristi suonano la cover "My hero" in ricordo di Taylor Hawkins

Immagine
Il 25 marzo del 2022 moriva il batterista dei Foo Fighters Taylor Hawkin . Per ricordarlo, cento batteristi belgi si sono riuniti per un omaggio molto suggestivo, suonando insieme la cover del classico della band capitanata da Dave Grohl "My Hero" allo Sportpaleis di Anversa. La scelta della location non è stata casuale visto che si trattava dell'ultimo l'ultimo luogo in cui nel 2018 Hawkins si esibì in Belgio con i Foo Fighters. Insieme ai cento batteristi chitarra, erano presenti sul palco i componenti della rock band belga dei Black Box Revelation. "Taylor Hawkins - hanno spiegato i componenti del gruppo  - era il miglior batterista della nostra epoca. Rendergli onore in questo modo è stata un’esperienza indimenticabile". My Hero è la canzone che ha più emozionato nei due concerti-tributo al batterista che si sono tenuti a settembre a Londra e Los Angeles, dove il pezzo è stato suonato dai Foo Fighters col figlio di Taylor, Shane Hawkins, alla batteria.

"My Heart Will Go On": la versione folk dei Muna

Immagine
La celebre " My Heart Will Go On " di Celine Dion è stata rifatta dai Muna , una interessante trio indie californiano, con all'attivo tre album dal 2017 ad oggi. La band ha proposto la propria curiosa cover nel corso del programma "Like A Version" della Triple J, del quale ci siamo già spesso occupati su queste pagine. La cantante Katie Gavin ha spiegato: “Questa canzone è una canzone che ho sempre amato. Inizialmente avevamo pensato di rifarla in versione dance, ma poi abbiamo deciso di farne una versione folk. Ci piaceva la sfida di cambiare il mood della versione originale". Una cover che colpisce per le interessanti armonizzazioni e il delicato 'arrangiamento basato sul due chitarre e il pianoforte, distante dalla pomposità dell'originale. La versione originale di "My Heart Will Go On" compare nella colonna sonora del film "Titanic" di James Cameron ed è cantata da Celine Dion. Il singolo - pubblicato alla fine del 1997 -

Coi Leray riporta in classifica "The Message" di Grandmaster Flash & Furious Five

Immagine
“Players”, l’ultimo singolo Coi Leray , non è esattamente una cover mi ci si avvicina molto. Il brano - pubblicato alla fine dello scorso anno -  dopo aver conquistato la vetta della Top200 Global Spotify Chart è diventato una hit anche nelle radio italiane, ed è interamente basato su di un sample di "The Message" di Grandmaster Flash & Furious Five , Di suo la ex modella di Boston, figlia del rapper Benzino, ci mette un testo tutto nuovo con rime che sono un inno al femminile: "'Perché anche le ragazze sanno giocare". "Players" arriva sulla scia di "Fly Sh!t", singolo che ha già raccolto oltre 8 milioni di stream. Our Generation Music ha osservato: “A questo punto, sembra che ogni traccia che Leray rilascia sembri esplodere immediatamente sui social media. Se continua a pompare brani avvincenti come "Fly Sh!t", la sua fanbase è destinata a crescere insieme a lei come artista”. Rap Radar ha riassunto la traccia in poche, signifi

Il duetto tra Elly Schlein e Alessandro Cattelan sulle note di "Imagine"

Immagine
Impossibile tenere il conto di tutte le versione di "Imagine" presenti sul web. Il brano di John Lennon è certamente uno di più "coverizzati" nella storia della musica. Alla lunghissima lista si aggiunge ora anche quella proposta, in un insolito duetto da Elly Schlein e Alessandro Cattelan nel corso della trasmissione di Rai 2  "E poi c'è Cattelan". La segretaria del PD si è improvvisata pianista sulle note del celebre inno pacifista, ma ha lasciato al conduttore il compito di cantare il brano.  Il "pianismo" della Schlein non è certamente perfetto, ma pare che sia più brava con la chitarra elettrica. Meglio Cattelan come cantante, anche se deve ricorrere all'aiuto dell' iPhone per il testo della canzone. La versione originale di "Imagine" risale al 1971 ed è una delle canzoni di pace più famose di tutti i tempi. Ma in occasione della sua pubblicazione non venne accolta in modo trionfale. Negli USA il singolo arrivò sol

Twenty One Pilots: una cover dei Blink-182 al Lollapalooza Argentina

Immagine
I Blink-182 non si sono potuto esibire nella tappa argentina del Lollapalooza e così i Twenty One Pilots hanno deciso di rendere loro omaggio, suonando la cover di "All The Small Things" E' successo lo scorso 18 marzo sul palco del Lollapalooza Argentina che si è tenuto all'Hipódromo de San Isidro. Con il batterista Travis Barker convalescente per un intervento chirurgico al dito, i Blink hanno dovuto posticipare il loro tour in America Latina. Il duo di Columbus non aveva mai eseguito il brano dal vivo. Una versione grintosa e molto partecipata dal pubblico. La versione originale di "All The Small Things" venne pubblicata dai Blink 182 nel 2000. Il brano fa parte del terzo album della band californiana "Enema of the state". Tom DeLonge ha raccontato di aver scritto la canzone per la sua fidanzata dell'epoca, Jennifer Jenkins, che l'anno dopo sarebbe diventata sua moglie. I due divorzieranno nel 2019. Il singolo arriverà alla numero 2 in

The Killers: omaggio agli U2 con la cover di 'Where The Streets Have No Name"

Immagine
I The Killers hanno reso omaggio agli U2 suonando la cover di "Where the streets have no name", Lo hanno fatto - non a caso nella sera del 17 marzo, Festa di San Patrizio Patrono dell'Irlanda. La band di Brandon Flowers ha eseguito il brano nel corso del concerto tenuto alla Mohegan Sun Arena di Uncasville, Connecticut. " L'amore  è una specie di denominatore comune di questa band - ha spiegato il cantante - Era una delle band in cui ci siamo riuniti tutti quando abbiamo iniziato. Stasera faremo un piccolo tributo al cristianesimo che viene in Irlanda e agli U2 che cantano sull'unità ". I The Killers non avevano mai eseguito il brano in precedenza, ma avevano in passato già suonato altre canzoni di Bono e compagni : "With Or Without You,” “Ultra Violet (Light My Way)” e “Pride (In The Name Of Love).” "Where the streets have no name" è la canzone che apre l'album "The Josha Tree" pubblicato dagli U2 nel 1987. Il brano è

Buon Compleanno Pino: a Napoli il Memorial Pino Daniele

Immagine
Il 19 marzo 1955 nasceva a Napoli Pino Daniele . Per ricordare il grande musicista scomparso nel 2015, torna stasera  “Je sto vicino a te, il memorial dedicato a Pino Daniele”, concerto tributo giunto all'ottava edizione. Tra gli artisti che saliranno sul palco del Teatro Palapartenope di Napoli ci sono Mario Biondi e Irene Grandi, Fabio Concato ed Enzo Gragnaniello, Saturnino e Maurizio De Giovanni . L'evento - ideato da Nello Daniele, musicista e fratello di Pino, prodotto dallo storico fondatore del Teatro Palapartenope Rino Manna - “non solo ha lo scopo di mantenere vivo il ricordo di Pino Daniele, ma ha soprattutto lo scopo di far comprendere anche alle nuove generazioni il meticoloso lavoro dello stesso nella composizione dei brani e nella stesura dei testi, un patrimonio culturale quanto mai moderno ed attualissimo, capace di valicare i confini generazionali e temporali”. La direzione artistica sarà curata questa volta da Nello Daniele, Giorgio Verdelli, autore, regist

T-Pain: la sorprendente cover di ‘War Pigs’ dei Black Sabbath

Immagine
Il rapper e produttore americano T-Pain ha realizzato una delle cover più sorprendenti degli ultimi tempi. Il cantautore della Florida ha pubblicato la sua versione di "War Pigs" dei Black Sabbath, primo singolo dal suo album "On Top Of The Covers", interamente composto da cover. Nonostante sia diventato celebre per aver reso popolare AutoTune nel mondo dell'hip-hop, Faheem Rashad Najm (questo il vero nome del rapper) ha una potente voce soul, ed uno stile che qualcuno ha addirittura paragonato ai momenti più rock di Prince. A proposito del disco T-Pain ha spiegato: "Ognuna di queste canzoni significa qualcosa per me e mi ha aiutato ad innamorarmi della musica in diversi momenti della mia vita. Sto pubblicando questo album di cover dal punto di vista di ciò che sento quando ascolto queste canzoni". Anche il resto dell'album è decisamente sorprendente, con le cover di “Don’t Stop Believin'” dei Journey, l'omaggio a Sam Cookie con la classic

U2: tributo agli ABBA con la cover di "S.O.S" (VIDEO)

Immagine
Anche gli U2 sono stati protagonisti del BBC Piano Room, la trasmissione della BBC Radio 2 della quale ci siamo spesso occupati nelle ultime settimane: quest'anno il format dello show prevede infatti che gli ospiti - accompagnati dalla prestigiosa BBC Concert Orchestra - eseguano un brano del loro repertorio e la cover di un brano del passato. La band irlandese ha scelto di rendere omaggio agli Abba e ha eseguito la cover della celebre S.O.S. Una novità assoluta per il gruppo di Bono, che non aveva mai interpretato in precedenza il brano, ma aveva spesso omaggiato il gruppo svedese con la cover di "Dancing Queen". The Edge ha spiegato: " Siamo grandi fan degli ABBA, e di come il loro lavoro è cresciuto nel corso degli anni. Ma siamo fan dei Bee Gees, cosa che la gente non avrebbe mai immaginato. Siamo fan di molti grandi cantautori che non sono necessariamente considerati alla moda !". Nel corso del programma la band - per l'occasione rappresentata dai so

Shania Twain: ascolta la cover di ‘Falling’ di Harry Styles

Immagine
Harry Styles è senza dubbio la popstar più "coverizzata" degli ultimi anni. L'ennesimo omaggio al repertorio dell'ex One Direction arriva oggi dalla cantante canadese Shania Twain, che ha ripreso la sua "Falling" in esclusiva per Spotify. A proposito della cover la Regina del Country Pop ha spiegato: "Mi sono davvero innamorata di questo brano. Adoro Harry Styles e la sua versione della canzone mi ha davvero commosso e ho voluto provare a cantarla. È venuta fuori più emozionante di quanto pensassi e sono stato molto contenta del risultato". Shania Twain e Harry Styles si erano esibiti insieme al Coachella 2022 Come detto per ora la cover è in esclusiva sulla piattaforma Spotify. La cantante ha anche pubblicato su Twitter un filmato che svela il dietro le quinte delle session di registrazione.   La versione originale di "Falling" compare nel secondo album di Harry Styles intitolato "Fine Line" e pubblicato nel 2019. L'anno

Susanna Hoffs: la sua cover al femminile di "Under my thumb" degli Stones

Immagine
L'ex Bangles Susanna Hoffs ha pubblicato la cover di "Under my thumb" dei Rolling Stones . Il brano è un'anteprima del nuovo album della cantante, in uscita il prossimo 7 aprile, interamente composto da cover. Il disco si intitolerà "The deep end" arriva a quasi due anni di distanza dal precedente progetto della Hoffs, "Bright lights" del 2021, anch'esso composto da cover. A proposito del classico degli Stones la cantante ha spiegato: " Ho ascoltato quella canzone a ripetizione da quando è uscita a metà degli anni '60, Ma ho avuto un'illuminazione quando ho capito davvero di cosa parla e mi è venuta l'idea di cambiare il genere. E se i ruoli fossero invertiti? Se fosse il ragazzo ad essere sotto il controllo di lei? È una canzone impertinente e irriverente, quindi è stato estremamente piacevole ribaltare la situazione." Nell'album - prodotto da Peter Asher (che ha in passato lavorato con James Taylor, Linda Ronstadt

Eric Clapton: a maggio due concerti tributo a Jeff Beck

Immagine
Eric Clapton ha annunciato A Tribute to Jeff Beck with Eric Clapton & Friends , due concerti tributo a Jeff Beck, il leggendario chitarrista scomparso all’età di 78 anni lo scorso gennaio. Due show in programma il 22 e il 23 maggio alla Royal Albert Hall di Londra, con protagonisti come Johnny Depp, Doyle Bramhall, Gary Clark Jr, Belly Gibbons, Imelda May, John McLaughlin, Robert Randolph, Olivia Safe, Rod Stewart, Joss Stone, Susan Tedeschi, Derek Trucks oltre ovviamente allo stesso Clapton. Della Jeff Beck Band, saranno invece sul palco Rhonda Smith, Anika Nilles e Robert Stevenson. Altri artisti verranno annunciati nelle prossime settimane. I biglietti sono in vendita qui .

La leggenda della musica Quincy Jones compie 90 anni: le 5 cover più belle

Immagine
Quincy Jones compie oggi 90 anni.   Produttore, arrangiatore, trombettista, compositore, direttore d'orchestra, vera leggenda della musica, Quincy ha collaborato nel corso della sua straordinaria carriera con centinaia di artisti. Ha lavorato con Miles Davis e Dizzy Gillespie, ma anche con pop star come Michael Jackson, Donna Summer e Madonna. Ha vinto in carriera 28 Grammy, un premio Oscar e un Emmy. Nato a Chicago il 14 marzo 1933 ha iniziato a suonare la tromba da bambino. Ha studiato musica alla Berklee College of Music e si è trasferito a New York negli anni '50 per lavorare come arrangiatore e direttore d'orchestra. Ha rapidamente guadagnato una reputazione come uno dei musicisti più talentuosi e innovativi della sua generazione. Negli anni '60, Jones ha iniziato a lavorare come produttore e compositore, collaborando con artisti come Frank Sinatra, Ella Fitzgerald e Ray Charles.  La carriera di Jones si è sviluppata nel corso di sette decenni ed è caratterizza

Fontaines D.C.: ascolta il tributo a Nick Drake

Immagine
I Fontaines D.C hanno reso omaggio a Nick Drake , con una toccante rilettura di Cello Song. La cover è il primo singolo estratto dall'album "The Endless Coloured Ways – The Songs Of Nick Drake" , compilation che uscirà il 7 luglio per Chrysalis e che vedrà la partecipazione tra gli altri di Ben Harper, Emeli Sandé, David Gray e molti altri. Un progetto nato da un’idea di Cally Callomon, manager della Nick Drake Estate, e Jeremy Lascelles, co-fondatore di Blue Raincoat Music e CEO di Chrysalis Records. Oltre all’edizione su cd e doppio vinile, sono in uscita alcuni 7 pollici in edizione limitata. Sul primo singolo saranno presenti Cello Song dei Fontaines D.C. e From the Morning del duo Let’s Eat Grandma. Inoltre, all’edizione limitata del doppio vinile del tributo sarà allegato un sette pollici bonus con l’inedita cover realizzata da Nick Drake di "Tomorrow is a Long Time" di Bob Dylan. "Nick Drake non era così preoccupato di promuovere se stesso come arti

St. Vincent: la cover dei Portishead al Tonight Show di Jimmy Fallon

Immagine
St. Vincent ha cantato una cover di "Glory Box" dei Portishead nel corso del The Tonight Show. Lo ha fatto nel corso della puntata dello scorso 8 marzo del popolare programma condotto da Jimmy Fallon sulla NBC. Ed essendo la serata dedicata alla Festa della Donna, la cantante ha scelto il brano in modo tutt'altro che casuale visto che il testo recita "“Give me a reason to be a woman". Una cover molto bella, impreziosita dall'intensa prestazione vocale di Anne Clark e da un sorprendente assolo di chitarra finale, molto "hendrixiano". La cantante non aveva mai eseguito in precedenza il brano. Promossa a pieni voti. La versione originale di "Glory Box" è contenuta nell'album "Dummy" dei Portished pubblicato nel 1994 e considerato uno dei capolavori del trip-hop. La canzone si basa sul sample del brano "Ike's Rap II" di Isaac Hayes. Il singolo ottenne un buon successo nelle classifiche inglesi raggiungendo la pos

Rufus Wainwright: nuovo singolo in collaborazione con Brandi Carlile

Immagine
Il nuovo singolo di Rufus Wainwright è la cover di “Down In The Willow Garden”, una ballata folk tradizionale che vede la partecipazione di Brandi Carlile. Si tratta del prima anticipazione del nuovo album del cantautore canadese, “Folkocracy“, che uscirà il 2 giugno – via BMG. Sarà un album di cover con ospiti di grande livello come John Legend, Chaka Khan, Madison Cunningham, Sheryl Crow, Andrew Bird, ANOHNI, David Byrne, Nicole Scherzinger e le sue sorelle, Martha Wainwright e Lucy Wainwright Roche. Il cantautore - che il prossimo 22 luglio festeggerà 50 anni - ha spiegato: Questo album è quasi una festa di compleanno registrata e un regalo di compleanno per me stesso. Ho invitato tutti i cantanti che ammiro molto e con cui ho sempre voluto cantare. Questa la tracklist: Alone (Feat. Madison Cunningham) Heading for Home (Feat. John Legend) Twelve-Thirty (Young Girls Are Coming To The Canyon) (Feat. Susanna Hoffs, Chris Stills & Sheryl Crow) Down in the Willow Garden (Feat. Brand

Florence + The Machine: la potente cover di "Just a Girl" per la seconda stagione di Yellowjackets

Immagine
Florence Welch ha realizzato una cover di "Just a Girl" dei No Doubt. Il brano compare nella colonna sonora della seconda stagione della serie Yellowjackets che sarà disponibile su Paramount+ dal 24 marzo. Dopo aver condiviso una breve anteprima sulla sua pagina Instagram, Florence ha pubblicato a sorpresa il brano oggi sulle piattaforma musicali. Una rilettura moto interessante, con un cupo arrangiamento distante dall'originale e la voce della rossa cantante londinese in bella evidenza. La canzone è prodotta da Florence and The Machine e Mark Bowen degli Idles.   La versione originale di "Just a Girl" dei No Doubt uscì nel 1995 e compare nell'album "Tragic Kingdom". La canzone porta la firma Gwen Stefani e Tom Dumont ed è prodotta da Matthew Wilder.

Alice in concerto al Pantheon di Roma il 16 aprile: omaggio a Battiato

Immagine
Il prossimo 16 aprile Alice si esibirà al Pantheon di Roma in un concerto dedicato a Franco Battiato. Ad accompagnarla sul palco in questa occasione speciale sarà l’Orchestra del Teatro La Fenice, diretta dal maestro Carlo Guaitoli, a lungo collaboratore di Battiato.Alice canterà le canzoni di Battiato più spirituali e mistiche nella Basilica di Santa Maria ad Martyres, il Pantheon di Roma, che per la prima volta accoglie un concerto di questo genere musicale La cantante ha spiegato: “Vivo la possibilità che mi è data di cantare in questo storico luogo sacro, come un grande privilegio e con infinita gratitudine. Ancor di più, desidero essere semplice strumento, per quel che posso cogliere e accogliere, di ciò che Franco Battiato ha trasmesso attraverso la sua musica e i suoi testi, in questo suo straordinario passaggio sulla Terra”. L’evento è a scopo benefico con prenotazione obbligatoria, ed è perciò richiesta una gentile donazione da parte del pubblico. Autorizzato dal Vicariato di

Maisie Peters: la cover acustica di "Basket Case" dei Green Day

Immagine
Una versione unplugged di "Basket Case" dei Green Day , senza chitarre elettriche ma con il violino e la chitarra acustica. È quella realizzata dalla cantautrice britannica Maisie Peters, che ha eseguito la cover del classico della band californiana nel corso della trasmissione "Like A Version" dell'emittente australiana Triple J, di cui ci siamo spesso occupati su queste pagine. Una versione acustica probabilmente un po'troppo zuccherosa, e  che la biondissima Maisie interpreta con una certa disinvoltura con il suo timbro vocale auto e molto distante dia quello di Billy Joe Armstrong. " I Green Day sono stati una delle prime band che ho amato quando avevo 12 o 13 ann i - ha spiegato la cantante -  Amo l'energia che c'è nelle loro canzoni ma per la mia versione di "Basket Case" volevo provare un'arrangiamento originale, distante dall'originale. Il merito è della mia tastierista Tina, che è anche un'ottima violinista! "

Papik e Mario Biondi: una cover di Lisa Stansfield per la Festa della Donna

Immagine
In occasione della Festa della Donna, Papik e Mario Biondi hanno pensato ad un omaggio alla figura femminile, scegliendo di reintrepretare il brano di Lisa Stansfield “All Woman”. Una canzone scelta anche per il suo testo che parla di una donna che lavora e, per questo, non riesce a essere esteticamente quella che il suo uomo ha conosciuto inizialmente, ma

Festa della Donna: le migliori cover al femminile

Immagine
Anche noi di Myway vogliamo celebrare la Festa della Donna e in questo 8 marzo vi proponiamo una speciale playlist in rosa.  In ogni genere musicale, le donne hanno lasciato il loro segno, hanno tracciato un percorso che le generazioni successive hanno seguito e ampliato. Abbiamo selezionato 5 cover "al femminile" assolutamente indimenticabili di canzoni che, nella loro versione originale, erano state cantate "al maschile".  Perché spesso - anche in musica - le donne fanno molto meglio degli uomini. Aretha Franklin - Respect (Otis Redding) Adele - Make you feel my love (Bob Dylan) Sinéad O'Connor Nothing Compares 2 U  (Prince) This Mortal Coil – Song to the Siren (Tim Buckley) Fiorella Mannoia - Sally (Vasco Rossi)

Inhaler: una cover di Paolo Nutini per il figlio di Bono

Immagine
Dopo l'omaggio a Miley Cyrus , ancora un'interessante cover per gli Inhaler , la band capitanata da Elijah Hewson, figlio di Bono degli U2. Ospiti dalla trasmissione radiofonica The Spectrum negli sudi newyorkesi dell'emittente Sirius XM, il gruppo ha proposto una rilettura di  Through The Echoes di Paolo Nutini . In realtà sarebbe più corretto usare il singolare, visto che la cover è stata eseguita dal solo Elijah, accompagnandosi con la chitarra acustica. Il risultato è però notevole e l'interpretazione vocale senza sbavature. Gli Inhaler hanno da poco pubblicato il loro secondo album Cuts & Bruises e saranno in Italia 13 maggio a Bologna all’Estragon, il 14 a Roma all’Orion e il 16 maggio all’Alcatraz di Milano. La versione originale di "Through the Echoes"  è stata pubblicata dal Paolo Nutini nel maggio del 2022 ed è stato il primo singolo dell'album  "Last Night in the Bittersweet " il quarto nella carriera del cantautore scozzese. Il b

Rickie Lee Jones: la cover di "September Song" (VIDEO)

Immagine
Rickie Lee Jones ha pubblicato la cover di "September Song", seconda anteprima del nuovo album "Pieces of Treasure" in uscita il 28 aprile. A proposito del brano la cantautrice ha spiegato: "Volevo che tutti sentissero quello che stavo dicendo, che capissero quanto profondamente, quanto acutamente ogni cosa viene sentita nel tempo prima che cessi di esistere. C'è la foglia d'autunno. C'è la luna. Ecco il tuo volto. La vita è pianificata per i vecchi, che la gestiscono con mente risoluta perché sanno che il mondo appartiene ai giovani". Scritta da Kurt Weill e Maxwell Anderson, in September Song Rickie è affiancata dal chitarrista Russell Malone, dal pianista Rob Mounsey, da Mark McLean alla batteria, dal bassista David Wong e da Scott Robinson alla tromba e sax alto. Pieces of Treasure è una reunion con l'amico di sempre, il leggendario Russ Titelman, acclamato co-produttore dell'omonimo album di debutto del 1980 (vincitore di un Gramm

Postmodern Jukebox: la cover dei KISS è un omaggio a Morricone

Immagine
Anche se Gene Simmons ha recentemente  rivelato di averla sempre odiata , “I Was Made For Lovin' You”. è una delle canzoni più celebri dei Kiss e certamente la più popolare in Italia. Ed è anche - secondo l'autorevole sito SecondHandSongs - il loro brano con il maggior numero di cover ufficiali. Alla lista si aggiunge ora la curiosa rilettura firmata dai Postmodern Jukeboxe , che hanno scelto un arrangiamento che loro definiscono "spaghetti western style". In pratica - come spiegano nei credits del video - un omaggio a Ennio Morricone. Il brano è stato prodotto e arrangiato da Scott Bradlee, che è l'unico membro stabile dei PMJ. A cantare è stata chiamata Effie Passero (che in passato aveva già lavorato per la band nella cover di "Hallelujah"). La versione originale di "I Was Made for Lovin' You" venne pubblicata dei Kiss, nel 1979 e compare nel loro settimo album "Dynasty". Il brano è cantato da Paul Stanley che firma la canzon

Buon compleanno Lucio: Noemi canta 4/3/1943

Immagine
Oggi Lucio Dalla avrebbe compiuto 80 anni. Anche Noemi ha voluto celebrare l'anniversario della nascita del grande cantautore bolognese e lo ha fatto nel corso della puntata dello show "Splendida cornice" ansata in onda lo scorso 2 marzo.  Una bella rilettura che ha visto la cantante impegnata anche al piano. Interpretazione vocale perfetta e cover molto intensa. Noemi non aveva mai cantato ufficialmente il brano in precedenza.  Nel corso della puntata dello show condotto da Geppy Cucciari, anche Ermal Meta ha voluto omaggiare Lucio Dalla con la cover di "Com'è profondo il mare". Lucio Dalla cantò la versione originale del brano al Festival di Sanremo del 1971 in coppia con l'Equipe 84, piazzandosi in terza posizione.  Dalla raccontò che la canzone era nata di getto, nel corso di una vacanza in Puglia in pochi minuti e senza ausilio del pianoforte. Il testo della canzone è di Paola Pallottino, figlia del celebre etruscologo Massimo. L'arrangiamento è

Sting: la cover di "Purple Haze" di Jimi Hendrix

Immagine
C'è anche un tributo a Jimi Hendrix tra le bonus tracks contenute nella ristampa di Ten Summoner’s Tales di Sting , che in occasione dei 30 anni dalla sua pubblicazione viene celebrato con una speciale 'Expanded Edition'. In totale ben 27 tracce: le 12 canzoni originarie + 15 bonus track: lati B, remix, alternate version, esibizioni dal vivo e cover (non del tutto inedite). Il disco, il quarto nella carriera solista dell'ex leader dei Police, venne prodotto da Hugh Padgham e dalla stesso Sting e venne registrato alla Lake House nel Wiltshire, in Inghilterra: una casa di campagna elisabettiana che ha aggiunto atmosfera alla registrazione. Tra i musicisti coinvolti nel progetto il chitarrista Dominic Miller, il tastierista David Sancious, il batterista Vinnie Colaiuta ed il chitarrista pedal-steel Paul Franklin. Sting vi ha suonato basso, contrabbasso, armonica e sax, ha curato gli arrangiamenti e cantato. Tra le bonus tracks spicca - come detto - il tributo a Jimi Hen

50 anni di "The Dark Side of the Moon": le cover migliori

Immagine
50 anni fa i Pink Floyd pubblicavano l'album "The Dark of the Moon" da molti considerato il loro capolavoro assoluto. Il disco arrivò il 1 marzo del 1973 sul mercato americano e solamente il 24 marzo in Inghilterra.  Un LP entrato nella leggenda grazie alle 50 milioni di copie vendute e alle 741 settimane consecutive di presenza nella Billboard Hot 100. Una capolavoro già a partire dalla copertina, una delle più iconiche della storia del rock. Creata dal graphic designer inglese George Hardie con il contributo di Storm Thorgerson e Aubrey Powell dello studio Hipgnosis, rappresenta un raggio di luce bianca che, attraverso un prisma, con l'esclusione dell'indaco, si scompone nei suoi colori costituenti, rosso, arancione, giallo, verde, blu e viola. Noi di MyWay abbiamo scelto di celebrare il mezzo secolo del disco con le migliori cover delle 10 canzoni del disco. Dream Theater-Speak to Me/Breathe The Squirrels – On the Run Gov't Mule - Time The Flaming Lip