Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2021

Una cover di Bruce Springsteen nella ristampa del disco di Waxahatchee

C'è anche la cover di "Street of Philadelphia" di Bruce Springsteen nella versione deluxe di "Saint Cloud" l'album di Katie Crutchfield in arte Waxahatchee . Per festeggiare il primo "compleanno" del disco uscito il 27 marzo dello scorso anno, la cantautrice statunitense lo ha ripubblicato con il titolo di "Saint Cloud +3" e l'aggiunta di tre cover inedite. La più interessante è certamente la rilettura del classico di Springsteen, riletta con un nuovo arrangiamento e cantata con buona personalità, ma meritano un ascolto anche le cover di "Fruits of My Labour" di Lucinda Williams e "Light of a Clear Blue Morning" di Dolly Parton. L'album Saint Cloud è il quinto lavoro nella carriera della cantautrice dell'Alabama ed è stato inserito nelle classifiche dei migliori dischi del 2020 dalle principali riviste del settore, da Rolling Stone a Consequence of Sound, da Stereogum a Pitchfork (che lo ha addirittura mess

Imany torna con la cover di "Wonderful Life" di Black

Dopo il grande successo internazionale ottenuto con i singoli You Will Never Know , Don't Be So Shy e Silver Lining Imany torna ora con la cover di "Wonderful Life" di Black. Una versione una uptempo, accompagnata per ora da un lyrics video, che farà parte del di Voodoo Cello, il nuovo album dell’artista atteso per Settembre 2021. Per la cantautrice francese originaria delle Comore, si tratta di un ritorno sulle scene dopo una pausa di 5 anni legata alla nascita del suo secondo figlio. La cover ha sonorità decisamente distanti dall'originale mette ancora una volta in mostra l'interessante vocalità della cantante. La versione originale di "Wonderful Life" fu pubblicata da Black nel 1986 per una piccola etichetta indipendente. Il successo arrivò solo l'anno successivo quando il brano venne ripubblicato dalla A&M. Il singolo entrò nella Top 10 delle classifiche inglesi, francesi tedesche e spagnole ed ebbe un buon successo anche in Italia, graz

The Fratellis: una cover per tifare Scozia ai Campionati Europei

Gli scozzesi The Fratellis sosterranno in musica la loro nazionale di calcio in occasione dei prossimi Campionati Europei in programma dal prossimo 11 giugno. La band di Glasgow ha infatti registrato la cover di "Yes Sir, I Can Boogie" la hit dei Baccara che era stata adottata dai tifosi della Scozia nel corso di match di qualificazione al campionato europeo, inizialmente previsto lo scorso anno ma poi rimandato a causa dell'emergenza Covid. Ospite del programma della Virgin Radio The Breakfast Show , la band ha eseguito la cover dal vivo e ha annunciato l'intenzione di pubblicare ufficialmente il singolo prima dell'inizio dei Campionati. Il conduttore del programma Chris Evans (per anni conduttore di un popolare show sulla BBC) è stato inondato dai messaggi dei fan ed è stato costretto a far ascoltare il brano una seconda volta. Per noi: divertente ma non memorabile. "Yes Sir, I Can Boogie" è una hit del 1977 cantata dal duo spagnolo delle Baccara. Il

Nel nuovo album di Harry Connick Jr. la cover di Amazing Grace

C'è anche la cover di "Amazing Grace" nel nuovo album di Harry Connick Jr pubblicato lo scorso 19 marzo dalla Universal Music/Verve. Il disco si intitola "Alone with my faith" ed è stato registrato dal musicista durante i mesi duri del lockdown. Molti dei brani portano la firma del musicista statunitense, fresco di nomination ai Grammy Awards per il suo album True Love: A Celebration of Cole Porter, e hanno la fede come tema comune. "Sono cresciuto con la fede al mio fianco ma sebbene andassi in chiesa con mio padre, non mi battezzai nella chiesa cattolica fino all'età di 14 anni, quando decisi che volevo essere cattolico. Quindi la mia fede è sempre stata lì. Certamente si è sviluppata nel tempo" ha spiegato il musicista. Nel disco compare anche la cover di " How Great Thou Art" altro inno cristiano. “Amazing Grace” è uno degli inni cristiani più famosi e più amati della storia. Da una stima approssimativa, pare che venga eseguito 10

Yungblud: la cover di 'Life On Mars?' di David Bowie

Yungblud ha pubblicato ufficialmente sul suo canale YouTube la cover di "Life On Mars?" di David Bowie eseguita lo scorso 8 gennaio nel corso dell'evento in live streaming "A Bowie Celebration: Just For One Day!". La sua versione era già stata utilizzata dalla NASA lo scorso 18 Febbraio per accompagnare le immagini dell'atterraggio del rover Perseverance sul suolo di Marte. Yungblud l'aveva definita "la mia canzone preferita del mio artista preferito". La versione originale di "Life on Mars?" compare nell'album "Hunky Dory" pubblicato da Bowie nel dicembre del 1971. Il brano uscì anche come 46 giri nell'estate del 1973 (con "The man who sold the world" sul lato B): restò nella classifica inglese per 13 settimane arrivando fino alla posizione numero 3. Nel brano il pianoforte è suonato da Rick Wakeman, mentre Mick Ronson ha curato l'arrangiamento d'archi e ha suonato la chitarra elettrica.

Un album di cover soul per Paul Stanley dei Kiss

Il cantante e chitarrista dei Kiss, Paul Stanley , ha pubblicato un nuovo album di cover con i suoi Soul Station Si tratta di una vera super band di 15 elementi nella quale figura anche l'ex batterista dei Kiss Eric Singer, oltre a Rafael “Hoffa” Moreira (chitarra e cori), Sean Hurley (basso), Alex Alessandroni (tastiere), Ely Rise (tastiere), ), Ray Yslas (percussioni), Gavyn Rhone (cori), Crystal Starr (cori), Laurhan Beato (cori) e Jon Pappenbrook (tromba) e arricchita da una sezione di archi e da due fiatisti. Il disco si intitola "Now and Than" ed è completamente incentrato sui classici della musica soul del passato.  "Molto prima di ascoltare le grandi band britanniche – ha spiegato Stanley – sono cresciuto ascoltando il Philly Soul e la Motown e sono stato fortunato ad aver visto in azione Otis Redding e Solomon Burke. Quella musica e quei testi mi hanno dato forza e speranza, soprattutto nei momenti difficili. Considero i grandi classici di quell’epoca alla s

Peter Hammill: in arrivo un album di cover con brani di Tenco e De André

Peter Hammil  leggendario leader dei Van Der Graaf Generator, ha annunciato l'uscita del primo album di cover della sua carriera. Il disco - registrato durante il lockdown - si intitolerà "In Translation" e uscirà nel mese di maggio. Il titolo della raccolta è un riferimento al fatto che molte delle canzoni presenti sono state tradotte per l'occasione del musicista "Sentivo di non poter rendere giustizia alle canzoni se le avessi cantate nelle lingue originali. Il mio approccio è sempre stato quello di fare traduzioni culturali piuttosto che strettamente linguistiche, in modo da rendere lo spirito della canzone piuttosto che la sua narrativa" ha spiegato Hammil.  Molti i collegamenti al nostro paese: dall'omaggio a Piero Ciampi alla cover di "Uno dei tanti" di Mogol e Donida fino alla celebre "Ciao Amore Ciao" di Luigi Tenco e alla bella "Hotel Supramonte" di Fabrizio De André. E anche la copertina del disco è un chiaro ring

Sting e Herbie Hancock: la cover di 'My Funny Valentine"

In attesa dell'uscita dell'album "Duets" che arriverà nei negozi il prossimo 19 marzo e che raccoglie le più importanti collaborazioni della sua carriera, Sting ha pubblicato la cover di "My Funny Valentine" incisa insieme a Herbie Hancock . Non si tratta però di un inedito visto che il brano era stato già pubblicato nel 2005 per la colonna sonora del film "Ashura" e inserito nella compilation "My Funny Valentine - Sting at the Movies" pubblicata però solo per il mercato giapponese. Sting e Herbie Hancock si incontrarono per la prima volta a Parigi nel 1985, quando Sting si stava esibendo al Mogador Theatre per il tour di "The Dream of The Blue Turtle" e nella sua band era presente il comune amico Branford Marsalis. Sting ha dichiarato che la cover di "My Funny Valentine" è nata da un'idea del suo manager Martin Kierszenbaum. Il brano è disponibile per la prima volta sulle piattaforme digitali. "My Funny V

Paul McCartney: in arrivo McCartney III Imagined

Damon Albarn, Beck, St. Vincent, Phoebe Bridgers, Robert Del Naja dei Massive Attack, Ed O’Brien dei Radiohead. Sono solo alcuni degli artisti chiamati da Paul Mc Cartney a reinterpretare le canzoni del suo album più recente. Il disco - curato personalmente da sir Paul - uscirà il prossimo 16 aprile e si intitolerà III Imagined. Il primo assaggio è la nuova versione di "The kiss of Venus", realizzata con il rapper e cantautore americano Dominic Fike. La versione "fisica" del disco arriverà solo in estete, ma conterrà un brano extra. Questa la tracklist 1. Find My Way (feat. Beck) 2. The Kiss of Venus (Dominic Fike) 3. Pretty Boys (feat. Khruangbin) 4. Women And Wives (St. Vincent Remix) 5. Deep Down (Blood Orange Remix) 6. Seize The Day (feat. Phoebe Bridgers) 7. Slidin’ (EOB Remix) 8. Long Tailed Winter Bird (Damon Albarn Remix) 9. Lavatory Lil (Josh Homme) 10. When Winter Comes (Anderson .Paak Remix) 11. Deep Deep Feeling (3D RDN Remix) 12. Long Tailed Winter Bird

Max Gazzè e Daniele Silvestri: l'omaggio ai C.S.I. a Sanremo 2021 (VIDEO)

Sono finalmente tutte disponibili anche su YouTube (oltre che sulla piattaforma di RaiPlay) le cover eseguite nel corso della terza serata del Festival di Sanremo. Anche ad un secondo riascolto il nostro giudizio non cambia: poche cose davvero interessanti e troppi duetti incongruenti. Fa però eccezione la cover di "Del Mondo" dei C.S.I. proposta (purtroppo all'una e mezza di notte) da Max Gazzè e Daniele Silvestri , non a caso due amici abituati a condividere lo stesso palco e con non poche affinità artistiche. A rendere ancora più efficace la loro esibizione, va sottolineato il contributo della Magical Mistery Band, gruppo specializzato (come suggerisce il nome) in cover dei Beatles. Un vero e proprio omaggio ad una delle formazioni più influenti della scena indipendente italiana, con una interpretazione sussurrata e dalle forti connotazioni teatrali, musicalmente più vicina alla versione contenuta nel live "In quiete" che alla versione in studio. "Quand

Iggy Pop canta un classico di Donovan per l'album di Dr. Lonnie Smith

Iggy Pop ha reso omaggio alla musica di Donovan con la cover della celebre Sunshine Superman. Una versione che farà parte del nuovo album di Dr. Lonnie Smith, 78enne organista jazz che negli anni sessanta fece parte del quintetto di George Benson. L'album si intitolerà "Breathe" ed è in uscita alla fine del mese. Cosa hanno in comune l'iguana del rock e lo storico tastierista? Entrambi vivono in Florida Iggy a Miami, Lonnie a Fort Lauderdale. Il musicista ha raccontato a Rolling Stone: "Io suonavo con il mio trio alla Arts Garage a Delray Beach, in Florida. È stato allora che Iggy è passato e ha detto che voleva suonare con noi. L'ho lasciato suonare e al ragazzo è piaciuto molto. È stato allora che abbiamo pensato di registrare alcune canzoni insieme, e abbiamo preso il mio trio come nostra band di supporto e la partnership ha funzionato molto bene ". Non fatevi spaventare dalla lunghezza (oltre i 6 minuti e mezzo): la strana coppia funziona alla gran

Le First Aid Kit pubblicano il concerto tributo a Leonard Cohen

Verrà finalmente pubblicato ufficialmente il prossimo 26 marzo il concerto tributo a Leonard Cohen che le First Aid Kid tennero al Royal Dramatic Theater di Stoccolma nel marzo del 2017. Uscirà con il titolo di Who By Fire e conterrà tutte le canzoni eseguite dal duo svedese nel corso delle due serate, per un totale di 20 tracce. Sul sito del duo è possibile prenotare la versione deluxe in doppio vinile blu e le prime duemila copie sono state autografate da Klara e Johanna. Le due ragazze hanno spiegato; "Di recente abbiamo riascoltato il concerto e ci siamo resi conto che per noi era qualcosa di straordinario. È stata una sfida creare una performance che non fosse incentrata sulle nostre canzoni, era qualcosa che non avevamo mai fatto prima, ma è andato tutto bene. Abbiamo deciso di non editare nulla. I difetti fanno parte dell'esperienza dal vivo. In un momento in cui purtroppo non puoi andare a un vero spettacolo fisico dal vivo, puoi ascoltarlo e immaginare di essere lì&q