Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2020

Amanda Shires chiude il 2020 con una cover dei Genesis

Amanda Shires ha pubblicato la cover di "That's All" dei Genesis. La cantautrice texana (che nel 2007 ha vinto un Grammy per l'album "The Nashville Sound"  nella categoria Best Americana Album) ha pubblicato la sua versione del brano su YouTube accompagnata da un divertente video a cartoni animati. "E' un brano che rappresenta bene questo 2020 - ha spiegato la Shires nelle note - Un vero e proprio inno Covid. Vi sfido a non ballare quando la ascoltate". La canzone è stata prodotta dalla Shires insieme a Pete Lyman e mixata da Mike Larson e Mateo DiFontaine ed è stata registrata al Moon Palace di Nashville. Un arrangiamento distante da quello della versione originale, che però funziona; la cover perfetta per chiudere il 2020. La versione originale di "That's All" venne pubblicata dai Genesis nel 1983 nel loro dodicesimo album in studio, che portava semplicemente il loro nome.  La canzone è firmata da Phil Collins ,  Tony Banks e  

Jake Bugg: la cover di ‘Circles’ di Post Malone (VIDEO)

Jake Bugg ha chiuso il 2020 registrando la cover di "Circles" di Post Malone. Una belle versione che il cantautore inglese ha registrato in studio e in compagna della sua banda, corredata da un video professionale. Insomma, non una delle tante (forse troppe) cover "casalinghe che abbiamo visto quest'anno, ma una vera "extra track" che merita di trovare spazio nella sua discografia ufficiale (mentre per ora è disponibile solo sul suo canale YouTube). La hit di Post Malone viene completamente stavolta da un arrangiamento molto indie rock con la chitarra elettrica in primo piano. Non altrettanto originale da dichiarazione di Bugg sui social, nella quale ha definito il brano "un grande pezzo di un grande artista". La versione originale di "Circles" compere in "Hollywood's Bleeding" il terzo album di Post Malone uscito nel 2019. Scritta dalla stesso Austin Post (vero nome del cantante) insieme a Adam Feeney, Billy Walsh, Kaan G

Calexico: la cover di “Happy Xmas (War Is Over)"

Ancora una cover di "Happy XMas (War is over)" di John Lennon in questo Natale 2020. Anche i Calexico hanno registrato la loro personale rilettura del classico di John Lennon e Yoko Ono. La cover fa parte dell'album "Seasonal Shift" pubblicato dalla band all'inizio del mese di dicembre. "Amo questa canzone e amo l'universalità del suo testo"  ha dichiarato il cantante e chitarrista Joey Burns  ""Ho deciso di farla iniziare nel modo più  tranquillo possibile per poi far scoprire quanto forte e imponente può essere questa canzone". Una rilettura con un arrangiamento certamente più originale rispetto a molte altre e accompagnata da un bel video animato. La versione originale di Happy Xmas (War Is Over) fu pubblicata come singolo da John Lennon e Yoko One nel dicembre del 1971 e da allora è diventato un vero e proprio standard natalizio (anche se nasceva come canzone di protesta per la guerra in Vietnam). Il celebre coro finale è ca

Tiziano Ferro: la cover di "Love Of My Life" dei Queen

Regalo di Natale per i fan di Tiziano Ferro . Il cantante ha pubblicato sui suoi canali social la cover di "Love Of My Life" dei Queen. Un video casalingo registrato nella sua abitazione a Los Angeles, accompagnato da un breve messaggio: Me l’avete chiesta in tanti, tante volte. Più che mai quest’anno: gli amori della mia vita. Auguri!!! Una cover "internazionale" che si va ad aggiungere alle molte cover italiane cantate quest'anno da Tiziano, prima sul palco del Festival e poi nell'album "Accetto miracoli: l'esperienza degli altri " . Una versione molto semplice, cantata in una tonalità diversa dall'originale e che ribadisce la mai nascosta passione del cantante per la band di Freddie Mercury. Visualizza questo post su Instagram Un post condiviso da Tiziano Ferro (@tizianoferro) La versione originale di "Love Of My Life" compare nell'album dei Queen "A Night at The Opera" del 1975. Il brano fu com

St. Vincent: una cover di Beatles (con video in 3D)

St. Vincent ha cantato una cover di "Martha My Dear" dei Beatles. La cantautrice ha partecipato alla settima edizione dell' Annual Talent Show realizzato della Ally Coalition a favore dei diritti della comunità LGTB. All'edizione di quest'anno, organizzata da Jack and Rachel Antonoff, hanno partecipato anche Lana Del Rey, Hayley Williams, Sleater-Kinney, Clairo e molti altri. Annie Clark ha regalato all'evento una inedita cover "casalinga" del brano dei Fab Four, accompagnandosi con la chitarra. Il video è stato girato (abbastanza inutilmente) in formato 3D. La versione originale di "Martha My Dear" compare nel celebre Doppio Bianco dei Beatles pubblicato nel 1968. Il brano venne composto da Paul che registrò il brano senza l'aiuto degli altri tre compagni. Fu accompagnato da 14 musicisti selezionati da George Michael. La canzone non è dedicata ad una donna ma ad un cane. Martha era infatti il nome del Bobtail di Paul. È una delle

The Mugshots: la cover di Contessa (feat. Decibel)

Il nuovo singolo dei The Mugshot è “Contessa MMXX”, una rielaborazione in lingua inglese e in chiave gothic-dark del celebre brano dei Decibel, con la partecipazione della band milanese: Enrico Ruggeri alla voce, Fulvio Muzio alla chitarra e Silvio Capeccia al synth. La nuova versione di “Contessa” viene presentata in occasione del quarantesimo anniversario del brano che venne presentato al Festival di Sanremo nel 1980. “ Non è facile riproporre una rivoluzione. I THE MUGSHOTS ci sono riusciti, cambiando le regole, proprio come fecero i DECIBEL - ha commentato Enrico Ruggeri - Complimenti a Michele e a tutta la band: si confermano un punto luce nel buio di oggi ”. Fulvio Muzio ha dichiarato: “Ho amato fin da subito questa stravolgente interpretazione gothic di ‘Contessa‘, eseguita dai THE MUGSHOTS. Grazie a loro un brano che fu rivoluzionario per la musica italiana quarant’anni fa può continuare ad ispirare ed emozionare anche in quest’epoca così diversa e lontana”. Silvio Capeccia h

Jamie Cullum: la cover di "Last Christmas"

Jamie Cullum festeggia il Natale con la cover di Last Christmas. Il pianista britannico aggiunge anche il classico degli Wham alla lunga lista di cover interpretate nel corso della sua carriera: da Jimi Hendrix a Nina Simone, da Frank Sinatra ai Tears For Fears, dai Radiohead ai Beach Boys, dai Tom Waits a Randy Newman. Cullum non ha mai avuto paura di rieleggere i grandi autori che sono stati per lui fonte di ispirazione. Dopo la cover di "All I Want For Christmas Is You" registrata nel 2018, arriva ora questo nuovo regalo natalizio, registrato per la trasmissione della BBC Radio 2 House Music with Ken Bruce. Una bella versione piano e voce, che vi segnaliamo come una delle migliori tra le molte versioni del brano (il sito SecondHandSongs ne ha catalogato ad oggi oltre 300). La versione originale di "Last Christmas" è stata pubblicata dagli Wham nel 1984. Il brano è stato interamente scritto, suonato e prodotto da George Michael. In altre parole, il contributo d

Florence Welch: la cover di “Have Yourself a Merry Little Christmas"

Anche Florence Welch ha interpretato un classico natalizio. Il brano scelto dalla cantante londinese è la celeberrima "“Have Yourself a Merry Little Christmas” portata al successo d Judy Garland nel 1944. Una versione un po' più veloce ma tutto sommato abbastanza fedele all'originale, con la Welch che mette in mostra tutta la sua straordinaria vocalità accompagnata solo dal pianoforte. Il brano è stato proposto nel corso dell'annuale appuntamento con "The Stars Come Out to Sing for Christmas" evento benefico a favore della Nordoff Robbins Music Therapy che quest'anno si è svolto on line e ha visto la partecipazione di Robbie Williams, Tony Bennett, Neil Young e molti altri. Il ricavato supporterà progetti di musicoterapia per le persone colpite da malattie, isolamento o disabilità nel Regno Unito. La versione originale di "Have Yourself A Merry Little Christmas" venne cantata da Judy Garland nella colonna sonora del film "Incontriamoci a

Dave Grohl rende omaggio ai Velvet Underground

Dave Grohl e Greg Krustin hanno concluso le loro Hanukkah Sessions con un omaggio ai Velvet Underground. " Questo progetto, che inizialmente è iniziato come un'idea sciocca, è cresciuto così tanto fino a rappresentare qualcosa di molto più importante per me. Mi ha mostrato che il semplice gesto di diffondere gioia e felicità in questo modo è molto importante e non importa quante candele rimangono accese sulla menorah" ha commentato Dave. " Quindi cantiamo insieme "Rock and Roll" dei Velvet Underground, una canzone sulla musica e la speranza, e continuiamo a diffondere gioia e felicità". Le Hanukkah Sessions hanno visto la collaborazione tra il leader dei Foo Fighters e il produttore in un progetto unico dedicato ai festeggiamenti della festività ebraica di Hanukkah, iniziata lo scorso 10 dicembre, e che ogni sera ha avuto come protagonista una canzone di un grande artista di origine ebraica. Tra gli artisti omaggiati, Bob Dylan, Drake, Peaches e gli K

David Bowie: in arrivo due cover inedite di Lennon e Dylan

L'8 gennaio del 2021 David Bowie avrebbe compiuto 74 anni. Proprio per quella data è stata annunciata l'uscita di un singolo contenente due cover inedite cantate dal Duca Bianco. Si tratta di "Mother" di John Lennon, che Bowie registrò tra 1997 e il 1998 e la cover di "Tryin’ To Get To Heaven", brano di Bob Dylan che originariamente comparve nell’album Time Out Of Mind del 1997 e ripresa da Duca Bianco nel 1999. La cover di "Mother" è stata prodotta dal cantante con Tony Visconti e Reeves Gabrels. e vedei i due rispettivamente al basso e alla chitarra, al piano c’è Jordan Ruddess (Dream Theater), alla batteria Andy Newmark, ai cori Richard Barone. La cover di "Tryin’ To Get To Heaven" è stata prodotta da Bowie con Gabrels e Mark Plati e suonata dai tre con Gail Ann Dorsey al basso e Zach Alford alla batteria. I due brani saranno disponibili in streaming e in vinile a 7 pollici a edizione limitata. Ne verranno stampate 8147 copie, 1000 del

Saxon: la cover di "Paint it Black" degli Stones

Il nuovo singolo dei Saxon è una cover di "Paint It Black" dei Rolling Stones. Si tratta del primo singolo dal nuovo album "Inspirations" in uscita il 19 marzo del prossimo anno e che conterrà omaggi a Beatles, Jimi Hendrix, Motörhead,AC/DC, Black Sabbath e Deep Purple. Per la storica band capitanata da Biff Byford (che nel 1983 si esibì anche come ospite al Festival di Sanremo) sarà il 23esimo album in studio. A proposito dell'omaggio agli Stones, Byford ha spiegato: "Ho adorato questa band sin dalla prima volta che li ho visti e ascoltati. Mi piacevano i Beatles, ma gli Stones facevano appello al mio lato ribelle; il loro look iconico, così tante canzoni fantastiche, un così grande atteggiamento nella musica! " Tracklist 1.Paint It Black 2.Immigrant Song  3.Paperback Writer  4.Evil Woman  5.Stone Free  6.Bomber  7.Speed King  8.The Rocker  9.Hold The Line  10.Problem Child  11.See My Friends La versione originale di Paint It Black fu p

Boy George canta la cover di Girls Just Want to Have Fun

Boy George rende omaggio a Cyndy Lauper e “Girls Just Want to Have Fun” diventa "Boys Just Want To Have Fun". E' successo in occasione dell'annuale appuntamento con "Home for the Holidays” concerto benefico organizzato dalla Lauper a favore della True Colors United, al quale quest'anno hanno partecipato tra gli altri anche Phoebe Bridgers, Dolly Parton, Cher e Brandi Carlile. L'ex cantante dei Culture Club ha proposto una inedita versione chitarra e voce di "Girl just want to have fun" resa ancora più originale da un divertente arrangiamento reggae e dalla trasformazione del testo del ritornello: insomma anche i ragazzi vogliono solo divertirsi! Nel corso della serata da segnalare anche le cover di “Somewhere Over the Rainbow" cantata da Brandi Carlile e “Please Come Home for Christmas" cantata da Adam Lambert mentre Taylor Swift, Billie Eilish, Henry Rollins hanno partecipato con un video messaggio di saluto. La cover di Boy George

Travis Barker dei Blink 182 rende omaggio ai Metallica (con Elise Trouw)

Travis Barker , batterista dei Blink 182, ha registrato una cover di "Enter Sandman" dei Metallica in compagnia della cantautrice e polistrumentista Elise Trouw e dell'attore e batterista Carey Watkins. Tutti e tre nel video siedono alla batteria, mentre la parte vocale è affidata alla sola Elise, che ha postato il video sul suo canale YouTube. Il brano fa parte della colonna sonora del film Sound of Metal , da qualche giorno disponibile anche in Italia sulla piattaforma Amazon Video. La pellicola che vede protagonista l'attore e rapper Riz Ahmed. racconta la storia di un batterista di un gruppo metal perde irreparabilmente l'udito, ma non si rassegna a dover affrontare la vita da un'altra prospettiva. Ed è per questo che il video della cover di "Enter Sandman" è presente anche una recitazione nel linguaggio dei segni da parte dell’attore Paul Raci. La versione originale di "Enter Sandman" è uno dei cavalli di battaglia dei Metallica ed è

Dave Grohl: ascolta la cover di "Hotline Bling" di Drake

Dave Grohl dei Foo Fighter ha registrato una cover di "Hotline Bling” di Drake, insieme al produttore Greg Kurstin, già vincitore di ben 7 Grammy Awards. Il brano fa parte di una curiosa iniziativa lanciata dai due e ribattezzata The Hanukkah Sessions. in occasione della festività ebraica (nota anche con il nome di Festa delle luci) i due ogni sera pubblicano in rete una cover di un musicista ebraico. Dopo il primo omaggio ai Beastie Boys, arriva ora questa versione del successo di Drake che Grohl ha così commentato su Twitter:"Potreste essere sorpresi dallo scoprire che questa superstar è ...canadese! E non ha mai nascosto il fatto di essere ebreo! E quindi ora una generazione di genitori ebrei può dire ai propri figli: se Drake ha trovato il tempo per studiare peri il suo Bar Mitzvah lo puoi fare anche tu". Dave Grohl in realtà non è però di religione ebraica, al contrario di Kurstin; i due  avevano già collaborato nel 2017 in occasione dell'album "Concrete

Tame Impala: ascolta la cover di 'A Girl Like You'

Dopo l 'omaggio a Nelly Furtado di qualche settimana fa, i Tame Impala hanno regalato ai loro fan una nuova cover. La band di Kevin Parker ha infatti registrato una cover di 'A Girl Like You" di Edwyn Collins per la trasmissione Like A Version, trasmessa dalla radio australiana Triple j e diventata negli anni una dei punti di riferimento degli appassionati di cover di tutto il mondo. Una versione piuttosto fedele all'originale che la band ha registrato negli ABC Studios di Perth (in pratica "in casa" visto che è la città da cui provengono i componenti del gruppo). "E' una canzone che ho sempre amato - ha spiegato Parker - ed un brano davvero senza tempo. Io ho provato a rifarla come se fosse un remix dei Chemical Brothes". La cover è stata eseguita dai Tame Impala in formazione "a tre" con Kevin Parker, Jay Watson e Dom Simper. La versione di "A Girl Like You" compare nell'album "Gorgeous George " pubblicato

Chris Cornell: anche un omaggio a Lennon nel nuovo album di cover

Dopo il successo ottenuto dalla cover di "Patience" esce oggi venerdì 11 dicembre o “No One Sings Like You Anymore" nuovo album postumo di Chris Cornell, il compianto cantante dei Soundgaren suicidatosi nel 2017. La raccolta contiene 10 interpretazioni registrate nel 2016, compresa la cover del classico dei Guns N' Roses, pubblicata nel giorno del suo compleanno quest'anno, e che ha conquistato la prima posizione nella Billboard Mainstream Rock Songs chart. Nel disco, Cornell ha suonato tutti gli strumenti mentre la produzione e mix sono di Brendan O’Brien. La moglie del cantante, Vicky Cornell ha spiegato che si tratta di «un’opera d’arte completa che Chris ha creato dall’inizio alla fine. La scelta delle cover fa capire quali fossero i suoi artisti preferiti e le canzoni che lo avevano toccato. Non vedeva l’ora di pubblicarlo. Farlo adesso che lui non c’è più ha un sapore agrodolce, ma lo condividiamo con dolore e gioia. Possiamo usare la sua voce per cercare

Tom Morello e Serj Tankian nell'album tributo ai Gang Of Four

In arrivo un album tributo ai Gang Of Four , pionieri del punk-funk inglese. Il disco uscirà nel maggio del 2021 e si intitolerà The Problem of Leisure: A Celebration of Andy Gill and Gang of Four , con un riferimento ad un verso contenuto nella canzone Natural's Not in It, che compare nel seminale album dei debutto della band Entertainment! Il tributo era stato progettato da Andy Gill (unico componente originale rimasto in formazione negli ultimi anni, prima della sua prematura scomparsa avvenuta nel febbraio del 2020. e sarebbe dovuto uscire lo scorso anno in occasione del 40esimo anniversario dell'uscita del primo album del gruppo. Il primo brano del tributo sarà pubblicato il primo gennaio del 2021, giorno nel quale Gill avrebbe compiuto 65 anni. Sarà la cover of “Natural’s Not in It,” e vedrà protagonisti Tom Morello dei Rage Against the Machine e Serj Tankian dei System of a Down. La tracklist completa del doppio album sarà ufficializzata a gennaio.

Jon Bon Jovi: la cover (censurata) di Fairytale of New York

Qualcuno l'ha già definita la peggiore cover di sempre di "Fairytale of New York", la celebre canzone natalizia pubblicata dai Pogues nel 1987. E' la versione "censurata" pubblicata da Jon Bon Jovi in un EP di tre canzoni intitolato "A Jon Bon Jovi Christmas" e che contiene anche le riletture di ‘Christmas All Over Again’ di Tom Petty e ‘If I Get hone on Christmas’ di Elvis Presley. Ma a fare arrabbiare i fan della band irlandese è stata proprio la scelta del rocker americano di cambiare alcuni versi della canzone scritta da Shane MacGowan, eliminando i termini "faggot" (in italiano frocio) e "slut" (traducibile con puttana) e stravolgendo così l'intero senso del brano. Ma anche dal punto di vista musicale è chiaro che non è una canzone nelle corde del rocker del New Jersey. Qualche giorno fa aveva la  BBC Radio 1 aveva annunciato la decisione di mandare in onda quest'anno una versione censurata della canzone, come

La curiosa canzone di Natale di Todd Rundgren

Quest'anno anche Todd Rundgren ha inciso una cover natalizia. Non lo aveva mai fatto nel corso della sua lunga carriera e per l'occasione ha scelto un brano davvero curioso e poco conosciuto in Italia, ossia Flappie, un singolo originariamente cantato dall'attore olandese Youp van ’t Hek nel 1978 e che Todd ha tradotto in inglese. "Di solito non faccio questo genere di cose - ha spiegato il musicista a Rolling Stone - non sono un tipo molto natalizio. Ma quando l'etichetta Cleopatra Records mi ha chiesto di registrare una canzone di Natale, ho pensato di: cosa posso fare che nessun altro possa pensare di registrare? Così ho trovato questa canzoncina che parla di un bambino alleva il coniglio fino a Natale e poi scompare magicamente." Per meglio capire la scelta della canzone, vale la pena ricordare che Todd Rundgren è da anni un convinto vegetariano. La versione originale di "Flappie" è stata pubblicata nel 1978 dall'attore olandese Youp van &#

X Factor 2020: le cover della finale

In attesa di scoprire il titolo di vincitore di X Factor 2020, i giudici hanno assegnato le cover che verranno eseguite nella finale in programma giovedì 10 dicembre in diretta su Sky Uno. Ancora una volta non manca la varietà e si spazia dai Beatles a Eminem, dai CCCP ai Tiromancino, Questi saranno i brani che verranno eseguiti (oltre ai quattro inediti) DUETTI GIUDICI N.A.I.P. - Lollipop ft. Mika [cover Mika]Little Pieces of Marmelade - Veleno ft. Manuel Agnelli [cover Afterhours] Blind - La Fine ft. Emma [cover Tiziano Ferro/Nesli] Casadilego - Stan ft. Hell Raton [cover Eminem feat. Dido] BEST OF Little Pieces of Marmelade - I Am the Walrus [cover Beatles] // Bullet With Butterfly Wings [cover The Smashing Pumpkins] // Gimme All Your Love [cover Alabama Shakes] N.A.I.P. - Attenti al Loop [inedito] // Amandoti [cover CCCP] // Partecipo [inedito] Blind - Bambino/Per me è importante [inedito su cover Tiromancino] // Cicatrici [inedito] // Affari Tuoi [inedito] Casadilego- Kitchen Sink

Robert Fripp e la moglie rendono omaggio ai Nirvana

Robert Fripp e la consorte Toyah Willcox continuano a regalare sorprendenti cover in versione domestica. Dopo gli omaggi a Black Sabbath, Deep Purple e Kinks, questa domenica il leggendario leader dei King Crimson ha scelto il classico del grunge, "Smells Like Teen Spirit " dei Nirvana. La cover è stata registrata nella sala da pranzo di casa Fripp, per la rubrica che i due musicisti hanno simpaticamente ribattezzato "Sunday Lunch", con Fripp che imbraccia la sua Gibson Les Paul e Toyaha che canta e balla. Una breve versione di circa un minuto e mezzo al termine della quale anche l'imperturbabile chitarrista inglese si lascia andare in una risata. Curiosità: Kurt Cobain pare fosse un fan dei King Crimson e definì il loro album Red “il disco più importante della storia del rock”. La versione originale di "Smells Like Teen Spirit” fu pubblicata dai Nirvana il 10 settembre del 1991. Prodotto da Butch Vig, il brano fu registrato dal gruppo nel maggio del 199

Fontaines D.C: la cover di un classico del folk irlandese

È tempo di cover anche per i Fontaines D.C . la punk band irlandese che con il suo secondo album A Hero's Death ha ottenuto il plauso della critica internazionale e una nomination ai Grammy. Il gruppo ha ricantato il traditional "I’m A Man You Don’t Meet Every Day" reso popolare negli anni ottanta dai Pogues. Una versione però più lenta rispetto a quella della band di Shane MacGowan e con la presenza del pianoforte e di sorprendenti armonizzazioni vocali. La cover è stata registrata dal vivo negli studi del network radiofonico statunitense SiriusXM. "I'm a Man You Don't Meet Every Day" è una canzone tradizionale irlandese, nata probabilmente come rielaborazione di una "drinking song" scozzese. La versione più popolare è forse quella registrata da Jeannie Robertson nel 1960, ma il pubblico del rock scoprì il brano nel 1985 grazie alla cover pubblicata dai Pogues nell'album 'Rum Sodomy & the Lash’ e cantata dalla bassista Cait O'

James Blake: la cover di “The First Time Ever I Saw Your Face”

Tra le cover più interessanti del 2020 merita sicuramente una segnalazione la versione cantata da James Blake della celebre "The First Time Ever I Saw Your Face”. Il musicista e produttore londinese - che ha recentemente pubblicato nuovo ep intitolato Before - ha proposto la cover dal vivo nel corso del The Tonight Show with Jimmy Fallon. Una versione che vede Blake interpretare il classico reso famoso da Roberta Flack in modo molto intenso e con il solo accompagnamento del piano elettrico. La cover è disponibile anche negli store digitali e presto potrebbe essere inserita in un EP di cover che dovrebbe essere pubblicata il prossimo 11 dicembre e contenere anche le sue recenti interpretazioni di “Godspeed” di Frank Ocean e di “A Case of You” di Joni Mitchell. La versione originale di The First Time Ever I Saw Your Face fu pubblicata nel 1962 da Ewan MacColl e da Peggy Seeger. Mac Coll aveva però scritto il brano nel 1957. Il grande successo arrivò però solo nel 1972 quando la

Achille Lauro e Annalisa: la cover di Jingle Bell Rock

Achille Lauro e Annalisa hanno ricantato "Jingle Bell Rock", grande classico del periodo natalizio. Una sorprendente cover che compare nell' album "1920 - Achille Lauro & The Untouchable Band", il nuovo side project dell'artista romano. Lauro e Annalisa avevano giù duettato sul palco del Festival di Sanremo 2020 con la cover de "Gli uomini non cambiano" di Mia Martini e poi con "Sweet Dreams" presente nell'album "1990". Il nuovo progetto - registrato con la Untouchable Jazz Band guidata dal Maestro Dino Plasmati - vede la presenza di altre due cover: "My funny valentine" e "Tu vuò fa’ l’americano" cantata con Gigi D'Alessio. La versione originale di Jingle bell rock è stata pubblicata nel 1957 dal cantante statunitense Bobby Helms. Gli autori dalla canzone sono Joe Beal e Jim Boothe.  Tra le versioni più celebri quella di Brenda Lee, quella di Bill Haley e più recentemente quella cantata da Hi

Miley Cyrus canta una cover delle Hole

Miley Cyrus sempre più rock. Dopo le cover dei Beatles, Pink Floyd, Doors, Metallica, Blondie e Led Zeppelin, l'ex stella del Disney Channel ha reso omaggio alle Hole. E' successo durante il celebre The Howard Stern Show, nel quale Miley era ospite per promuovere il nuovo album "Plastic Heart". La cantante - indossando una irriverente t shirt dei Plasmatics di Wendy O' Willimas - ha cantato la sua personale versione di "Doll Parts” brano che Stern ha presentato come "una delle mie canzoni preferite di Courtney Love".  Una versione cantata con grande grinta e con il consueto arrangiamento "country rock" al  quale ci ha abituato anche nelle precedenti cover. Brava Miley! La versione originale di "Doll Parts" compare nel terzo album delle Hole intitolato Live Through This, pubblicato una settimana dopo la morte di Kurt Cobain, marito della cantante del gruppo Courtney Love. Il brano fu il secondo singolo estratto dall'album e

Billie Eilish canta la cover di "Something" dei Beatles

Billie Eilish ha cantato una cover di "Something" dei Beatles. Lo ha fatto nel corso della trasmissione Alt Nation trasmessa del network americano SiriusXM. Accompagnata al piano dal fratello Finneas, la cantante ha eseguito una delicata versione del classico scritto da George Harrison, oltre a rileggere in chiave acustica alcuni brani del suo nuovo EP.  Billie aveva già omaggiato i Fab Four lo scorso anno durante la cerimonia degli Academy Awards, nel corso della quale aveva cantato "Yesterday". La versione originale di "Something" è contenuta nell'album "Abbey Road", pubblicato dai Beatles nel 1969. Insieme a "Here Comes The Sun" è il contributo di George Harrison al disco e diventerà la canzone di maggior successo commerciale nella carriera del quiet Beatle. Su insistenza di Allen Klein sarà pubblicata come singolo il 6 ottobre del 1969, dando a George il suo primo (e unico) lato A nella storia dei Beatles. Dopo "Yesterda

The Offsping: la cover di "Christmas (Baby Please Come Home)"

Anche gli Offspring hanno inciso una cover natalizia. La punk band californiana ha infatti pubblicato la sua versione di "Christmas (Baby Please Come Home)" un brano portato per la prima volta al successo da Darlene Love nel 1963 e da allora diventato un vero classico delle feste. La cover è stata prodotta da Bob Rock, che è al lavoro con la band per il nuovo album, il decimo della loro carriera. Il cantante del gruppo Dexter Holland, ha spiegato “Sembrava che il mondo potesse aver bisogno di una bella canzone natalizia. Siamo sempre stati fan di Darlene Love, quindi nel momento in cui è saltata fuori l’idea di fare un pezzo natalizio, abbiamo scelto questo e io ... ho cercato di non rovinarlo”. Il brano sarà in vendita in una speciale edizione a 45 giri in vinile rosso. Cover senza infamia ma anche senza molto senso. Difficilmente verrà apprezzata dai fan storici del gruppo. La versione originale di Christmas (Baby Please Come Home) è cantata da Darlene Love (madrina di

Death Cab for Cutie: in arrivo un EP di cover

Il nuovo lavoro dei Death Cab for Cutie verrà pubblicato il prossimo 4 dicembre e sarà un EP di cover. Nel disco - che si intitolerà "The Georgia EP" - la band interpreta brani dei R.E.M. (“Fall on Me”), Neutral Milk Hotel (“The King of Carrot Flowers, Pt. 1”), TLC (“Waterfalls”), Cat Power (“Metal Heart”) e Vic Chesnutt (“Flirted with You All My Life”). I proventi dell'EP andranno a favore di Fair Fight Action organizzazione fondata nel 2018 da Stacey Abrams che combatte la dissuasione di stato contro gli elettori di colore. Ben Gibbard - leader del gruppo - ha spiegato: "Abbiamo creato questo EP di canzoni di alcuni dei nostri artisti preferiti della Georgia per la nostra amica Stacey Abrams e per tutte le persone che lavorano sodo a Fair Fight Action. Crediamo fermamente nel lavoro svolto da Fair Fight per assicurare elezioni libere ed eque in Georgia e non solo e siamo stati onorati di assisterli per tutta la campagna del 2020 ". Durante il lockdown Ben Gi

X Factor 14: le cover della semifinale

Guardando le cover che i giudici di X Factor 14 hanno assegnato per la semifinale, non si può certo dire sia mancato loro il coraggio. Molte le scelte originali per la puntata in onda domani sera su Sy Uno che sarà divisa in due parti. La prima sarà dedicata ai featuring: i Little Pieces of Marmelade duetteranno con Alberto Ferrari dei Verdena in "Muori Delay", N.A.I.P. con Elio per "La canzone mononota", Mydrama con Izi per "Chic", Casadilego con Lazza per "Catrame" e Blind con Madame per "Baby". Nella seconda parte, invece, si torna alle cover, con Gimme All Your Love degli Alabama Shakes (per i Little Pieces of Marmelade), Milano Circonvallazione Esterna degli Afterhours (N.A.I.P.), Spigoli di Carl Brave, Mara Sattei e Tha Supreme (Mydrama), Lego House di Ed Sheeran (Casadilego) e Come Habla, un inedito di Blind sulla base di Good Times di Ghali. La finale di X Factor andrà in onda in diretta, giovedì 10 dicembre su Sky Uno.

Billie Joe Armstrong dei Green Day pubblica l’album di cover “No Fun Mondays”

Il frontman dei Green Day, Billie Joe Armstrong, ha pubblicato un album di cover. una collezione di 14 brani disponibile su CD, vinile e in digitale su etichetta Reprise/Warner Records. al titolo “No Fun Mondays”. Il disco raccoglie i brani che il musicista aveva pubblicato durante il lockdown sul canale You Tube della band. “Mentre eravamo in quarantena ho riflettuto sulle le cose che contano davvero nella vita: la famiglia, gli amici e, ovviamente, la musica”, ha spiegato Armstrong. “Ho pensato che dovendo passare questo tempo in isolamento avremmo almeno potuto essere soli insieme”. Le cover sono molto varie: si passa dal pop delle Bangles al punk-rock degli Avengers e di Stiv Bators. Ma la più sorprendente è Amico" di Don Backy , a sua volta cover di Keep Away From Other Girls die Helen Shapiro. Questa la tracklist 1. I Think We’re Alone Now (Tommy James) 2. War Stories (Starjets) 3. Manic Monday (Bangles) 4. Corpus Christi (The Avangers) 5. That Thing You Do! (Adam Schlesing