Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2019

Ligabue canta "Incontro" di Francesco Guccini

La Repubblica svela in anteprima una delle tracce dell'album tributo a Francesco Guccini. Si tratta della cover di "Incontro" cantata da Luciano Ligabue, brano che faceva parte dell'album Radici del 1972. "C'è una cosa di Francesco che è evidente ed è che ha una forte natura malinconica - ha racconta lo stesso Liga nella clip esclusiva pubblicata on line dal quotidiano - 'Incontro' è una canzone che ha scritto quando aveva poco più di trent'anni in cui dice: 'La tristezza poi ci avvolse come miele per il tempo scivolato su noi due', che sono robe che dici a 50 o 60 anni, non a 30. Ma a me piace ricordare una parte di lui meno evidente: lui sa fare anche molto ridere, e ha tutt'ora una parte giocosa".
Nel corso della video intervista Ligabue ricorda anche l'incontro con Guccini in occasione del fil Radiofreccia, pellicola alla quale il Maestro di Pavena partecipò con un piccolo cameo e che vedeva nella colonna sonora proprio l…

"PFM canta De André Anniversary" torna in tour

Dopo lo straordinario successo della prima parte del tour (iniziata a Salsomaggiore il 9 marzo), PFM – Premiata Forneria Marconi torna sui palchi di tutta Italia “PFM CANTA DE ANDRÉ - Anniversary” superando così i 100 concerti nel 2019 (fra “PFM canta De André Anniversary” e “TVB Tour”)!
La prima tappa sarà il 12 novembre al Teatro Nuovo San Giovanni da Udine a UDINE. Un anno intenso il 2019 per PFM; iniziato a febbraio con la partecipazione - per la terza volta - alla “CRUISE TO THE EDGE” (fino ad oggi unico artista italiano che ha partecipato all’evento), facendo tappa per una breve tourneé in UK, per approdare poi ai 45 concerti del tour “PFM CANTA DE ANDRE’ ANNIVERSARY”, culminato nell'evento all'Arena di Verona insieme a Cristiano De André, lo scorso 29 luglio; l’estate è proseguita con un intenso “TVB Tour” in cui PFM ha presentato il proprio repertorio e con una straordinaria esibizione allo Sferisterio di Macerata dove è stata ospite dei 100Cellos di Giovanni Sollima …

My Darling Clementine: il nuovo EP è un tributo a Elvis Costello

I My Darling Clementine sono un duo inglese formato da Michael Weston King e Lou Dalgleish. Ci occupiamo dal loro su queste pagine perché il loro nuovo EP è un omaggio alla musica di Elvis Costello, e vede la presenza come ospite di Steve Nieve, storico componente degli Atractions, la band che per anni ha accompagnato Costello
Il disco di intitola Country Darkness Vol 1 ed è disponibile anche su etichetta Fretstore Records.
Le tracce contenute nell'EP sono tutte state scelte nel repertorio "country" del musicista inglese, e quindo non molto note al pubblico italiano. La cover più significativa è probabilmente Stranger In The House, in origine pensata come duetto con George Jones, ma poi pubblicata come 45 giri allegato alle prime copie dell'album "This Year’s Model" del 1978.
“Heart Shaped Bruise" era stata originariamente registrata da Costello in duetto con Emmylou Harris, mentre " I Felt the Chill Before the Winter Came" faceva parte dell…

Achille Lauro: il nuovo singolo "1990" è un tributo ai La Bouche

Dopo la discussa cover di “Lontano Lontano” eseguita dal vivo al Premio Tenco, Achille Lauro torna con un nuovo singolo. Non è esattamente una cover version, ma non è neppure un “sample”. Il brano “1990” prodotto dallo stesso Lauro con Boss Doms e Gow Tribe è un chiaro omaggio a “Be My Lover” dei La Bouche, successo dance del 1995.
«Sono nato nel ’90 – scrive lo stesso Lauro - Ricordo che da bambino, e poi da adolescente, la musica che ascoltavo creava emozioni talmente forti da diventare oggi un ricordo a tratti malinconico. Erano gli anni delle boy band, la musica dance anni ‘90 dominava i dancefloor di tutto il mondo, con quel suo sound inconfondibile e quel suo spirito libero ed euforico, emblema di una giovinezza spensierata. Erano gli anni in cui sono comparsi i Daft Punk, Corona, gli Eiffel 65 e Gigi D’Agostino solo per citarne alcuni. Alla fine del 2017, dopo aver scritto “Rolls Royce” e quasi l’intero album “1969”, i ricordi d’infanzia e della mia adolescenza mi hanno porta…

James Blunt canta un classico di Bruce Springsteen alla BBC

Anche in questo venerdì al Zoe Ball Breakfast Show trasmesso dalla BBC Radio 2 è arrivata puntale la cover dal vivo. L'ospite della puntata di questa mattina - 25 ottobre - era James Blunt che in questi giorni ha pubblicato il nuovo album Once Upon a Mind. Il musicista inglese ha regalato agli ascoltatori del programma la sua versione di "Dancing in The Dark" di Bruce Springsteen.
Una versione con un arrangiamento acustico, forse non indimenticabile ma comunque ben eseguita dal cantante, Blunt non aveva mai suonato ufficialmente il brano in precedenza.



Dancing In The Dark è uno dei brani più celebri del repertorio del Boss, anche se certamente non uno dei più amati dai sui fan della prima ora. Faceva parte dell'album Born In The USA uscito nel 1984, il più venduto nella carriera del rocker americano con oltre 15 milioni di copie vendute nel solo territorio americano. Fu l'ultima canzone dell'album ad essere stata scritta: il suo manager Jon Landau gli chiese…

Jovanotti: in arrivo l'album "Lorenzo Sulla Luna"

Il nuovo album di Jovanotti si intitolerà "Lorenzo sulla luna" e sarà un disco di cover. Lo ha annunciato lo stesso Lorenzo con un videomessaggio, in occasione della annuale convention della Universal, la sua casa discografica.
Per ora - come ha scritto Rockol - si sa che il disco arriverà il prossimo 29 novembre e che è stato registrato in una settimana assieme a Rick Rubin (che ha prodotto anche il precedente lavoro di Jovanotti) Non si conosce ancora la tracklist ma l’album sarà composto da cover di brani dedicati alla luna, e l’idea del progetto è nata dalla versione di “Luna”di Gianni Togni pubblicata a luglio in occasione del 50esimo anniversario dello sbarco dell'uomo sulla luna ed eseguita anche dal vivo nel corso del Jova Beach Party.
Chissà: magari nel disco potrebbe essere inserita questa cover dedicata alla luna. E’ la versione italiana di 'I saw her standing there'' che nel 1965 Dino e i Kings avevano ricantato con il titolo di “Torna con me sul…

Shakira: ascolta la cover di 'Basket Case' dei Green Day

Shakira ha sorpreso i suoi fan con una cover dei Green Day.
Accompagnata alla chitarra dal suo produttore, la cantante colombiana ha cantato "Basket Case", il celebre brano del 1994 che ha fatto conoscere la band di Billie Joe Armstrong in tutto il mondo. Una versione acustica quasi improvvisata, ma che ha immediatamente scatenato i commenti in rete.
"Io, come un caso disperato con il mio produttore” si legge nella didascalia del video che la cantante ha condiviso sui suoi canali social, ottenendo a sorpresa anche i complimenti dello stesso Billie Joe Armstrong che ha commentato con un eloquente "Amo tutto questo”. Anche obiettivamente la cover sembra poco più di una divertente prova.
La cantante colombiana sarà la protagonista - insieme a Jennifer Lopez - dell'attesissimo 'halftime show" del Super Bowl, in programma il prossimo 2 febbraio a Miami.



La versione originale di "Basket Case" è contenuta nell'album "Dookie" pubblica…

Harry Connick Jr. celebra i capolavori di Cole Porter

Il nuovo album di Harry Connick Jr. è un omaggio alla musica di Cole Porter. Il lavoro si intitola “True Love: A celebration of Cole Porter “ e sarà in vendita dal prossimo 25 ottobre su etichetta Verve. Oltre ad una fortunata carriera di attore (che lo ha visto protaginista di pellicole di successo come “Indipendece Day”, “Copycat” e “P.S, I love You”) Connick è da anni un musicista di grande successo con oltre 30 milioni di dischi venduti nel mondo e 13 album al numero uno della classifica jazz di Billboard.
“Questa è la prima volta che mi immergo così profondamente nel repertorio di un artista, e Cole Porter è stata la mia prima scelta per il progetto di un album tributo. I suoi testi sono spiritosi e sfumati e come compositore è in grado di assumersi dei rischi che lo rendono davvero interessante” ha dichiarato Connick .
Il disco sarà in omaggio per coloro che acquisteranno i biglietti per il nuovo spettacolo del cantante, in programma a Dicembre al Nederlander Theatre di Broadwa…

Marilyn Manson: il nuovo singolo è un classico del folk

Ancora una cover per Marilyn Manson. Il nuovo singolo del “Reverendo” è infatti una rielaborazione di ‘God’s Gonna Cut You Down’, un classico del folk americano. La cover è stata prodotta da Tyler Bates. con il quale Manson aveva già lavorato per gli album"The Pale Emperor" e "Heaven Upside Down".
Manson aveva già pubblicato il brano nel 2017, per la colonna sonora del film “24 Hours to Live” con Ethan Hawk. Ora il brano è accompagnato da un suggestivo video,  con la regia di Tim Mattia, girato in bianco e nero nel deserto di Joshua Tree in California.
"God’s Gonna Cut You Down" è un traditional interpretato negli anni anche da Johnny Cash, Elvis Presley e Tom Jones. Il testo mette in guardia i peccatori, che non potranno in alcun modo evitare il giudizio di Dio.

I The Script cantano Heart Of Glass (e Debbie Harry li applaude)

I The Script hanno ricevuto anche i complimenti di Debby Harry per la loro cover di "Heart Of Glass" celeberrima hit dei Blondie, che la band irlandese ha eseguito dal vivo nel corso della puntata di venerdì 18 ottobre della trasmissione The Zoe Ball Breakfast Show in onda sulla BBC Radio 2.
Si è trattato in realtà di un improvvisato mash up, visto che Danny O'Donoghue e compagni hanno aggiunto anche nel finale uno snippet di "The Tide is High" brano composto da John Holt nel 1967 e portato al successo mondiale dai Blondie nel 1980.
"Ci siamo svegliati alle quattro del mattino per provarla!" ha scherzato il cantante del gruppo al termine del brano, visibilmente emozionato per i complimenti ricevuti dalla Harry.
I The Script stanno per pubblicare “Sunsets & Full Moons”, in uscita il prossimo 8 novembre e già disponibile in pre-order.


La versione originale di "Heart Of Glass" compare nell'album Parallel Lines pubblicato dai Blondie ne…

Dall'Ungheria una cover "corale" di Personal Jesus

Potremmo chiamarla la “risposta ungherese” a Rockin'1000, il supergruppo nato da un’idea di Fabio Zaffagnini e che nel 2014 unì 350 chitarristi, 250 cantanti, 250 batteristi e 150 bassisti per la registrazione di Learn to Fly dei Foo Fighters. Loro si definiscono “la più grande rock band dell’Ungheria” e nelle ultime settimane hanno pubblicato su YouTube una serie di cover “collettive” di classici degli anni 80 a e 90 L’ultimo della serie, è la versione di “Personal Jesus” dei Depeche Mode alla quale hanno partecipato 500 musicisti. Chissà se l’iniziativa arriverà alle orecchie di Dave Gahan e compagni.



Personal Jesus ha da poco festeggiato i 30 anni. Venne pubblicata come singolo il 29 agosto del 1989, antcipando di sei mesi l'uscita del settimo album dei Depeche Mode "Violator". La canzone "nasce" in Italia: la band inizia a registrarla nei Logic Studios di Milano dei fratelli La Bionda nel maggio di quell'anno, in compagnia del produttore Flood. Ma…

Ringo e Paul: ascolta la cover di "Grow old with me" di John Lennon

E' arrivata on line con qualche giorno d'anticipo rispetto all'uscita dell'album What’s My Name, la tanto attesa cover di "Grow Old With Me" di John Lennon,  registrata da Ringo Starr e da Paul McCartney.
Il brano fa parte del 20esimo album in studio dell'ex Beatle,  l'ultimo di una serie di dischi che Ringo ha prodotto nello studio della sua casa di Beverly Hills, con un cast d'eccezione di musicisti che oltre a sir Paul comprende anche gli amici Joe Walsh, Edgar Winter, Dave Stewart, Benmont Tench, Steve Lukather, Nathan East, Colin Hay, Richard Page, Warren Ham, Windy Wagner e Kari Kimmel.
"Grow old with me" è una delle ultime canzoni registrate da Lennon. Fa parte dei cosiddetti "Bermuda Tapes" i nastri registrati nel 1980 con il produttore Jack Douglas. Ringo ha raccontato di aver deciso di incidere la cover del brano dopo che Douglas gli ha fatto ascoltare il demo originale nella quale si sente Lennon che afferma "…

Kelly Clarkson: la cover di Wrecking Ball di Miley Cyrus

Continua con successo la stagione del The Kelly Clarkson Show, il programma televisivo condotto dalla 37enne cantante americana sulla rete NBC. Tutte le puntate dello show si sono aprono con una cover dal vivo scelta dal pubblico: dopo cantato Bad Romance di Lady Gaga, Love Me Like You Do di Ellie Goulding e Blow Your Mind di Dua Lipa la Clarkson ha inaugurato la puntata numero 25 con un altro omaggio ad una sua celebre collega: Miley Cyrus. Una cover live di “Wrecking ball” eseguita in acustico con il solo accompagnamento della chitarra, che non ha fatto rimpiangere la versione originale. Nel corso della stessa puntata la Clarkson ha anche cantato “Make you feel my love” di Bob Dylan insieme all’attore Ben Platt.



La versione originale di Wrecking Ball è stata pubblicata da Miley Cyrus nell’agosto del 2013. Il brano – che compare nell’abum Bangerz - è stato scritto da Lukasz Gottwald, Maureen Anne McDonald, Stephan Moccio, Sacha Skarbek e Henry Russell Walter. In origine era stat…

Note Di Viaggio: l'album tributo a Francesco Guccini

Manuel Agnelli, Malika Ayane, Samuele Bersani, Brunori Sas, Luca Carboni, Carmen Consoli, Elisa, Francesco Gabbani, Ligabue, Giuliano Sangiorgi, Margherita Vicario e Nina Zilli. Sono alcuni degli artisti che hanno partecipato all'album tributo a Francesco Guccini in uscita il prossimo prossimo 15 novembre. Le canzoni del maestro di Pavana sono state arrangiate e prodotte Mauro Pagani.
Il disco - da oggi già in pre-order - si intitolerà "Note di viaggio - Capitolo 1: venite avanti…" ed è stato interamente realizzato nello storico studio di registrazione di Mauro Pagani, le Officine Meccaniche di Milano: è il primo capitolo di un progetto che si completerà nel 2020 e sarà disponibile in versione cd, cd edizione limitata, vinile, vinile in edizione limitata, oltre che in digitale.

«Questo disco non è un semplice tributo a un gigante della musica e della nostra cultura – racconta Dino Stewart, Managing Director di BMG che pubblica l'album – ma è un progetto unico propri…

Lucy Dacus: la cover di "In The Air Tonight" di Phil Collins

Lucy Dacusha registrato una cover di "In The Air Tonight" di Phil Collins, Il brano farà parte del prossimo EP della cantautrice in uscita il prossimo 8 Novembre per la Matador Records. Una versione decisamente "dark" del brano, nella quale però viene mantenuta la celebre parte di batteria con il "gated reverb" diventato negli anni un vero marchio di fabbrica dell'ex cantante dei Genesis.
La cover è stata pubblicata in rete pochi giorni dopo il concerto di Phil Collins al Madison Square Garden di New York. Quest' anno la cantautrice statunitense aveva già regalato ai suoi fan numerose cover a sorpresa: una versione di "Dancing in The Dark" di Bruce Springsteen (in occasione del suo 70esimo compleanno) la cover di "La Vie en rose"  per San Valentino e la cover di "My Mother & I" per la festa della mamma.



"In The Air Tonight" è stato il primo singolo da solista di Phil Collins, batterista e poi cantante de…

Paolo Jannacci: nel suo album anche un omaggio a Tenco

C'è anche una cover di Luigi Tenco nel disco di debutto di Paolo Jannacci, uscito lo scorso 4 ottobre per Ala Bianca e intitolato "Canterò". Si tratta della bella versione di "Com'è difficile" brano che il cantautore aveva già proposto dal vivo nel corso della trasmissione Vengo anch'io, condotta da Fabio Fazio e dedicata al grande Enzo Jannacci.
La title track del disco vede anche la collaborazione del giornalista e amico Michele Serra, autore del testo, ma all'album hanno anche collaborato J-Ax, di cui Jannacci è pianista di fiducia e Claudio Bisio.
Nel disco compaiono anche due cover di Enzo Jannacci: “E allora…concerto” e “Fotoricordo…il mare”.



La versione originale di "Com'è difficile" fu pubblicata da Luigi Tenco nel 1965 nel suo secondo album, Il brano porta la firma dello stesso Tenco e l'arrangiamento è di Ezio Leoni.



Foo Fighters: nuovo EP con le cover dei Psychedelic Furs e dei B-52's

Nuovo EP per i Foo Fighters e nuove interessanti per i fan della band di Dave Grohl e per gli appassionati di cover. La band americana ha pubblicato ieri "01020225" nuovo capitolo di una serie di EP contenenti materiale d'archivio (il precedente era uscito il 27 settembre).
In attesa di ascoltare le nuove canzoni sulle quali l'ex batterista dei Nirvana ha raccontato di essere al lavoro, arrivano queste 5 tracce (due delle quali già apparse nelle colonne sonore di due film (“Orange County” e “Out cold”).
Le due tracce più interessanti sono le due cover, La prima è una versione di “Sister Europe” brano dei Psychedelic Furs del 1980, e contenuta nel loro album di debutto. L'EP è disponibile anche su Spotify.



La seconda cover è una versione di “Planet Claire” dei B52's - registrata al Supper Club di New York la sera di Halloween del 2002. La versione originale in questo caso è del 1979.

Elbow: ascolta la cover di Wichita Lineman per la BBC

Gli Elbow hanno cantato "Wichita Lineman" - classico della musica country - nel corso della puntata di ieri (venerdì 11 ottobre) del The Zoe Ball Breakfast Show trasmesso dalla BBC Radio Two. Proprio ieri è uscito l'ottavo album in studio del gruppo intitolato Giants Of All Sizes, che è stato registrato al Clouds Hill Studio di Amburgo, al Dairy di Brixton, ai 604 Studios di Vancouver ed ai Blueprint Studios di Salford, oltre che nei vari home studio dei membri della band a Manchester.
Nonostante qualche colpo di tosse iniziale, una bella interpretazione, con la voce del frontman
Guy Garvey che ben sia adatta al classico scritto da Jimmy Webb, e con la band che lo accompagna con un arrangiamento delicato e appropriato.
Gli Elbow non avevano mai eseguito il brano in precedenza




Non molto nota in Italia, "Wichita Lineman" è un considerata negli USA vero classico del country .
Scritta da Jimmy Webb nel 1968, venne portata al successo da Glenn Campell, che fu il…

Tributo a Chuck Berry per Ronnie Wood dei Rolling Stones

Il chitarrista dei Rolling Stones Ronnie Wood rende omaggio a Chuck Berry con il suo nuovo album in uscita su BMG il 15 novembre. L'album si intitolerà "Mad Lad: A Live Tribute to Chuck Berry" ed è stato registrato dal vivo da Ronnie Wood with His Wild Five al Tivoli Theatre di Wimborne l’anno scorso: in totale 9 cover prese dal repertorio del grande chitarrista americano e due tracce inedite “Tribute to Chuck Berry”, scritta da Wood e “Worried Life Blues”, scritta da Maceo Merriweather.
Ad anticipare l'uscita dell'album, arriva la cover di "Rock 'N' Roll Music" che vede come ospite la cantante irlandese Imelda May. Una versione che lo stesso Ronnie definisce "cruda e ridotta all'osso, proprio come avrebbe voluto Chuck Berry".
Con la grafica dipinta a mano dallo stesso Ronnie, l’album “Mad Lad” sarà disponibile in digitale, su CD, su vinile pesante, in un cofanetto deluxe (CD, LP, cartolina 12×12 della grafica dell’album) e in un …

Le canzoni di Gianni Siviero in un doppio CD tributo

Per iniziativa di Sergio Secondiano Sacchi, responsabile artistico del Club Tenco, trentanove artisti rendono omaggio a uno dei più originali cantautori italiani con il doppio album Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero pubblicato da Squilibri d’intesa con il Club Tenco e Cose di Amilcare.

Quarantatré in tutto le canzoni di Gianni Siviero, commentate da altrettanti dipinti dell’artista Marco Nereo Rotelli, affidate alle voci e agli strumenti di alcuni vecchi compagni di strada, come Roberto Vecchioni, Mimmo Locasciulli, Ernesto Bassignano e Gualtiero Bertelli, e di personaggi che, in quegli stessi anni, calcavano altri tipi di palcoscenico, come Gigliola Cinquetti, Vittorio De Scalzi (ex New Trolls) e Roberto Brivio (I Gufi), e ancora di altri più giovani, rappresentativi di stili e sensibilità diverse, da Sergio Cammariere a Petra Magoni, da Massimo Priviero a Peppe Voltarelli.

Alcune canzoni di Gianni Siviero saranno riproposte durante la 43° edizione della Rassegna della canz…

Giuliano Sangiorgi: ascolta l'omaggio a Lucio Dalla

Negli ultimi tempi Radio 2 Rai ha cominciato a proporre sempre più spesso, nel corso dei suoi programmi, cover molto interessanti eseguite dal vivo dagli ospiti musicali.

Nel corso della puntata dello scorso 4 ottobre di "Non è un paese per giovani", Giuliano Sangiorgi ha reso omaggio a Lucio Dalla con una bella versione al pianoforte di "Chissà se lo sai". Il cantante dei Negramaro non ha mai nascosto la sua grande ammirazione per la musica del cantautore bolognese e ha spesso cantato brani del suo repertorio: da "Futura" (con Paolo Fresu) a "Anna e Marco" (in duetto con la Mannoia) a "Quale allegria".

Il programma "Non è un paese per giovani" è condotto da Giovanni Veronesi e Massimo Cervelli ed è in onda dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 13 e 30 su Radio 2. In redazione Elisabetta Farina e Nino Giuliano. Regia di Savino Bonito. A cura di Daria Ragazzini.




La versione originale di "Chissà se lo sai"  fu pubblica…

Lisa Hannigan canta Lucy in the Sky With Diamonds dei Beatles

Lisa Hannigan ha realizzato una cover di Lucy in the Sky With Diamonds,, capolavoro dei Beatles del 1967. La versione della cantautrice irlandese farà parte della colonna sonora del film ‘Lucy in the Sky’, che arriva in questo weekend nelle sale americane. Interpretato da Natalie Portman e diretto da Noah Hawley, il film vede la Portman nei panni di Lucy Cola, un'astronauta la cui vita è profondamente cambiata da un viaggio nello spazio.
Una versione rallentata molto dilatata, della durata di oltre 5 minuti e mezzo (anche se i primi quaranta secondi sono intro appena accennata e lo stesso vale per venti secondi finali), L'arrangiamento molto minimale della canzone è di Jeff Russo, che ha anche realizzato la colonna sonora del film e che ha dichiarato:
Abbiamo passato molto tempo nella mente di Lucy. Abbiamo passato molto tempo a confrontarci con lei a livello emotivo cercando di tracciare il suo viaggio emotivo dalla sua esperienza nello spazio fino al culmine del suo viaggio a…

Simple Minds: il nuovo singolo è la cover di 'For One Night Only'

I Simple Minds festeggiano i 40 anni di carriera con una cover: il nuovo singolo della band scozzese è infatti il remake di 'For One Night Only'. brano del 2014 di King Creosote.
Il brano farà parte della raccolta '40: The best of - 1979-2019', in uscita il prossimo 31 ottobre con brani selezionati personalmente da Jim Kerr e da Charlie Burchill. Una disco che ripercorre i 40 anni di carriera dei Simple Minds dalle loro prime sperimentazioni ai grandi successi da classifica, fino alle più recenti prove di 'Big Music' (2015) e 'Walk Between Worlds' dello scorso anno, il loro maggior successo degli ultimi 20 anni, arrivato al 4° posto nelle classifiche UK. Formatisi negli anni Settanta, prendono il nome da un verso del 1975 di The Jean Genie di David Bowie: "so simple minded".
'40: The best of' sarà disponibile in una edizione deluxe 3cd, cd singolo, 2lp e digitale con audio rimasterizzato agli Abbey Road Studios e un artwork disegnat…

Richard Hawley: una cover di Dylan per "Peaky Blinders”

Richard Hawley ha voluto rendere omaggio a Bob Dylan con la cover di ‘Ballad Of A Thin Man’. Il brano è stato registrato per la puntata finale della quinta stagione di “Peaky Blinders”, la serie TV che la BBC Two ha trasmesso lo scorso 22 settembre e che in Italia arriva su Netflix da oggi 4 Ottobre.
Io, la mia band e la mia famiglia siamo tutti grandi fan della serie – ha spiegato Hawley – e ovviamente anche di Dylan. Lui è un maestro ed è sempre una gioia profonda cantare le sue canzoni. Ma cantare e suonare una delle sue opere migliori nel contesto di Peaky Blinders è davvero eccitante”. E’ la prima volta che Hawley – che ha da poco pubblicato il suo nuovo album ‘Further’ - incide una cover di Dylan.



La versione originale di “Ballad of a Thin Man è contenuta nell’album Highway 61 Revisited pubblicato da Dylan nel 1965. Molte le cover incise negli anni, tra le quali spiccano quelle di Elliott Smith, Robyn Hitchcock e dei Grateful Dead. Ma la versione di Hawley si segnala come un…

Chromatics: nel nuovo album l'omaggio a Simon & Garfunkel

Il nuovo album dei Chromaticssi apre con la cover di "The Sound Of Silence" di Simon & Garfunkel. Il disco – intitolato Closer To Grey – contiene 12 tracce nuove e arriva a 7 anni dal precedente lavoro Kill For Love. L’album esce per l’etichetta Italians Do It Better fondata dallo stesso Johnny Jewel che è anche il produttore del disco, che arriva proprio a ridosso del tour europeo della band. La versione di “The Sound of Silence” è intensa e inquietante, con la voce di Ruth Radelet sussurrata e spettrale. Il disco contiene anche la cover di “On The Wall” dei The Jesus And Mary Chain. La band di Portland negli anni ha spesso dimostrato una grande passione per le cover, con tributi a Cindy Lauper, a Neil Young e a Jackson C.Frank.



Scritta da Paul Simon nel 1964, “The sound of silence” comparve in versione acustica nell'album di debutto di Simon & Garfunkel. Per la canzone - che in origine si intitolava "The sounds of silence" - il successo arriverà p…

Camila Cabello: la cover di Someone You Loved di Lewis Capaldi

Lewis Capaldi è sempre più il personaggio dell'anno nel territorio del Regno Unito. La conferma arriva anche dal crescente numero di cover delle sue canzoni cantate da interpreti importanti. Come nel caso di Camila Cabello che ha cantato la sua hit "Someone you loved" nel corso della puntata di oggi del BBC Live Lounge, la popolare trasmissione trasmessa dalla Radio One.
Una versione a dire il vero non particolarmente distante dall'originale, ma che conferma la grande popolarità del cantante britannico che con il disco di debutto Divinely Uninspired to a Hellish Extent, ha conquistato la vetta della classifica in UK.
Nel corso della puntata la Cabello ha proposto anche il nuovo singolo "Liar".




Pubblicata nel novembre del 2018, "Someone you loved" è stato il terzo singolo nella carriera del cantautore scozzese Lewis Capaldi e il suo primo grande successo: numero uno in UK e numero tre negli USA (dove è uscita ad aprile del 2019).
Capaldi ha raccon…

Smells Like Teen Spirit: la cover "latina" a Rock in Rio

Dopo la cover dei Weezer di “Smells Like Teen Spirit” capace di far commuovere anche Dave Grohl, il Festival Rock in Rio ha ospitato un altro inaspettato omaggio al classico dei Nirvana. Nel corso della loro esibizione i Tenacious D dell’attore Jack Black hanno invitato sul palco il bassista Júnior Groovador per una versione latineggiante di "Smells Like Teen Spirit".
La risposta del leader dei Foo Fighters non si è fatta attendere ed è arrivata tramite i social: Dave ha condiviso una foto in cui abbraccia il corpulento bassista brasiliano e il video della cover sulla pagina instagram del team dei Foo Fighters.



I Nirvana pubblicarono il singolo "Smells Like Teen Spirit” nel 1991. Il brano scalò le classifiche USA arrivando fino alla posizione numero 6 della “Billboard Hot 100” e alla numero 1 della classifica “Alternative Rock”. Ma soprattutto contribuì a lanciare l'album “Nevermind” che verrà pubblicato due settimane dopo e che nel gennaio del 1992 raggiungerà la…