Passa ai contenuti principali

Chrissie Hynde: ascolta l'omaggio ai Beach Boys

Chrissie Hynde ha reso omaggio ai Beach Boys con la cover della celebre "Caroline, No". Il brano comparirà nel nuovo album dell'ex leader dei Pretenders intitolato “Valve Bone Woe” annunciato per il prossimo 6 settembre. Un disco dalle sonorità jazz con cover prese dal repertorio di artisti come Frank Sinatra, Hoagy Carmichael, Charlie Mingus, John Coltrane. Ma nella scaletta compaiono anche brani di Nick Drake e di Ray Davies, ex marito della cantante.
La Hynde non aveva mai pubblicato una cover dei Beach Boys, ma nel 2014 aveva partecipato alla registrazione del remake di "God Only Knows" insieme a Elton John, Chris Martin, Steve Wonder, Brian May e molti altri artist

L'album è stato registrato con la Valve Bone Woe Ensemble negli AIR Studios di Londra.


Questa la tracklist


"How Glad I Am" (Jimmy Williams, Larry Harrison)
"Caroline, No" (Tony Asher, Brian Wilson)
"I'm a Fool to Want You" (Frank Sinatra, Joel Herron, Jack Wolf)
"I Get Along Without You Very Well (Except Sometimes)" (Hoagy Carmichael)
"Meditation on a Pair of Wire Cutters" (Charles Mingus)
"Once I Loved" (Norman Gimbel, Vinicius De Moraes, Antonio Jobim)
"Wild Is the Wind" (Ned Washington, Dimitri Tiomkin)
"You Don't Know What Love Is" (Don Raye, Gene De Paul)
"River Man" (Nick Drake)
"Absent Minded Me" (Jule Styne, Bob Merrill)
"Naima" (John Coltrane)
"Hello, Young Lovers" (Richard Rogers, Oscar Hammerstein II)
"No Return" (Ray Davies)
"Que Reste-T-il de Nos Amours" (Charles Trenet)



Brian Wilson, autore del brano insieme a Tony Asher, pubblicò "Caroline, No" come singolo da solista nel marzo del 1966. Il brano poi comparve due mesi più tardi come traccia conclusiva dell'album "Pet Sound" dei Beach Boys, considerato dalla critica il capolavoro della band americana.
Tra gli artisti che hanno ricantato il brano figurano Glenn Frey, gli America, i They Might Be Giants e i Wedding Presents.

Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

Johnson Righeira e iPesci omaggiano gli Skiantos

Quarant'anni fa gli Skiantos pubblicavano "Mi piaccion le sbarbine" destinato a diventare uno dei brani più popolari del loro repertorio. A rendere omaggio al grande Freak Antoni - cantante del gruppo scomparso nel febbraio del 2014 - e a festeggiare il compleanno del brano ci ha pensato Johnson Righeira (al secolo Stefano Righi) che insieme al "fratello" Michael spopolò con i Righeira negli anni 80.
La cover è stata realizzata inseme a iPesci,  duo electro torinese che ha sempre avuto proprio gli Skiantos e i Righeira come punti di riferimento.
Il Progetto vede l’uscita contemporanea del videoclip, girato interamente nella “chiacchierata” casa d’appuntamenti delle Bambole di Torino e vede una guest star inaspettata, il provocatore radiofonico Giuseppe Cruciani, che li ha ospitati nella sua trasmissione “La Zanzara” su Radio 24 per la presentazione in anteprima di video e brano.



La versione originale di "Mi Piaccion Le Sbarbine" apriva il terzo albu…

J Mascis: omaggio a Tom Petty con la cover di Don’t Do Me Like That

La scorsa estate il frontman dei Dinosaur Jr. J Mascis eseguì sul palco di un piccolo locale di Provincetown una versione "karaoke" di un classico di Tom Petty. L'esibizione (a dire il vero non proprio impeccabile) non passò inosservata ad uno dei clienti del bar che postò su Facebook il video della cover in qualità Lo Fi. Ora però il musicista americano ha deciso di pubblicare una cover ufficiale del brano e di renderla disponibile sul suo canale YouTube. Una versione sicuramente migliore rispetto a quella dello scorso anno, della quale però viene mantenuto lo spirito originale.
Si tratta della prima registrazione ufficiale di J Macis dall'uscita dell'album "Elastic Days" del 2018.



La versione originale di "Don’t Do Me Like That" fu pubblicata nel 1979 nell'album " Damn the Torpedoes" di Tom Petty & The Heartbreakers. Il singolo entrò nella Top 10 della classifica di Billboard, diventando il primo successo nella storia de…

Mötley Crüe: la cover di Like a Virgin di Madonna

I Mötley Crüe hanno realizzato una cover di "Like a Virgin" di Madonna. Il brano farà parte della colonna sonora del loro biopic “The Dirt” che verrà pubblicato il prossimo 22 marzo. Nikki Sixx - chitarrista del gruppo americano - ha raccontato di aver avuto l'idea di registrare la cover della celebre hit di Madonna mentre stava camminando con i suoi cani: "Quando la mia mente è aperta in quel modo, mi vengono queste idee. Quando mi è saltata in testa, in un certo senso ho alzato lo sguardo, come per ridere con Dio, e ho pensato che sarebbe stato piuttosto divertente'".

La band di Los Angeles ha già inciso in passato un discreto numero di cover, ma questa è senza dubbio il tributo più "pop" della loro carriera, visto che gli altri omaggi erano a classici del rock come "Helter skelter", "Jailhause rock", "Lust for Life" e "Anarchy in the UK".Non così originale l'idea di rifare in chiave rock "Like a…

Florence + The Machine: la cover di "Oh! Darling" dei Beatles

Le ristampe degli album regalano spesso piacevoli sorprese agli appassionati di cover. Come nel caso della nuova edizione di "Lungs", album di debutto di Florence and the Machine, che in occasione del decimo anniversario della sua pubblicazione ritorna nei negozi in una nuova edizione arricchita. Tra le tracce extra da senalare la cover di "Oh Darling!" dei Beatles che la cantante registrò dal vivo negli studi di Abbey Road. Non si tratta però di un inedito, visto che da anni il brano circola in ret ed era statato gia insertito in una precedente versione "box" dell'album.
Ma resta una delle migliori versioni del brano dei Beatles e merita di essere riscoperta.




Composta da Paul, ma ovviamente attribuita alla coppia Lennon/McCartney, "Oh! Darling" venne registrata dai Beatles una prima volta durante le session per Get Back, nel gennaio del 1969. Sarà poi insertita però nell'album "Abbey Road". Fu pubblicata come singolo solo per…