venerdì 27 marzo 2015

Male il nuovo album di Natalie Imbruglia

Conterrà dodici cover il nuovo album di Natalie Imbruglia atteso per il prossimo 28 luglio. Il disco si intitolerà "Male" visto che le canzoni scelte hanno in comune il fatto di essere state scritte da autori maschili.
Per la cantante australiana si tratta del quinto album della sua carriera ed arriva dopo una lunga pausa di oltre sei anni.
Incuriosisce la scelta delle canzoni per questo progetto che è davvero molto varia senza nessun apparente filo conduttore. Si passa dagli anni 60 al nuovo millennio, dai Cure a Neil Young, da Damien Rice ai Modern English.
Ad anticipare l'uscita dell'album il singolo "Instant Crush", cover del brano dei Daft Punk e Julian Casablancas che faceva parte dell'album "Random Access Memories". Promossa.

Questa la tracklist

1. Instant Crush (Daft Punk)
2. Cannonball (Damian Rice)
3. The Summer (Josh Pike)
4. I’ll Follow You Into The Dark (Death Cab For Cutie)
5. Goodbye in His Eyes (Zac Brown Band)
6. Friday I’m in Love (The Cure)
7. Naked as We Came (Iron & Wine)
8. Let My Love Open the Door (Pete Townshend)
9. Only Love Can Break Your Heart (Neil Young)
10. I Melt With You (Modern English)
11. The Waiting (Tom Petty)
12. The Wind (Cat Stevens)

giovedì 26 marzo 2015

Rumer: nel nuovo album omaggio a Christopher Cross

E' una raccolta di materiale raro e quasi inedito il nuovo album della cantautrice britannica Rumer, al secolo Sarah Joyce, diventata popolare nel 2010 dal suo fortunatissimo debutto discografico "Seasons of my soul".
L'album intitolato semplicemente "B Sides and Rarities" esce per l'etichetta della cantante Night Owl Music e contiene anche molte cover interessanti. A partire dalla prima delle 17 tracce che compongono il disco, un omaggio a Christopher Cross sulle note della celebre "Arthur's Theme (Best That You Can Do)" colonna sonora del film Arthur con Dudley Moore e Liza Minnelli. La cover era già comparsa qualche mese fa in una compilation della BBC intitolata "The Sound Of 80".
Il brano - pubblicato nel 1981 - porta la firma del grande Burt Bacharach, della moglie Carole Bayer Sager e dello stesso Christopher Cross e vinse sia il Premio Oscar che il Golden Globe come miglior colonna sonora dell'anno. Arrivò in vetta alla classifica USA e alla numero 7 di quella UK.
Il primo a realizzare una cover della canzone fu (pochi mesi dopo) il "nostro" Fausto Papetti. Negli anni successivo sono arrivate le versioni di Barry Manilow, di Shirley Bassey e di Ronan Keating.
La cover di Rumer è molto (forse troppo) fedele all'originale ma comunque impreziosita dalla sua voce cristallina.



mercoledì 25 marzo 2015

Peter Hook: un concerto con tutte le canzoni dei Joy Division

Il 18 maggio del 1980 moriva suicida nella sua casa di Macclesfield, a soli 23 anni Ian Curtis, voce e leader dei Joy Division. In occasione del 35 esimo anniversario della scomparsa l'amico Peter Hook, ex bassista della band, terrà un concerto tributo presso la Christ Church di Macclesfield  (ad una ventina di chilometri da Manchester)  durante il quale eseguirà tutte le canzoni incise dai Joy Division in ordine rigorosamente cronologico: dal primo EP "An Ideal For Living" pubblicato nel giugno del 1978 fino ad disco postumo "Still"  uscito nell'ottobre del 1981. In totale 48 canzoni.
Peter Hook sarà accompagnato dalla sua nuova band i Light con i quali ha da poco ultimato un tour negli USA.
Il ricavato della serata sarò devoluto alla associazione Epilepsy Society che si occupa della cura e della ricerca sulla epilessia, patologia della era afflitto Ian Curtis. I biglietti messi in vendita a partire da oggi sono andati esauriti nel giro di pochi minuti.
In una recente intervista concessa al New Musical Express Hook ha spiegato che a suo avviso l'eredità dei Joy Division è stata forse messa in ombra dal grande successo dei New Order.
"Negli ultimi cinque anni ho girato il mondo suonando la musica dei Joy Division e il pubblico, pieno di giovani, gioiva per il potere e la bellezza delle parole di Ian e della musica dei Joy Division. In occasione del 35esimo anno trascorso dalla morte di Ian, ho deciso di mettere su una corretta celebrazione della musica dei Joy Division".

domenica 22 marzo 2015

Overdreams: la cover di Lemon Tree

Nel 1996 i tedeschi Fool's Garden conquistarono le classifiche europee con il singolo "Lemon Tree". Ora il brano - che in Italia arrivò fino alla posizione numero 6 della Hit Parade e per anni ha accompagnato lo spot di una nota marca di limoncello - è stato ripreso in chiave rock dalla band cremasca degli Overdreams. Cover divertente e originale, accompagnata da un folle video girato in casa, con la regia e la fotografia curata da Ely Losco e dal cantante bassista della band Andrea Spinelli e che vede ospiti gli amici Ambramarie, Amanda Brambini, Mauro Plitz Plizzari, capitan Jack Raimonds.
Gli Overdreams si sono formati a Crema nel 2004 .La band è composta da Andrea Spinelli (Voce e basso) Stefano Bernardi (Chitarra) Claudio Pedrini (Tastiere) e Max Cantoni  (Batteria).
Si tratta della prima cover incisa dal gruppo. "Dal vivo - ci hanno spiegato - ci capita spesso di proporre cover riarrangiate da noi e questa ci sembrava avesse davvero un bel tiro".
Il brano potrebbe essere inserito nel prossimo album della band e sicuramente farà parte della scaleta dei loro concerti in programma per promuovere il loro ultimo lavoro pubblicato nell'Ottobre delk 2014.

sabato 21 marzo 2015

James Murphy: la cover di "Golden years" di David Bowie

L'ex leader degli LCD Soundsystem James Murphy ha reso omaggio a David Bowie. Lo ha fatto con la cover di "Golden Years" brano che il Duca Bianco pubblicò come singolo nel 1975 ed inserì nell'album "Station To Station".
Non moltissime le cover "ufficiali" del brano, ma si segnalano quella di Marilyn Manson del 1998 e quella dei Loose Ends del 1985.
La versione di Murphy - strumentale e molto minimale - fa parte della colonna sonora del film While we're young di Noah Baumbauch che arriverà nelle sale americane dal prossimo 27 marzo e che vedrà protagonisti sullo schermo Ben Stiller, Naomi Watts, Amanda Seyfried, Adam Driver, e Ad Rock dei Beastie Boys.
La colonna sonora, a cui hanno partecipato anche le Haim e Paul McCartney, arriverà nei negozi il 24 marzo. La cover di Murphy è invece stata già resa disponibile su SoundCloud ed è stata segnalata con un tweet dall'account ufficiale di Bowie su Twitter.


venerdì 20 marzo 2015

Papik presents Cocktail Mina

Sarà dedicato al repertorio di Mina il nuovo album prodotto da Papik, il progetto musicale ideato dal musicista e compositore Nerio Poggi. Dopo "Cocktail Martino", il disco tributo dedicato nel 2012 a Sergio Martino, arriva ora "Cocktail Mina" omaggio alla "Tigre di Cremona" in chiave nu-jazz.
Il disco sarà pubblicato dalla Irma Records nel mese di Giugno, ma lo stesso Nerio "Papik" Poggi ha svelato alcuni dettagli in anteprima attraverso la sua pagina Facebook.
Il disco - che il musicista ha registrato nel suo studio di Roma - conterrà 15 canzoni scelte tra le sue preferite nello sterminato repertorio della cantante.
Al progetto hanno collaborato molti amici del produttore romano, da Marco Armani a Matteo Brancaleoni, dal cantante dei Ridillo Daniele "Bengi" Benati a Stefy Gamboni.
Questa la tracklist

ANCHE UN UOMO feat STEFY GAMBONI
CITTA’ VUOTA feat MARCO ARMANI
PAROLE PAROLE feat ELY BRUNA & DANIELE “BENGI” BENATI
ANCORA ANCORA ANCORA feat STEFY GAMBONI
LE 1000 BOLLE BLU feat KATIA RIZZO
L’IMPORTANTE E’ FINIRE feat STEFY GAMBONI
GRANDE GRANDE GRANDE feat FRANCESCA GRAMEGNA
IMPROVVISAMENTE feat VITTORIA SIGGILLINO
BRIVIDO FELINO feat STEFY GAMBONI &DANIELE “BENGI” BENATI
IO INNAMORATA feat MATTEO BRANCALEONI
NON CREDERE feat MARCO ARMANI
NEVE feat STEFY GAMBONI
LA BANDA feat GIUSEPPE MILICI
IT’S A LONELY TOWN feat TOM GAEBEL
SOLTANTO CON LA MUSICA feat STEFY GAMBONI

lunedì 16 marzo 2015

Tracce Clandestine il nuovo album dei Modena City Ramblers

Molte cover nella tracklist del nuovo album dei Modena City Ramblers. Il disco si intitolerà "Tracce Clandestine" e sarà pubblicato il prossimo 24 Marzo.
Pubblicato per ModenaCityRecords, il disco conterrà molti brani che la band ha proposto dal vivo durante anni di concerti ma che non sono mai stati incisi su disco, salvo rare eccezioni. La band per l’occasione è tornata in studio di registrazione dove ha invitato molti artisti per collaborare alle registrazioni. Artisti italiani e stranieri, in alcuni casi legati ai Ramblers da rapporti di stima ed amicizia, in altri casi veri e propri punti di riferimento nella crescita musicale della band.
Tra le tracce contenute nel disco spicca per esempio la cover di "The Ghost Of Tom Joad" di Bruce Springsteen, la cui versione originale risale al 1995, ma anche "Clandestino" di Manu Chao del 1998.
Molti anche i traditionals presenti nel disco come "Saluteremo il Signor Padrone"  canto popolare degli anni 30 che compare nella versione realizzata insieme a Eugenio Finardi o la celebre "Fischia il vento".
Non poteva poi mancare un omaggio ai Pouges - gruppo di riferimento per la band emiliana - che arriva con la cover di "If I Should Fall From Grace with God" che dava il titolo al disco pubblicato nel 1988 dalla band irlandese.
Tra i brani del disco anche una cover di "Rock The Casbah" dei Clash realizzata insieme a Stephane Mellino delle Negresses Vertes.


Tracklist


1 CLANDESTINO (M. Chao) con La Pegatina
2 SALUTEREMO IL SIGNOR PADRONE (anonimo tradizionale) con Eugenio Finardi
3 THE GHOST OF TOM JOAD (B. Springsteen)
4 L'HOMME DES MARAIS (Negresses Vertes) con Stephane Mellino.
5 IF I SHOULD FALL FROM GRACE WITH GOD (Pogues)
6 CHAN CHAN (F. Repilado , famoso pezzo cubano) con Uri Giné dei Bongo Botrako
7 THE TRUMPETS OF JERICHO (inedito) con Terry Woods dei Pogues
8 CROOKEDWOOD POLKAS (Tradizionali) con Terry Woods dei Pogues
9 PREGA CREST (Pierangelo Bertoli) con Alberto Bertoli, figlio cantante di Pierangelo
10 PER I MORTI DI REGGIO EMILIA (Fausto Amodei, celebre canzone politica)
11 SIDI H'BIBI (Mano Negra) con i Dubioza Kolectiv
12 ROCK THE CASBAH (Clash) con Stephane Mellino
13 MALA VIDA (Mano Negra)
14 FISCHIA IL VENTO (tradizionale partigiano)
15 CANZONE PER UN AMICO FRAGILE (MCR) con Terry Woods