mercoledì 27 luglio 2016

Vinicio Capossela: la cover di Se Perdo Anche Te

Divertente scambio di cover tra Gianni Morandi e Vinicio Capossela. Tutto è iniziato lo scorso 22 luglio quando il cantante bolognese ha postato sulla pagina web una sua versione di "La padrona mia", uno dei brani contenuti ne "Canzoni della Cupa", il nuovo album che Vinicio Capossela.
La risposta del cantautore irpino non si è fatta attendere ed è arrivata sempre attraverso i social network. Una clip nella quale Capossela interpreta a suo modo "Se Perdo Anche Te" brano che Morandi pubblicò nel 1967 come lato B del singolo "C'era un ragazzo che come me amava i Beatles e i Rolling Stones". Quella di Morandi è però in realtà la versione italiana di "Solitary Man" di Neil Diamond, con un testo di Franco Migliacci e Antonio Bazzocchi.
Per la sua cover Capossela si è fatto accompagnare da Alessandro Asso Stefana. Il video - girato da Chico De Luigi - è accompagnato dal divertente saluto: C'era un ragazzo che come me amava la Padrona sua, le cicale e i Rolling Stones. Grazie grande Gianni Cash!
La risposta di Morandi è arrivata a stata altrettanto divertita:
"Caro Vinicio, forse non ci siamo mai incontrati ma ti conosco bene! Mi piace come affronti "Se perdo anche te", con garbo e sentimento. La canzone ha esattamente la tua età... Complimenti a te e ad Alessandro Asso! Saluti dalle mie cicale...".

lunedì 25 luglio 2016

Berman Brothers: la cover di Walking On Sunshine

E’ la cover di “Walking On Sunshine” di Katrina & the Waves il singole scelto per lanciare il nuovo album di Frank e Christian Berman, conosciuti in tutto il mondo come Berman Brothers. Dopo il successo del progetto cubano “Rhythms Del Mundo”, i due celebri produttori tornano, giusto in tempo per le Olimpiadi, con un nuovo album con cui portano l’ascoltatore a fare un viaggio a Rio de Janeiro. Il nuovo album si intitola TAKE ME TO RIO, vede l’incontro tra star internazionali come Outkast, Mando Diao, Katrina & the Waves e Marlon Roudette e i migliori musicisti brasiliani di samba e bossa nova Tutte le canzoni del disco sono state sono state prodotte dai Berman Brothers che hanno mantenuto le voci originali dei pezzi e hanno lavorato con un collettivo di musicisti brasiliani. La versione originale di “Walking On Sunshine” risale al 1983 anche se il successo arrivo solo due anni più tardi. Il brano non è stato scritto dalla leader del gruppo Katrina, ma dalla chitarrista Kimberley Rew. Nonostante il brano non sia mai arrivato alla numero 1 delle classifiche, è una delle hit più memorabili di quel periodo degli anni 80 ed è stato una vera e propria miniera d’oro per la casa discografica grazie all’utilizzo in mote colonne sonore e in decine di pubblicità. C’è chi ha calcolato che la canzone abbia incassato 1 milione di dollari all’anno fino al 2010. Un vero caso di “One Shot” visto che è rimasto l’unico successo nella carriera della band inglese.

domenica 24 luglio 2016

Ydalia Suarez: la cover di Candela

Dai tormentoni estivi non ci si salva facilmente. Anche perché spesso ritornano a distanza di qualche anno. Come nel caso di “Candela” brano che la portoricana Noelia piazzò nelle classifiche italiane esattamente 15 anni fa. Ora la canzone – che nell’estate del 2001 arrivò fino alla numero quattro della nostra Hit Parade – viene riproposta in una nuova versione cantata dalla attrice e ballerina cubana Ydalia Suarez, che ritorna così alla musica, suo originale amore sin da quando era bambina. In Italia dal 2000 la cantante cubana si è fatta notare in alcuni film horror del regista Bruno Mattei e per le partecipazioni alle fiction Mediaset ”RIS” e “Centovetrine” - Ydalia ha affidato a Nick Peloso la rivisitazione della canzone. Una cover con suoni attuali, fresco e attuale e ballabile, ribattezzato “Candela 2k16”. La canzone “Candela” porta la firma di Fabio Alonso Salgado, in arte Estéfano, popolare musicista colombiano, autore di brani di successo per Gloria Estefan, Julio Iglesias, Jennifer Lopez e molti altri. Il brano fu pubblicato nel 1999 all’interno dell’album d’esordio di Noelia, che vendette all’epoca,oltre 500 mila copie negli Stati Uniti. Il successo in Italia arrivò solo 2 anni più tardi grazie anche ad un celebre stacchetto ballato dalle Veline di Striscia La Notizia (che all’epoca erano Elisabetta Canalis e la bionda Maddalena Corvaglia). Di Noelia si sono invece un po’ perse le tracce anche se nel 2007 si tornò a parlare di lei grazie ad un video molto “hot” girato con l’ex fidanzato che circolò a lungo in rete illegalmente.

venerdì 22 luglio 2016

Jack Garratt: la cover di Crazy In Love di Beyonce

Jack Garratt è stato ospite della puntata di oggi - venerdì 21 luglio - della trasmissione "Like a Version" trasmessa della radio australiana triple j. Oltre a presentare una delle canzoni del suo nuovo album "Phase" pubblicato all'inizio dell'anno, il cantante britannico ha eseguito la cover di "Crazy in Love" la celebre hit di Beyonce del 2003.
Una versione rarefatta e decisamente distante dall'originale, con Garret ha eseguito in solitudine accompagnandosi alla testiera.
"Crazy In Love" rappresentò il debutto da solista per l'ex Destiny's Child che pubblico il brano inseme al futuro marito Jay Z. I due firmarono il brano insieme a Rich Harrison.
Il singolo raggiunse la numero uno sia in UK che negli USA.
Il brano conteneva il sample di Are You My Woman (Tell Me So) dei The Chi-Lites.
Molte le cover ufficiali della canzone, fra le quali quelle di Puppini Sisters, Baseballs, Nerina Pallot e Snow Patrol. Quella di Garratt merita un ascolto attento.
"Like a Version" può essere considerato una sorta di versione australiana del BBC Live Lounge. Ogni venerdì mattina un artista (o un gruppo) viene ospitato in trasmissione ed esegue dal vivo due brani: il nuovo singolo e una canzone a sua scelta.

giovedì 21 luglio 2016

Anche i Pearl Jam rendono omaggio a Alan Vega

Anche i Pearl Jam hanno voluto rendere omaggio ad Alan Vega, scomparso lo scorso 16 luglio all'età di 78 anni. Lo hanno fatto nel corso del concerto che la band di Eddie Vedder ha tenuto la sera successiva al Pemberton Festival, in Canada.
Il gruppo ha eseguito "Dream Baby Dream" probabilmente il più celebre dei brani della carriera del duo newyorchese. I Suicide registrarono per la prima volta il brano nel 1977 con il titolo di "Keep Your Dream". Solo due anni più tardi il brano con il titolo e il testo modificati, fu pubblicato come 45 giri per la Island Records. La produzione fu affidata a Rick Ocasek dei The Cars.
Il singolo non ottenne alcun successo commerciale in nessuna nazione ma è sempre stato considerato dalla critica uno dei brani fondamentali della storia del rock. Le riviste Uncut, Q, Sounds e Pitchfork lo hanno inserito nelle loro rispettive classifiche delle canzoni migliori di sempre.
Bruce Springtreen ha spesso in passato eseguito il brano dal vico e ha inciso una sua versione nel 2008 all'interno dell'album High Hopes.
La cover dei Pearl Jam - che non avano mai interpretato il brano nei loro concerti - è intensa e emozionante anche se forse la prestazione vocale di Eddie Vedder non è proprio impeccabile. Una breve versione di circa 2 minuti (rispetto ai 6 dell'originale) che ha fatto da intro alla loro "Wishlist".

mercoledì 20 luglio 2016

Sampha: la cover di All I Need degli Air

La programmazione musicale della BBC Radio 1 si conferma ancora una volta ricca di sorprese per gli appassionati di cover.
Sampha è un giovane musicista inglese che si è fatto notare nella scena della musica elettronica per la sua bella voce soul e per le sue collaborazioni con Jessie Ware, Drake e Kanye West.
Ospite negli studi della BBC Radio 1 per la trasmissione Piano Session condotta da Huw Stephens, il giovane cantante londinese ha eseguito al pianoforte una versione da brividi della bella "All I Need" degli Air.

La versione originale della canzone risale al 1998 ed era contenuta nell'album di debutto del duo francese intitolato Moon Safari. Il brano porta la firma dei due componenti del gruppo Nicolas Godin e Jean-Benoît Dunckel, ma anche di Beth Hirsch che canta la canzone. Pubblicata come singolo, arrivò fino alla numero 29 della classifica UK e contribuì non poco al successo dell' album "Moon Safari" disco d'Oro in Francia e di Platino in Inghilterra.
Sampha - che nel 2013 aveva ottenuto una nomination dell'annuale sondaggio tra i giornalisti della BBC - trasforma il brano in una intensa ballata dalle atmosfere soul; gli stessi Air sono rimasti positivamente colpiti dalla sua versione e l'hanno condivisa sulla loro pagina Facebook.

martedì 19 luglio 2016

Neil Young: la cover di Volare nel tour italiano

Anche Neil Young non ha saputo resistere al fascino di "Volare" di Domenico Modugno.
Nel corso del suo tour italiano di quest'anno il grande cantautore canadese ha infatti inserito in scaletta un omaggio alla canzone italiana più famosa nel mondo. Il brano è stato però cantato (con buona intonazione) da Lukas Nelson, leader e chitarrista dei Promise of the Real, la band che ha accompagnato Young nel corso del nuovo tour oltre ad aver suonato nell'album The Monsanto Years.
La cover di "Volare" è stata eseguita in tutte e quattro i concerti italiani, Piazzola Sul Brenta, Roma, Lucca e Milano.

La versione originale di "Nel Blu Dipinto di Blu" fu cantata la prima volta il 31 gennaio del 1958 sul palco del Festival di Sanremo e da allora il suo successo è stato inarrestabile e la canzone è diventata il simbolo della musica italiana nel mondo. Negli Stati Uniti - dove tutti la conoscono con il titolo di Volare - rimase alla numero uno della classifica per ben 13 settimane vincendo anche due Grammy Awards.

Neil Young - Nel Blu Dipinto Di Blu

lunedì 18 luglio 2016

James Bay: la cover di "Hymn for the weekend" al BBC Live Lounge

James Bay ha reso omaggio ai Coldplay nel corso della trasmissione BBC Live Lounge.
Il cantautore inglese – ospite degli studi londinesi di Maida Vale – ha presentato il suo nuovo singolo ‘Craving’ che arriva dopo il clamoroso successo ottenuto dal disco di debutto Chaos and the Calm pubblicato lo scorso anno.
Bay ha poi eseguito una originale versione di “Hymn for the weekend” canzone che fa parte del piu recente album dei Coldpaly e che nel disco “A Head Full Of Dreams” vede Chris Martin duettare con Beyonce. Il brano è stato il secondo singolo estratto dall'album e ha raggiunto la posizione numero 6 in Inghilterra.
Una cover convincente con la graffiante voce del giovane cantautore inglese in bella evidenza, che è piaciuta anche agli stessi Coldpaly che hanno segnalato il brano con un tweet attraverso il loro account di Twitter, complimentandosi con James Bay. Il quale – probabilmente non a caso - si è presentato negli studi della BBC con una t-shirt di Beyonce.
James Bay si era già esibito al BBC Live Lounge nel 2014 e in quella occasione aveva eseguito la cover di "Four Five Seconds" di Rihanna.

domenica 17 luglio 2016

Addio ad Alan Vega dei Suicide

Il 2016 si porta via un altro importante personaggio della storia del rock. E' morto a 78 anni Alan Vega, cantante della band dei Suicide, da lui fondati all'inizio degli anni 70 insieme a Martin Rev nel 1971.
La notizia della sua scompara è stata resa pubblica dall'amico Henry Rollins.
I Suicide hanno lasciato un segno indelebile nella scena musicale, me al di là delle (poche) copie vendute dei loro dischi.
Tra gli artisti che hanno interpretato le loro canzoni c'è anche Bruce Springsteen che ha spesso inserito la loro Dream Baby Dream nelle scalette dei suoi concerti oltre ad aver pubblicato il brano nel 2008.