lunedì 23 maggio 2016

EP di debutto per Sergio Sylvestre da Amici 2016

Sergio Sylvestre, uno dei concorrenti dell'edizione di quest'anno della trasmissione Amici. ha pubblicato il suo disco di debutto che - come sempre in questi casi - contiene molte cover.
Un Ep anticipato in radio dall’omonimo singolo, Big Boy, scritto da Ermal Meta: nell’Ep, però, sono presenti anche altri tre inediti e quattro cover, queste ultime cavalli di battaglia che Sergio Sylvestre ha interpretato nel corso della trasmissione Amici.
Le cover sono “Hello” di Adele, “Say Something” di A Great Big World, “Take Me To Church” di Hozier e “Cheating” di John Newman, brani con i quali si è messo in mostra nel corso di questa edizione del talent.
Tutti brani dunque molto nuovi e sicuramente non facili da interpretare, ma che consentono a Sergio di mettere in mostra il suo timbro vocale sicuramente interessante.
Cover però - come troppo spesso capita in questi casi - musicalmente appiattite sulle versioni originali e quindi ad alto rischio noia.

domenica 22 maggio 2016

Sia: la cover di Unforgettable nel film Alla Ricerca di Dory

Sia canterà la cover di “Unforgettable” per la colonna sonora del nuovo cartone animato Disney•Pixar Alla Ricerca di Dory.
In attesa di ascoltare la versione che accompagnerà i titoli di coda del film che sarà nelle sale americane il prossimo 17 giugno, la cantante australiana ha eseguito il brano dal vivo nel corso della trasmissione TV condotta Ellen DeGeneres in onda sulla NBC. La celebre conduttrice americana darà la voce a Dory nella versione originale, mentre in quella italiana, che sarà nelle sale a settembre, la doppiatrice sarà la brava Carla Signoris.
Scritta dal compositore americano Irving Gordon nel 1951, Unforgettable fu portata al successo da Nat King Cole, e negli anni è stata interpretata da Dina Washington, Peggy Lee, Roberta Flack e Areata Franklin.
Nel 1992 la canzone fu premiata con un Grammy  quando Natalie Cole la incluse nel suo album di duetti come tributo al padre scomparso. Ancora oggi, “Unforgettable” è un brano molto amato in tutto il mondo. Candidata a cinque Grammy,
Sia ha annunciato questa settimana il suo tour dal titolo “Nostalgic for the Present”, che la porterà in 22 città del Nord America.
La colonna sonora di Alla Ricerca di Dory, che includerà le tracce orchestrali di Thomas Newman e l’interpretazione di Sia del brano “Unforgettable”, sarà disponibile in Italia a partire dal 17 giugno 2016 distribuita da Universal Music

sabato 21 maggio 2016

Celine Dion: il singolo nuovo è una cover dei Queen

Il nuovo singolo di Celine Dion è la cover della celeberrima "The Show Must Go On".
A quattro mesi dalla morte del marito, la cantante canadese si ripresenta al proprio pubblico con un tributo ai Queen che suona come un invito ad andare avanti.
La Dion presenterò ufficialmente il brano dal vivo nel corso dei "Billboard Music Awards" in programma a Las Vegas il prossimo 22 maggio, dove la cantante riceverà anche l'Icon Awards alla carriera.
Alla cover del brano ha collaborato la violinista americana Lindsey Stirling, celebre per la sua capacità di spaziare in ogni genere musicale, dal country all'hip hop, che ha impreziosito il brano con alcuni virtuosismi inaspettati, che sostituiscono la chitarra elettrica di Brian May.
La cantante canadese aveva già eseguito spesso il brano dal vico durante il suo Taking Chances Tour nel 2008
La versione originale di "The Show Must Go On" risale al 1991. Era la canzone conclusiva dell'album "Innuendo" l'ultimo lavoro realizzato in vita da Freddy Mercury.Fu pubblicata come singolo poche settimane prima che il cantasse morisse ed è considerato dai suoi fan una sorta di suo testamento musicale. Eppure in realtà il brano è firmato da Brian May, e gli altri tre componenti della band aggiunsero il loro contributo solo in un secondo momento.
Il video che accompagnava il brano raccoglieva alcune delle immagini più belle della carriera del gruppo inglese.
Il singolo ebbe un grande successo in USA raggiungendo la seconda posizione in classifica, mentre in Inghilterra non andò oltre la 16 esima posizione. In Italia arrivò alla posizione numero 6.

venerdì 20 maggio 2016

Jake Bugg: la cover di Be The One

Jake Bugg è tornato al Live Lounge, celebre programma della BBC Radio 1, particolarmente amato dagli appassionati di cover. Il giovane cantautore inglese è stato ospite della puntata trasmessa dagli studi di Maida Vale lo scorso 20 Maggio nel corso dell' Academy Live Lounge. Oltre a presentare il nuovo singolo "Gimme The Love" che farà parte del suo terzo album, ha eseguito una versione molto personale di "Be The One" di Dua Lipa.
Per Bugg si è trattato della quarta partecipazione al Live Lounge, dopo quelle del 2012, del 2013 e del 2014.
La versione originale di "Be The One" è uscita nell'ottobre del 2015 ha raggiunto le preme posizioni nelle classifiche in Belgio, Polonia, Austria, Germania e Bulgaria. Il brano non è diventato una hit in Inghilterra dove il brano è passato abbastanza inosservato.
Bella la cover acustica suonata da Bugg, che rende il brano quasi una ballata blues.

giovedì 19 maggio 2016

Amanda Lear: la cover di "Macho Man" dei Village People

Ad Amanda Lear non è mai mancata una buona dose di autoironia. Nel suo nuovo album la cantante francese si è divertita a proporre una sua versione di "Macho Man" dei Village People, giocando ancora una volta sul filo della provocazione.

La versione originale del brano risale al Febbraio del 1978 e fu la prima hit del variopinto gruppo americano, qualche mese prima del travolgente successo di YMCA. Randy Jones - il "cowboy del gruppo" - ha ricordato così la nascita della canzone:
"Abbiamo firmato il contratto il lunedì dopo il Giorno del Ringraziamento del 1977. Il giovedì successivo eravamo già in sala di incisione ai Sigma Sound Studios di New York, per registrare il brano, con il resto scritto su un foglio a mano da Victor Willis!"
Il brano porta la firma anche di Jacques Morali, Henri Belolo e Peter Whitehead e fu pubblicato dalla Casablanca Records.
Le vendite del singolo in realtà non furono eccezionali. Si fermò alla numero 25 delle classifiche USA e non entrò nelle classifiche né in UK né in Italia. Ma è diventato negli anni uno dei brani simbolo della Disco Music e del movimento dei diritti gay.

Il nuovo lavoro di Amanda Lear si intitola "Let Me Entertain You" ed è distribuito in esclusiva per l’Italia da ThisPlay Music / A1 Entertainment.
Per l'occasione la cantante  è accompagnata dall’orchestra francese Secession Orchestra, diretta dal maestro Clément Mao Takacs, attraverso un iter musicale che va dalla tradizione cabarettistica fino alla dance music, passando per il pop francese
L'edizione limitata del disco è arricchita da un dvd contenente dodici video di esibizioni live e tutti i videoclip ufficiali dell'artista realizzati dal 2009 al 2016.

mercoledì 18 maggio 2016

La cover di Dancing In The Dark nel film Maggie's Plan

Come ben sanno gli appassionati di cover version, spesso le colonne sonore regalano sorprese interessanti.
Come nel caso della colonna sonora del film Maggie's Plan diretto da Rebecca Miller, in arrivo in questo fine settimana nelle sale cinematografiche americane. Nella colonna sonora compare una interessante versione di "Dancing In The Dark" di Bruce Springsteen, cantata da Kathleen Hanna, cantante americana nota per la sua militanza nelle Bikini Kill e nelle La Tigre e e per la sua attività a supporto del movimento delle Riot Grrrl.
La cover è stata realizzata insieme all'attore Tommy Buck, che fa parte del cast della pellicola insieme ad alcuni colleghi più celebri di lui come Ethan Hawke, Julianne Moore e Greta Gerwig,
Il film non sarà probabilmente distribuito in Italia.

lunedì 16 maggio 2016

Pet Sounds dei Beach Boys compie 50 anni: le cover migliori

Il 16 Maggio del 1966 arrivava nei negozi di dischi  "Pet Sounds" , il disco capolavoro nella carriera dei Beach Boys e universalmente riconosciuto come uno degli album più importanti della storia della Musica. Con la emme maiuscola, visto che l'undicesimo album in studio del gruppo californiano conteneva non solo alcune tra le composizioni più geniali di Brian Wilson ma anche arrangiamenti per l'epoca assolutamente coraggiosi e innovativi.
Basti pensare che le riviste New Musical Express, Mojo e The Times hanno piazzato il disco in vetta alle loro rispettive classifiche dei  100 Best Albums of All Time.
Difficile invece trovare delle cover delle 13 canzoni che erano contenute in Pet Sounds che siano all'altezza degli originali. Ma ci proviamo.