lunedì 26 gennaio 2015

Una cover di Bowie per Marco Mengoni

Marco Mengoni ha reso omaggio a David Bowie con la cover di “Letter to Hermione”. Lo ha fatto a sorpresa nel corso della puntata dello scorso 20 gennaio del programma Webnotte di Repubblica.it condotto dai giornalisti Ernesto Assante e Gino Castaldo.
Il cantante di Ronciglione ha presentato dal vivo alcune tracce dell’album Parole in Circolo, uscito in questi giorni su etichetta Sony Music e ha poi regalato al pubblico una bella versione di un brano tra i meno noti del cantautore inglese. Non a caso secondo il sito SecondHandSongs sono sate sinora solo 2 le cover ufficiali realizzate, dagli Human Drama e da Robert Glasper entrambi nomi non di primo piano della scena internazionale.
Bella e personale la versione realizzata da Mengoni che, ottimamamente assecondato dalla sua band, dilata il brano fino a farlo durare oltre 5 minuti, il doppio rispetto alla versione originale.
Bowie scrisse la canzone come lettera d’amore per la sua ex compagna Hermione Farthingale che il cantante inglese aveva conosciuto grazie al suo insegnante di recitazione Lindsey Kemp. I due vissero inseime a Londra nel 1968, dividendo per cento giorni un appartamento a South Kensington.
« Una volta scrissi una lettera ad Hermione che non le ho mai spedito – ha raccontato Bowie - Così l'ho registrata e le ho spedito il disco. »
Il brano fu inserito nel secondo album del cantante “Space Oddity” prodotto da Tony Visconti e uscito nel novembre del 1969.
Il comico inglese Ricky Gervais ha raccontato alla BBC che questa è la sua canzone preferita del repertorio di Bowie e in assoluto una delle sue prefertite di tutti i tempi.


domenica 25 gennaio 2015

L'Immensità il nuovo singolo di Gianna Nannini

E' "L’Immensità"  il nuovo singolo di Gianna Nannini tratto da Hitalia, uscito su etichetta Sony Music lo scorso 1 dicembre, nelle primissime posizioni delle classifiche e in meno di un mese già doppio disco di platino.

Dopo il successo di Lontano dagli occhi, che su Vevo ha registrato più di un milione e mezzo di views, Gianna sceglie un nuovo sorprendente brano che ha segnato la storia della musica italiana e che per primi cantarono Don Backy e Johnny Dorelli a Sanremo nel 1967, piazzandosi in nona posizione nella classifica finale. Don Backy era anche l'autore del brano insieme a Mogol e a Detto Mariano ma fu la versione di Dorelli quella che ottenne il maggior successo arrivando fino alla seconda posizione nella Hit Parade. A mettere tutti d'accordo fu però la versione cantata nello stesso anno da Mina, con un arrangiamento di Augusto Martelli.

In tempi recenti il brano è tornato in classifica grazie alle versioni dei Negramaro del 2005 e di Francesco Renga nel 2007.
Nella versione della Nannini colpisce l'introduzione parlata che contiene il racconto dell'incontro fra una giovanissima Gianna e Don Backy, su  un tappeto di groove ipnotico, elettronico, contemporaneo.
“Io Don Backy l’ho conosciuto da piccolina quando sono andata a Livorno al suo concerto – svela  la voce di Gianna con il suo inconfondibile accento “ travolgente” e con la sua sintassi molto personale - Gli ho detto “io voglio diventare una cantante che devo fare? Mi sono presentata vestita di pelle e mi ha detto …che il personaggio…il personaggio c’era, insomma, ma voleva sentire la voce”.


venerdì 23 gennaio 2015

A Night With Queen a Milano

Lunedì 2 febbraio, alle ore 21, al Teatro della Luna di Milano apppuntamento con la musica dei Queen. Martha Rossi & Killer Queen presentano lo show  “A NIGHT WITH QUEEN" con con la straordinaria partecipazione dell’Ensemble Vocale Ambrosiano Onlus e I Musici Cantori di Milano.

MARTHA ROSSI è nata il 12 Giugno 1987 a Crotone, da dove comincia, all'età di 6 anni, la sua carriera di cantante. Partecipa ai più importanti concorsi di canto nazionali: Castrocaro, Premio Mia Martini, Accademia Della Canzone di Sanremo, Talenti Italiani e Sanremo Rock. A 19 anni partecipa al talent show "Amici di Maria De Filippi" classificandosi quarta. Subito dopo, notata da Edoardo Bennato, interpreta il ruolo di Wendy in Peter Pan il Musical. Nel 2009 Brian May ascolta la voce di Martha tramite Youtube e la convoca alle audizioni del Musical We Will Rock You dove viene scelta per interpretare il ruolo della protagonista Scaramouche. Nel 2011 Martha pubblica il suo disco d’esordio "Musica Sarà" (Universal Music) dove sul brano "We Believe - Credimi" compare Brian May. Nel 2012 viene chiamata ad interpretare il ruolo di Biancaneve in Biancaneve il Musical.


I KILLER QUEEN sono la prima cover band dei Queen in Italia. Nati 19 anni fa dall’unione di alcuni tra i migliori musicisti dell'area fiorentina, il gruppo diviene da subito punto di riferimento per i fans italiani dei Queen, tanto che, solo dopo alcuni mesi di attività, viene riconosciuto da We Will Rock You (official italian Queen fans club) come tribute band ufficiale per l'Italia. Da allora la band ha realizzato più di 600 i concerti, in Italia ed Europa, oltre ad aver organizzato decine di raduni. I Killer Queen hanno incentrato sin dagli inizi il loro lavoro esclusivamente sulla qualità della performance musicale, evitando di trasformarsi in cloni come la maggior parte dei tributi ai Queen. Una scelta di rispetto da sempre apprezzata dai fans del leggendario gruppo inglese. Nel marzo 2012 stringono ancora di più il legame con il mondo Queen suonando come band di Kerry Ellis, che successivamente è tornata in Italia per un tour acustico con Brian May, suo produttore.

giovedì 22 gennaio 2015

Meghan Trainor: la cover di Don't Stop

Una cover dei 5 Seconds Of Summer cantata da Meghan Trainor. E' quanto gli ascoltatori della trasmissione BBC Live Lounge hanno trovato nella puntata trasmessa lo scorso 20 gennaio dalla Radio 1. La giovanissima cantante americana lanciata dalla hit "All about that bass" ha eseguito dal vivo il suo nuovo singolo "Lips are movin'" e ha reso omaggio ai 5 Seconds Of Summer con una versione acustica di "Don't Stop", brano che faceva parte del disco di debutto della band australiana.
A guardare i commenti al video che sono comparsi sulla pagina della BBC sembra piuttosto chiaro che la cover di Meghan non è piaciuta molto alle fan del gruppo di Sidney, e questo era abbastanza scontato. In realtà la versione non è affatto male e mette in luce anche una inaspettata abilità all'ukulele della cantane.


mercoledì 21 gennaio 2015

Tony Bennett And Lady Gaga: Cheek To Cheek Live in DVD

Il concerto che Lady Gaga e Tony Bennet hanno tenuto la scorsa estate al Lincoln Center di New York diventa ora un DVD con 19 brani e oltre 72 minuti di musica.
In attesa di vederli in concerto la prossima estate all’interno della rassegna Umbria Jazz è infatti arrivato nei negozi “Cheek To Cheek LIVE!”, DVD  stato registrato dal vivo al Jazz al Lincoln Center’s Frederick P. Rose Hall lo scorso 28 luglio. La scaletta del concerto ricalca la tracklist dell’album “Cheek To Cheek” pubblicato lo scorso anno con una selezione di grandi classici del Great American Songbook come “It Don’t Mean A Thing (If It Ain’t Got That Swing)”, “Sophisticated Lady”, “Lush Life”, “Anything Goes”, e “Cheek To Cheek”.  Ma con alcune sorprese e alcuni brani che erano presenti sono nelle versioni deluxe del disco come la celebre “Bang  Bang” di Cher e "Ev'ry Time We Say Goodbye" di Cole Porter entrambe cantate dalla sola Lady Gaga
Il DVD e l’edizione Blu-ray includono alcune registrazioni originali non andate in onda nello special della PBS .
“Tony Bennett & Lady Gaga: Cheek To Cheek LIVE!” è stato registrato in 4K Ultra High Definition (HD), le luci sono a cura di Robert Wilson, l’orchestra è diretta da Jorge Calandrelli. Oltre all’orchestra sono presenti Chris Botti alla tromba, David Mann al sax tenore e grandi musicisti jazz tra qui il quartetto di Tony Bennett (Mike Renzi, Gray Sargent, Harold Jones e Marshall Wood) e il quintetto di Lady Gaga (Brian Newman, Paul Francis, Steven Kortyka, Michael Scott Ritchie, e Alex Smith).

Registrato a New York, la lavorazione del disco è durata circa 1 anno, tempo necessario per riunire in studio sia i due artisti principali sia i membri del quartetto di Bennett Mike Renzi, Gray Sargent, Harold Jones e Marshall Wood a cui si è aggiunto il pianista Tom Lanier. Il trombettista jazz Brian Newman, amico e collega di lungo corso di Lady Gaga appare nel disco insieme al suo quintetto jazz di New York.Il disco vanta la presenza anche di jazzisti come Joe Lovano (sax tenore) e il flautista recentemente scomparso Paul Horn.

Tony Bennett e Lady Gaga si sono incontrati per la prima volta nel 2011 dopo che entrambi si erano esibiti sul palco del Robin Hood Foundation Gala a New York City.
In quella occasione Bennett chiese a Gaga di duettare con lui per “DUETS II”, disco che Bennett stava iniziando a registrare in quel periodo. Il risultato fu “The Lady is A Tramp” e da li nacquero le prime idee sulla possibilità di collaborare ad un progetto jazz.

Con “CHEEK TO CHEEK” BENNETT ha raggiunto la vetta della classifica americana per la seconda volta (a 88anni è l’artista più anziano ad aver ottenuto un 1mo posto) mentre per LADY GAGA è stata la terza occasione della sua carriera (prima con “Born This Way” nel 2011 e poi con “ARTPOP” nel 2013)


martedì 20 gennaio 2015

Matthew Lee rende omaggio a Edoardo Bennato

Una versione rock'n roll della celebre "L'isola che non c'è" di Bennato. A realizzarla è stato Matthew Lee, uno tra i principali protagonisti di uno dei trend internazionali di maggior appeal, il rilancio delle atmosfere anni 50.

Il brano che farà parte dell'album nuovo del giovane e talentuoso pianista marchigiano, è stato realizzato anche in versione inglese con il titolo di "Never Never Land".
La versione originale risale al 1980. Apriva la seconda facciata dell'album "Sono Solo Canzonette", il capolavoro di Edoardo Bennato ispirato alla storia di Peter Pan. Fu il disco della consacrazione per il cantautore partenopeo, a lungo numero uno della classifica italiana e album più venduto dell'anno.
Dall'LP non furono estratti dei singoli per non snaturare l'aspetto "concept" del lavoro, ma "L'isola che non c'è" insieme a Il rock di Capitan Uncino e Sono Solo Canzonette è stata una delle canzoni più trasmesse dalle radio e uno dei brani entrati di diritto nella storia della musica italiana.


«È stata una piacevole sorpresa ascoltare la versione rock'n roll di “Never never land”».
Edoardo Bennato, da ragazzo grande appassionato del genere.
In passato avevano tentato una cover del brano Scialpi e Gianni Morandi. Entrambi in un modo molto meno coraggioso di Matthew Lee. Essendo la sua una versione molto accelerata è anche quasi un minuto più breve rispetto all'originale.

lunedì 19 gennaio 2015

Rebecca Ferguson: The Lady Sings The Blues

Anche Rebecca Ferguson ha scelto in questo 2015 di rendere omaggio alla grande Billie Holiday.
Il nuovo album della cantante inglese arriverà nei negozi il prossimo 9 marzo e si intitolerà “The Lady Sings The Blues”. Sarà un tributo all’omonimo album che Bille Holiday pubblicò nel 1956 e che conteneva classici come “Strange Fruit” e “God Bless The Child”. Il disco è stato registrato nei celebri Capitol Studios di Los Angeles insieme al produttore Troy Miller, famoso per aver lavorato in passato con Amy Winehouse, Laura Mvula e Rumer. Le canzoni andaranno a far parte della colonna sonora dell’atteso bio-pic dedicato alla grande cantante americana che arriverà in occasione del centenario della sua nascita. Per Rebecca Ferguson, che si era fatta notare nel 2010 arrivando seconda nel talent X Factor – sy tratta del terzo album in carriera. In arrivo per lei anche sette concerti al St James Theatre di Londra dal prossimo 16 Febbraio.