Passa ai contenuti principali

Genesis Revisited II: nuovo album di Steve Hackett con il figlio di Phil Collins

Steve Hackett torna a interpretare le canzoni dei Genesis e lo fa nel suo nuovo album intitolato non a caso Genesis Revisited II.  Si tratta di un doppio CD (pubblicato in versione vinile in un monumentale box di 4 LP) contenente 21 brani, gran parte dei quali presi dal repertorio della band nel periodo nel quale il chitarrista fece parte del gruppo che va dal 1971 al 1977.
Canzoni che Hackett ha quindi contribuito a comporre e che facevano parte degli album Nursery Cryme (1971) Foxtrot (1972) Selling England by the Pound (1973) The Lamb Lies Down on Broadway (1974) A Trick of the Tail (1976) Wind & Wuthering (1977).
I brani dei Genesis sono intervallati da composizioni che Hackett ha negli anni inserito nei suoi album da solista ma che aveva composto negli anni di militanza nel gruppo.
Il "due" nel titolo della raccolta fa invece riferimento al fatto che il chitarrista aveva già pubblicato nel  1996 un progetto simile dal titolo Watcher of The Skies: Genesis Revisited. E a dire il vero in quel caso la tracklist era anche molto più interessante.
Lunghissima la lista dei musicisti che hanno collaborato al disco, in totale oltre 40, molti dei quali molto conosciuti agli appassionati di musica progressive, come John Wetton (ex King Crimson) e Steven Wilson (Porcupine Tree). Colpisce però la presenza di Nik Kershaw, star della music pop degli anni 80 celebre per hit come "The riddle" e "I Won't Let The Sun Go Down on Me", che ha ricantato un brano certamente con facile come The Lamia. La versione originale faceva parte dell'album The Lamb Lies Down On Broadway ed era cantata in maniera inarrivabile da Peter Gabriel.
Una curiosa presenza è anche quella di Simon Collins, figlio di Phil, che canta e suona la batteria in "Supper's Ready". Ma anche in questo caso - ovviamente - l'originale era un'altra cosa ...
Ad accompagnare il progetto anche una tournée nel 2013 ma che per il momento non prevede tappe in Italia.

Steve Hackett - Genesis Revisited II

Tracklist

Disc 1:
The Chamber of 32 Doors (6:00)
Horizons (1:41)
Supper’s Ready (23:35)
The Lamia (7:47)
Dancing with the Moonlit Knight (8:10)
Fly On a Windshield (2:54)
Broadway Melody of 1974 (2:23)
The Musical Box (10:57)
Can-Utility and the Coastliners (5:50)
Please Don’t Touch (4:03)

Disc 2:
Blood On the Rooftops (6:56)
The Return of the Giant Hogweed (8:46)
Entangled (6:35)
Eleventh Earl of Mar (7:51)
Ripples (8:14)
Unquiet Slumbers for the Sleepers (2:12)
In That Quiet Earth (4:47)
Afterglow (4:09)
A Tower Struck Down (4:45)
Camino Royale (6:19)
Shadow of the Hierophant (10:45)


Commenti

  1. mah ... soldi buttati. meglio comprare i dischi dei Genesis

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao nel PROG se fatto dagli autori e con le nuove tecnologie e specialmente sul vinile ti garantisco che non sono soldi buttati,io ho fatto arrivare dall'inghilterra l'album 4LP+ 2CD ti garantisco che rivivere oggi le stesse canzoni ho provato grandi emozioni come a TORINO nel 1974,in più STEVE mi ha fatto l'autografo sulla copertina.Ciao Viva il PROG
      MAX/RAEL

      Elimina
    2. In quanto tempo ti sono arrivati i CD con l'autografo?
      Mi hanno detto che li hanno spediti il 18 ottobre, ma ora (dopo un mese) sto cominciando a preoccuparmi....

      Elimina
  2. Dove lo avete ordinato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sul webstore di Steve...
      http://www.hackettsongs.com/sales.html
      i cd ordinati prime del 23 (data di uscita del disco) sono con l'autografo....

      Elimina
  3. ciao ragazzi come va tutto a posto?
    Arrivata la musica dall'Inghilterra?
    Steve in APRILE in ITALIA non vedo l'ora.
    Ciao VIVA IL PROG

    MAX/RAEL

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Queens of the Stone Age: la cover di Bad Boy

I Queens of the Stone Age sono stati i protagonisti della puntata di ieri - lunedì 24 ottobre - del BBC Live Lounge.
La band americana, che partecipava per la terza volta al celebre programma condotto da Clara Amfo, ha scelto di rendere omaggio a Marty Wilde, vera leggenda del rock'n' roll inglese, oltre che papà della celebre Kim.
Josh Homme e Dean Fertita hanno eseguito una cover di "Bad Boy" canzone che Wilde scrisse e portò al successo nel lontano 1959.
Una versione piano e voce, delicata e elegante che ha sorpreso anche i fan più accaniti.
Brano poco noto al pubblico italiano, e forse neppure troppo a quello inglese visto che entrò nella Top 50 solamente negli USA.
In più dell'originale: la voce di Josh
In meno dell'originale: la ritmica rock'n'roll

Sam Smith: il tributo a George Michael

Anche Sam Smith ospite del BBC Live Lounge.
Per il cantante londinese però l'emittente ha scelto di realizzare un vero vero special di 9 canzoni e lo ha fatto esibire presso il BBC Radio Theatre davanti ai suoi fan, invece che negli studi di Maida Vale.
Tra i brani proposti da Smith anche un tributo a George Michael. Un doppio omaggio al cantante scomparso lo scorso anno, con un mash-up di "Father Figure" e di "Faith" . Prima di eseguire la cover Smith commosso ha definito Michael "il suo artista preferito di tutti i tempi". Entrambe le canzoni facevano parte dell'album "Faith" pubblicato nel 1987, il primo nella carriera solista dell'ex leader degli Wham!
Il disco vendette oltre 20 milioni di copie e conquistò il Grammy come album dell'anno.

Per Sam Smith - alla sua quarta presenza in carriere nella celebre trasmissione - una esibizione vocalmente impeccabile e un arrangiamento interessante.

Raphael Gualazzi: la cover di Imagine di John Lennon

Un flop non solo di ascolti per Celebration, il nuovo programma del sabato sera di Rai 1 condotto da Neri Marcorè e Serena Rossi. Davvero poche dal punto di vista musicale le cose interessanti viste nel corso della prima puntata dello show, con la regia di Duccio Forzano, dedicata ai “re del pop”. Molte cover eseguite senza alcuna originalità, appiattite dall'orchestra diretta dal maestro Adriano Pennino, e spesso cantate in un inglese davvero approssimativo. Il risultato è parso un mix tra “Tale e Quale” e “Music” di Paolo Bonolis (ma con risultati molto peggiori).
Tra le poche interpretazioni degne di nota, una rilettura di “Imagine” cantata da Raphael Gualazzi. Si tratta però di una cover che il pianista marchigiano ha da tempo in repertorio e ha spesso eseguito con il medesimo “coraggioso” arrangiamento nel corso delle sue esibizioni live.

La versione originale di "Imagine" risale al 1971 e non ha bisogno di molte presentazioni, essendo una delle canzoni di pace pi…

David Crosby: un nuovo album e un omaggio a Joni Mitchell

Dopo il disco di Stephen Stills inseme a Joan Collins, un'altra piacevole sorpresa per gli appassionati del West Coast Rock e per i fan dei CSN&Y.
Anche David Crosby torna sulle scene con un nuovo album, il sesto in studio nella sua carriera da solista. Il disco si intitola "Sky Trails" e arriva ad un anni di distanza dal precedente "Lighthose" accolto a dire il vero in maniera tiepida sia dalla critica che dal pubblico. Tra le tracce del disco - che è prodotto dal figlio di Crosby James Raynolds - non manca una bella sorpresa per gli appassionati di cover: la rilettura di "Amelia" dell'amica Joni Mitchell. La versione originale compariva nell'album Hejra, capolavoro della cantautrice canadese pubblicato nel 1976.
La canzone fu scritta in omaggio ad Amelia Earhart la prima donna che tentò la trasvolata in solitaria dell'Oceano Pacifico e che scomparve assieme al suo aereo durante l'impresa. "Ho sempre apprezzato come in quest…

St. Vincent: una cover dei Beatles per Tiffany

E' da qualche giorno arrivato anche sugli schermi italiani lo spot del nuovo profumo del marchio Tiffany & Co ed ha subito destato la curiosità degli appassionati di musica.  Per la campagna pubblicitaria è stata infatti utilizzata una cover di "All You Need Is Love" dei Beatles. in una versione decisamente coraggiosa cantata da St. Vincent. La musicista americana - che il prossimo 13 ottobre pubblicherà il nuovo album Masseduction - aveva già eseguito il brano dal vivo in passato.
I Beatles eseguirono la versione originale di "All You Need Is Love" il 26 giugno del 1967 in occasione della prima diretta televisiva via satellite nel corso del programma Our World, e con un pubblico di oltre 350 milioni di persone. Scritta e cantata da John Lenno, la canzone vede la presenza ai cori degli amici Mick Jagger, Keith Moon, Eric Clapton, Keith Richards, Grahm Nash e molti altri. Il brano è stato ricantato in decine di versioni, compresa una cover in italiano dei S…