Passa ai contenuti principali

Rolling Stones: tutte le cover del nuovo album

Per festeggiare il 50esimo anno di attività i Rolling Stones pubblicano la loro raccolta "definitiva", un triplo album intitolato "GRRR!" che arriverà nei negozi a partire dal prossimo 13 Novembre.
La raccolta contiene il meglio del repertorio della storica band inglese e di conseguenza numerose sono le cover presenti visto che la band di Mick Jagger e Keith Richard ha più volte, nel corso della carriera, attinto al repertorio altrui, soprattutto nei primi anni.
Ad aprire la raccolta è per esempio la cover di "Come One" di Chuck Berry che fu anche il primo 45 giri pubblicato dalla band  il 10 Maggio del 1963. La versione originale era stata invece pubblicata due anni prima dal grande chitarrista americano, senza ottenere particolare successo. La versione degli Stones invece raggiunse la posizione numero 21 delle classifiche UK.
Maggior successo ebbe invece la cover di "Not Fade Away" di Buddy Holley che nel 1964 portò gli Stones per la prima volta nelle classifiche americane.
Non poteva mancare nella raccolta "It's All Over Now", il primo 45 giri del gruppo del gruppo a raggiungere la numero uno della classifica inglese. Il brano porta la firma di Bobby Womack e fu pubblicata dai Valentinos nel 1964, pochi mesi prima della versione degli Stones.
"Little Red Rooseter" è invece un classico di Willie Dixon. Howlin' Wolf pubblicò il brano nel 1961 con il titolo di "Red Rooster" e negli anni è stata interpretata da decine di artisti, da Sam Cooke a Bryan Adams. La versione degli stones fu pubblicata come singolo ne 1964.
Tra le cover in scaletta anche la memorabile "Time is on my side" una delle hit storiche del gruppo. In origine il brano - che porta la firma di Jerry Ragovoy - era stato pubblicato dal trombonista jazz Kai Winding. Solo in un secondo momento il brano fu ripreso in chiave r'n b da Irma Thomas e propro a questa versione si ispirarono Jagger e compagni per la loro cover
Anche  "Harlem Shuffle" è  un brano che non porta la firma di Jagger e Richards. La versione originale era stata pubblicata da Bob & Earl nel 1963 e i Rolling Stones la riportarono in classifica nel 1986.


Commenti

Post popolari in questo blog

Miele: la cover di Rusty Cage dei Soundgarden

Nel 2016 Miele si era fatta notare al Festival di Sanremo cantando "Mentre Ti Parlo" nella sezione Nuove Proposte ed esibendosi al Concerto del Primo Maggio. Oggi la giovane cantautrice siciliana continua il suo percorso di crescita musicale pubblicando una intensa versione acustica di "Rusty Cage" dei Soundgarden che vuole essere soprattutto un omaggio a Johnny Cash che nel 1996 aveva cantato il brano nel suo album "Unchained" per il quale conquistò un Grammy Award.
"Rusy Cage" porta la firma di Chris Cornell e venne pubblicata dai Soundgarden nel 1991 all'interno del loro terzo album Badmotorfinger, Nel 1992 fu pubblicata anche come singolo ottenendo un buon successo nelle radio alternative rock americane e arrivando fino alla posizione numero 41 delle classifiche inglesi.

"Sono sempre stata affascinata da questo mondo musicale, in particolar modo dal blues e da tutti i “colori” che lo riguardano - ci ha spiegato la cantante -  Penso…

Johnson Righeira e iPesci omaggiano gli Skiantos

Quarant'anni fa gli Skiantos pubblicavano "Mi piaccion le sbarbine" destinato a diventare uno dei brani più popolari del loro repertorio. A rendere omaggio al grande Freak Antoni - cantante del gruppo scomparso nel febbraio del 2014 - e a festeggiare il compleanno del brano ci ha pensato Johnson Righeira (al secolo Stefano Righi) che insieme al "fratello" Michael spopolò con i Righeira negli anni 80.
La cover è stata realizzata inseme a iPesci,  duo electro torinese che ha sempre avuto proprio gli Skiantos e i Righeira come punti di riferimento.
Il Progetto vede l’uscita contemporanea del videoclip, girato interamente nella “chiacchierata” casa d’appuntamenti delle Bambole di Torino e vede una guest star inaspettata, il provocatore radiofonico Giuseppe Cruciani, che li ha ospitati nella sua trasmissione “La Zanzara” su Radio 24 per la presentazione in anteprima di video e brano.



La versione originale di "Mi Piaccion Le Sbarbine" apriva il terzo albu…

J Mascis: omaggio a Tom Petty con la cover di Don’t Do Me Like That

La scorsa estate il frontman dei Dinosaur Jr. J Mascis eseguì sul palco di un piccolo locale di Provincetown una versione "karaoke" di un classico di Tom Petty. L'esibizione (a dire il vero non proprio impeccabile) non passò inosservata ad uno dei clienti del bar che postò su Facebook il video della cover in qualità Lo Fi. Ora però il musicista americano ha deciso di pubblicare una cover ufficiale del brano e di renderla disponibile sul suo canale YouTube. Una versione sicuramente migliore rispetto a quella dello scorso anno, della quale però viene mantenuto lo spirito originale.
Si tratta della prima registrazione ufficiale di J Macis dall'uscita dell'album "Elastic Days" del 2018.



La versione originale di "Don’t Do Me Like That" fu pubblicata nel 1979 nell'album " Damn the Torpedoes" di Tom Petty & The Heartbreakers. Il singolo entrò nella Top 10 della classifica di Billboard, diventando il primo successo nella storia de…

Mötley Crüe: la cover di Like a Virgin di Madonna

I Mötley Crüe hanno realizzato una cover di "Like a Virgin" di Madonna. Il brano farà parte della colonna sonora del loro biopic “The Dirt” che verrà pubblicato il prossimo 22 marzo. Nikki Sixx - chitarrista del gruppo americano - ha raccontato di aver avuto l'idea di registrare la cover della celebre hit di Madonna mentre stava camminando con i suoi cani: "Quando la mia mente è aperta in quel modo, mi vengono queste idee. Quando mi è saltata in testa, in un certo senso ho alzato lo sguardo, come per ridere con Dio, e ho pensato che sarebbe stato piuttosto divertente'".

La band di Los Angeles ha già inciso in passato un discreto numero di cover, ma questa è senza dubbio il tributo più "pop" della loro carriera, visto che gli altri omaggi erano a classici del rock come "Helter skelter", "Jailhause rock", "Lust for Life" e "Anarchy in the UK".Non così originale l'idea di rifare in chiave rock "Like a…

Billy Idol: nel nuovo tour un omaggio ai Kinks

Molte cover nella setlist del nuovo tour di Billy Idol, icona leggendaria degli anni 80, tornato sulle scene per una serie di date acustiche in compagnia del fido chitarrista Steve Severin. Anche nella tappa newyorchese del suo "Turned On, Tuned In and Unplugged 2019" il biondo rocker inglese ha alternato i classici della sua carriera come “Eyes without a face” “White wedding” e “Sweet Sixteen” ad alcuni omaggi alla musica degli anni 50 e 60. In scaletta anche un omaggio ai Kinks con la cover acustica di “I'm Not Like Everybody Else” sicuramente non uno dei brani più conosciuti nel repertorio dei fratelli Davis.
Per ora non sono previste date europee del tour.


I Kinks pubblicarono la versione originale di "I'm Not Like Everybody Else" nel 1966 come facciata B della ben più celebre “Sunny Afternoon”. A cantare è Dave Davis anche se il brano porta la firma del fratello Ray, generalmente prima voce del gruppo. Lo stesso Ray ha poi però successivamente pro…