Passa ai contenuti principali

Il Complesso di Tadà: l'intervista a Massimo Martellotta

Il disco de Il Complesso di Tadà è uno degli album di cover più interessanti dell'anno e ne ho scritto qualche settimana da per Rockol
Abbiamo fatto qualche domanda a Massimo Martellotta, leader del gruppo e chitarrista dei Calibro 35.

Come sono state scelte le cover presenti?

Il disco è la deriva discografica del format che ho ideato per la TV chiamato “TADA’!”: un tuffo di 5 minuti nei favolosi anni ’60, presentato da Filippo Timi e girato in bianco e nero dai veri studi di registrazione “Officine Meccaniche” in Milano. Ogni giorno un ospite di oggi si cimentava con un brano del passato ed era importante cercare brani che avessero un immediato rimando all’immaginario condiviso. Abbiamo seguito quindi il gusto personale, incrociandolo anche con le proposte degli artisti stessi e le esigenze televisive.

Nel caso di Nina Zilli ad esempio è stata una sua proposta, “il surf delle mattonelle” è un brano che eseguiva tempo fa, aveva piacere a rifarlo e mi è sembrato perfetto per avere il momento “twist” nello show televisivo.

Nel caso di Elio invece ( “Mah Na Mah Na” ) ha sposato immediatamente l’idea che gli avevamo proposto.
Su “Parole Parole”, avendo Filippo Timi e Serena Altavilla non potevo farmi scappare l’occasione di sentire cosa ne sarebbe venuto fuori, con un Timi a la Alberto Lupo e Serena Altavilla nell'impossibile compito di dover essere paragonata a Mina, ma con la gran gioia di cantare uno dei brani più iconici in Italia, assieme ad un attore che stimiamo moltissimo. “Se perdo Te” è un brano che adoro da sempre, e a mio avviso Serena riesce a confrontarsi con questi classici con grandissimo rispetto ed un’interpretazione assolutamente immediata, senza scimmiottare nulla e sentendo profondamente il brano. E’ una dote che incontro molto raramente.

Cosa è rimasto fuori?
Avevamo una rosa di una cinquantina di abbinamenti tra artisti e brani tra cui scegliere, e sono molto contento di esser riuscito ad includere i classiconi che son finiti nel disco. Spero di poter fare anche le altre se dovessimo continuare il programma.

Da cosa deriva la tua passione per la musica anni 60?

Molto di quello che ascolto da sempre arriva principalmente da quel periodo. Ascolto anche cose recenti, costantemente, ma per qualche motivo ho una spinta molto naturale a parlare quel linguaggio in campo musicale. Forse perché sono cresciuto in una città dove c’era un piccolo negozio di strumenti musicali che era un vero e proprio tempio del vintage, ci passavo tutti i sabati e dai 14 ai 19 anni ho sempre suonato solo strumenti degli anni ’60.

La mia grossa fortuna è che non sono un vero fanatico del periodo, e questo mi permette di essere rispettoso sul materiale perché lo frequento e lo porto in giro da anni, anche grazie all’esperienza continua di ricerca che faccio con i Calibro 35, ma mai dogmatico, cosa che spesso ingabbia chi invece si affeziona in maniera maniacale alle cose.


Quando si toccano "mostri sacri" come Mina Patty Pravo e Gino Paoli le critiche sono sempre dietro l'angolo. Eravate preoccupati?


Credo che le cose rivolte al pubblico, e la musica lo è per definizione, abbiano in sé un messaggio che ognuno interpreta e fa proprio.
La cosa importante è trattare i brani cui ti rifai con grande rispetto per la scrittura, che vuol dire secondo me cercare di interiorizzare il più possibile il materiale originale e, nel caso delle canzoni, interpretare il cantato in maniera onesta, pensando al testo e alla musica, rispettando la storia che si sta raccontando.

Ovviamente bisogna conoscere il materiale a fondo, e noi abbiamo agito con amore e rispetto, ed è tutto quello che ci vuole per dare la possibilità alle persone di entrare in un mondo speciale per 4 minuti.

Considerare “intoccabili” dei patrimoni strepitosi come il nostro sarebbe solo una perdita per la musica. Quando con i Calibro 35 abbiamo affrontato Morricone ad esempio, ci siam messi con grande umiltà a studiare un’icona del nostro tempo, ed è stato bello perché nel tempo molte delle nostre versioni dei suoi brani le sentiamo spesso programmate in TV. E questo è un po’ anche il senso del recupero. Calarsi nello spartito originale, interiorizzarlo e farne una tua interpretazione onesta. E’ tutto qua, molto semplice e lineare. Con i Calibro sono dieci anni ormai che portiamo in giro con successo un certo patrimonio italiano e brani originali. La dialettica del “mostro sacro intoccabile” appartiene ad un livello diverso, di fanatismo puro, che a mio avviso insulta e banalizza la grandezza e la potenza di una canzone ben scritta.

La musica non è fanatismo, è magia. E il mio modo per ringraziare chi si è inventato quei mondi meravigliosi di 4 minuti chiamate canzoni, è farlo in punta di piedi e con il massimo trasporto possibile. E con Tadà ce l’abbiam messa tutta, siamo molto contenti.

Molte delle canzoni che avete scelto erano a loro volta cover di canzoni internazionali. Le versioni italiane erano migliori degli originali?


Non credo ci siano versioni migliori di altre, sicuramente un brano nato in una lingua e cantato con il testo originale può avere una forza più attinente all’intenzione originale dell’autore. La traduzione di un testo è un’arte a se, e a volte può essere anche bizzarra. Ma io amo molto le traduzioni, spesso le caratteristiche linguistiche si portano dietro una forte impronta legata ai costumi del paese che rappresentano e questo è sempre molto interessante.

Commenti

Post popolari in questo blog

I Coldplay rendono omaggio a Chester Bennington

Anche i Coldplay hanno voluto rendere omaggio a Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park morto suicida a soli 41 anni lo scorso 20 luglio.
Durante il concerto tenuto ieri - 1 Agosto 2017 -  a New York presso il MetLife Stadium in New Jersey, Chris Martin e compagni hanno eseguito una toccante cover di "Crawling" , brano che faceva parte dell'album d'esordio della band Hybrid Theory.
Una versione distante dall'originale e che il cantante ha eseguito al pianoforte.
"Questa finirà su YouTube e devo cercare di farla bene" ha detto Chris "E' dedicata a chiunque senta la mancanza di qualcuno".
Al concerto era presente anche Mike Shinoda, amico e collega di Chester, che ha pubblicato su Instagram un breve filmato.

Le HAIM cantano una cover di Shania Twain

Le HAIM hanno reso omaggio a Shania Twain con la cover della hit 'That Don't Impress Me Much”. Le ragazze – che in questi giorni stanno promuovendo il loro nuovo album “Something to tell you” - hanno eseguito il brano negli studi dell’emittente australiana Triple J nel corso della trasmissione Like a Version. Durante l’intervista le tre sorelle Haim hanno dichiarato il loro amore per la cantante canadese. “Se vuoi pensare di avere un appuntamento con una di noi devi sapere che per prima cosa devi essere un fan di Shania Twain” ha scherzato Este mente Sari ha definito la cantante “la fonte di ispirazione nella mia vita”.
"That Don't Impress Me Much” è una delle canzoni più famose del repertorio di Shania Twain che inserì il brano nel suo album del 1997 “Come On Over”. Scritta insieme al produttore Robert John "Mutt" Lange. Il singolo pubblicato alla fine del 1998 raggiunse la numero 7 in USA e la numero 5 in UK. Nel testo la cantante si dichiara poco dispo…

Arcade Fire: la cover di Green Light di Lorde

Ospiti della trasmissione Live Lounge della BBC Radio 1, gli Arcade Fire hanno eseguito dal vivo la cover di "Green Light" di Lorde.
La band canadese - accompagnata da un coro composto di sette ragazzi - ha eseguito anche il nuovo singolo "Everything Now". Gli Arcade Fire erano già stati ospiti della trasmissione nel 2005.
Scritta dalla stessa Lorde in collaborazione con il produttore Jack Antonoff e Joel Little, "Green Light" è il stato il singolo che ha anticipato l'uscita di Melodrama, il secondo album della cantante neozelandese che arriva a quattro anni di distanza dal successo mondiale di "Pure Heroine".
La versione degli Arcade Fire non è all'altezza della fama del gruppo, e anche molti fan non hanno potuto fare a meno di notare la non impeccabile interpretazione vocale di Régine Chassagne


Queens of the Stone Age: la cover di Bad Boy

I Queens of the Stone Age sono stati i protagonisti della puntata di ieri - lunedì 24 ottobre - del BBC Live Lounge.
La band americana, che partecipava per la terza volta al celebre programma condotto da Clara Amfo, ha scelto di rendere omaggio a Marty Wilde, vera leggenda del rock'n' roll inglese, oltre che papà della celebre Kim.
Josh Homme e Dean Fertita hanno eseguito una cover di "Bad Boy" canzone che Wilde scrisse e portò al successo nel lontano 1959.
Una versione piano e voce, delicata e elegante che ha sorpreso anche i fan più accaniti.
Brano poco noto al pubblico italiano, e forse neppure troppo a quello inglese visto che entrò nella Top 50 solamente negli USA.
In più dell'originale: la voce di Josh
In meno dell'originale: la ritmica rock'n'roll

Nouvelle Vague: il nuovo singolo è un omaggio ai Ramones

E’ la cover di “I wanna be sedated” dei Ramones il nuovo singolo dei francesi Nouvelle Vague, progetto musicale ideato da Marc Collin e Olivier Libaux che si propone di eseguire classici della new wave e del punk anni ottanta, reinterpretandoli in stile bossanova. La cover fa parte dell’album I Could Be Happy – il quinto in studio per il gruppo – pubblicato alla fine del 2016. La voce è quella di Camille Dalmais, cantante e attrice francese che aveva già partecipato al primo album dei Nouvelle Vague, cantando le cover di "Too Drunk to Fuck", "In a Manner of Speaking", "The Guns of Brixton",  e"Making Plans for Nigel”.
La versione originale di I Wanna Be Sedated fu pubblicata dai Ramones nel 1978 per l’album “Road To Ruin” e parla del “duro lavoro” delle rockstar perennemente in tour.
A firmare il brano – che la rivista americana Rolling Stone ha inserito nella propria classifica delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi – sono Dee Dee Ramone,…