Passa ai contenuti principali

Jerry Garcia: la cover di "You Can Leave Your Hat On"

Chiariamo subito una cosa::"You Can Leave Your Hat On" non è una canzone di Joe Cocker. La versione originale del brano diventato celebre grazie alla colonna sonora del film "9 Settimane e mezzo" risale al 1972 e porta la firma di Randy Newman. Il grande cantautore californiano la inserì nel suo album Sail Away che però non ottenne all'epoca particolare successo nelle classifiche internazionali.
Il grande successo per il brano arrivò invece quattordici anni dopo grazie alle versione del grande "leone di Sheffild" e ad un nuovo arrangiamento molto più aggressivo.
Ora compare una nuova versione di quel brano registrata dal vivo nel dicembre del 1974 e che vede protagonista Jerry Garcia, in compagnia dei Legion of Mary, progetto nel quale il leggendario chitarrista del Grateful Dead militò per un paio di anni in compagnia dell'amico Merl Saunders.
La band, che vedeva la presenza anche di session men importanti come  John Kahnal basso,  Martin Fierro ai fiati e Ron Tutt. non incise mai album in studio ma  in una sessantina concerti. Il meglio di quelle esibizioni è stato pubblicato dalla Rhino Recors in una serie di CD denominati "Garcia Live". Il terzo volume della collana è uscito da qualche settimana - per la gioia dei tanti collezionisti americani - e contiene anche una interminabile cover di "You Can Leave Your Hat On" della durata di oltre 10 minuti e registrata dal vivo il 15 dicembre del 1974 al 1974, EMU Ballroom di Eugene, Oregon.
La qualità della registrazione non è proprio perfetta ma rende l'idea di quella che era l'atmosfera certamente un po' anarchica che si respirava sul palco durante quei concerti.
Solo per appassionati.


Commenti

Post popolari in questo blog

Le canzoni di Gianni Siviero in un doppio CD tributo

Per iniziativa di Sergio Secondiano Sacchi, responsabile artistico del Club Tenco, trentanove artisti rendono omaggio a uno dei più originali cantautori italiani con il doppio album Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero pubblicato da Squilibri d’intesa con il Club Tenco e Cose di Amilcare.

Quarantatré in tutto le canzoni di Gianni Siviero, commentate da altrettanti dipinti dell’artista Marco Nereo Rotelli, affidate alle voci e agli strumenti di alcuni vecchi compagni di strada, come Roberto Vecchioni, Mimmo Locasciulli, Ernesto Bassignano e Gualtiero Bertelli, e di personaggi che, in quegli stessi anni, calcavano altri tipi di palcoscenico, come Gigliola Cinquetti, Vittorio De Scalzi (ex New Trolls) e Roberto Brivio (I Gufi), e ancora di altri più giovani, rappresentativi di stili e sensibilità diverse, da Sergio Cammariere a Petra Magoni, da Massimo Priviero a Peppe Voltarelli.

Alcune canzoni di Gianni Siviero saranno riproposte durante la 43° edizione della Rassegna della canz…

Keith Urban conquista Taylor Swift con la cover di "Lover"

Anche Keith Urban è rimasto affascinato dal nuovo album di Taylor Swift, la vera regina degli Mtv Music Awards 2019.
Il cantante australiano - famoso in Italia soprattutto per la sua chiacchierata relazione con l'attrice Nicole Kidman - ha eseguito una cover di "Lover" durante il concerto dello scorao 31 agosto al Washington State Fair.
Il cantante ha condiviso il video della performance sul suo profilo Instagram, accompagnato dala frase:
"Ogni tanto ascolti una canzone che ami e che vorresti aver scritto tu...un enorme grazie anche alla mia band, non siamo nemmeno riusciti a provarla."
La risposta di Taylor Swift non si è fatta attendere ed è arrivata ovviamente via social:
Il mio cuore è esploso in tantissimi coriandoli a forma di cuore. Grazie."




Visualizza questo post su Instagram
Every now and then you hear a song that you love and wish you’d written.... and a HUGE thx to my band as well- we didn’t get to rehearse so.... this is us fully winging it - …

Simple Minds: il nuovo singolo è la cover di 'For One Night Only'

I Simple Minds festeggiano i 40 anni di carriera con una cover: il nuovo singolo della band scozzese è infatti il remake di 'For One Night Only'. brano del 2014 di King Creosote.
Il brano farà parte della raccolta '40: The best of - 1979-2019', in uscita il prossimo 31 ottobre con brani selezionati personalmente da Jim Kerr e da Charlie Burchill. Una disco che ripercorre i 40 anni di carriera dei Simple Minds dalle loro prime sperimentazioni ai grandi successi da classifica, fino alle più recenti prove di 'Big Music' (2015) e 'Walk Between Worlds' dello scorso anno, il loro maggior successo degli ultimi 20 anni, arrivato al 4° posto nelle classifiche UK. Formatisi negli anni Settanta, prendono il nome da un verso del 1975 di The Jean Genie di David Bowie: "so simple minded".
'40: The best of' sarà disponibile in una edizione deluxe 3cd, cd singolo, 2lp e digitale con audio rimasterizzato agli Abbey Road Studios e un artwork disegnat…

Elbow: ascolta la cover di Wichita Lineman per la BBC

Gli Elbow hanno cantato "Wichita Lineman" - classico della musica country - nel corso della puntata di ieri (venerdì 11 ottobre) del The Zoe Ball Breakfast Show trasmesso dalla BBC Radio Two. Proprio ieri è uscito l'ottavo album in studio del gruppo intitolato Giants Of All Sizes, che è stato registrato al Clouds Hill Studio di Amburgo, al Dairy di Brixton, ai 604 Studios di Vancouver ed ai Blueprint Studios di Salford, oltre che nei vari home studio dei membri della band a Manchester.
Nonostante qualche colpo di tosse iniziale, una bella interpretazione, con la voce del frontman
Guy Garvey che ben sia adatta al classico scritto da Jimmy Webb, e con la band che lo accompagna con un arrangiamento delicato e appropriato.
Gli Elbow non avevano mai eseguito il brano in precedenza




Non molto nota in Italia, "Wichita Lineman" è un considerata negli USA vero classico del country .
Scritta da Jimmy Webb nel 1968, venne portata al successo da Glenn Campell, che fu il…

Note Di Viaggio: l'album tributo a Francesco Guccini

Manuel Agnelli, Malika Ayane, Samuele Bersani, Brunori Sas, Luca Carboni, Carmen Consoli, Elisa, Francesco Gabbani, Ligabue, Giuliano Sangiorgi, Margherita Vicario e Nina Zilli. Sono alcuni degli artisti che hanno partecipato all'album tributo a Francesco Guccini in uscita il prossimo prossimo 15 novembre. Le canzoni del maestro di Pavana sono state arrangiate e prodotte Mauro Pagani.
Il disco - da oggi già in pre-order - si intitolerà "Note di viaggio - Capitolo 1: venite avanti…" ed è stato interamente realizzato nello storico studio di registrazione di Mauro Pagani, le Officine Meccaniche di Milano: è il primo capitolo di un progetto che si completerà nel 2020 e sarà disponibile in versione cd, cd edizione limitata, vinile, vinile in edizione limitata, oltre che in digitale.

«Questo disco non è un semplice tributo a un gigante della musica e della nostra cultura – racconta Dino Stewart, Managing Director di BMG che pubblica l'album – ma è un progetto unico propri…