Passa ai contenuti principali

Il nuovo singolo di Syria è una cover dei Righeira

E’ una cover dei Righeira il nuovo singolo di Syria, in radio a partire dal 21 luglio.
 Il secondo brano estratto dall’album nuovo della cantante romana è infatti “Innamoratissima” versione al femminile dalla hit del duo torinese. Syria anche per questo singolo ha scelto di postare sulla sua pagina Facebook divertenti video amatoriali, accompagnata in questo caso dalla figlia Alice. Ma anche molti suoi colleghi importanti come Francesco Sarcina, Paola Iezzi, Diego Passoni, Marina Rei e Laura Pausini hanno registrato dei videoclip per supportare l’uscita dell’album Syria 10.
La canzone fu l’ultimo singolo di successo dei Righeira, prima dell’inesorabile declino.
Il duo presentò il brano in concorso al Festival di Sanremo del 1986 ottenendo a dire il vero solamente la quindicesima posizione assoluta ma in una classifica finale che vedeva in fondo alla graduatoria – come spesso capitava in quegli anni – i nomi più interessanti come Zucchero, gli Stadio, Enrico Ruggeri e Rossana Casale. La loro esibizione sul palco dell’Ariston non passò comunque inosservata grazie soprattutto all’improbabile pettinatura e alla buffa coreografia. Il brano – il cui titolo completo era Innamoratissimo (Tu che fai battere forte il mio cuore) – ottenne un buon successo radiofonico e il 45 arrivò fino alla numero 7 della Hit Parade italiana. A firmare la canzone furono gli stessi Michael e Johnson Righeira (che all’anagrafe sono Stefano Rota e Stefano Righi) insieme a Sergio Conforti (che è invece il vero nome di Rocco Tanica di Elio e Le Storie Tese). Come autori del brano figurano anche i fratelli La Bionda che sono anche produttori del disco e che avevano già contribuito ai precedenti successi del duo torinese. Alla stesura del testo contribuì anche il paroliere Cristiano Minellono, autore in carriera degli “indimenticabili” testi di “Felicità” di Albano e Romina, “Mamma Maria” dei Ricchi e Poveri e di “Comprami” di Viola Valentino.
Syria però riesce a far rimpiangere l'originale.


Commenti

Post popolari in questo blog

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese, ma di fatto la canzone comincia a diffondersi a Bologna, a Montefiorino. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legam

Enrico Ruggeri e Irene Grandi: la cover di Alexander Platz

Si è conclusa allo Sferisterio di Macerata la trentaduesima edizione di Musicultura la rassegna dedicata alla canzone d'autore. La serata finale del Festival si è aperta con un omaggio a Franco Battiato e Milva. Enrico Ruggeri, conduttore della serata con Veronica Maya. ha proposto al pubblico la cover di "Alexander Platz" in un duetto inedito con Irene Grandi attesa ospite della serata. Un brano sicuramente non semplice da approcciare, ma che i due artisti, accompagnati dalla band di Ruggeri, hanno interpretato in modo convincente.    La versione originale di Alexander Platz è stata pubblicata nel 1982 da Milva, e apre l'album Milva e dintorni. Si tratta in realtà del riadattamento di un brano del 1979 composto da Alfredo Cohen con la collaborazione di Franco Battiato e Giusto Pio e cantato dallo stesso Cohen. Nel 1982 Battiato riscrisse il testo ispirandosi alla celebre piazza di Berlino Est, Divenne uno dei cavalli di battaglia di Milva anche se in Italia non f

Brunori Sas: la cover di "Amandoti" dei CCCP

"Amandoti" è probabilmente la canzone dei CCCP più conosciuta dal grande pubblico. Questo grazie alla cover realizzata da Gianna Nannini che nel 2004 inserì una sua versione del brano all'interno dell'album Perle. La versione originale del brano - che porta la firma di Giovanni Ferretti e Massimo Zamboni - era stata pubblicata nel 1990 all'interno dell'ultimo album ufficiale dei CCCP Epica Etica Etnica Patho s e sulla copertina del disco veniva indicata come "sedicente cover". La canzone era nata infatti qualche anno prima per lo spettacolo teatrale Allerghia . e la prima versione (rimasta inedita) era cantata da Annarella Giudici. In questi giorni ha cominciato a circolare in rete una interessante cover del brano realizzata dal vivo dal cantautore calabrese Brunori Sas. La registrazione è di discreta qualità audio e video ed è stata realizzata lo scorso 14 Febbraio presso il Piccolo Teatro dell'Unical di Cosenza. Versione non migliore del

Lucinda Williams: esce l'album tributo Tom Petty

Uscirà il prossimo 16 aprile il tributo a Tom Petty registrato dalla cantautrice Lucinda Williams lo sorso anno. Un progetto intitolato "Lu's Jukebox Volume 1, Runnin’ Down a Dream: A Tribute to Tom Petty" e composto da dodici brani presi dal repertorio del compianto rocker della Florida, che la Williams ha registrato dal vivo il 29 ottobre del 2020 al Room and Board Studios a Nashville. Nel disco compare anche un inedito scritto dalla stessa Williams e intitolato "Stolen Moments". "Non volevamo dare una mano a nessuno dei grandi, celebri locali loro sopravvivranno. Volevamo quelli che hanno sostenuto artisti come la Williams per 30 anni. Sono i nostri preferiti" ha spiegato a Rolling Stone, Tom Overby, manager e compagno della Williams. Ad accompagnare la 68 enne cantautrice ci sono Stuart Mathis alla chitarra Joshua Grange alla chitarra e tastiere, Stephen Mackey al Basso e Fred Eltringham alla batteria. Il progetto Lu's Jukebox si è articola

Pete Yorn: nel nuovo album dieci grandi classici

Da Bob Dylan ai Pixies, da Diana Ross ai Roxy Music, dai Beach Boys ai Velvet Undergrund. Difficile trovare un denominatore comune alle dieci canzoni contenute nel nuovo album di cover di Pete Yorn. Il disco si intitola "Pete Yorn Sings the Classics" ed è stato realizzato con la collaborazione del tastierista dei Foo Fighters Rami Jaffee. "Non sono canzoni ovvie" ha spiegato Yorn a proposito dei brani scelti  "Nel corso degli anni, ho fatto così tante cover di Bruce Springsteen  e degli Smiths nei miei concerti che ora qualcuno si chiederà perché non sono su questo album. Beh, sarebbe noioso". Questa la tracklist completa Here Comes Your Man (Pixies cover) Lay Lady Lay (Bob Dylan cover) Theme from Mahogany (Diana Ross cover) They Don’t Know (Kirsty MacColl cover) More Than This (Roxy Music cover) Surfer Girl (Beach Boys cover) Ten Storey Love Song (Stone Roses cover) I Am a Rock (Simon & Garfunkel cover) New Age (Velvet Underground cover) Moon River (A