Passa ai contenuti principali

Shawn Colvin e Steve Earle: la cover di Ruby Tuesday

Forse di una nuova versione di "Ruby Tuesdey" non si sentiva molto la necessità visto che dopo "Satisfaction" e "Paint It Black" è il brano dei Rolling Stones che vanta in maggior numero di cover ufficiali, secondo il sito SecondHandSongs.
Ora la lista si allunga ancora con la versione cantata in coppia da Shawn Colvin e Steve Earle e contenuta nel loro album Colvin & Earle uscito lo scorso 10 giugno.
Una versione dai suoni folk, ma tutto sommato piuttosto fedele all'originale. Le differenze più evidenti sono la mancanza del flauto dolce (che nella versione degli Stones era suonato da Brian Jones) e del pianoforte (suonato dal produttore Jack Nitzsche).
Shawn Colvin e Steve Earle hanno molte volte condiviso in passato il palco a partire dal 1987 e hanno spesso dichiarato nelle interviste la loro reciproca stima. Nel suo album "Cover Girl" del 1994 la Colvin inserì anche una sua interpretazione di "Someday" di Eerle. Ma i due non avevano mai realizzato un album inseme.


"Ruby Tuesday" fu pubblicata dai Rolling Stones nel gennaio del 1967 su un 45 giri che sulla facciata B vedeva un'altro capolavoro come "Let's Spend The Night Together".  Erano davvero altri tempi!
I misteri della canzone sono diversi. Il primo fra tutti è: chi ha scritto il brano?
Sulla copertina del disco è accreditato a Jagger e Richards ma esistono numerose teorie. Per esempio quella di Marianne Faithfull che nella sua autobiografia sostiene che il brano sia opera di Brian Jones e Keith Richards. Un altro parere autorevole è quello di Billy Wyman che attribuisce il brano al solo Richards, il quale a sua volta si è divertito a mantenere un po' di mistero, raccontando però, in un'intervista a Rolling Stone, di aver composto la canzone nel 1966 in una stanza di hotel a Los Angeles.
Altro mistero: chi è la "Ruby" della canzone?
Lo stesso Richard disse che la protagonista era una groupie da lui conosciuta; il pezzo è incentrato infatti intorno a una figura femminile descritta come uno "spirito libero". La "musa" potrebbe essere stata Linda Keith, una delle sue ragazze dell'epoca, ma anche in questo il vecchio Keith non è mai stato troppo preciso.
Se però pensate che "Ruby Rubacuori" non c'entri nulla con la canzone forse vi sbagliate. La versione italiana cantata da I Profeti si intitolava infatti "Rubacuori" ed aveva un testo (orrendo) scritto da Mogol.

Commenti

Post popolari in questo blog

Una cover dei Metallica per il nuovo spot Spot Renault

Scala & Kolacny Brothers Il nuovo spot della Renault in onda in questi giorni nei principali canali televisivi italiani ha fatto riscoprire al pubblico una cover di "Nothing Else Matters" dei Metallica. Una versione "corale" pubblicata nel 2010 dal gruppo belga Scala & Kolacny Brothers del quale ci siamo già più volte occupati su queste pagine. La cover era contenuta nel loro album "Circle" e venne utilizzata nel primo episodio della serie televisiva Crisis, nel primo episodio della diciottesima stagione di Squadra Speciale Cobra 11 e nella colonna sonora del film Sangue del mio sangue. Ora la cover è stata scelta per lo spot "Renault Austral E-Tech full hybrid" nella quale vengono mostrati due robot che smontano un’auto. La versione originale di "Nothing Else Matters" faceva parte del "Black Album" dei Metallica uscito nel 1992; la scrisse il chitarrista James Hatfield per una sua vecchia fidanzata ma la giud

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un canto delle mondine padane, anche per la versione  realizzata da

Johnny Cash canta "Barbie Girl" degli Aqua (con l'intelligenza artificiale)

Meglio specificarlo subito: Johnny Cash non ha mai cantato “Barbie Girl”. Si tratta dell’ennesima versione “fake” creata dall’intelligenza artificiale, e diventata immediatamente virale il rete La “cover impossibile” è comparsa - in contemporanea con la premiere del film “Barbie” - sul canale YouTube "There I Ruined It” il cui motto è "lovingly destroy your favorite songs” ossia “distruggiamo amorevolmente le tue canzoni preferite”. Sul canale in effetti si può trovare di tutto, da Elvis che canta "Baby Got Back" di Sir Mix-a-Lot a Frank Sinatra che canta "Get Low" di Lil Jon.   Ma la versione di “Barbie Girl” cantata da The Man In Black è davvero incredibile e riapre la questione su quali debbano essere i limiti legali per l’utilizzo dell’A.I. nel mondo della musica. Intanto Dustin Ballard, che gestisce il canale "There I Ruined It”, ha dichiarato al sito Insider che video come questi richiedono alcuni giorni di lavoro. L'uso dell'intellige