Passa ai contenuti principali

Boy George torna con la cover di YMCA

A 56 anni e dopo un lungo periodo di inattività discografica Boy George torna sulle scene con la cover di un classico dei Village People. Il brano scelto è la celeberrima "YMCA" vero gay anthem degli anni 70.
L'ex front-man dei Culture Club ha accettato di fare da testimonial per la YMCA australiana con l'obiettivo di sostenere questioni importanti per i giovani australiani come la parità di matrimonio, la cura della salute mentale e la disoccupazione giovanile.
Il cantante - che è attualmente impegnato in Australia come couch e del talent The Voice - ha raccontato di aver avuto qualche dubbio iniziale: "Il punto è che quando devi interpretare una cover devi entrare nel brano. Ho dovuto cantare il testo per capire che poteva funzionare in un mio show".
A proposito della causa sostenuta George ha invece spiegato:
"Io non ho intenzione di sposare nessuno, ma penso che le persone debbano essere in grado di poterlo fare".

La carriera del cantante inglese è stata segnata da molte cover di successo: a partire dalla versione di "Everithing I own" incisa nel 1987 e la bella "The Crying Game" cantata nel 1992.

La versione originale di YMCA risale al 1978. Numero uno un UK e numero due in America (dove venne stoppata da "D'ya think I'm sexy" di Rod Stewart, oltre ad essere il brano più celebre dei Village People è entrato nell'esclusivo club dei singoli che hanno venduto oltre 10 milioni di copie. Scritto dal produttore Jacques Morali da Henri Belolo e da Victor Willis (che era il "poliziotto" del gruppo) fu registrato ai Sigma Sound Studio di New York e pubblicato dalla Casablanca Records. Morali (che era nato in Marocco e aveva iniziato la sua carriera di produttore in Francia) aveva già lanciato le Richie Family ed era alla ricerca di una formazione in grado di raccontare la pittoresca nightlife gay di quegli anni a partire dal Greenwich Village. Il titolo fa riferimento alla Young Men's Christian Association, sigla con la quale vengo indicati i centri ricreativi e di accoglienza riservati ai giovani cristiani: negli USA si tratta soprattutto di palestre in cui si svolge attività educativa e dove è possibile anche ricevere alloggio. E secondo la canzone anche molto altro...
Il 45 giri di YMCA arrivò alla numero uno in UK ma solo alla numero due in USA. In Italia addirittura non entrò nella HitParade: dimostrazione di come per valutare la popolarità di un brano sia sempre meglio non fidarsi troppo della classifiche. 


Commenti

Post popolari in questo blog

John Legend & Kelly Clarkson: un duetto per Natale

"Baby, It's Cold Outside" è uno degli standard musicali più conosciuti della storia della musica pop e uno dei duetti più famosi di sempre. Nonostante il testo non contenga alcun riferimento diretto al Natale, la canzone è diventata negli anni anche un vero e proprio classico natalizio, grazie anche alle moltissime cover realizzate. L’ultima, in ordine di tempo, è quella cantata insieme da John Legend e da Kelly Clarkson. La loro versione ha però un testo diverso rispetto all'originale che lo scorso anno – nel pieno della bufera del #meetoo - era stata bandita da alcune radio americane a causa di alcuni versi considerati poco appropriati.
Il brano farà parte della ristampa dell'album "A Legendary Christmas" che a distanza di un anno viene riproposto in versione deluxe.
La versione originale di Baby, It's Cold Outside, venne composta da Frank Loesser nel 1944 e comparve nel 1949 nella colonna sonora del film “La figlia di Nettuno” (Neptune's Da…

È morto a 84 anni Fred Bongusto

E' morto nella sua abitazione a Roma, Fred Buongusto. Il cantante, che aveva 84 anni, era malato da tempo. Era nato a Campobasso, e all'anagrafe era Alfredo Antonio Carlo Buongusto.
Ebbe grande successo negli anni 60 e 70 con hit come "Una Rotonda sul Mare", "Malaga" e "Frida" ma il suo repertorio anche  molti classici dei grandi autori internazionali.
I suoi modelli artistici erano George Gershwin, Luis Armstrong, Nat King Cole e Chet Baker. Noi a MyWay lo vogliamo ricordare con 5 cover cantate da Bongusto nella sua carriera
Never, Never Gonna Give You Up (Barry White)


We Have All The Time In The World (Louis Armstrong)



Superstition (Stevie Wonder)



Raindrops Keep Falling on my Head (Bj Thomas)



Flamingo (Duke  Ellington)

Le canzoni di Gianni Siviero in un doppio CD tributo

Per iniziativa di Sergio Secondiano Sacchi, responsabile artistico del Club Tenco, trentanove artisti rendono omaggio a uno dei più originali cantautori italiani con il doppio album Io credevo. Le canzoni di Gianni Siviero pubblicato da Squilibri d’intesa con il Club Tenco e Cose di Amilcare.

Quarantatré in tutto le canzoni di Gianni Siviero, commentate da altrettanti dipinti dell’artista Marco Nereo Rotelli, affidate alle voci e agli strumenti di alcuni vecchi compagni di strada, come Roberto Vecchioni, Mimmo Locasciulli, Ernesto Bassignano e Gualtiero Bertelli, e di personaggi che, in quegli stessi anni, calcavano altri tipi di palcoscenico, come Gigliola Cinquetti, Vittorio De Scalzi (ex New Trolls) e Roberto Brivio (I Gufi), e ancora di altri più giovani, rappresentativi di stili e sensibilità diverse, da Sergio Cammariere a Petra Magoni, da Massimo Priviero a Peppe Voltarelli.

Alcune canzoni di Gianni Siviero saranno riproposte durante la 43° edizione della Rassegna della canz…

Simple Minds: il nuovo singolo è la cover di 'For One Night Only'

I Simple Minds festeggiano i 40 anni di carriera con una cover: il nuovo singolo della band scozzese è infatti il remake di 'For One Night Only'. brano del 2014 di King Creosote.
Il brano farà parte della raccolta '40: The best of - 1979-2019', in uscita il prossimo 31 ottobre con brani selezionati personalmente da Jim Kerr e da Charlie Burchill. Una disco che ripercorre i 40 anni di carriera dei Simple Minds dalle loro prime sperimentazioni ai grandi successi da classifica, fino alle più recenti prove di 'Big Music' (2015) e 'Walk Between Worlds' dello scorso anno, il loro maggior successo degli ultimi 20 anni, arrivato al 4° posto nelle classifiche UK. Formatisi negli anni Settanta, prendono il nome da un verso del 1975 di The Jean Genie di David Bowie: "so simple minded".
'40: The best of' sarà disponibile in una edizione deluxe 3cd, cd singolo, 2lp e digitale con audio rimasterizzato agli Abbey Road Studios e un artwork disegnat…

Keith Urban conquista Taylor Swift con la cover di "Lover"

Anche Keith Urban è rimasto affascinato dal nuovo album di Taylor Swift, la vera regina degli Mtv Music Awards 2019.
Il cantante australiano - famoso in Italia soprattutto per la sua chiacchierata relazione con l'attrice Nicole Kidman - ha eseguito una cover di "Lover" durante il concerto dello scorao 31 agosto al Washington State Fair.
Il cantante ha condiviso il video della performance sul suo profilo Instagram, accompagnato dala frase:
"Ogni tanto ascolti una canzone che ami e che vorresti aver scritto tu...un enorme grazie anche alla mia band, non siamo nemmeno riusciti a provarla."
La risposta di Taylor Swift non si è fatta attendere ed è arrivata ovviamente via social:
Il mio cuore è esploso in tantissimi coriandoli a forma di cuore. Grazie."




Visualizza questo post su Instagram
Every now and then you hear a song that you love and wish you’d written.... and a HUGE thx to my band as well- we didn’t get to rehearse so.... this is us fully winging it - …