Passa ai contenuti principali

Paolo Fresu e Petra Magoni rendono omaggio a David Bowie

Paolo Fresu proporrà un omaggio alle musiche di David Bowie, in compagnia di un cast 'all stars', martedì 14 luglio all'Arena Lido della Darsena di Rimini nell'ambito dell'edizione 'Reloaded' del festival Crossroads. In programma due set, alle 20.30 e alle 22.30, per recuperare l'appuntamento che avrebbe dovuto svolgersi al teatro Galli, annullato durante il lockdown. Oltre a Fresu (tromba, flicorno, elettronica) saranno sul palco Petra Magoni (voce), Gianluca Petrella (trombone, elettronica), Francesco Diodati (chitarra), Francesco Ponticelli (contrabbasso, basso elettrico) e Christian Meyer (batteria).
In concerto, intitolato 'We can be heroes just for one day' da una dei brani più celebri del Duca bianco, saranno proposti una trentina di pezzi, tra i quali Life on Mars, This is not America, Warszawa e When I live my dreams. Ogni membro della band ha dato il proprio contributo negli arrangiamenti, conferendo maggiore varietà e dinamicità al progetto.
"Ho deciso di mettere insieme una band unica - spiega Fresu - creata appositamente, con grandi musicisti eclettici e provenienti da esperienze diverse, anche lontane dal jazz. Credo che questo sia un grande valore. Avvicinarsi alla musica di David Bowie è una grande emozione e anche una straordinaria opportunità per tutti noi". "Bowie - aggiunge Petra Magoni - è un autore immortale che è sempre stato vicino al jazz. Noi cercheremo di avere il massimo rispetto per la sua arte ma anche di essere propositivi, gettando uno sguardo nuovo su queste canzoni".

Già nel maggio dello scorso anno Paolo Fresu e Petra Magoni avevano reso omaggio al Duca Bianco a Monsummano Terme, in provincia di Pistoia, dove nell'agosto 1969 il 22enne Bowie si era esibito per la sua prima volta in Italia, in un Festival canoro.


Commenti

Post popolari in questo blog

Elisa: la cover di Mare Mare di Luca Carboni (VIDEO)

Elisa canta la cover di “Mare Mare”, una delle canzoni più famose di Luca Carboni, per "I love my radio", l’importante progetto che unisce per la prima volta le emittenti radiofoniche italiane - RTL 102.5, RDS 100% Grandi Successi, Radio Deejay, Radio Italia solomusicaitaliana, Radio 105, Radio Kiss Kiss, Virgin Radio, Rai Radio 2, Radio 24, R101, Radio Subasio, m2o, Radio Capital, Radio Monte Carlo, Radiofreccia, Radio Norba, Radio Zeta, Radio Bruno - per festeggiare i 45 anni del sistema radio.
Dopo più di un anno di successi, le emittenti scelgono Elisa per dare il via alla messa on air di 10 cover straordinarie interpretate da grandi artisti tra i successi dell'airplay degli ultimi 45 anni.

La traccia, che sarà ascoltabile esclusivamente in radio da oggi, lunedì 1’ giugno, vede Elisa dare una versione inedita del brano di Luca Carboni.
Elisa oggi veste di nuova elettronica il pezzo, generando un campionario di suoni e sensazioni che portano sempre con sé l'odore…

Giorgia canta Non Sono Una Signora della Bertè (VIDEO)

Arriva da oggi 29 giugno in radio la cover di "Non sono una signora" cantata da Giorgia in esclusiva per I Love My Radio, che riunisce i più importanti network nazionali. Da venerdì 3 luglio il brano sarà disponibile anche sulle piattaforme streaming e in digital download.
I protagonisti delle cover delle prossime
settimane saranno:

Biagio Antonacci
Tiziano Ferro e Massimo Ranieri
J-Ax
Jovanotti
Negramaro
📻 Eccola la quinta cover di #ilovemyradio!⁠
🎶 La voce è quella di @Giorgia, la canzone - indimenticabile - è #NonSonoUnaSignora di @LoredanaBerte.⁠
👉 Scoprite di più sul pezzo: https://t.co/V46rqYWK6h
👉 Votate su https://t.co/TnarJOJalDpic.twitter.com/XL4BC5aaR4— RDS (@RDS_official) June 29, 2020

Scritta da Ivano Fossati “Non sono una signora” uscì nell'estate del 1982 diventando il brano più famoso nella carriera di Loredana Bertè.
Trionfò anche al Festivalbar (con tanto di indimenticabile esibizione in abito da sposa all'Arena di Verona)  e venne pubblicato anch…

Billie Eilish: ascolta la cover di ‘New York New York’

Giusto in tempo per entrare nella “classifica delle migliori cover dell’anno”, Billie Eilish ha registrato una sua versione di “New York, New York”. La cover fa parte della colonna sonora di "The Morning Show" – la serie televisiva di punta di Apple+ con Jennifer Aniston e Steve Carell. The Morning Show racconta la storia di un programma d’informazione della tv americana, e delle vicende dei suoi conduttori, soprattutto Mitch Kessler (Steve Carell), licenziato a causa di uno scandalo sessuale.
Una cover che ha colto di sorpresa molti fan della cantante, visto che non era stata annunciata pubblicamente: una interpretazione molto minimale, quasi sussurrata come nello stile della giovane star californiana.



Anche se in molti associano il brano a Frank Sinatra, la versione originale di “New York, New York” è stata cantata da Liza Minnelli nel 1977 per la colonna sonora del film omonimo diretto da Martin Scorsese. Il grande “The Voice” cominciò a inserire il brano nei suoi live …

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile.
Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza.
Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese, ma di fatto la canzone comincia a diffondersi a Bologna, a Montefiorino.
Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini.
Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un …

Tina Turner compie 80 anni: auguri alla Regina del Rock

Compie oggi 80 anni Tina Turner, delle più straordinarie performer della storia della musica. La cantante statunitense (oggi cittadina svizzera) nasce infatti il 26 Novembre 1939 a Nutbush, nello stato del Tennessee, con il nome Anna Mae Bullock. Una storia musicale iniziata alla fine degli anni 50 dopo l’incontro con Ike Turner e decollata nel 1971 con il successo di “Proud Mary”. Una carriera musicale segnata però non solo da record di vendite e canzoni leggendarie e Grammy Awards, ma anche da drammi personali e rinascite incredibili. Noi oggi festeggiamo gli 80 anni della “Acid Queen” del rock, con 5 cover che hanno reso la voce di Tina inimitabile. Tanto da aver “oscurato” le versioni originali.

Tina Turner - I Can't Stand The Rain
La versione originale risale al 1973 ed è cantata da Ann Peebles. La cover di Tina compare nell’album “Pivate Dancer” del 1984

Tina Turner - Let´s spend the night together
Mick Jagger ha sempre ammesso di avere preso ispirazione da Tina per il modo…