Passa ai contenuti principali

Vanilla Fudge: una cover delle Supremes per ricordare Tim Bogert

I Vanilla Fudge pubblicano un ultimo disco con la loro formazione originaria per rendere omaggio a Tim Bogert, membro fondatore del gruppo scomparso all'inizio del 2021. Il prossimo 6 di settembre verrà pubblicata la cover di "Stop In the Name Of Love" classico delle Supremes degli anni 60. Il brano era stato registrato dal gruppo lo scorso anno, partendo da una idea del tastierista Mark Stein che aveva riunito i compagni della prima formazione del gruppo, Carmine Appice alla batteria , Vincent Martel alla chitarra e il compianto Tim Bogert. Uno dei grandi successi dei Fudge era stata nel 1967 proprio la rilettura di un altro classico delle Supremes "You Keep Me Hanging On".
Non resta che attendere ancora qualche settimana per scoprire come suona la versione dei Vanilla Fudge del classico da Holland Dozier Holland in passato già ripreso da Isley Brothers e dagli Hollies

Commenti

Post popolari in questo blog

Brunori Sas: la cover di "Amandoti" dei CCCP

"Amandoti" è probabilmente la canzone dei CCCP più conosciuta dal grande pubblico. Questo grazie alla cover realizzata da Gianna Nannini che nel 2004 inserì una sua versione del brano all'interno dell'album Perle. La versione originale del brano - che porta la firma di Giovanni Ferretti e Massimo Zamboni - era stata pubblicata nel 1990 all'interno dell'ultimo album ufficiale dei CCCP Epica Etica Etnica Patho s e sulla copertina del disco veniva indicata come "sedicente cover". La canzone era nata infatti qualche anno prima per lo spettacolo teatrale Allerghia . e la prima versione (rimasta inedita) era cantata da Annarella Giudici. In questi giorni ha cominciato a circolare in rete una interessante cover del brano realizzata dal vivo dal cantautore calabrese Brunori Sas. La registrazione è di discreta qualità audio e video ed è stata realizzata lo scorso 14 Febbraio presso il Piccolo Teatro dell'Unical di Cosenza. Versione non migliore del

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese, ma di fatto la canzone comincia a diffondersi a Bologna, a Montefiorino. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legam

Tom Morello e Serj Tankian: ascolta l'omaggio ai Gang Of Four

E' la cover di “Natural’s Not In It” il primo "assaggio" di "The Problem of Leisure: A Celebration of Andy Gill and Gang of Four" il tribute album dedicato ai Gang Of Four di cui ci siamo già occupati su queste pagine il mese scorso.   La cover di è stata realizzata da Serj Tankian (System of a Down) e dal chitarrista Tom Morello (dei Rage Against the Machine). "Andy Gill è stato uno dei pochi artisti della storia che ha cambiato il modo di suonare le chitarra - ha dichiarato Tom Morello - I Gang of Four erano una band assolutamente incendiaria e rivoluzionaria, e questo per merito dello stile chitarristico di Andy, così provocatorio, snervante e sublime. Il loro approccio destrutturato e indefinibile, il suono volutamente anti-eroico e la feroce poetica radicale sono stati una grande influenza per me". Inizialmente previsto per 2019, in occasione del 40° anniversario del seminale debutto del gruppo post-punk, il progetto "The Problem of Leisure

Jaded Hearts Club: un album di cover per il gruppo di Matt Bellamy e Graham Coxon

Di loro c'eravamo già occupati su queste pagine nel gennaio del 2018 quando - con il nome di Dr. Pepper’s Jaded Hearts Club Band - si erano esibiti come "tribute band dei Beatles". Ora il superguppo formato da Matt Bellamy (Muse), Graham Coxon (Blur), Jamie Davis (della label Transcopic), Nic Cester (Jet), Miles Kane (Last Shadow Puppets) e Sean Payne (Zutons) ha abbreviato il proprio nome in The Jaded Hearts Club e ha pubblicato un album di cover di classici del rock e del soul. Il disco si intitola You've Always Been Here ed è prodotto dal frontman dei Muse Matt Bellamy (che nella band non canta e suona il basso). In totale undici brani tra i quali spiccano classici come "Fever" e "Money (That's what I want)" ma non mancano gemme meno conosciute come “Love’s gone bad” di Chris Clark e “This love starved heart of mine (It's killing me)” tratta dal repertorio di Marvin Gaye. I brani - come ha spiegato Nic Cester a Rolling Stone - sono st

Kelly Clarkson: l'omaggio a Whitney Houston ai Billboard Music Awards

Kelly Clarkson è tornata a rendere omaggio a Whitey Houston. Lo ha fatto nel corso della annuale cerimonia dei Billboard Music Awards , nella quale la 38 enne cantante americana ha interpretato la cover di "Higher Love", brano di Steve Winwood che lo scorso anno è tornato in classifica grazie al remix curato dal dj norvegese Kygo. Sul palco del Dolby Theatre di Hollywood la vincitrice di "American Idol" è stata accompagnata dai Pentatonix e da Sheila E (alla batteria) per una cover davvero intensa e cantata senza indecisioni. Nel corso del suo popolare show televisivo la Clarkson aveva già più volte dichiarato la sua grande ammirazione per Whitney Houston, cantando le cover di "How Will I Know," "I'm Every Woman" e “Exhale (Shoop Shoop)." La versione originale di "Higher Love" venne pubblicata da Steve Winwood nel 1986, “Higher Love” e compare nell'album "Back in the high live". La Houston registrò la cover de