Passa ai contenuti principali

Cat Power: il nuovo album è un omaggio a Bob Dylan

Il 5 novembre 2022 Cat Power si esibì per la prima volta nella sua carriera alla Royal Albert Hall di Londra e scelse per l’occasione di interpretare le canzoni di Bob Dylan, il suo eroe musicale. A distanza di un anno esce ora Cat Power sings Dylan: The 1966 Royal Albert Hall Concert, dsico che ripropone uno dei live set più leggendari e rivoluzionari di sempre. Un concerto che ha cambiato il corso della storia della musica contemporanea. Tenutosi alla Manchester Free Trade Hall nel maggio del 1966, ma conosciuto “Royal Albert Hall Concert” a causa di un bootleg erroneamente etichettato, l’esibizione originale vide Bob Dylan passare dalla chitarra acustica a quella elettrica nel mezzo dello spettacolo. Un gesto che scatenò l’ira del pubblico presente, composto quasi esclusivamente da puristi del folk e cambiò la stroria del rock. 

Durante lo show a Londra Cat Power ha eseguito il primo set in versione acustica, proprio come fece Dylan, da sola con armonica e chitarra, suonando, Visions of Johanna, Desolation Row e Mr. Tambourine Man. Nel secondo set, accompagnata dalla band composta da bassista Arsun Sorrenti, dal polistrumentista Erik Paparozzi, da Aaron Embry (armonica, piano), da Jordan Summers (organo) e da Josh Adams alla batteria, ha cantato Ballad of a Thin Man, Just Like Tom Thumb’s Blues e Like a Rolling Stone.
Per Cat Power si tratta del quarto album di cover. 

In un’intervista a Rockol la cantautrice ha spiegato: "Molte dei cantanti che ho ascoltato crescendo cantavano canzoni scritte da qualcun altro: Billie Holiday, Patsy Cline, Elvis e Johnny Cash, anche Dylan. Adoro le cover: sono una tradizione nel jazz, nel country, nel blues e nel soul, e in un po' di rock 'n' roll”.

 

 



Tracklist:

1. She Belongs To Me
2. Fourth Time Around
3. Visions Of Johanna
4. It’s All Over Now, Baby Blue
5. Desolation Row
6. Just Like A Woman
7. Mr. Tambourine Man
8. Tell Me, Momma
9. I Don’t Believe You (She Acts Like We Never Have Met)
10. Baby, Let Me Follow You Down
11. Just Like Tom Thumb’s Blues
12. Leopard-Skin Pill-Box Hat
13. One Too Many Mornings
14. Ballad Of A Thin Man
15. Like A Rolling Stone





Commenti

Post popolari in questo blog

Una cover dei Metallica per il nuovo spot Spot Renault

Scala & Kolacny Brothers Il nuovo spot della Renault in onda in questi giorni nei principali canali televisivi italiani ha fatto riscoprire al pubblico una cover di "Nothing Else Matters" dei Metallica. Una versione "corale" pubblicata nel 2010 dal gruppo belga Scala & Kolacny Brothers del quale ci siamo già più volte occupati su queste pagine. La cover era contenuta nel loro album "Circle" e venne utilizzata nel primo episodio della serie televisiva Crisis, nel primo episodio della diciottesima stagione di Squadra Speciale Cobra 11 e nella colonna sonora del film Sangue del mio sangue. Ora la cover è stata scelta per lo spot "Renault Austral E-Tech full hybrid" nella quale vengono mostrati due robot che smontano un’auto. La versione originale di "Nothing Else Matters" faceva parte del "Black Album" dei Metallica uscito nel 1992; la scrisse il chitarrista James Hatfield per una sua vecchia fidanzata ma la giud

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un canto delle mondine padane, anche per la versione  realizzata da

Johnny Cash canta "Barbie Girl" degli Aqua (con l'intelligenza artificiale)

Meglio specificarlo subito: Johnny Cash non ha mai cantato “Barbie Girl”. Si tratta dell’ennesima versione “fake” creata dall’intelligenza artificiale, e diventata immediatamente virale il rete La “cover impossibile” è comparsa - in contemporanea con la premiere del film “Barbie” - sul canale YouTube "There I Ruined It” il cui motto è "lovingly destroy your favorite songs” ossia “distruggiamo amorevolmente le tue canzoni preferite”. Sul canale in effetti si può trovare di tutto, da Elvis che canta "Baby Got Back" di Sir Mix-a-Lot a Frank Sinatra che canta "Get Low" di Lil Jon.   Ma la versione di “Barbie Girl” cantata da The Man In Black è davvero incredibile e riapre la questione su quali debbano essere i limiti legali per l’utilizzo dell’A.I. nel mondo della musica. Intanto Dustin Ballard, che gestisce il canale "There I Ruined It”, ha dichiarato al sito Insider che video come questi richiedono alcuni giorni di lavoro. L'uso dell'intellige