Passa ai contenuti principali

Pier Cortese e Roberto Angelini: il nuovo album dei Discoverland

A quattro anni dal positivo debutto, arriva nei negozi il nuovo album dei Discoverland, duo formato dai cantautori romani Pier Cortese e Roberto Angelini.
Il disco (Gas Vintage Records/ distr. Goodfellas) si intitola "Drugstore" e contiene le linee melodiche di otto indimenticabili pezzi della disco music, del rock e del pop in versione completamente rimaneggiata, in un’ottica di grande sperimentazione. In più, un brano originale, “Il pusher”, firmato da Pier Cortese e Leo Pari.

“DRUGSTORE” è un ipermercato di elementi musicali, sconvolto da un tornado: ogni parte ha perso la sua funzione e la sua collocazione, ne ha acquisite di nuove. Nulla è al suo posto, ma tutto è terribilmente affascinante.



Pier Cortese e Roberto Angelini hanno utilizzato un’ampia gamma di strumenti e li hanno associati in maniera originale, cercando un suono unico e ricco: convivono, così, in un’unico brano l’Ipad e la Weissemborn, il Vocoder e la lapsteel. In più, hanno riproposto e sviluppato l’amato contrasto tra la pedalsteel e il basso synth, il banjo e la 808. Il tutto condito da un’illimitata libertà d’espressione.

Queste le cover tracce del disco

I Still Haven’t Found What I’m Looking For

Il brano degli U2 è il perfetto apripista di un disco basato sul gioco di folkizzare alcuni capisaldi della musica contemporanea. Fingerstyle sulla chitarra, banjo, ukulele e pedasteel: questa l’ossatura sulla quale le voci si rincorrono e si armonizzano. Sul finale, uno "snippet" di “Somebody to love” dei Queen.
La versione originale di I Still Haven’t Found What I’m Looking For risale al 1987 ed era contenuta nell'album "The Joshua Tree" degli U2

Lucy in the Sky with Diamonds

Trasportare questo capolavoro in una stalla rappresenta al meglio la follia creativa di Discoverland. Il banjo è il pezzo della ballata, chiaro riferimento alla più famosa scena del film “Un tranquillo week end di paura”, quando una chitarra acustica e un banjo si affrontano a suon di note. Il pezzo ha una deriva elettro-psichedelica in onore al significato nascosto di LSD (mai ufficialmente ammesso dai Fab 4).
La versione originale era contenuta nell'album "Sgt. Pepper's Lonely Heart Club Band" uscito nel 1967. Lennon affermò che l'ispirazione per il titolo gli venne da un disegno di suo figlio Julian.

The Drugs Don’t Work

In questo brano Cortese e Angelini lavorano al contrario: una meravigliosa ballad dei Verve diventa una canzone da club. Suoni sintetici, corde e legni di chitarra, voci lavorate all’estremo, ritmica elettro. Impossibile non ballare.
I Verve pubblicarono il brano all'interno del loro album di maggior successo Urban Hymns del 1997. E' stato l'unico singolo della band di Richard Ashcroft ad arrivare in vetta alla classifica inglese.

Stayin’ Alive

Stayin’ Alive è stato il singolo che ha anticipato il disco, nell’estate 2015. Il gallo in equilibrio sulla palla da discoteca rappresenta al meglio la folkizzazione del pilastro della disco anni ‘70. Il solo di weissemborn è una citazione del classico di Otis Redding “Sittin on the dock of the bay”.
I Bee Gees pubblicarono il brano alla fine del 1977 nella colonna sonora del film "Saturday Night Fever", Il singolo arrivò alla numero 1 in USA, Canada, Italia e in molte altre nazioni ma non in Inghilterra dove si fermò alla numero 4.

La cura

E’ questo il primo pezzo italiano che il duo Cortese - Angelini ha ricostruito. L’idea di base è tradurre l’enfasi orchestrale del capolavoro di Battiato nel suono in levare. Siamo su una spiaggia lontana, davanti a un cielo nero e inquietante. Franco Battiato scrisse il brano nel 1966 insieme al filosofo Manlio Sgalambro, per l'album "L'imboscata".

L’isola che non c’è

Cortese - Angelini si divertono a trasformare una canzone, nata con un armonia maggiore, in minore. E’ incredibile come le parole prendano delle sfumature e dei significati diversi: è quello che è successo in questo caso. Sul finale una breve citazione di "Clint Eastwood" dei Gorillaz.

La versione originale apriva la facciata B dell'album "Sono Solo Canzonette" di Edoardo Bennato, concept dedicato alla favola di Peter Pan e pubblicato nel 1980.


 
All Apologies

Una versione “mantra” del capolavoro dei Nirvana è stata impreziosita dalla ritmica di Fabio Rondanini e dalle corde vocali di Leo Pari. "Tutto ebbe inizio - hanno spiegato i due musicisti - con il campionamento di tablas e sitar dei Beatles, un bordone di digiridoo, una lapsteel che evoca suoni indiani, un arpeggio newage e un fischio in lontananza. In aggiunta, una bella dose di elettronica psichedelica".

La versione originale fu pubblicata dai Nirvana all'interno dell'album In Utero uscito nel 1993 e prodotto da Steve Albini.

Killing In The Name

Il disco si chiude con uno dei brani più arditi: un classico rock anni ‘90. Destrutturandolo come farebbe uno chef stellato, Cortese e Angelini hanno immaginato un intro vocale ispirato ai Beatles e ai Radiohead. Un riff leggendario di chitarra elettrica diventa uno sciancato giro di Banjo.E tra una lapsteel e una acustica, tra un intreccio di voce e l’altro, si arriva al finale concitato e citato: al centro, un classico del cinema “Rocky Horror Picture Show”.
"Killing in the Name" è il primo singolo dei Rage Against the Machine pubblicato nel novembre del 1992, e poi inseriti nel loro omonimo album di debutto. Il brano raggiunse la numero uno delle classifiche inglesi solo nel 2009 grazie ad una curiosa iniziativa del DJ Jon Morter ribattezzata "Rage against X Factor"

Commenti

Post popolari in questo blog

I Coldplay rendono omaggio a Chester Bennington

Anche i Coldplay hanno voluto rendere omaggio a Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park morto suicida a soli 41 anni lo scorso 20 luglio.
Durante il concerto tenuto ieri - 1 Agosto 2017 -  a New York presso il MetLife Stadium in New Jersey, Chris Martin e compagni hanno eseguito una toccante cover di "Crawling" , brano che faceva parte dell'album d'esordio della band Hybrid Theory.
Una versione distante dall'originale e che il cantante ha eseguito al pianoforte.
"Questa finirà su YouTube e devo cercare di farla bene" ha detto Chris "E' dedicata a chiunque senta la mancanza di qualcuno".
Al concerto era presente anche Mike Shinoda, amico e collega di Chester, che ha pubblicato su Instagram un breve filmato.

Le HAIM cantano una cover di Shania Twain

Le HAIM hanno reso omaggio a Shania Twain con la cover della hit 'That Don't Impress Me Much”. Le ragazze – che in questi giorni stanno promuovendo il loro nuovo album “Something to tell you” - hanno eseguito il brano negli studi dell’emittente australiana Triple J nel corso della trasmissione Like a Version. Durante l’intervista le tre sorelle Haim hanno dichiarato il loro amore per la cantante canadese. “Se vuoi pensare di avere un appuntamento con una di noi devi sapere che per prima cosa devi essere un fan di Shania Twain” ha scherzato Este mente Sari ha definito la cantante “la fonte di ispirazione nella mia vita”.
"That Don't Impress Me Much” è una delle canzoni più famose del repertorio di Shania Twain che inserì il brano nel suo album del 1997 “Come On Over”. Scritta insieme al produttore Robert John "Mutt" Lange. Il singolo pubblicato alla fine del 1998 raggiunse la numero 7 in USA e la numero 5 in UK. Nel testo la cantante si dichiara poco dispo…

Queens of the Stone Age: la cover di Bad Boy

I Queens of the Stone Age sono stati i protagonisti della puntata di ieri - lunedì 24 ottobre - del BBC Live Lounge.
La band americana, che partecipava per la terza volta al celebre programma condotto da Clara Amfo, ha scelto di rendere omaggio a Marty Wilde, vera leggenda del rock'n' roll inglese, oltre che papà della celebre Kim.
Josh Homme e Dean Fertita hanno eseguito una cover di "Bad Boy" canzone che Wilde scrisse e portò al successo nel lontano 1959.
Una versione piano e voce, delicata e elegante che ha sorpreso anche i fan più accaniti.
Brano poco noto al pubblico italiano, e forse neppure troppo a quello inglese visto che entrò nella Top 50 solamente negli USA.
In più dell'originale: la voce di Josh
In meno dell'originale: la ritmica rock'n'roll

Sam Smith: il tributo a George Michael

Anche Sam Smith ospite del BBC Live Lounge.
Per il cantante londinese però l'emittente ha scelto di realizzare un vero vero special di 9 canzoni e lo ha fatto esibire presso il BBC Radio Theatre davanti ai suoi fan, invece che negli studi di Maida Vale.
Tra i brani proposti da Smith anche un tributo a George Michael. Un doppio omaggio al cantante scomparso lo scorso anno, con un mash-up di "Father Figure" e di "Faith" . Prima di eseguire la cover Smith commosso ha definito Michael "il suo artista preferito di tutti i tempi". Entrambe le canzoni facevano parte dell'album "Faith" pubblicato nel 1987, il primo nella carriera solista dell'ex leader degli Wham!
Il disco vendette oltre 20 milioni di copie e conquistò il Grammy come album dell'anno.

Per Sam Smith - alla sua quarta presenza in carriere nella celebre trasmissione - una esibizione vocalmente impeccabile e un arrangiamento interessante.

Nine Inch Nails: l'omaggio a David Bowie

Anche un omaggio a David Bowie nel corso del concerto che i Nine Inch Nails hanno tenuto lo scorso 20 luglio a Bakersfield, in California. Per l’occasione la band di Trent Reznor – che mancava dalle scene live da tre anni – ha eseguito per la prima volta dal vivo i brani di Not the Actual Events, e ha regalato al pubblico una cover di I Can’t Give Everything Away, uno dei brani più suggestivi di Blackstar. l’ultimo album di Bowie. Il brano è prontamente finito in rete grazie ad un filmato realizzato da un fan. Ora però si scopre che una versione “di studio” era già presente sul web, postata da un utente anonimo di Soundcloud, a dimostrazione di come Reznor fosse da tempo al lavoro sul brano. L’arrangiamento è identico a quello della versione eseguita dal vivo, con la voce del cantante dei Nine Inch Nails che in questo caso si affianca a quella di Bowie.
Trent e il Duca Bianco erano amici di lunga data e avevano più volte collaborato in passato, in particolare per la canzone “I’m Afra…