Passa ai contenuti principali

Chiara Ragnini: la cover acustica de "Il cielo in una stanza"

Chiara Ragnini ha pubblicato una nuova cover acustica per il suo format "Home Play" che ha visto la cantautrice ligure durante i mesi del lockdown, interpretare in versione "casalinga" alcuni dei sui brani preferiti. In questo caso la scelta è caduta su un grande classico della musica italiana come "Il cielo in una stanza" di Gino Paoli.

La cover sarà inserita nel suo prossimo album  intitolato "Homeplay vol. 1 - Canzoni buone dal focolare di casa", che raccoglierà 12 cover, metà in inglese e metà in italiano, e sarà pubblicato solo in formato CD fisico in primavera.

"Il cielo in una stanza è uno di quei brani che ha accompagnato le mie sessioni di ascolto da bambina - ci ha spiegato Chiara - ricordo di averla ascoltata la prima volta sul giradischi dei miei genitori e da subito me ne innamorai.
E' impossibile non portarla nel cuore: la melodia e il testo rimangono subito impressi e non vanno più via.
Questo è un esempio lampante di canzone evergreen, destinata, come è già da tempo, a costituire uno dei pilastri della canzone d'autore nazionale
".

Abbiamo chiesto a Chiara quale sia la sua cover preferita del classico di Gino Paoli.

"La versione di Mina è senza dubbio elegante e raffinata ma quella di Morgan ha una marcia in più rispetto a tutte, originale inclusa: lui riesce sempre a interpretare in maniera magistrale non solo le sue canzoni ma anche, e soprattutto, forse, quelle di altri autori e in questo caso ci fa un'ottima figura. Parte quasi sussurrando il testo per poi esplodere di armonia e passione, come d'altronde fa anche l'originale cantata da Paoli. E' in assoluto la versione alla quale sono più affezionata".


 "Il cielo in una stanza" è stata scritta da Gino Paoli ma la prima versione ad essere stata pubblicata è quella cantata da Mina che arrivò nei negozi nel giugno del 1960. La versione cantata da Paoli arrivò nei negozi solo qualche mese dopo e risultava firmata da Mogol e da Toang visto che Paoli non era ancora iscritto alla SIAE.
Fu il secondo singolo di Mina a raggiungere la prima posizione della Hit Parade.
Tra le tante cover, meritano un ascolto le versioni di Giorgia, Franco Battiato, Mike Patton oltre alla già citata versione di Morgan.

Commenti

Post popolari in questo blog

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un canto delle mondine padane, anche per la versione  realizzata da

Udo Dirkschneider: la cover di "We Will Rock You" dei Queen

Un album di cover in arrivo per Udo Dirkschneider, storico protagonista della scena metal tedesca prima con gli Accept e poi con gli U.D.O. Uscirà il prossimo 22 aprile su Atomic Fire Records il suo nuovo lavoro intitolato "My way" che conterrà 17 cover di canzoni che hanno influenzato il musicista e cantante tedesco. Le sorprese non mancano visto che si spazia dai Led Zeppelin a Frank Sinatra, passando per il repertorio di Tina Turner e degli AC/DC. Il primo singolo è un omaggio ai Queen:  una rilettura di “We Will Rock You”, che è stata personalmente approvata da Brian May, il quale l’ha descritta come la più solida cover dei Queen che abbia mai ascoltato. Video un po' patetico ma piacerà agli appassionati del genere. La versione originale di "We Will Rock You" compare nel sesto album in studio dei Queen News of the World. La canzone porta la firma del chitarrista Brian May che raccontò alla stampa di averla sognata. Il brano venne pubblicato su singolo con d

Enrico Ruggeri e Irene Grandi: la cover di Alexander Platz

Si è conclusa allo Sferisterio di Macerata la trentaduesima edizione di Musicultura la rassegna dedicata alla canzone d'autore. La serata finale del Festival si è aperta con un omaggio a Franco Battiato e Milva. Enrico Ruggeri, conduttore della serata con Veronica Maya. ha proposto al pubblico la cover di "Alexander Platz" in un duetto inedito con Irene Grandi attesa ospite della serata. Un brano sicuramente non semplice da approcciare, ma che i due artisti, accompagnati dalla band di Ruggeri, hanno interpretato in modo convincente.    La versione originale di Alexander Platz è stata pubblicata nel 1982 da Milva, e apre l'album Milva e dintorni. Si tratta in realtà del riadattamento di un brano del 1979 composto da Alfredo Cohen con la collaborazione di Franco Battiato e Giusto Pio e cantato dallo stesso Cohen. Nel 1982 Battiato riscrisse il testo ispirandosi alla celebre piazza di Berlino Est, Divenne uno dei cavalli di battaglia di Milva anche se in Italia non f

Lucinda Williams: esce l'album tributo Tom Petty

Uscirà il prossimo 16 aprile il tributo a Tom Petty registrato dalla cantautrice Lucinda Williams lo sorso anno. Un progetto intitolato "Lu's Jukebox Volume 1, Runnin’ Down a Dream: A Tribute to Tom Petty" e composto da dodici brani presi dal repertorio del compianto rocker della Florida, che la Williams ha registrato dal vivo il 29 ottobre del 2020 al Room and Board Studios a Nashville. Nel disco compare anche un inedito scritto dalla stessa Williams e intitolato "Stolen Moments". "Non volevamo dare una mano a nessuno dei grandi, celebri locali loro sopravvivranno. Volevamo quelli che hanno sostenuto artisti come la Williams per 30 anni. Sono i nostri preferiti" ha spiegato a Rolling Stone, Tom Overby, manager e compagno della Williams. Ad accompagnare la 68 enne cantautrice ci sono Stuart Mathis alla chitarra Joshua Grange alla chitarra e tastiere, Stephen Mackey al Basso e Fred Eltringham alla batteria. Il progetto Lu's Jukebox si è articola

Cat Power pubblica una cover dei Rolling Stones

Dopo aver pubblicato un intero album di cover all'inizio dell'anno, Cat Power ha ora condiviso in rete una nuova eccellente rilettura: "You got the silver” brano originariamente incluso nell’album “Let it bleed” dei Rolling Stones. Una versione intensa ed emozionante con un arrangiamento non si allontana molto dalla versione originale. D'altronde come ha scritto Pitchfork "la Marshall può riarrangiare una canzone semplicemente strizzando gli occhi". In passato la Marshall aveva già reso omaggio agli Stones interpretando la celeberrima "(I can't get no) Satisfaction". Cat Power è attualmente impegnata nel suo tour europeo e arriverà in Italia il 20 giugno all’Auditorium Parco della Musica di Roma e il giorno successivo a Sesto al Reghena (Pn). La versione originale di "You got the silver" venne pubblicata dai Rolling Stones nel 1969 nell'album "Let It Bleed". E' il primo brano del gruppo ad essere cantato da Keith Ri