Passa ai contenuti principali

Chiara Ragnini: la cover acustica de "Il cielo in una stanza"

Chiara Ragnini ha pubblicato una nuova cover acustica per il suo format "Home Play" che ha visto la cantautrice ligure durante i mesi del lockdown, interpretare in versione "casalinga" alcuni dei sui brani preferiti. In questo caso la scelta è caduta su un grande classico della musica italiana come "Il cielo in una stanza" di Gino Paoli.

La cover sarà inserita nel suo prossimo album  intitolato "Homeplay vol. 1 - Canzoni buone dal focolare di casa", che raccoglierà 12 cover, metà in inglese e metà in italiano, e sarà pubblicato solo in formato CD fisico in primavera.

"Il cielo in una stanza è uno di quei brani che ha accompagnato le mie sessioni di ascolto da bambina - ci ha spiegato Chiara - ricordo di averla ascoltata la prima volta sul giradischi dei miei genitori e da subito me ne innamorai.
E' impossibile non portarla nel cuore: la melodia e il testo rimangono subito impressi e non vanno più via.
Questo è un esempio lampante di canzone evergreen, destinata, come è già da tempo, a costituire uno dei pilastri della canzone d'autore nazionale
".

Abbiamo chiesto a Chiara quale sia la sua cover preferita del classico di Gino Paoli.

"La versione di Mina è senza dubbio elegante e raffinata ma quella di Morgan ha una marcia in più rispetto a tutte, originale inclusa: lui riesce sempre a interpretare in maniera magistrale non solo le sue canzoni ma anche, e soprattutto, forse, quelle di altri autori e in questo caso ci fa un'ottima figura. Parte quasi sussurrando il testo per poi esplodere di armonia e passione, come d'altronde fa anche l'originale cantata da Paoli. E' in assoluto la versione alla quale sono più affezionata".


 "Il cielo in una stanza" è stata scritta da Gino Paoli ma la prima versione ad essere stata pubblicata è quella cantata da Mina che arrivò nei negozi nel giugno del 1960. La versione cantata da Paoli arrivò nei negozi solo qualche mese dopo e risultava firmata da Mogol e da Toang visto che Paoli non era ancora iscritto alla SIAE.
Fu il secondo singolo di Mina a raggiungere la prima posizione della Hit Parade.
Tra le tante cover, meritano un ascolto le versioni di Giorgia, Franco Battiato, Mike Patton oltre alla già citata versione di Morgan.

Commenti

Post popolari in questo blog

Brunori Sas: la cover di "Amandoti" dei CCCP

"Amandoti" è probabilmente la canzone dei CCCP più conosciuta dal grande pubblico. Questo grazie alla cover realizzata da Gianna Nannini che nel 2004 inserì una sua versione del brano all'interno dell'album Perle. La versione originale del brano - che porta la firma di Giovanni Ferretti e Massimo Zamboni - era stata pubblicata nel 1990 all'interno dell'ultimo album ufficiale dei CCCP Epica Etica Etnica Patho s e sulla copertina del disco veniva indicata come "sedicente cover". La canzone era nata infatti qualche anno prima per lo spettacolo teatrale Allerghia . e la prima versione (rimasta inedita) era cantata da Annarella Giudici. In questi giorni ha cominciato a circolare in rete una interessante cover del brano realizzata dal vivo dal cantautore calabrese Brunori Sas. La registrazione è di discreta qualità audio e video ed è stata realizzata lo scorso 14 Febbraio presso il Piccolo Teatro dell'Unical di Cosenza. Versione non migliore del

Mika e Michele Bravi cantano la cover di 'Bella d'estate'

Ancora una cover italiana in questa estate del 2020. Dopo il non proprio riuscitissimo esperimento di "I Love My Radio" arriva ora un'omaggio a Mango con la versione di "Bella D'Estate" cantata da Mika e Michele Bravi. Al suo fianco in questa impresa, il cantante ha voluto una sua personale scoperta musicale. Michele Bravi, suo pupillo (e vincitore) durante la settima edizione di XFactor, lo affianca con la sua voce graffiate e la sua innata e profonda sensibilità. I due artisti si sono conosciuti a X Factor nel 2013 dove Mika debuttava come giudice, mentre Michele era concorrente e poi vincitore di quella edizione grazie proprio alla felice intuizione del cantante libanese. Mika ha raccontato : "Ho riscoperto Bella d'Estate quasi per caso, senza pianificazione, mi è venuta l'idea di cantarla. E’ una cover nata per amore della canzone stessa, per amore di Mango, ma anche di Lucio Dalla, che ha scritto il testo e di cui sono un grande ammiratore.

Neil Young canta "The Times They Are a Changin'" di Bob Dylan

La scorsa settimana su Rockol abbiamo pubblicato la lista delle cover ufficialmente pubblicate da Neil Young nel corso della sua lunga carriera. Ora l'elenco va aggiornato con una nuova canzone, visto che il cantautore canadese ha pubblicato sul suo sito una rilettura della celebre "The Times They Are a Changin'".Una versione acustica che Young ha interpretato in solitaria lo scorso 23 giugno, accompagnandosi come di consueto con la chitarra acustica e l'armonica a bocca. Il cantautore canadese ha più volte omaggiato Dylan nel corso della sua carriera con le cover di "All Along the Watchtower", "Blowin' in the Wind" e di "Girl from the North Country", ma aveva interpretato The Times They Are a Changin solo una volta dal vivo nel 1988. Per ora la cover è disponibile solo qui. Bob Dylan scrisse il brano nel 1963  nel tentativo di farne un inno dei cambiamenti che avvenivano in quel momento storico. Il brano venne pubblicato come

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese, ma di fatto la canzone comincia a diffondersi a Bologna, a Montefiorino. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legam

Miley Cyrus canta "My Future" di Billie Eilish

Con il mese di settembre è ripartita la stagione del BBC Live Lounge, la celebre trasmissione in onda dal 2006 sulla Radio One della BBC e che da qualche anno è condotta da Clara Amfo. La prima puntata della nuova stagione ha visto come protagonista Miley Cyrus in collegamento da Los Angeles, con un mini special di quattro canzoni.  Tra i brani proposti, spicca l'omaggio a Bille Eilish con una bella cover di "My Future" che Miley ha rielaborato in maniera molto personale, stravolgendo l'arrangiamento originale e modificando la parte finale del testo. L’originale si conclude infatti con la frase "I'll see you in a couple years" ( “ci vediamo fra un paio d’anni”) , mentre la cantante di Nashville ha aggiunto un lapidario "but probably not" ( “ma probabilmente no”) rivolgendo poi una beffarda linguaccia alla camera. Bella versione e interpretazione molto convincente La versione originale di "My Future" è stata scritta e registrata a Lo