Passa ai contenuti principali

Beatles: tutte le cover presenti nel documentario "Get Back"

Come ha spiegato con la consueta precisione Franco Zanetti su Rockol, sono oltre 200 le canzoni presenti nella docuserie 'The Beatles: Get Back', diretta e prodotta da Peter Jackson e disponibile in streaming su Disney+ a partire da venerdì 25 novembre.
E sono molte le cover, anche se spesso si tratta di brevi abbozzi di pochi secondi,
Questo nel dettaglio l'elenco completo.

Some other guy (Barrett-Lieber-Stoller)
Act naturally (Russell)
I shall be released (Dylan)
Johnny B Goode (Chuck Berry)
Quinn the Eskimo (The mighty Quinn) (Bob Dylan)
Tea for two (Youmans/Caesar)
Midnight special (traditional)
What do you want to make those eyes at me for? (Monaco-Johnson-McCarthy)
Harry Lime - Theme from The third man (Anton Karas)
Rock and roll music (Chuck Berry)
Mr Bass Man (Johnny Cymbal)
Stand by me (Ben E King-Leiber-Stoller)
Baa, baa, black sheep (traditional)
You win again (Hank Williams)
Honey hush (Willie Turner)
Move it Ian (Samwell)
Mama, you been on my mind (Dylan)
Christmas alphabet (Loman-Kaye)
I'm talking about you (Chuck Berry)
Hi-heel sneakers (Robert Higginbotham)
Carolina moon (Burke-Davis)
It's only make believe (Nance-Jenkins)
You're my world (Il mio mondo) (Bindi-Paoli-Sigman)
Build me up buttercup (Maracaulay-D'Abo)
No other love (Rodgers-Hammerstein)
Those were the days (Raskin)
Long tall Sally (Blackwell-Penniman-Johnson)
Tutti frutti (Penniman-Lubin-La Bostrie)
Maybe it's because I'm a londoner (Gregg)
You are my sunshine (Davis)
Forty days (Chuck Berry)
Queen of the hop (Harris)
Gilly gilly ossenfeffer katzenellen bogen by the sea (Hoffman-Manning)
New Orleans (Guida-Royster)
Hi-heel sneakers (Higginbotham)
My baby left me (Crudup)
Hallelujah I love her so (Ray Charles)
Milk cow blues (Kokomo-Arnold)
Good rockin' tonight (Roy Brown)
Shout! (Isley-Isley-Isley)
Some other guy (Barrett-Leiber-Stoller)
Going up the country (Alan Wilson)
A taste of honey (Scott-Marlow)
Save the last dance for me (Pomus-Shuman)
Twenty flight rock (Fairchild-Cochran)
Reach out, I'll be there (Holland-Dozier-Hammond)
On the road again (Jones-Wilson)
School days (ring ring goes the bell) (Chuck Berry)
Stand by me (Ben E King-Leiber-Stoller)
Maggie Mae (traditional)
Act naturally (Russell-Morrison)
Bye, bye love (Boudleaux & Felice Bryant)
The walk (McCracklin-Garlic)
Without a song (Youmans-Eliscu-Rose)
Little Yellow pills (Jackie Lomax)
Twist and shout (Medley-Russell)
Blue suede shoes (Perkins)
Shake, rattle and roll (Charles E.Calhoun).
Miss Ann (Johnson-Penniman)
Kansas City (Leiber-Stoller)
Take these chains from my heart (Heath-Rose)
Danny Boy (Londonderry air) (traditional)
Friendship (Cole Porter)
God save the Queen (traditional)
A pretty girl is like a melody (Irving Berlin)
Take this hammer (traditional)
Five feet high and raising (Johnny Cash)
Party (Jessie Mae Robinson)

Commenti

Post popolari in questo blog

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese, ma di fatto la canzone comincia a diffondersi a Bologna, a Montefiorino. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legam

Brunori Sas: la cover di "Amandoti" dei CCCP

"Amandoti" è probabilmente la canzone dei CCCP più conosciuta dal grande pubblico. Questo grazie alla cover realizzata da Gianna Nannini che nel 2004 inserì una sua versione del brano all'interno dell'album Perle. La versione originale del brano - che porta la firma di Giovanni Ferretti e Massimo Zamboni - era stata pubblicata nel 1990 all'interno dell'ultimo album ufficiale dei CCCP Epica Etica Etnica Patho s e sulla copertina del disco veniva indicata come "sedicente cover". La canzone era nata infatti qualche anno prima per lo spettacolo teatrale Allerghia . e la prima versione (rimasta inedita) era cantata da Annarella Giudici. In questi giorni ha cominciato a circolare in rete una interessante cover del brano realizzata dal vivo dal cantautore calabrese Brunori Sas. La registrazione è di discreta qualità audio e video ed è stata realizzata lo scorso 14 Febbraio presso il Piccolo Teatro dell'Unical di Cosenza. Versione non migliore del

Enrico Ruggeri e Irene Grandi: la cover di Alexander Platz

Si è conclusa allo Sferisterio di Macerata la trentaduesima edizione di Musicultura la rassegna dedicata alla canzone d'autore. La serata finale del Festival si è aperta con un omaggio a Franco Battiato e Milva. Enrico Ruggeri, conduttore della serata con Veronica Maya. ha proposto al pubblico la cover di "Alexander Platz" in un duetto inedito con Irene Grandi attesa ospite della serata. Un brano sicuramente non semplice da approcciare, ma che i due artisti, accompagnati dalla band di Ruggeri, hanno interpretato in modo convincente.    La versione originale di Alexander Platz è stata pubblicata nel 1982 da Milva, e apre l'album Milva e dintorni. Si tratta in realtà del riadattamento di un brano del 1979 composto da Alfredo Cohen con la collaborazione di Franco Battiato e Giusto Pio e cantato dallo stesso Cohen. Nel 1982 Battiato riscrisse il testo ispirandosi alla celebre piazza di Berlino Est, Divenne uno dei cavalli di battaglia di Milva anche se in Italia non f

Tom Morello e Serj Tankian: ascolta l'omaggio ai Gang Of Four

E' la cover di “Natural’s Not In It” il primo "assaggio" di "The Problem of Leisure: A Celebration of Andy Gill and Gang of Four" il tribute album dedicato ai Gang Of Four di cui ci siamo già occupati su queste pagine il mese scorso.   La cover di è stata realizzata da Serj Tankian (System of a Down) e dal chitarrista Tom Morello (dei Rage Against the Machine). "Andy Gill è stato uno dei pochi artisti della storia che ha cambiato il modo di suonare le chitarra - ha dichiarato Tom Morello - I Gang of Four erano una band assolutamente incendiaria e rivoluzionaria, e questo per merito dello stile chitarristico di Andy, così provocatorio, snervante e sublime. Il loro approccio destrutturato e indefinibile, il suono volutamente anti-eroico e la feroce poetica radicale sono stati una grande influenza per me". Inizialmente previsto per 2019, in occasione del 40° anniversario del seminale debutto del gruppo post-punk, il progetto "The Problem of Leisure

Sondre Lerche: ascolta l'omaggio a Lady Gaga e a Bob Dylan

Sondre Lerche ha chiuso l'anno con una doppia cover. Il cantautore norvegese ha rispettato una curiosa tradizione che lo ha visto negli ultimi anni regalare ai sui fan una sua rilettura di un brano per lui significativo della annata musicale. Dopo Britney Spears, Drake, Ariana Grande e Beyonce, quest'anno la sua scelta è stata quella di un doppio omaggio: a Lady Gaga per il singolo "Rain On Me" e Bob Dylan con "I Contain Multitudes”, brano che nelle note Lerche definisce "la migliore canzone di Dylan che abbia mai ascoltato". Le cover sono state prodotte da Matias Tellez e rese disponibili su Bandcamp. Rain On Me / I Contain Multitudes by Sondre Lerche La versione originale di "Rain On Me" è cantata da Lady Gaga e Ariana Grande e compare nell'album "Cromatica". Ha conquistato 3 MTV Muisc Awards, nelle categorie Canzone dell'anno, Miglior collaborazione e Miglior fotografia, "I Contain Multitudes"è uno dei singol