Passa ai contenuti principali

Incognito: il nuovo singolo è una cover di Idris Muhammed

Nuovo singolo per gli Incognito, la celebre band fondata nel lontano 1976 da Jean- Paul “Bluey” Maunick. Ancora una volta la band inglese si affida ad una cover, come spesso capitato nel corso della loro fortunata carriera: in questo caso Bluey e compagni ci fanno riscoprire una hit di Idris Muhammed intitolata "Could heaven ever be like this", probabilmente l'unico vero successo nella carriera del musicista della Luisiana, scomparso nel 2014 e considerato un vero precursore della scena jazz funk.
Una versione eccellente, tirata a lucido da un arrangiamento di grande impatto, che fa parte della compilation “Dome 30 Years Vol 1” nata per festeggiare l’etichetta Dome Records.
 
Gli Incognito saranno in tour questa estate in Italia. Queste le date

Queste le date:

8 luglio Giugliano (NA) / Livingston at Lido Varca D’Oro
9 luglio Trieste - Trieste Estate / Castello di San Giusto
10 luglio Rimini – Corte degli Agostiniani / Percuotere la Mente
12 luglio Perugia - Umbria Jazz / Arena Santa Giuliana
13 luglio Pescara – Pescara Jazz / Teatro D’Annunzio
12 agosto Cabras (OR) – Piazza Stagno / Dromos Festival




La versione originale di "Could Heaven Ever Be Like This" compare nell'album "Turn This Mutha Out" pubblicato da Idris Muhammad nel 1977. Il brano, pubblicato come singolo, ottenne un buon riscontro nella classifica RnB di Billboard ed è ricordato come il singolo di maggior successo nella carriera del percussionista americano. Da segnalare l'assolo di chitarra opera di Hiram Bullock e l'assolo di sax tenore di Michael Brecker .
Il brano porta la firma di David Matthews (produttore del disco) e di Tony Sarafino.

Commenti

Post popolari in questo blog

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un canto delle mondine padane, anche per la versione  realizzata da

Enrico Ruggeri e Irene Grandi: la cover di Alexander Platz

Si è conclusa allo Sferisterio di Macerata la trentaduesima edizione di Musicultura la rassegna dedicata alla canzone d'autore. La serata finale del Festival si è aperta con un omaggio a Franco Battiato e Milva. Enrico Ruggeri, conduttore della serata con Veronica Maya. ha proposto al pubblico la cover di "Alexander Platz" in un duetto inedito con Irene Grandi attesa ospite della serata. Un brano sicuramente non semplice da approcciare, ma che i due artisti, accompagnati dalla band di Ruggeri, hanno interpretato in modo convincente.    La versione originale di Alexander Platz è stata pubblicata nel 1982 da Milva, e apre l'album Milva e dintorni. Si tratta in realtà del riadattamento di un brano del 1979 composto da Alfredo Cohen con la collaborazione di Franco Battiato e Giusto Pio e cantato dallo stesso Cohen. Nel 1982 Battiato riscrisse il testo ispirandosi alla celebre piazza di Berlino Est, Divenne uno dei cavalli di battaglia di Milva anche se in Italia non f

Lucinda Williams: esce l'album tributo Tom Petty

Uscirà il prossimo 16 aprile il tributo a Tom Petty registrato dalla cantautrice Lucinda Williams lo sorso anno. Un progetto intitolato "Lu's Jukebox Volume 1, Runnin’ Down a Dream: A Tribute to Tom Petty" e composto da dodici brani presi dal repertorio del compianto rocker della Florida, che la Williams ha registrato dal vivo il 29 ottobre del 2020 al Room and Board Studios a Nashville. Nel disco compare anche un inedito scritto dalla stessa Williams e intitolato "Stolen Moments". "Non volevamo dare una mano a nessuno dei grandi, celebri locali loro sopravvivranno. Volevamo quelli che hanno sostenuto artisti come la Williams per 30 anni. Sono i nostri preferiti" ha spiegato a Rolling Stone, Tom Overby, manager e compagno della Williams. Ad accompagnare la 68 enne cantautrice ci sono Stuart Mathis alla chitarra Joshua Grange alla chitarra e tastiere, Stephen Mackey al Basso e Fred Eltringham alla batteria. Il progetto Lu's Jukebox si è articola

Rita Ora canta Silent Night

Forse è davvero il Natale di "Silent Night". Dopo la cover realizzata dai Queens Of The Stone Age , il celebre classico della tradizione natalizia è stato ricantato anche da Rita Ora. La bella cantante di origini kosovare è stata in questi giorni ospite del programma Radio 2 Breakfast Show e ha regalato al pubblico un po' di atmosfera natalizia con una intensa versione chitarra e voce di "Silent Night” ossia la “versione anglosassone” di Stille Nacht Il brano è uno fra i più celebri canti di Natale al mondo, tradotto in più di 300 lingue: in Italia è noto con il titolo di “Astro del Ciel”. La melodia venne composta nel 1818 da compositore austriaco Franz Xaver Gruber. Dal 2011 è entrata a far parte dei “Patrimoni immateriali dell'umanità” dell’UNESCO. Da Perry Como a Mahalia Jackson, da Joan Baez a Barbra Straisand, da Willie Neslon a Al Green il brano vanta oltre duemila diverse versioni "ufficialmente" registrate.

Toyah (in topless) e Robert Fripp omaggiano gli ZZ Top

Puntuale, anche questa domenica, Rovert Fripp e Toyah regalano ai loro fan una nuova cover "domestica" per la loro rubrica settimanale "Sunday Lunch". Il brano scelto questa domenica è un omaggio agli ZZ Top, il celebre trio texano capitanato da Billy Gibbons. Si tratta della celebre "Sharp Dressed Man" una delle hit del gruppo che con il suo sound che univa il blues rock all'elettronica, conquistò le classifiche negli anni '80. Sulla carta nulla di più distante dallo stile dei King Crimson che però ha dimostrato con questi video una inaspettata autoironia. La moglie Toyah Wllicox ha invece ancora una volta, nonostante l'età, giocato con gli atteggiamenti provocanti mettendo in cris il celebre aplomb di Mr, Fripp che non rimane indifferente al suo topless.Robert e Toyah sono accompagnati anche in questo video dal "misterioso" chitarrista Sidney Jake, diventato nelle ultime settimane presenza fissa in casa Fripp. Nata durante il lockdo