Passa ai contenuti principali

Lenny Kravitz: una cover per celebrare Harry Belafonte

Lenny Kravitz ha voluto rendere omaggio al grande Harry Belafonte e lo ha fatto pubblicando sui social e sul suo canale YouTube la cover di “How Long Have You Been Blind” accompagnata da poche ma efficaci parole " Rest in power, King".

Lenny ha scritto: "Harry Belafonte. Gigante. Leader. Motivatore. Attivista. Combattente per la libertà. Amante dell'umanità. Musicista. Messaggero. Attore. Icona. Artista. Un uomo di famiglia. Vivrai per sempre nel mio cuore. Sono stato fortunato a conoscerla, signore".


Musicista, attore e attivista per i diritti civili, Harry Belafonte era nato a New York, il 1 marzo 1927. Aveva reso popolare la musica caraibica in tutto il mondo ed è stato il primo artista a vendere un milione di copie di un suo album.


Il giorno della sua scomparsa Lanny Kravitz lo aveva ricordato pubblicando una foto che li ritraeva insieme accompagnata dal saluto Harry Belafonte. Gigante. Leader. Motivatore. Attivista. Combattente per la libertà. Amante dell'umanità. Musicista. Messaggero. Attore. Icona. Artista. Un uomo di famiglia. Vivrai per sempre nel mio cuore. Sono stato fortunato a conoscerla, signore".

Ora arriva questa energica rilettura funk rock di uno dei classici del suo repertorio con il musicista newyorchese che oltre a cantare suona la batteria e le tastiere.



"How Long Have You Been Blind" è un brano che Belafonte ha eseguito numerose volte negli anni '80. Scritta dal musicista e attivista politico Dakota Sioux Floyd "Red Crow" Westerman, la canzone è apparsa nell'album in This Land Is Your Mother" del 1982. Westerman venne coinvolto nel corso degli anni da Belafonte nella sua personale campagna di sensibilizzazione contro la proliferazione nucleare delle potenze moderne.


Commenti

Post popolari in questo blog

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un canto delle mondine padane, anche per la versione  realizzata da

Una cover dei Metallica per il nuovo spot Spot Renault

Scala & Kolacny Brothers Il novo spot della Renault in onda in questi giorni nei principali canali televisivi italiani ha fatto riscoprire al pubblico una cover di "Nothing Else Matters" dei Metallica. Una versione "corale" pubblicata nel 2010 dai coro belga Scala & Kolacny Brothers del quale ci siamo già più volte occupati su queste pagine. La cover era contenuta nel loro album "Circle" e venne utilizzata nel primo episodio della serie televisiva Crisis, nel primo episodio della diciottesima stagione di Squadra Speciale Cobra 11 e nella colonna sonora del film Sangue del mio sangue. Ora la cover è stata scelta per lo spot "Renault Austral E-Tech full hybrid" nella quale vengono mostrati due robot che smontano un’auto. La versione originale di "Nothing Else Matters" faceva parte del "Black Album" dei Metallica uscito nel 1992; la scrisse il chitarrista James Hatfield per una sua vecchia fidanzata ma la giudicava tr

Delta V: la cover di "Io Sto Bene" dei CCCP - Fedeli Alla Linea

C'è anche un omaggio ai CCCP - Fedeli Alla Linea nel nuovo album dei Delta V. La band di Carlo Bertotti e Flavio Ferri è tornata dopo 12 anni si silenzio con un nuovo album intitolato "Hemai" e con una nuova cantante Marti (Martina Albertini). Così come in passato quando il gruppo aveva ripreso "Se telefonando" di Mina "Un'estate fa" di Califano e "Ritornerai" di Lauzi, nel disco compare anche una cover e in questo caso la scelta è caduta su "Io sto bene" brano dei CCCP del 1986. E' stata la nuova cantante Martina Albertini a scegliere la cover. "Durante le session di prove improvvisano su varie cose - ha raccontato al TgCom24 - U na sera siamo andati a un concerto di Giovanni Lindo Ferretti e ci siamo resi conto di come pezzi scritti a metà degli anni 80 fossero ancora attuali. Nei giorni seguenti ho iniziato ad accennare una melodia con il testo di “Io sto bene” Da lì abbiamo lavorato scomponendo il pezzo o

Buddy Guy: nuovo album con un omaggio ai Beatles

C'è anche un tributo ai Beatles tra le tracce del nuovo album di Buddy Guy , vera leggenda vivente del blues. L'86enne chitarrista della Louisiana ha da poco dato alle stampe il 34esimo album in studio della sua carriera. Il disco si intitola "The Blues Don't Lie" e  vede la partecipazione di artisti del calibro di Mavis Staples, Elvis Costello, James Taylor e Jason Isbel ed è stato prodotto da Tom Hambridge, in passato vincitore di due Grammy Awards. Un lavoro che esce esattamente a 65 anni dal suo arrivo a Chicago su un treno da Baton Rouge, Louisiana, nel settembre del 1957, con solo addosso i suoi vestiti e la sua chitarra. Spicca nella tracklist la cover di "I've got a feeling" dei Beatles, riletta con gusto ed originalità. La versione originale di "I’ve Got A Feeling" venne pubblicata dei Beatles nell'album Let It Be  pubblicato nel 1970, Alla registrazione del brano - avvenuta il 30 gennaio del 1969 durante il celebre concerto

Fabrizio Bosso: il nuovo album è un tributo a Stevie Wonder

Il trombettista torinese Fabrizio Bosso rende omaggio con il suo quartetto al genio musicale di Stevie Wonder nel nuovo album "We Wonder". L’energia e la vitalità che caratterizzano lo stile inconfondibile di Stevie Wonder, la forza espressiva delle sue più celebri ballad, insieme alla tecnica e al lirismo della tromba di Fabrizio Bosso, la cura degli arrangiamenti e la personalità musicale di ciascun musicista del quartetto, sono tutti elementi che rendono unico e prezioso questo progetto discografico. Non è stato facile per Bosso selezionare i brani da una discografia così ampia e che ha influenzato gran parte della musica del secolo scorso, contribuendo alla nascita di nuovi generi musicali. La tracklist di We Wonder contiene 9 canzoni tra le più significative di Wonder, scelte da un repertorio che abbraccia il periodo che va dalla fine degli anni ’60 fino all’ultima pubblicazione discografica del 2004. Il singolo Overjoyed, già pubblicato a maggio su tutte le piattaforme