Passa ai contenuti principali

The Puppini Sisters: la cover di Work It di Missy Elliott

Le Puppini Sisters ci hanno abituato a delle cover sorprendenti e anche il nuovo singolo non delude le attese: un'incedibile versione swing di "Work it" di Missy Elliott. Per l'occasione il trio femminile nato a Londra nel 2004, è accompagnato dai The Hoppers. trio Swing Maschile,specializzato nel Lindy Hop e Boogie Woogie formato da Matteo Johnny Capizzi. Lester Ian Philips e Mirko Cicciari.
Il risultato è un video davvero divertente e spettacolare, realizzato in Italia e diretto da Jacopo Dessì.
Una versione quasi irriconoscibile, con un testo parecchio modificato e "epurato". Il brano fa parte di "The High Life" il nuovo album delle Puppini Sisters, realizzato grazie ad un progetto di crowdfounding attraverso Pledge Music.


La versione originale di "Work it" risale al 2002 e faceva parte del quarto album della trasgressiva rapper americana intitolato "Under Construction". In realtà anche il brano della Elliott non è del tutto "originale" visto che contiene i sample di tre diverse canzoni: "Piper Piper" dei Run DMC (1986) "Heart of Glass" dei Blondie (1978) e Request Line di Rock Master Scott and the Dynamic Three (1984). Il testo è della stessa Missy Elliot che ha prodotto il brano insieme a Timbaland.
E' uno dei brani più famosi del repertorio della rapper americana ma non ha mai raggiunto la numero uno della classifica di Billboard avendo avuto la sfortuna di uscire in contemporanea con "Loose Yourself" di Eninem che dominò le classifiche USA alla fine del 2002. Detiene però un curioso record; quello del maggior numero di settimane trascorse alla numero due in classifica senza arrivare in vetta: ben 10.

In più dell'originale: le atmosfere swing dance
In meno dell'originale: qualche parolaccia ...

Commenti

Post popolari in questo blog

Tina Turner compie 80 anni: auguri alla Regina del Rock

Compie oggi 80 anni Tina Turner, delle più straordinarie performer della storia della musica. La cantante statunitense (oggi cittadina svizzera) nasce infatti il 26 Novembre 1939 a Nutbush, nello stato del Tennessee, con il nome Anna Mae Bullock. Una storia musicale iniziata alla fine degli anni 50 dopo l’incontro con Ike Turner e decollata nel 1971 con il successo di “Proud Mary”. Una carriera musicale segnata però non solo da record di vendite e canzoni leggendarie e Grammy Awards, ma anche da drammi personali e rinascite incredibili. Noi oggi festeggiamo gli 80 anni della “Acid Queen” del rock, con 5 cover che hanno reso la voce di Tina inimitabile. Tanto da aver “oscurato” le versioni originali.

Tina Turner - I Can't Stand The Rain
La versione originale risale al 1973 ed è cantata da Ann Peebles. La cover di Tina compare nell’album “Pivate Dancer” del 1984

Tina Turner - Let´s spend the night together
Mick Jagger ha sempre ammesso di avere preso ispirazione da Tina per il modo…

Billie Eilish: ascolta la cover di ‘New York New York’

Giusto in tempo per entrare nella “classifica delle migliori cover dell’anno”, Billie Eilish ha registrato una sua versione di “New York, New York”. La cover fa parte della colonna sonora di "The Morning Show" – la serie televisiva di punta di Apple+ con Jennifer Aniston e Steve Carell. The Morning Show racconta la storia di un programma d’informazione della tv americana, e delle vicende dei suoi conduttori, soprattutto Mitch Kessler (Steve Carell), licenziato a causa di uno scandalo sessuale.
Una cover che ha colto di sorpresa molti fan della cantante, visto che non era stata annunciata pubblicamente: una interpretazione molto minimale, quasi sussurrata come nello stile della giovane star californiana.



Anche se in molti associano il brano a Frank Sinatra, la versione originale di “New York, New York” è stata cantata da Liza Minnelli nel 1977 per la colonna sonora del film omonimo diretto da Martin Scorsese. Il grande “The Voice” cominciò a inserire il brano nei suoi live …

John Legend & Kelly Clarkson: un duetto per Natale

"Baby, It's Cold Outside" è uno degli standard musicali più conosciuti della storia della musica pop e uno dei duetti più famosi di sempre. Nonostante il testo non contenga alcun riferimento diretto al Natale, la canzone è diventata negli anni anche un vero e proprio classico natalizio, grazie anche alle moltissime cover realizzate. L’ultima, in ordine di tempo, è quella cantata insieme da John Legend e da Kelly Clarkson. La loro versione ha però un testo diverso rispetto all'originale che lo scorso anno – nel pieno della bufera del #meetoo - era stata bandita da alcune radio americane a causa di alcuni versi considerati poco appropriati.
Il brano farà parte della ristampa dell'album "A Legendary Christmas" che a distanza di un anno viene riproposto in versione deluxe.
La versione originale di Baby, It's Cold Outside, venne composta da Frank Loesser nel 1944 e comparve nel 1949 nella colonna sonora del film “La figlia di Nettuno” (Neptune's Da…

Marco Mengoni: la cover di "Music" di John Miles

Molti ospiti interessanti per la prima puntata di “Stati Generali” il nuovo programma condotto da Serena Dandini che ha debuttato ieri sera su Rai 3. Tra questi, Dario Argento con un monologo sulla paura il neurobiologo di fama internazionale Stefeano Mancuso e una star degli anni '60, l'attrice e cantante britannica Jane Birkin. Non sono mancate le “sorprese” musicali grazie ai The Scissionisti, ovvero Elio e Le Storie Tese che hanno regalato al pubblico due divertenti cover: la loro versione di “Se Mi lasci non vale” di Julio Iglesias e la cover della celeberrima “All You Need Is Love” dei Beatles con testo tradotto in italiano (in modo letterale). Ad interagire con la resident band della trasmissione è stato Marco Mengoni, per una eccellente versione live di “Music” di John Miles. Il “Re Matto” ha giocato palco con la Dandini, proponendosi nei panni dell’improbabile “Lionel” goffo cantante debuttante, che sorprende però tutti con la sua voce del "Gruppo Misto".
C…

Il concerto tributo a Jack Bruce del 2015 esce in DVD e CD

Il 24 Ottobre 2015, alla vigilia di quello che sarebbe stato il primo anniversario della sua scomparsa, alla Roundhouse di Londra si tenne una speciale serata tributo a Jack Bruce, il leggendario bassista scozzese protagonista nei Cream insieme a Eric Clapton e Ginger Baker.
Sotto la direzione di Nitin Sawhney, il concerto che vedeva protagonista un cast stellare con nomi del calibro di Eric Clapton, Ian Anderson, Phil Manzanera e Mark King , venne registrato e filmato. Dopo essere state presentato in anteprima il 14 maggio dello scorso anno in occasione di quello che sarebbe stato il 75 esimo compleanno del musicista, ora lo show è finalmente disponibile in formato CD e DVD.
Tra i brani in scaletta, molti i classici presi del repertorio dei Cream come Badge, I Feel Free, I’m So Glad, Politician, White Room e ovviamente Sunshine of your love.


Sul palco anche Aruba Red, all'anagrafe Natascha Eleonoré Bruce, figlia di Jack e da anni apprezzata cantante della scena trip-hop.

Questa la…