Passa ai contenuti principali

Lorde canta la cover di "The Sound Of Silence"

Lorde è tornata ad esibirsi dal vivo, per una buona causa: il concerto di beneficenza "You are us/Aroha nui", organizzato all'interno dello stadio di Christchurch in Nuova Zelanda per sostenere le famiglie delle vittime della sparatoria dello scorso 15 marzo.

Accompagnata alla chitarra dal cantautore Malon Williams, neozelandese come lei, Lorde ha eseguito la cover di "The Sound of Silence" di Simon & Garfunkel, secondo la leggenda fu composta da Paul Simon nel novembre 1963 dopo l'sassinio del presidente americano John Fitzgerald Kennedy.
Una versione che ha commosso il pubblico e la stessa Lorde, che non aveva mai eseguito pubblicamente il brano in precedenza e che non appariva dal vivo da alcuni mesi .

«È incredibile far parte di questa cosa - ha detto Lorde al microfono - Voglio dire alla nostra comunità musulmana, ai nostri fratelli e alle nostre sorelle: siete stati davvero forti e resilienti e siamo con voi. Questo è il nostro modo di starvi accanto, d’ora in poi».

 

Scritta da Paul Simon nel 1964, il brano comparve in versione acustica nell'album di debutto di Simon & Garfunkel. Per la canzone - che in origine si intitolava "The sounds of silence" - il successo arriverà però solo due anni dopo grazie ad una versione "elettrica" voluta del produttore Tom Wilson.
Il primo gennaio del 1966 il brano arrivò in vetta alla classifica USA, mentre in UK si fermò alla nona posizione. In Italia il singolo ottenne un buon riscontro anche se non andò oltre la 44 esima posizione nella Hit Parade.
E' il brano con il quale Simon and Garfunkel chiusero il loro leggendario Live in Central Park nel 1982


Commenti

  1. Dear FRIENDS,
    now i have a beautiful smiling face and so are which you all, after reading my testimony. My name is kate, I am 31 years old,
    And i live with my husband in Belgium, but I am from UK. I was diagnosed in 2012 with stroke. Doctors told me this condition was forever. I know how you feel and what you are going through right now, I just want to tell you that I am cured now with the help of doctor williams herbal medication, the last time I can remember having stroke was in the summer of 2018. It was a long and difficult process but I am so thankful to dr williams after using his medicine I don't have it anymore. Please know you can be cured too. Accept what happened and is happening to you, forgive, let the past go, love yourself and others unconditionally and be thankful. Everything happens for a reason. If you want to get in contact with dr williams and share your own testimony and thoughts feel free to e-mail him on; drwilliams098675@gmail.com for advice and for his product.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tina Turner compie 80 anni: auguri alla Regina del Rock

Compie oggi 80 anni Tina Turner, delle più straordinarie performer della storia della musica. La cantante statunitense (oggi cittadina svizzera) nasce infatti il 26 Novembre 1939 a Nutbush, nello stato del Tennessee, con il nome Anna Mae Bullock. Una storia musicale iniziata alla fine degli anni 50 dopo l’incontro con Ike Turner e decollata nel 1971 con il successo di “Proud Mary”. Una carriera musicale segnata però non solo da record di vendite e canzoni leggendarie e Grammy Awards, ma anche da drammi personali e rinascite incredibili. Noi oggi festeggiamo gli 80 anni della “Acid Queen” del rock, con 5 cover che hanno reso la voce di Tina inimitabile. Tanto da aver “oscurato” le versioni originali.

Tina Turner - I Can't Stand The Rain
La versione originale risale al 1973 ed è cantata da Ann Peebles. La cover di Tina compare nell’album “Pivate Dancer” del 1984

Tina Turner - Let´s spend the night together
Mick Jagger ha sempre ammesso di avere preso ispirazione da Tina per il modo…

Billie Eilish: ascolta la cover di ‘New York New York’

Giusto in tempo per entrare nella “classifica delle migliori cover dell’anno”, Billie Eilish ha registrato una sua versione di “New York, New York”. La cover fa parte della colonna sonora di "The Morning Show" – la serie televisiva di punta di Apple+ con Jennifer Aniston e Steve Carell. The Morning Show racconta la storia di un programma d’informazione della tv americana, e delle vicende dei suoi conduttori, soprattutto Mitch Kessler (Steve Carell), licenziato a causa di uno scandalo sessuale.
Una cover che ha colto di sorpresa molti fan della cantante, visto che non era stata annunciata pubblicamente: una interpretazione molto minimale, quasi sussurrata come nello stile della giovane star californiana.



Anche se in molti associano il brano a Frank Sinatra, la versione originale di “New York, New York” è stata cantata da Liza Minnelli nel 1977 per la colonna sonora del film omonimo diretto da Martin Scorsese. Il grande “The Voice” cominciò a inserire il brano nei suoi live …

John Legend & Kelly Clarkson: un duetto per Natale

"Baby, It's Cold Outside" è uno degli standard musicali più conosciuti della storia della musica pop e uno dei duetti più famosi di sempre. Nonostante il testo non contenga alcun riferimento diretto al Natale, la canzone è diventata negli anni anche un vero e proprio classico natalizio, grazie anche alle moltissime cover realizzate. L’ultima, in ordine di tempo, è quella cantata insieme da John Legend e da Kelly Clarkson. La loro versione ha però un testo diverso rispetto all'originale che lo scorso anno – nel pieno della bufera del #meetoo - era stata bandita da alcune radio americane a causa di alcuni versi considerati poco appropriati.
Il brano farà parte della ristampa dell'album "A Legendary Christmas" che a distanza di un anno viene riproposto in versione deluxe.
La versione originale di Baby, It's Cold Outside, venne composta da Frank Loesser nel 1944 e comparve nel 1949 nella colonna sonora del film “La figlia di Nettuno” (Neptune's Da…

Marco Mengoni: la cover di "Music" di John Miles

Molti ospiti interessanti per la prima puntata di “Stati Generali” il nuovo programma condotto da Serena Dandini che ha debuttato ieri sera su Rai 3. Tra questi, Dario Argento con un monologo sulla paura il neurobiologo di fama internazionale Stefeano Mancuso e una star degli anni '60, l'attrice e cantante britannica Jane Birkin. Non sono mancate le “sorprese” musicali grazie ai The Scissionisti, ovvero Elio e Le Storie Tese che hanno regalato al pubblico due divertenti cover: la loro versione di “Se Mi lasci non vale” di Julio Iglesias e la cover della celeberrima “All You Need Is Love” dei Beatles con testo tradotto in italiano (in modo letterale). Ad interagire con la resident band della trasmissione è stato Marco Mengoni, per una eccellente versione live di “Music” di John Miles. Il “Re Matto” ha giocato palco con la Dandini, proponendosi nei panni dell’improbabile “Lionel” goffo cantante debuttante, che sorprende però tutti con la sua voce del "Gruppo Misto".
C…

Ornella Vanoni: la cover di "Bocca di Rosa" (con le parole sbagliate)

E' diventata immediatamente virale la cover di "Bocca di rosa" cantata da Ornella Vanoni nel corso della prima puntata di “Una storia da cantare”, dedicato a Fabrizio De André. Purtroppo non tanto per meriti canori, ma per lo sfogo in diretta della cantante che - irritata dal fatto che le luci le impedivano di leggere il gobbo elettronico - ha sbottato con un eloquente "non si vede un cazzo".
Ora l'esibizione completa è disponibile anche sul canale ufficiale della Rai La cantante - che ha da da poco compiuto 85 anni - aveva già proposto il brano nel celebre concerto tenuto il 12 marzo del 2000 al Carlo Felice di Genova, poche settimane dopo la scomparsa del cantautore.
Dopo un divertente "cazzo non l'ho detto" la Vanoni ha ricominciato da capo e ha portato a termine senza ulteriori intoppi l'esibizione, molto simile a quella di 19 anni fa (reperibile nell'album Faber Amico Fragile uscito nel 2003).



La versione originale di "Bocca…