Passa ai contenuti principali

Addio a Joe Cocker: le cover più belle della sua carriera

Lutto nel mondo della musica per la morte di Joe Cocker, certamente una delle voci più riconoscibili della storia del rock.
Gran parte della carriera del grande leone di Sheffild è legata a delle cover. Secondo il sito SecondHandSongs sono state ben 123 quelle che il cantante ha ufficialmente pubblicato nella sua carriera. Carriera che aveva proprio preso il via grazie ad una cover davvero indimenticabile.
Joe Cocker era poco più di una promessa quando il 17 agosto del 1969 salì sul palco del festival di Woodstock per aprire la terza e ultima giornata della manifestazione. Aveva dalla sua un singolo arrivato nel novembre del 1968 alla numero 1 della classifica inglese. E’ una cover di "With a Little Help From My Friends", che gli valse i complimenti degli stessi Beatles. La travolgente versione che ne diede sul palco di Woodstock gli procura il titolo di "miglior cantante di soul bianco" e un posto nell’Olimpo della Musica Rock. Sull’orlo della sbornia, e forse anche oltre, trasforma in un gospel di oltre 8 minuti una delle canzoni considerate “minori” del repertorio dei Fab Four (non a caso cantata da Ringo nell’album Sgt Pepper)
L’originale era in quattro quarti. La versione di Cocker è invece un valzer in tre quarti.
Sarà a lungo il brano d''apertura dei suoi concerti.
Davvero memorabile anche la cover di "The Letter" dei Box Tops contenuta nell'album Mad Dogs & Englishmen, probabilmente il suo lavoro migliore.
Ma per il pubblico italiano Joe Cocker è famoso soprattutto per la celeberrima "You can leave your hat on" dalla colonna sonora del film "9 Settimane e Mezzo". E anche quella era una cover: l'originale era stata cantata da Randy Newman nel 1972 ma nel 1986 il vecchio Joe la rese davvero immortale.
L'anno successivo il successo si ripete con la cover di "Unchain My Heart" presa dal repertorio di Ray Charlses. Impossibile in quel caso pensare di fare meglio di The Genius, ma Cocker ebbe comunque il merito di far conoscere il brano ad una generazione che non aveva conosciuto l'originale.

Commenti

  1. mi fa uno stranissimo effetto pensare che tra i miei miti giovanili oramai i morti siano nettamente più numerosi dei vivi... Grazie per questo ricordo

    RispondiElimina
  2. Vero ... Joe Cocker non era tra i miei "miti" ma ha davvero cambiato la storia del rock.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Bob Dylan: un triplo album di cover

Bob Dylan ha annunciato a sorpresa l'uscita di un nuovo album per il prossimo 31 marzo. Un album triplo, il primo della sua vita, intitolato Triplicate interamente composto di cover version, prese dal repertorio dei grandi classici della musica americana, con una particolare attenzione alle canzoni rese celebri da Frank Sinatra.
L'album - il 38esimo in stidio nella carriera del cantautore sarà prodotto dallo stesso Dylan (con lo pseudonimo di Jack Frost) e uscirà in vari formati, tra cui triplo CD in digipak a otto pannelli, in digitale, cofanetto deluxe 3 LP in vinile a edizione limitata e confezione numerata.
Per il menestrello di Duluth sarà il terzo cover album in tre anni.

I Coldplay rendono omaggio a Chester Bennington

Anche i Coldplay hanno voluto rendere omaggio a Chester Bennington, il cantante dei Linkin Park morto suicida a soli 41 anni lo scorso 20 luglio.
Durante il concerto tenuto ieri - 1 Agosto 2017 -  a New York presso il MetLife Stadium in New Jersey, Chris Martin e compagni hanno eseguito una toccante cover di "Crawling" , brano che faceva parte dell'album d'esordio della band Hybrid Theory.
Una versione distante dall'originale e che il cantante ha eseguito al pianoforte.
"Questa finirà su YouTube e devo cercare di farla bene" ha detto Chris "E' dedicata a chiunque senta la mancanza di qualcuno".
Al concerto era presente anche Mike Shinoda, amico e collega di Chester, che ha pubblicato su Instagram un breve filmato.

50 anni senza Luigi Tenco: 5 cover indimenticabili

Esattamente 50 anni nella notte tra il 26 e 27 gennaio del 1967 - moriva a Sanremo Luigi Tenco, uno dei più grandi e innovativi personaggi della storia della musica italiana. Aveva solo 28 anni ma con le sue canzoni aveva già segnato in modo indelebile la scena musicale.
In quei giorni Tenco stava partecipando alla 17esima edizione del "Festival della canzone italiana" di Sanremo con "Ciao Amore Ciao". La sera prima il brano era stato eliminato dalla giuria, ottenendo solamente 38 preferenze su 900
Oggi noi di My Way lo vogliamo ricordare con 5 cover da brividi.

Mengoni Live 2016: la cover di Freedom di Pharrell

C'è anche la cover di "Freedom" di Pharrell Williams tra le tracce del nuovo album live di Marco Megoni che contiene in due dischi e in un DVD l'intera scaletta del tour Mengoni Live 2016, costituita da brani tratti dai vari album in studio del cantante.
Un tour partito nel 2015 che è proseguito nel corso di quest'anno con una serie di sold out e una scaletta leggermente modificata, nella quale spesso sono comparse cover e snippet inaspettati. Al suo fianco sul palco una band giovane e talentuosa, che si avvale peraltro del sostegno delle due brave coriste come Barbara Comi e Yvonne Park, le quali diventano protagoniste della scena proprio in occasione della cover di “Freedom”, pezzo dedicato a tutte le donne del mondo, poiché a suo parere “hanno il diritto di mantenere e difendere quella libertà conquistata forse troppo tardi”.

Un tributo ai Kinks con il nuovo numero di Mojo

Il lettori della rivista inglese Mojo troveranno in allegato al numero di marzo una interessante iniziativa discografica: un album tributo dedicato ai Kinks con la rilettura integrale del loro album "Something Else" a 50 anni dalla sua pubblicazione. Il disco - il quinto in studio nella carriera della band dei fratelli Davies - arrivò nei negozi nel settembre del 1967 e fu l'ultimo ad essere prodotto dall'americano Shel Talmy, l loro storico produttore fino ad allora, che qui divide il suo ruolo con lo stesso Ray Davies.
L'album conteneva capolavori come "David Watts" (riportata al successo anni più tardi dai The Jam), Death of a Clown (resa nota in Italia dalla cover dei Nomadi con testo di Guccini e il curioso titolo di "Un figlio dei fiori non pensa al domani"), ma soprattutto la meravigliosa "Waterloo Sunset", qui ripresa dall'americano Ty Sagall.