Passa ai contenuti principali

Portishead: la cover di SOS degli ABBA

La cover di S.O.S. degli ABBA realizzata dai Portishead era diventa un piccolo mistero. Comparsa in rete qualche settimana fa, era stata rimossa nel giro di poche ore, facendo così crescere la curiosità dei fan. Ora la band di Bristol - che manca dalle scene discografiche dal 2009 - ha ufficialmente pubblicato il brano sul proprio canale YouTube. Ad accompagnare la cover un video minimale basato su una foto di Beth Gibbons, che si conclude con una frase di Jo Cox, deputata inglese a favore della permanenza dell’Inghilterra nell’Unione Europea, uccisa il 16 giugno: “We have far more in common than which divides us” ossia "Abbiamo molto più in comune di quello che ci divide".
Una versione rarefatta e minimale, assolutamente nello stile della formazione inglese, che farà parte della colonna sonora del film High Rise, thriller diretto dal regista Ben Wheatley, uscito lo scorso 13 maggio nelle sale cinematografiche inglesi.

La versione originale di SOS risale al 1975, ed è uno dei successi più popolari nella carriera della band svedese. Arrivò alla numero uno in Australia, Belgio, Francia, Messico, Nuova Zelanda, Sud Africa, Svezia e Germania. In Italia il brano - che porta la firma di Benny Andersson, Björn Ulvaeus e Stig Anderson - si fermò invece alla numero 2 della Hit Parade, per "colpa" di "Ancora Tu" di Lucio Battisti. Le cose andarono meno bene nella classifica inglese (numero 6) e americana (numero 15).
Fra i tanti fan della canzone ci sono anche alcune insospettabili rockstar: tra tutti John Lennon e Pete Townshend. Ma la lista degli artisti che non hanno saputo resistere alla tentazione di cantare il brano è molto lunga: da Peter Cetera dei Chicago a Chris De Burgh, dagli Erasure ai Men Without Hats, dai The Rasmus a Manfred Mann. Tra le versioni più curiose quella cantata da Michelle Hunziker nel 2005 (e pubblicata solo per il mercato svizzero) e quella cantata nel 2008 da Meryl Streep e Pierce Brosnan per la colonna sonora del film "Mamma Mia".
La versione dei Portishead è di gran lunga la più originale e la più interessante.

Commenti

Post popolari in questo blog

Una cover dei Metallica per il nuovo spot Spot Renault

Scala & Kolacny Brothers Il nuovo spot della Renault in onda in questi giorni nei principali canali televisivi italiani ha fatto riscoprire al pubblico una cover di "Nothing Else Matters" dei Metallica. Una versione "corale" pubblicata nel 2010 dal gruppo belga Scala & Kolacny Brothers del quale ci siamo già più volte occupati su queste pagine. La cover era contenuta nel loro album "Circle" e venne utilizzata nel primo episodio della serie televisiva Crisis, nel primo episodio della diciottesima stagione di Squadra Speciale Cobra 11 e nella colonna sonora del film Sangue del mio sangue. Ora la cover è stata scelta per lo spot "Renault Austral E-Tech full hybrid" nella quale vengono mostrati due robot che smontano un’auto. La versione originale di "Nothing Else Matters" faceva parte del "Black Album" dei Metallica uscito nel 1992; la scrisse il chitarrista James Hatfield per una sua vecchia fidanzata ma la giud

Bella Ciao: le versioni più belle

Bella Ciao è sicuramente il più famoso canto dei partigiani ed il più intonato ancora oggi in occasione del 25 aprile. Nasce come canto popolare antifascista italiano, prima della Liberazione, ma è diventato poi celeberrimo dopo la Resistenza. Le origini della canzone sono però ancora oggi controverse. Qualcuno come il cantautore e storico Ivan Della Mea sosteneva che l’autore potesse essere un medico ligure che viveva a Montefiorino nel Modenese. Per quanto riguarda la melodia, fu probabilmente presa da una serie di canti popolari ottocenteschi di area piemontese. Ma c'è anche chi sostiene che l'origine possa ritrovarsi in un canto epico lirico diffuso in pianura padana intitolati "Bevanda sonnifera”, o in un canto diffuso in Trentino che conteneva quell’iterazione di “ciao ciao” scandito con le mani che serviva a dare il ritmo al gioco dei bambini. Si è anche a lungo ipotizzato un legame con un canto delle mondine padane, anche per la versione  realizzata da

Johnny Cash canta "Barbie Girl" degli Aqua (con l'intelligenza artificiale)

Meglio specificarlo subito: Johnny Cash non ha mai cantato “Barbie Girl”. Si tratta dell’ennesima versione “fake” creata dall’intelligenza artificiale, e diventata immediatamente virale il rete La “cover impossibile” è comparsa - in contemporanea con la premiere del film “Barbie” - sul canale YouTube "There I Ruined It” il cui motto è "lovingly destroy your favorite songs” ossia “distruggiamo amorevolmente le tue canzoni preferite”. Sul canale in effetti si può trovare di tutto, da Elvis che canta "Baby Got Back" di Sir Mix-a-Lot a Frank Sinatra che canta "Get Low" di Lil Jon.   Ma la versione di “Barbie Girl” cantata da The Man In Black è davvero incredibile e riapre la questione su quali debbano essere i limiti legali per l’utilizzo dell’A.I. nel mondo della musica. Intanto Dustin Ballard, che gestisce il canale "There I Ruined It”, ha dichiarato al sito Insider che video come questi richiedono alcuni giorni di lavoro. L'uso dell'intellige