Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2017

Max Nek Renga: la nuova versione de "Gli Anni"

Una nuova versione per "Gli Anni" la celebre hit del 1995 degli 883. Dopo la versione ricantata e riarrangiata nel 98 per la raccolta omonima e la versione cantata con Cesare Cremonini per l'album "Max 20" del 2013, arriva ora una versione a tre voci cantata dallo stesso Pezzali con Nek e Francesco Renga.
I tre da Gennaio saranno protagonisti di un tour insieme nei palasport delle principali città italiane.
Pubblicata come singolo nella primavera del 1995 e contenuta nel terzo album degli 883 La donna il sogno & il grande incubo, è considerata dalla critica (che non è mai stata benevola nei suoi confronti) la migliore canzone uscita dalla penna di Max Pezzali.
Nel 2011 i Vanilla Sky incisero una versione punk, 2012 venne ricantata da Colapesce e nel 2013 venne ripresa con un un nuovo testo e il titolo di "Gli anni d'oro" da Jake La Furia.

James Blake: ascolta la cover di Vincent di Don McLean

James Blake ha registrato una cover del brano “Vincent”, scritto e composto nel 1971 da Don McLean. Una versione per piano e voce, accompagnata da un video girato in presa diretta durante la registrazione del brano nei Conway Studios di Los Angeles.
Blake aveva già eseguito la cover nel corso di alcuni concerti estivi.
Don McLean scrisse la canzone dopo aver letto una biografia su Van Gogh, il Vincent del titolo del brano.  I versi iniziali del testo "Starry Starry Night. paint you palette blue and grey" sono un riferimento alla Notte Stellata del pittore olandese. Pubblicato come singolo dopo il grande successo di "American Pie" il brano arrivò alla numero uno in UK e alla numero 12 negli USA.  A quasi due anni di distanza dalla prima pubblicazione arriverà alla numero uno anche nella Hit Parade italiana, grazie alla popolarità ottenuta come sigla dello sceneggiato televisivo della Rai
Lungo il fiume e sull'acqua.

Molte le cover: da Julio Iglesias a Rick Astle…

Little Steven: un omaggio ai Ramones per Natale

In America nessuno si sottrae alla tradizione della musica natalizia. Non riuscirono a sottrarsi neppure i Ramones che 1989 pubblicarono un loro strampalato inno natalizio intitolato "Merry Christmas (I Don't Want to Fight Tonight)" che venne inserito nell'album Brain Drain e nella colonna sonora del film "Fuga dal Natale".
Ora il brano è stato riproposto in una nuova versione da Little Steven, che dopo aver eseguito molte volte il brano dal vivo, ha scelto di pubblicare su YouTube un buffo video girato in spiaggia nel quale compare vestito da elfo.
Il testo è stato leggermente modificato e la terza strofa è nuova rispetto all'originale.

Tom Jones rende omaggio a Dylan

Tom Jones e Beverley Knight hanno sono stati i protagonisti del Gospel Christmas Show trasmesso dalla BBC 2 il giorno di Natale.
Tra le canzoni eseguite sul palco dell' Exchange Hotel di Cardiff, anche una intensa (e inedita) versione di "I Believe in you" di Bob Dylan, brano che il grande cantautore americano scrisse nel 1979 per l'album "Slow Train Coming".
"Un disco che parla di fede e di come mantenerla - ha spiegato Sir Tom prima di intonare la suo omaggio a Dylan - una canzone che ha sempre significato molto per me". L'album fu infatti il primo scritto dal menestrello di Duluth dopo la sua conversione al cristianesimo. che provocò all'epoca feroci critiche e commenti ironici da parte della stampa.
Non moltissime le cover realizzate negli anni, ma da segnalare le versioni di Phoebe Snow (1981) di Sinead O'Connor (1992) e di Judy Collins (1993).
Tom Jones - che nel corso della sua lunga carriera ha inciso centinaia di cover - s…

James Arthur: la cover di How To Save a Life

Ospite per la prima volta del BBC Live Lounge, James Arthur ha regalato ai suoi fan la cover di "How To Save a Life" brano portato al successo nel 2006 dai The Fray.
Il ventinovenne cantante inglese aveva già eseguito il brano nel corso della trasmissione X Factor, ma in quel caso aveva condiviso il brano con altri due concorrenti, James Vickery e Curtis Golden decisamente meno talentuosi di lui che invece risulterà alla fine il vincitore di quella edizione.
Numero 3 nelle classifiche USA (dove è restata in classifica per ben 58 settimane) e numero 5 in quelle in UK, la canzone è rimasta però l'unico successo nella carriera della band americana. Merito anche della della televisione, visto che il brano è stato utilizzato in due serie TV molto popolari come Scrubs e Grey's Anatomy. Una cover - quella proposta da Arthur nel corso della puntata del BBC Live Lounge -  con pochi guizzi e molto fedele all'originale. 

Van Morrison: la cover di I Get a Kick Out of You

Scritta da Cole Porter nel 1934  musical Anything Goes, "I Get a Kick Out of You" è uno degli standard più celebri della storia del jazz.
Alla lunghissima lista di artisti che negli anni hanno dato al brano la propria rilettura, sia aggiunge il nome di Van Morrison, che ha inserito la cover nel suo nuovo album Versatile. Tra le 16 tracce del disco il grande cantante irlandese ha infatti inserito molti omaggi al repertorio di alcuni suoi miti musicali come Chet Baker, Frank Sinatra, the Righteous Brothers, Tony Bennett e Nat King Cole.
"Registrare canzoni di questa grandezza mi ha obbligato ad allenare e forzare la mia voce come facevo un tempo così come a tornare alla musica che mi ha ispirato maggiormente all’inizio: il jazz” ha commentato il cantante".
Cole Porter scrisse I Get I Kick Out Of You per il musical Anything Goes 
La versione originale del testo conteneva un chiaro riferimento alla droga nel verso
Some get a kick from cocaine
che venne presto sostituito…

Una cover di Eddie Vedder per Chiara Ragnini

Ancora una cover interessante realizzata da Chiara Ragnini, la cantautrice ligure che ha da poco pubblicato grazie a MusicRaiser l’album “La differenza”. Dopo gli omaggi a Paola Turci, Fabrizio De Andrè e Lisa Stansfield, Chiara prosegue la sua serie “Homeplay” con la cover “casalinga” di Hard Sun, brano che Eddie Vedder scrisse e pubblicò nel 2007 per la colonna sonora del film di Sean Penn "Into the Wild - Nelle terre selvagge".
 “Chi ha visto il film - ci ha spiegato Chiara - non può non essersi letteralmente innamorato di questa canzone. Caso vuole che, sempre grazie alla campagna di crowdfunding che ho portato avanti su Music raiser a cavallo tra dicembre 2016 e gennaio 2017, Guido Zerbin, uno dei sostenitori, l'abbia proprio scelta come ricompensa. È stato quindi un grandissimo piacere interpretare una canzone così bella , conosciuta dal grande pubblico Grazie all'intensa voce del leader dei Pearl Jam Eddie Vedder. È una di quelle canzoni da ascoltare Ad occ…

Ed Sheeran e Andrea Bocelli: il duetto

"Un piccolo regalo per voi in occasione del Natale".
Così Ed Sheeran ha commentanto sul suo profilo Instagram l'uscita di una nuova versione di "Perfect" cantata in coppia con Andrea Bocelli.
La canzone, la più dolce del suo ultimo album "Divide" (dedicata alla fidanzata Cherry Seaborn), era già stata pubblicata in  duetto con Beyonce. Ora arriva questa nuova versione orchestrale prodotta da Matt, fratello del cantante.
"Spero che l’amiate quanto l’amo io. Canto anche in italiano, che è davvero divertente" ha commentato Sheeran che ha definito Perfect "la migliore canzone che abbia mai scritto".
Il cantante ha anche speigato che è stata la prima canzone scritta per il suo terzo album "Divide" numerto un in 26 nazioni .
La versione cantata con Bocelli è stata rinominata "Perfect Symphony"

U2: la cover di What's going on

Un regalo di Natale in anticipo per i fan degli U2.
La band irlandese ha pubblicato la cover di "What’s Going On" di Marvin Gaye, registrata a Los Angeles per la serie Spotify Singles. Bono aveva già cantato il brano nel 2006 insieme a Christina Aguilera, Britney Spears, Gwen Stefani, 'N Sync, Destiny's Child, Monica, Nora Gaye (figlia di Marvin Gaye), riuniti sotto il nome di "Artists Against AIDS Worldwide"
La band ha spesso eseguito il brano dal vivo nel corso del tour del 2001 (ben 30 volte secondo il sito U2gigs) ma non lo aveva mai ufficialmente pubblicato.

"What's going on" è considerata unanimemente il capolavoro di Marvin Gaye. Fu in gran parte scritta da Al Cleveland (uno degli autori di punta della Motown) e da Renaldo Benson dei Four Tops, ma Gaye contribuì alla stesura delle liriche prendendo spunto dai terribili racconti di suo fratello Frankie reduce dalla guerra del Vetnam. Il testo è una lunga risposta alla domanda contenuta …

Una cover di Nick Cave per Iggy Pop e Jarvis Cocker

Iggy Pop e Jarvis Cocker hanno realizzato la cover di un brano di Nick Cave. Si tratta di "Red Right Hand” brano contenuto nell’album "Let Love In" che Nick Cave and the Bad Seeds pubblicarono nel 1994 e che venne anche pubblicato come singolo con discreto successo. Ma soprattutto il brano è stato spesso utilizzato al cinema e in tv: dalla colonna sonora del primo Scream a quella della commedia Scemo e più scemo. Nel 2013 poi la canzone è stata scelta per accompagnare i titoli di testa della popolare serie TV “Peaky Blinders” prodotta dalla BBC. In ogni stagione il brano è statp riproposto in una versione differente e tra gli interpreti chiamati figurano i nomi di PJ Harvey per la seconda stagione e degli Arctic Monkeys.
La versione dell’iguana e del cantante dei Pulp è – se possibile – ancora più cupa e inquietante di quella di Nick Cave.


Sam Smith: la cover live di Have Yourself A Merry Little Christmas

Anche Sam Smith non si sottrae alla tradizione natalizia. Ospite del BBC Live Lounge, il cantante londinese ha regalato ai suoi fan una intensa versione live di "Have Yourself A Merry Little Christmas" classico del Natale del 1944.
Una versione piano e voce che si chiude con un piccolo accenno a "Jingle Bells" nella quale il 25enne cantante britannico ha messo ancora una volta in mostra tutte le sue doti vocali. Smith aveva già inciso la canzone con un arrangiamento molto simile nel 2014
La versione originale del brano è quella incisa da Judy Garland per il film "Incontriamoci a Saint Louis" che uscì nelle sale nel novembre del 1944.La canzone porta la firma di Hugh Martin e da Ralph Blane anche se nel 2006 Martin ha dichiarato alla stampa che Blane gli avrebbe soltanto suggerito di comporre il brano, ma non avrebbe partecipato alla stesura.
Secondo il sito SecondHandSongs la canzone vanta ben 918 diverse versioni.
Tra le più celebri quelle di Frank Sina…

Elbow: un omaggio ai Beatles nel loro Best Of

C'è anche la cover di "Golden Slumbers" dei Beatles tra le tracce del greatest hits degli Elbow che raccoglie il meglio dei dei sette album pubblicati in carriera dalla band di Manchester.
La loro versione del classico dei Fab Four è stata utilizzata per lo spot natalizio della John Lewis, colosso britannico della vendita che già in passato aveva utilizzato grandi nomi della musica per le proprie campagne.
Scritta da Paul McCartney nell'estate del 1968, "Golden Slumbers" venne inserita l'anno successivo nel celebre medley di "Abbey Road" insieme a "Carry That Weight". Il testo contiene una citazione di The Pleasant Comedy of Patient Grissill composta dal drammaturgo Thomas Dekker nel 1603. Golden Slumbers / Carry that weigh venne pubblicata come singolo dai Trash, un'altra band della Apple nel settembre del 1969 e raggiunse la posizione numero 27 delle classifiche inglesi.
Tra gli artisti che hanno ripreso il brano ci sono Georg…

Enrico Nigiotti: tutte le cover del suo EP "L'amore è"

Cinque cover e l’inedito “L’amore è” in una doppia versione nell’EP di Enrico Nigiotti, che giovedì sera in diretta su Sky Uno, dal Forum di Assago affronterà la finale dell’undicesima edizione di X Factor. Per il trentenne cantante livornese non si tratta del debutto discografico, avendo già partecipato ad "Amici" nel 2009 e al Festival di Sanremo nel 2015 nella sezione Nuove Proposte.
 Le cover 5 cover selezionate per il disco tra quelle proposte in trasmissione sono "Make you feel my love" (Bob Dylan), "L’isola che non c’è" (Edoardo Bennato), "Il mio nemico "(Daniele Silvestri), "Mi fido di te" (Jovanotti) e "Ho visto Nina volare" (Fabrizio De André/Ivano Fossati). Avrebbe ben figurato nella raccolta la versione di "Redemption song" di Bob Marley cantata nel corso della semifinale, evidentemente “fuori tempo massimo”. La produzione è di Lucio Fabbri, e si sente.
Cover rilette con buona personalità, certamente u…

BBC Radio 2 – The Piano Room: la compilation

Sting, Ed Sheeran, Sam Smith, Michael Buble, Coldplay, George Michael, Annie Lennox e Paul McCartney. Sono solo alcuni degli artisti presenti nella doppia compilation “BBC Radio 2 - The Piano Room” che per la pria volta raccoglie alcune delle esibizioni più emozionanti del celebre programma trasmesso dall'emittente inglese con la conduzione di Ken Bruce. Trasmissione della quale ci siamo occupati molto spesso negli ultimi mesi, visto il gran numero di cover interessanti proposte dagli ospiti. Cover che sono presenti numerose anche in questa doppia raccolta, grazie alla quale è possibile riascoltare il toccante omaggio a David Bowie dell’amico Rick Wakeman sulle note di "Life on Mars", la versione di “Just The Way You Are” cantata da Gregory Porter, la celebre “You've Got A Friend” cantata da Mika o l’inedita “God Only Knows” dei Beach Boys ripresa da Michael Bublè. Tutti brani hanno in comune l’arrangiamento minimale, con in primo piano il pianoforte donato da sir E…

Gianni Morandi e Fiorella Mannoia: la cover di Onda Su Onda

Si chiude con una cover davvero speciale di "Onda Su Onda" il nuovo album di Gianni Morandi "D'amore e d'autore"  il 40esimo nella lunga carriera del cantante e attore di Monghidoro.
Un duetto con l'amica Fiorella Mannoia, sulle note della celebre canzone scritta da Paolo conte e resa celebre da Bruno Lauzi nel 1974.
Una versione allegra con un arrangiamento moderno, che si va ad aggiungere agli altri 8 brani inediti contenuti nel disco scritti da grandi autori come Ligabue, Fossati e Sangiorgi. Una cover che appare come un vero divertissement.

Paolo Conte aveva scritto il brano per Adriano Celentano che qualche anno prima aveva portato al successo la sua "Azzurro". Fu però il produttore Lilli Greco a consigliarli di tenere il brano per il suo album di debutto uscito nell'ottobre del 1974. La versione di Bruno Lauzi uscirà invece nel mese di novembre per l'etichetta Numero Uno, inaugurando la fortunata collaborazione con l'avvocat…

Levante: la cover di Vita di Dalla Morandi

In attesa della finale di X Factor 11 Levante si è esibita nella prima puntata della nuova stagione di "Music" lo show di Canale 5 dedicato ai grandi protagonisti della scena musicale italiana e internazionale. La cantautrice - che in questi giorni ha pubblicato in un nuova versione deluxe l'album "Nel caos di stanze stupefacenti" - ha cantato la cover di "Vita" di Dalla e Morandi.
"Credo sia un brano che rappresenta tutti. Ognuno di noi è caduto e si è sbucciato le ginocchia e si è rialzato - ha spiegato Levante - È una canzone che io amo tantissimo ed è un regalo che ho voluto fare ad una zia, che quando ero ragazzina mi chiese di registrala per dedicarla al marito".

Scritta da Mogol e Mario Lavezzi "Vita" fu nel 1988 il pezzo di punta dell'album DallaMorandi che rappresentò il ritorno al successo per il cantante di Monghidoro dopo alcune stagioni in ombra, Motivo per cui il testo venne adattato al vissuto artistico di Mora…

X Factor 11: la Compilation

È arrivata puntuale anche quest'anno, alla vigilia della finale, la compilation ufficiale di X Factor.
In attesa i scoprire giovedì 14 dicembre chi sarà il vincitore dell’undicesima edizione del talent show in onda su Sky, la raccolta contiene dodici cover interpretate nel corso della trasmissione da Rita Bellanza, i Måneskin, Sem&Stènn, Enrico Nigiotti, Lorenzo Bonamano, Andrea Radice, Ros, Camille Cabaltera, Virginia Perbellini, Samuel Storm, Lorenzo Licitra e Gabriele Esposito. Come sempre in questi casi il livello è molto discontinuo e la scelta di brani molto diversi l'uno dall'altro rende la raccolta difficilmente apprezzabile "in blocco". La scelta dei brani ha però portato a privilegiare alcune delle esibizioni più applaudite come quella di Rita Bellanza e di Enrico Nigiotti.
Coraggiosa la scelta di inserire la cover di Vengo dalla Luna di Caperezza, rieltta con energia da Maneskin.
Tracklist

01 – Vengo dalla luna (Caparezza) – Måneskin 3:05
02 – Tit…

Jimi Hendrix: la tracklist del nuovo album

Si intitolerà Both Sides Of The Sky l'ennesima compilation postuma di Jimi Hendrix, il geniale chitarrista di Seattle scomparso 47 anni fa.
Il disco - che conterrà 13 tracce 10 delle quali assolutamente inedite - verrà pubblicato dalla Legacy Recordings il prossimo 9 marzo 2018 e conterrà materiale registrato da Hendrix tra il Gennaio del 1968 e il Febbraio del 1970.
Tra le canzoni in scaletta spicca la cover di "Woodstock" il celebre brano scritto da Joni Mitchell eseguito inseme all'amico Stephen Stills.
Tra le tracce anche l'omaggio al leggendario bluesman Guitar Slim con una versione inedita di The Things That I Used to Do, brano del 1953 che all'epoca venne prodotto e arrangiato da Ray Charles.
Questa la tracklist completa
01 “Mannish Boy”
02 “Lover Man”
03 “Hear My Train A Comin'”
04 “Stepping Stone”
05 “$20 Fine”
06 “Power Of Soul”
07 “Jungle”
08 “Things I Used To Do”
09 “Georgia Blues”
10 “Sweet Angel”
11 “Woodstock”
12 “Send My Love To Linda”
13 “Cherokee Mist”

Doom Side Of The Moon, il tributo metal ai Pink Floyd

I Pink Floyd pubblicarono il loro primo singolo Arnold Layne l'11 marzo 1967 e qualche mese dopo l'album di debutto The Piper at the Gates of Dawn.
Per celebrare i 50 anni in musica dei Pink Floyd, il chitarrista degli Sword KYLE SHUTT ha realizzato un tributo metal dell'album cardine della band di Waters e Gilmour, quello che ha cambiato il mondo musicale contemporaneo: "The Dark Side Of The Moon".

Il titolo e la band che ne derivano "Doom Side Of The Moon", in uscita questo venerdì 8 dicembre, vedono Shutt collaborare con una serie di celebri musicisti: il bassista Bryan Richie (The Sword) e il batterista Santiago Vela III (The Sword), il cantante Alex Marrero (Brownout / Brown Sabbath), il sassofonista Jason Frey (Black Joe Lewis / Hard Proof) e il tastierista Joe Cornetti (Croy & The Boys).

"Dopo aver arrangiato 'Money' ho capito che un intero cover album di 'The Dark Side of The Moon' sarebbe stato possibile realizzarlo, …

Addio a Johnny Hallyday: le sue cover migliori

Si è spento a 74 anni dopo una lunga malattia Johnny Hallyday, vero monumento della musica francese. Nel coso della sua lunghissima carriera durata oltre 50 anni ha inciso più di 1000 canzoni, molte delle quali sono delle cover Il sito SecondHandSongs ne ha catalogate ben 216, che il cantante nato a Parigi nel 1943 ha pubblicato ufficialmente a partire dal 1961. Johnny è stato infatti il primo a diffondere il rock in Francia, in particolare adattando le canzoni del repertorio americano.
Molti anche i suoi omaggi alla musica italiana. Come quando nel 1991 cantò per il mercato francese la celebre 24 mila baci di Adriano Celentano, pochi mesi dopo la versione originale. che tradotta divenne 24.000 baisers





E' del 1966 invece questo suo omaggio ai Beatles con la cover di Girs che in francese diventa
Je l'aime



Molti gli classici del rock & roll ripresi e tradotti per il mercato francese. Questa è la sua versione della celebre Lucille di Little Richrad





Tra i riferimenti di Hall…

The Script: la cover di Sweet Dreams

Ospiti del programma della BBC Radio 2's Piano Room, i The Script hanno regalato ai propri fan una intensa versione acustica di “Sweet Dreams” la celebre hit del 1983 Eurythmics. Anche il trio irlandese ha così utilizzato il celebre pianoforte di Elton John che viene suonato dagli ospite del programma condotto da Ken Bruce.
Sweet Dreams (Are Made of This) è la canzone più celebre degli Eurythmics, l’unica ad aver raggiunto la cima delle classifiche negli Stati Uniti vendendo oltre un milione di copie. Non però la numero uno della classifica UK dove si fermò alla numero due, battuta da “Total Eclypse of the heart” di Bonnie Tyler. La canzone dava il titolo al secondo album del duo, dopo lo scarso successo ottenuto due anni prima da In The Garden Nella sua autobiografia la Lennox ha spiegato che il testo del brano parla della “ricerca della propria realizzazione personale e i sogno sono i desideri che ci motivano” e che la canzone rappresenta per lei una sorta di mantra.
Le registra…

Good Charlotte: ascolta l'omaggio a Lil Peep

Anche i Good Charlotte hanno reso omaggio a Lil Peep il rapper americano scomparso lo scorso 15 novembre a soli 21 anni per una sospetta overdose da farmaci. La famiglia, i fan e gli amici si sono radunati ieri in suo onore a Long Beach, New York.
I Good Charlotte non erano presenti di persona alla commemorazione, ma hanno realizzato una cover di "Awful Things", singolo che Peep aveva realizzato pochi mesi fa e la loro performance è stata condivisa con la famiglia e i fan durante l'evento attraverso un video. Il filmato è stato anche diffuso via Twitter dal leader dei Good Charlotte, Joel Madden,  che ha commentato con un toccante "Sarò per sempre un suo fan". Una ammirazione reciproca, visto che Peep aveva spesso indicato i Good Charlotte come un riferimento per la propria musica.
La versione originale del brano si trova nell'album di debutto del rapper, Come Over When You're Sober, Pt. 1.

Una raccolta di cover per Josh Kelley

"Under the Covers, Vol. 1" è questo il titolo del nuovo album del cantautore americano Josh Kelley.
Il 37enne musicista della Georgia, con all'attivo una carriera iniziata nel 2001 e che lo ha portato spesso nella classifica Country di Billboard, ha riletto 10 classici del passato, suonando tutti gli strumenti e auto producendo il disco. Si spazia da Bruce Springsteen ai Platters, da Jackson Browne a Michael Jackson, da Van Morrison a Tim Hardin. Ma non mancano le sorprese come la dolce "Hold on my heart" dei Genesis (contenuta nell'album We can't dance) e "A Thousand Miles from Nowhere" del cantautore country Dwight Yoakam. Nel complesso non un capolavoro, ma un disco apprezzabile per la scelta delle canzoni. Il titolo suggerisce l'arrivo di altri capitoli.