Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2022

Olivia Rodrigo: "Fuck You" ai giudici della Corte Suprema

Un "Vaffanculo" forte e chiaro. E' quello che Olivia Rodrigo ha fatto risuonare dal palco del Festival di Glastonbury nei confronti dei giudici conservatori della corte suprema USA che con il loro voto hanno sostanzialmente reso illegale l’aborto nella Federazione Americana. Nel corso della sua esibizione dello scorso 25 giugno, la Rodirgo ha cantato la cover di "Fuck You" di Lilly Allen insieme alla cantante inglese che aveva portato il brano al successo 13 anni fa. «Questo è il mio primo Glastonbury, è il sogno più grande che si avvera» ha detto l'artista diciannovenne, «ma ho il cuore spezzato per quello che è successo in America. Sono devastata e terrorizzata. Tante donne e tante ragazze moriranno per questa decisione»,  E senza giri di parole ha aggiunto "Questa canzone è per i giudici: Samuel Alito, Clarence Thomas, Neil Gorsuch, Amy Coney Barrett, Brett Kavanaugh. Vi odiamo!" Non è la prima volta che la Rodrigo usa la sua influenza per l

Blossoms: una cover delle Spice Girls con Mel C

Non sono mancate le cover a sorpresa nell'edizione di quest'anno del festival di Glastonbury, storica manifestazione ospitata dal villaggio di Pilton, nel Somerset, in Inghilterra, che torna dopo i due anni di stop legati alla pandemia. Lo show dei Blossoms ha visto salire sul palco Mel C per una applauditissima versione di "Spice up your life", hit delle Spice Girls del 1997. La band di Tom Ogden aveva già cantato il brano dal vivo sei anni fa, ma in questo caso ha avuto l'onore di farlo insieme alla leggendaria "Sporty Spice". Il giorno prima Mel C era già salita sul palco del Festival per un DJ set, con una scaletta che ha omaggiato il Brit Pop (oltre che ovviamente il suo passato). La versione originale di "Spice up your life" uscì nell'ottobre del 1987. Le Spice Girls erano reduci dal successo planetario di "Wannabe" e dell'album di debutto. Sarà la loro quinta numero uno consecutiva nelle classifiche inglesi, ma negli

Anche i The Wombats rendono omaggio a Kate Bush

Continua il momento magico di "Running up that hill" di Kate Bush che, dopo essere stata inserita nella colonna sonora della serie TV "Stranger Things", ha conquistato le prime posizioni delle classifiche ed è stata riscoperta della nuove generazioni. Dopo la cover live di Halsey di cui ci siamo occupati su queste pagine pochi giorni fa, arriva ora una nuova versione decisamente più "a fuoco". È quella cantata dal trio inglese dei The Wombats e proposta nel corso del programma "Like A Version", lo show dalla radio australiana Triple j diventato negli anni, grazie alle clip su YouTube, uno dei punti di riferimento degli appassionati di cover di tutto il mondo. Una rilettura davvero originale per il terzetto del Liverpool che ha scelto un arrangiamento senza con due chitarre e il basso ma senza tastiere elettroniche, che erano invece alla base della versione originale. Il risultato finale è da applausi. Kate Bush pubblicò la versione originale

Jeff Beck e Johnny Depp: la cover di Venus In Furs dei Velvet

Si intitola "18" il nuovo album di Johnny Deppe e Jeff Beck  e sarà pubblicato il prossimo 15 luglio. Il disco - che arriva a poche settimane dalla causa per diffamazione che ha visto l'attore protagonista del processo contro la sua ex compagna Amber Heard - conterrà di 13 tracce; undici cover che comprendono classici dei The Beach Boys, John Lennon, Marvin Gaye, The Velvet Underground, Killing Joke, e altri e due composizioni originali di Depp. Jeff Beck ha trovato uno spirito affine al suo in Johnny Depp quando i due si sono conosciuti nel 2016. I due hanno legato velocemente parlando di macchine e chitarre ed hanno passato gran parte del loro tempo insieme cercando di far ridere ognuno l’altro. Allo stesso tempo, l’apprezzamento di Beck è cresciuto per le capacità di scrittura di Depp e il suo orecchio per la musica. Quel talento e la loro chimica hanno convinto Beck del fatto che dovevano fare un album insieme. Nel corso di oltre 50 anni di carriera Jeff Beck ha vint

Halsey canta dal vivo “Running Up That Hill” di Kate Bush

Continua il revival di " Running Up That Hill" che grazie alla nuova stagione della serie "Stranger Things" in onda su Netflix, è ritornata in classifica sia nella Billboard Hot 100 che nella UK Official Charts. Ora per il brano - che si è già imposto su TikTok social di riferimento dei più giovani - tornano ad arrivare anche le cover. Lo scorso 12 giugno, Halsey ha eseguito il brano nel corso della seconda giornata del Governors Ball Festival di New York infiammando il pubblico. "E' una canzone che avrei voluto scrivere io stessa" ha dichiarato la cantante in un tweet nel quale cha condiviso le immagine del concerto. Halsey non aveva mai eseguito in precedenza il brano in concerto. In rete circolano molti video amatoriali della cover, abbastanza simile all'originale ma cantata senza indecisioni.   La versione originale di "Running up that hill" venne pubblicata da Kate Bush nel 1985 e compare nell'album Hounds of Love , il quinto d

Paul McCartney: il duetto live con Bruce Springsteen

"Ho una sorpresa speciale per voi. C'è un mio amico, un ragazzo di qui...penso abbiate indovinato. Gli ho detto, 'Devi venire a cantare con noi'. Signore e signori: Bruce Springsteen! ". Con queste parole Paul McCartney ha invitato ieri sera il Boss sul palco del suo concerto al MetLife Stadium di East Rutherford nel New Jersey. Insieme hanno eseguito una infuocata e inedita versione di "Glory Days", uno dei classici del repertorio dei Springsteen. I due hanno duettato anche sulle note di "I Wanna Be Your Man" e "The End" dei Beatles. Un bel regalo di compleanno per Sir Paul, che domani festeggerà 80 anni. Il concerto di ieri -  nell'ultima tappa nordamericana del suo 'Got back tour' - ha visto come ospite sul palco anche un altro celebre cittadino del New Jersey ossia John Bon Jovi. La versione originale di "Glory Days" compare nell'album "Born in the USA" pubblicato da Bruce Springsteen nel 19

Post Malone: la cover di “Better Man” dei Pearl Jam

Post Malone ha cantato "Better Man" dei Pearl Jam. Lo ha fatto nel corso dell’Howard Stern Show, il talk show condotto dal popolare dj americano sul canale Sirius XM. Una versione acustica che Malone ha eseguito accompagnato alla chitarra da Andrew Watt, produttore dell’ultimo album di Vedder e membro chiave della sua band, gli Earthlings. Watt, che collabora da tempo con Post Malone, sta lavorando anche sul prossimo album dei Pearl Jam. Nel corso dell'intervista con Stern, il cantante ha raccontato "Mio fratello Jordan era un Marine, era di stanza alle Hawaii quando lui avevo 12 o 13 anni e andai a trovarlo con la famiglia. Ci faceva ascoltare questa canzone mentre giravamo l’isola in auto. È una cosa a cui ho ripensato molto di recente" La versione originale di "Better Man" è contenuta nell'album "Vitalogy" pubblicato dai Pear Kam nel 1994, Eddie Vedder scrisse il brano negli anni del liceo ed eseguì per la prima volta il brano

Phil Anselmo canta Ace of Spades dei Motörhead

Una vera e propria all star band per la cover di "Ace Of Spades" che farà parte dell'album "Löve Me Förever: A Tribute to Motörhead" in uscita il prossimo 19 giugno per la Psycho Waxx. Al remake del celebra brano di Lemmy e compagni hanno partecipato l'ex cantante dei Pantera Phil Anselmo, Nick Oliveri (Stöner, ex-Queens of the Stone Age), Gary Holt (Slayer, Exodus), Dwid Hellion (Integrity), Chuck Garric (Alice Cooper, L.A. Guns). "La prima cosa che mi ha attratto dei Motörhead è stato Lemmy Kilmister e il suono della sua voce - ha raccontato Anselmo - Nel 1986 quando sono andato a vederli dal vivo: un muro di suoni, erano semplicemente incredibili. Lemmy rimarrà è per sempre”. Questa la tracklist completa Löve Me Förever: A Tribute to Motörhead Tracklist 01. King Dude – “Killed by Death” 02. Stöner – “R.a.m.o.n.e.s.” 03. High on Fire – “Iron Fist” 04. Cephalic Carnage – “Order / Fade to Black” 05. Eyehategod – “Motörhead” 06. Lord Buffalo – “God Was N

Matteo Brancaleoni: il nuovo singolo è "I Wish You Love"

Il nuovo singolo di Matteo Brancaleoni è la cover di “I Wish You Love”, canzone scritta ed interpretata da Charles Trenet con il titolo in lingua madre di “Que reste t’il de nos amours”. Con oltre 8 milioni di streaming su Spotify Matteo Brancaleoni è tra gli Artisti italiani della scena Swing più ascoltati nel mondo.  Considerato a livello nazionale ed internazionale, uno degli interpreti principali del Songbook italiano ed Americano, spesso paragonato a Frank Sinatra, è semplicemente il meglio dello tradizione swing e jazz in Italia. I suoi album hanno raggiunto la posizione n.1 nelle classifiche Jazz di iTunes per ben 4 volte. Si è esibito al fianco di artisti come Michael Bublé, Fiorello, Renzo Arbore. Nel corso degli anni si è esibito in più di 800 concerti in tutto il mondo nei luoghi più prestigiosi e ha fatto registrare ben 13 sold out al mitico Blue Note Di Milano. “I Wish You Love” una canzone che è un sincero augurio dedicato ad un amore ormai concluso, interpret

Todd Rundgren e Adrian Belew dal vivo nel ricordo di Bowie

Todd Rundgren e Adrian Belew saranno sul palco insieme per le nuove date del Celebrating David Bowie tour. Un idea partorita dal chitarrista Angelo “Scrote” Bundini che dopo la morte di Bowie nel 2016, organizzò un primo concerto tributo all-star al Roxy di Los Angeles. Sull'onda del successo ottenuto nacque un vero e proprio evento itinerante a partire dal 2017 con numerosi ospiti a sorpresa: Rundgren entrò far parte del progetto a partire dal 2018 mentre Belew, che suonò con il Duca Bianco dal 1978 al 1979 e nel Sound+Vision Tour del 1990, si è aggregato al gruppo l'anno seguente. "Una delle cose che stiamo facendo in questo tour è un attacco a tre chitarre", ha spiegato Bundini. “David è sempre stato famoso per i suoi chitarristi spettacolari: gli assoli epici di Mick Ronson, il tocco blues di Earl Slick, il funky di Carlos Alomar e Nile Rodgers, la magnificenza di Reeves Gabrels e la chitarra ultraterrena di Adrian Belew", Il tour è prodotto da Miles Copeland

She & Him: il nuovo album è un tributo ai Beach Boys

Il nuovo album degli She & Him sarà un omaggio al genio di Brian Wilson dei Beach Boys. Il duo formato dalla attrice e modella Zooey Deschanel e dal cantautore folk M. Ward, ha annunciato l'uscita di Melt Away: A Tribute To Brian Wilson che verrà rilasciato il prossimo 22 luglio dall'etichetta Fantasy. “Abbiamo iniziato a scegliere le canzoni nella primavera del 2020 senza curarci troppo del loro successo nelle classifiche: quelle meno note ci colpiscono quanto le canzoni più popolari - ha dischiarato il duo - Brian scrive canzoni di bellezza, solitudine e vulnerabilità meglio di chiunque altro". Il gruppo ha anche ottenuto la "benedizione" dello stesso Wilson che ha collaborato alle registrazione di una delle canzoni e ha dichiarato:  "Zooey e Matt hanno realizzato versioni strabilianti delle nostre canzoni. Adoro questo disco!” Il gruppo ha già svelato in rete due tracce dell'album. Questa è la bella cover di “Wouldn’t It Be Nice" La vers

St. Vincent: il nuovo singolo è la cover di "Funkytown"

Vi ricordate di "Funkytown" la hit dei Lipps Inc. del 1980? Ora il brano è stato ripreso da St. Vincent per la colonna sonora del film 'Minions: The Rise of Guru', in uscita nelle sale il prossimo 1 luglio e ambientato negli anni '70. Per la cover Annie Clark, vero nome della cantante dell''Oklahoma, ha lavorato con Jack Antonoff, che aveva già prodotto i suoi ultimi due album Daddy’s Home e Masseduction . Il risultato è divertente grazie anche al video che vede St, Vincent in versione Minions con tanto di parrucca bionda. Nel resto della colonna sonora saranno presenti altre cover firmate da Phoebe Bridgers, H.E.R. e Weyes Blood. La versione originale di "Funkytown" venne pubblicata dai Lipps Inc. nel marzo del 1980 dall'etichetta Casablaca (quella di Donna Summer, dei Village People e die Kiss) . Il brano porta la firma di Steven Greenberg, musicista e produttore di Minnesota ed è dedicato al suo sogno di trasferissi a New York, da lui r

Cat Power pubblica una cover dei Rolling Stones

Dopo aver pubblicato un intero album di cover all'inizio dell'anno, Cat Power ha ora condiviso in rete una nuova eccellente rilettura: "You got the silver” brano originariamente incluso nell’album “Let it bleed” dei Rolling Stones. Una versione intensa ed emozionante con un arrangiamento non si allontana molto dalla versione originale. D'altronde come ha scritto Pitchfork "la Marshall può riarrangiare una canzone semplicemente strizzando gli occhi". In passato la Marshall aveva già reso omaggio agli Stones interpretando la celeberrima "(I can't get no) Satisfaction". Cat Power è attualmente impegnata nel suo tour europeo e arriverà in Italia il 20 giugno all’Auditorium Parco della Musica di Roma e il giorno successivo a Sesto al Reghena (Pn). La versione originale di "You got the silver" venne pubblicata dai Rolling Stones nel 1969 nell'album "Let It Bleed". E' il primo brano del gruppo ad essere cantato da Keith Ri

Angel Olsen canta una cover di Bob Dylan

In attesa dell'uscita del suo nuovo album "Big Time", in arrivo negli store il 3 Giugno, Angel Olsen ha condiviso in rete la cover di un classico di Bob Dylan. Si tratta di una toccante versione di One Too Many Mornings, brano che farò parte come parte della colonna sonora di Shining Girls, serie TV che ha debuttato lo scorso 29 aprile via Apple TV+ e che vede Elisabeth Moss come protagonista e produttrice esecutiva. Tutti i proventi del brano saranno devoluti all’organizzazione no profit Everytown for Gun Safety che si batte negli Stati Uniti per il controllo della vendita e della diffusione della armi da fuoco, un tema purtroppo tornato di drammatica attualità a seguito della strage avvenuta lo scorso 25 maggio nella scuola elementare di Uvalde, in Texas.  La cover non farà parte del nuovo album, registrato e mixato da Jonathan Wilson presso i suoi Fivestar Studio a Topanga, in California. La versione originale di One Too Many Mornings è contenuta nell'album Th

Shaggy: la cover di "That's life" (con Sting)

Come anticipato su queste pagine alcune settimane fa il nuovo album di Shaggy è un tributo a Frank Sinatra ed è stato realizzato con il contributo di Sting, con il quale il musicista giamaicano aveva già lavorato per l'album "44/876" del 2018. Il primo assaggio dell'album che si intitola ironicamente “Com Fly Wid Mi” è la cover della celeberrima "That's life". A proposito del progetto Sting ha raccontato al Daily Mail: “La cosa buffa è che Frank Sinatra, che era un tenore baritono, ha la stessa estensione vocale di Shaggy. Cantano allo stesso modo. All’inizio di quest’anno siamo entrati in studio e abbiamo trasformato questa pazza idea in realtà. È un disco sorprendente, e credo che la cosa più importante, quando si parla di musica, è la sorpresa. Con questo album siamo tornati a sorprendervi, ancora una volta”. Questa la tracklist del disco 01. That’s Life 02. Come Fly with Me 03. That Old Black Magic 04. Fly Me to the Moon 05. Luck Be a Lady 06. Yo

25 anni fa moriva Jeff Buckley: 5 cover indimenticabili

Il 29 maggio del 1997 moriva Jeff Buckley, certamente uno dei cantautori di maggior talento della sua generazione. All'epoca il musicista - figlio del grande Tim - aveva solo trent’anni e stava lavorando al suo secondo album dopo il successo di "Grace". Quella maledetta notte era in per giro per Memphis su un furgone guidato dal suo roadie Keith Roti: Buckley chiese all’autista di fermarsi perché voleva fare un bagno nelle acque del Wolf River dei un affluente del Mississippi. Si buttò in acqua vestito e con gli stivali e forse gli fu fatale un onda causata dal passaggio di un battello. Il suo corpo verrà ritrovato solamente la mattina del 4 giugno del 1997, all’altezza di Beale Street. Nel suo repertorio anche molte cover indimenticabili, a partire dalla celebre versione di " Hallelujah" di Leonard Cohen, Queste le nostre 5 preferite. Jeff Buckley - Calling You (Jevetta Steele) Jeff Buckley - Back in NYC (Genesis) Jeff Buckley - The Boy with the Thorn in Hi

Daniele Stefani: esce il nuovo album "Corde"

E' un album di cover il nuovo disco di Daniele Stefani, cantautore milanese che si era fatto notare partecipando nel 2003 al Festival di Sanremo. Il disco si intitola "Corde" ed arriva a distanza di tre anni esatti dall’ultimo album La Fiducia.  Il disco è prodotto dallo stesso Daniele Stefani e Simone Oriana e mixato da Taketo Gohara, Sound Engineer e produttore, che vanta collaborazioni con i più grandi artisti della musica italiana (Antonacci, Brunori, Capossela, Elisa, Negramaro, Van de Sfroos, solo per citarne alcuni), masterizzato da Giovanni Nebbia @ Ithil World mastering & recording studio.  Tra gli ospiti illustri del disco figurano nomi del calibro di Roberto Vecchioni, Eros Ramazzotti, Fiorella Mannoia, Zucchero, Giovanni Nuti e Alda Merini, Gianna Nannini, Eugenio Bennato e Vinicio Capossela. In scaletta classici di Vasco, Celentano, Daniele, Vecchoini, De Gregori e Fossati che  l'artista commenta così: "E' stata impulsiva e spontanea così co

Irene Gradi e Stewart Copeland: la cover di Message in a Bottle (VIDEO)

La puntata di stasera di Propaganda Live si è aperta con un'esibizione davvero speciale: Stewart Copeland, storico batterista dei Police ha accompagnato Irene Grandi nella cover della celebre "Message in a Bottle". Con loro sul palco anche il tastierista Vittorio Cosma che suona con Copeland nel progetto musicale Gizmodrome insieme a Mark King (Level 42), Adrian Belew (ex King Crimson, David Bowie, Frank Zappa, Talking Heads). I due artisti hanno presentato The Witches Seed, opera rock firmata dal musicista e fondatore dei Police, con i brani di Chrissie Hynde dei Pretenders che si aggiungono alle composizioni di Copeland, e Irene Grandi nel ruolo di protagonista. L’opera sarà in prima mondiale il 22 e 23 luglio al Tones Teatro Natura di Oira Crevoladossola. La versione originale di Message in a Bottle venne pubblicata come 45 giri dai Police il 21 settembre del 1979.La band aveva però già eseguito il brano dal vivo nel corso del tour di quell'anno. Secondo la legg

Una cover di Bruce Springsteen per Shawn Mendes

Shawn Mendes ha reso omaggio a Bruce Springsteen con la cover di "Dancing in the dark". Lo ha fatto per il nuovo spot del brand di abbigliamento Tommy Hilfiger, che ha scelto il cantante canadese come volto della nuova campagna Classics Reborn. Nello spot Shawn Mendes suona la chitarra e canta Dancing in the Dark rendendo omaggio al Boss anche nel look: dalla tasca posteriore dei jeans spunta infatti la bandana americana come la portava Springsteen negli scatti dell'album Born In The USA Per ora la cover - che ovviamente farà storcere il naso a più di un fan del Boss - non è disponibile sulle piattaforme di streaming ed è in esclusiva per lo spot della celebre marca. Dancing In The Dark è uno dei brani più celebri del repertorio di Bruce Springsteen, anche se certamente non uno dei più amati dai sui fan della prima ora. Faceva parte dell'album Born In The USA uscito nel 1984, il più venduto nella carriera del rocker americano con oltre 15 milioni di copie vendute ne

Harry Styles: una cover delle Wet Leg al BBC Live Lounge

Harry Styles è tonato negli studi del BBC Live Lounge, la popolare trasmissione radiofonica della Radio 1 diventata negli anni un vero punto di riferimento per gli appassionati di cover. L'ex One Direction, oltre alle canzoni del nuovo album Harry's House, ha proposto una bella versione live di "Wet Dream" delle Wet Leg. Una vera "instant cover" visto che il brano è stato pubblicato da poche settimane. Una scelta coraggiosa che dimostra ancora una volta la crescita artistica del musicista inglese che questa estate suonerà anche in Italia il 25 e 26 luglio 2022 (a Bologna e Torino). Le date in Australia e in Nuova Zelanda del suo tour saranno aperte proprio dalle Wet Leg. La versione originale di "Wet Dream" compare nell'album di debutto delle Wet Leg, duo dell'isola di Wight formato da Rhian Teasdale e da Hester Chambers. Il disco è stato pubblicato nell'aprile del 2022 e ha debuttato al vertice delle classifiche di Regno Unito e Aus

Florence + The Machine: la cover di un classico di Iggy & The Stooges

Florence + The Machine hanno pubblicato una cover di "Search and detroy" degli Stooges. Il brano compare tra tracce aggiuntive inserite nella versione deluxe del loro nuovo album "Dance Fever", quinto disco della band di Florence Welch. Una versione acustica del classico di Iggy Pop e compagni, che dimostra la grande duttilità della voce della cantante inglese che ben sia adatta anche ad un brano decisamente ruvido. In passato la band aveva già pubblicato omaggi sorprendenti, spaziando dai Beatles a Beyonce, da Neil Young a Elton John, da Drake a Buddy Holly. Inoltre la prima hit del gruppo "You've got the love" era la rilettura di un hit cantata da Candi Staton nel 1986. Le altre bonus tracks del disco sono le versioni acustiche dei brano Cassandra, Free, Morning Elvis e My Love. La versione originale di "Search and destroy" venne pubblicata da Iggy & the Stooges nel 1973 nel loro terzo album "Raw power". Il brano porta la fi

John Mayer: una cover dei Tears For Fears (con Alexander 23)

Sono molte le cover che John Mayer ha eseguito dal vivo nel corso della sua carriera. Ora alla lunga lista che comprende classici che spaziano da Clapton ai Police, da Springsteen agli INXS, si aggiunge anche la celebre "Everybody Wants to Rule the World" dei Tears For Fears. Mayer l'ha eseguita lo scorso 10 maggio a Boston, dividendo il palco con Alexader 23 il giovane artista dell'Illinois che quest'anno è stato chiamato ad aprire le date del suo tour. Quando Alexander 23, polistrumentista e cantautore pop che ha ottenuto quest'anno una nomination ai  Grammy - era a metà del suo set di apertura, ha chiamato sul palco a sorpresa Mayer come un chitarrista aggiuntivo. Nonostante l'arrangiamento sia fedele all'originale il risultato è davvero speciale con un assolo di Mayer da applausi. I complimenti sono arrivati anche dai Tears For Fears che hanno commentato il video con un eloquente "! Honoured to have you both perform this. Incredible job".

Simone Cristicchi e Amara in tour nel ricordo di Battiato

Un viaggio musicale alla ricerca dell’essenza nella confusione della modernità, un rapimento - mistico e sensuale - tanto necessario in questo tempo in cui viviamo. È “Torneremo ancora” - concerto mistico per Battiato, il nuovo e straordinario progetto di Simone Cristicchi e Amara, organizzato da International Music and Arts. Ispirato al repertorio mistico del grande Maestro, i due artisti, per la prima volta insieme sul palco, si rendono con grazia e rispetto interpreti dei messaggi spirituali che ne hanno reso immortale l’opera. Un’occasione per riscoprire un’eredità preziosa, in una nuovissima veste arrangiata dal Maestro Valter Sivilotti. Anticipato dalla data zero il 15 giugno a Salsomaggiore (Arena Estiva), il tour - a cui si aggiungeranno nuove date - si presenta in prima nazionale il 19 giugno a Verona (al teatro romano per il Festival della Bellezza), per proseguire il 5 luglio a Roma (Casa del Jazz, per I Concerti nel Parco); il 16 luglio ad Azzano Decimo (Fiera della Musica)

Måneskin: l'omaggio a Elvis sul palco dell'Eurovision

Oltre al nuovo singolo "Supermodel" i Måneskin, sul palco dell'Eurovision Song Contest, hanno presentato a sorpresa anche un omaggio a Elvis. Una versione di "If I can dream" che farà parte della colonna sonora del nuovo film di Baz Luhrmann dedicato al Re del Rock che arriverà nelle sale cinematografiche dal prossimo 22 giugno. Una versione scarna e intensa che Damiano interpreta con grande personalità, senza timore di confrontarsi con una leggenda come Elvis. Ancora un po' di mistero sul resto della colonna sonora ma oltre ai Maneskin è ufficiale la presenza della cantautrice Kacey Musgraves che eseguirà la cover di "Can’t Help Falling in Love". La pellicola verrà proiettata in anteprima al prossimo Festival di Cannes. 🎸 This is the sound of rock and roll we needed 🎶 @thisismaneskin 🤘 L’esibizione è su RaiPlay ➡ https://t.co/xerQPApZdT @Eurovision #TheSoundOfBeauty #ESCita #ESC2022 #Eurovision2022 #Eurovision #Maneskin pic.twitter.c

Tove Lo: ascolta la cover di “good 4 u” di Olivia Rodrigo

Tove Lo Tove Lo ha cantato la cover di “good 4 u” di Olivia Rodrigo. Lo ha fatto negli studi del network radiofonico svedese P3, nei quali era stata invitata per presentare il suo nuovo singolo “No One Dies From Love” e per presentare la sua nuova etichetta Pretty Swede Records. Le differenze rispetto all'originale non mancano: il brano è più lento e  l'arrangiamento scelto dalla cantante svedese è molto più vicino al synthpop. Nulla da eccepire sull'interpretazione vocale. La versione originale di "good 4 u" è stata pubblicata da Olivia Rodrigo nel maggio del 2021 ed è il terzo singolo del suo album di debutto "Sour". La canzone è firmata da Dan Nigro Hayley Williams, Josh Farro e dalla stessa cantante. Ha raggiunto la prima posizione in 23 nazioni, tra le quali USA, UK, Australia e Canada.

Arcade Fire: la cover di "As it was" di Harry Styles

Gli Arcade Fire hanno eseguito la cover di "As It Was" di Harry Styles. Lo hanno fatto nel corso dell'esibizione che la band canadese ha tenuto negli studi londinesi della BBC Radio 2, per promuovere l'uscita del nuovo album "We" pubblicato all'inizio del mese di maggio. Una versione davvero bella che Win Butler ha cantato insieme a Régine Chassagne. Oltre all'omaggio all’ex One Direction, il gruppo ha poi suonato alcuni estratti del nuovo album e un loro classico del 2010, "The Suburbs" ma l'intera esibizione è visibile solo per il pubblico britannico. La versione originale di "As it was" è stata pubblicata da Harry Styles il 1 aprile del 2022 e anticipa l'uscita del suon  nuovo album "Harry's House". Il brano porta la firma di Thomas Hull. Tyler Johnson e dello stesso ex componente degli One Direction.

Incognito: il nuovo singolo è una cover di Idris Muhammed

Nuovo singolo per gli Incognito , la celebre band fondata nel lontano 1976 da Jean- Paul “Bluey” Maunick. Ancora una volta la band inglese si affida ad una cover, come spesso capitato nel corso della loro fortunata carriera: in questo caso Bluey e compagni ci fanno riscoprire una hit di Idris Muhammed intitolata "Could heaven ever be like this", probabilmente l'unico vero successo nella carriera del musicista della Luisiana, scomparso nel 2014 e considerato un vero precursore della scena jazz funk. Una versione eccellente, tirata a lucido da un arrangiamento di grande impatto, che fa parte della compilation “Dome 30 Years Vol 1” nata per festeggiare l’etichetta Dome Records.   Gli Incognito saranno in tour questa estate in Italia. Queste le date Queste le date: 8 luglio Giugliano (NA) / Livingston at Lido Varca D’Oro 9 luglio Trieste - Trieste Estate / Castello di San Giusto 10 luglio Rimini – Corte degli Agostiniani / Percuotere la Mente 12 luglio Perugia - Umbria Jazz

Mark Tremonti canta i classici di Frank Sinatra

Arriva negli store musicali il prossimo 27 maggio “ Mark Tremonti sings Frank Sinatra ” il nuovo album del chitarrista degli Alter Bridge ed ex componete dei Creed. Un progetto musicale ambizioso, realizzato con il supporto di alcuni dei membri superstiti dell’orchestra del grande Ol' Blue Eyes, e che verrà pubblicato come parte di una nuova iniziativa di beneficenza, creata da Tremonti e battezzata “Take a chance for charity”. I proventi del progetto saranno devoluti alla National Down Syndrome Society (NDSS) per supportare il lavoro volto a difendere e sostenere le persone con la sindrome di Down e le rispettive famiglie. Mark e la sua famiglia hanno avuto la fortuna di dare il benvenuto alla loro prima figlia Stella lo scorso marzo – nata con la sindrome di Down – che ha ispirato il progetto. L’artwork della copertina dell’album è un dipinto originale che Tremonti ha creato appositamente per questo progetto. Questa la tracklist 01. I’ve Got You Under My Skin 02. I’ve Got The W

Julius Rodriguez: un classico di Stevie Wonder in versione jazz

Julius Rodriguez è un giovane musicista jazz di New York di 23 anni che è stato messo sotto contratto lo scorso anno dalla Verve Records. Nel corso della sua carriera si è già fatto notare per le collaborazioni non solo con personaggi importanti della scena jazz come Ben Williams e Keyon Harrold, ma anche con star come James Morrison e Macy Gray. Ora Julius - che è un grande fan di Thelonious Monk, Duke Ellington, Louis Armstrong e John Coltrane ha sorpreso tutti con un omaggio a Steve Wonder del quale ha ripreso la hit "All I Do". Il brano è cantato da Mariah Cameron, amica d'infanzia del musicista che svolge il suo compito in modo impeccabile. La cover farà parte del suo nuovo album "Let Sound Tell All' in uscita il 10 giugno. Personaggio da tenere assolutamente d'occhio. La versione originale di "All I Do" compare nell'album di Stevie Wonder "Hotter than July" pubblicato nel 1980. La canzone era stata in realtà scritta molti anni p

Calibro 35: in arrivo un disco tributo a Morricone

Il nuovo album dei Calibro 35 si intitolerà "Scacco al maestro - Volume 1" e sarà uno omaggio al grande Ennio Morricone, Il disco uscirà il 10 giugno e sarà disponibile in preorder dal 3 maggio in formato LP, CD, digitale standard e HD e Dolby Atmos. La band proporrà dal vivo la cover di "La classe operaia va in paradiso", in anteprima live durante la propria performance al concerto del 1 maggio di Taranto. Per il momento la band milanese ha svelato sui social la copertina del disco: per il resto dovremo attendere ancora qualche giorno.

Shaggy: il nuovo album sarà un tributo a Sinatra prodotto da Sting

Su queste pagine non ci occupiamo abitualmente di dischi non ancora pubblicati, ma in questo caso facciamo un'eccezione vista la stranezza del progetto. Il nuovo album di Shaggy sarà un tributo reggae alla musica di Frank Sinatra e sarà prodotto dall'amico Sting, con il quale il cantante giamaicano aveva già collaborato nel 2018. Ad annunciare il curioso tributo sono stati i due diretti interessati con un simpatico video pubblicato dal magazine DancehallMag. Una sorta di video intervista nel corso della quale il cantante di "Boombastic" ha spiegato: “Sono sempre stato un fan di Sinatra. Da bambino, la musica di Frank suonava spesso a casa nostra e la domenica tutte le stazioni radio giamaicane suonavano i grandi: Sinatra, Bing Crosby, Nat King Cole, ecc. È fantastico lavorare di nuovo con Sting. È il fratello di cui non sapevo di aver bisogno!" Il disco si intitolerà simpaticamente "Com Fly Wid Mi", conterrà 17 canzoni del repertorio di "The Voice

Strange As Angels: Marc Collin dei Nouvelle Vague reinventa i classici dei Cure

Esce in versione deluxe con tre tracce aggiuntive l'album tributo ai Cure realizzato dal progetto Strange As Angels , formato da Marc Collin dei Nouvelle Vague e dalla cantautrice, modella, attrice americana Chrystabell, affascinante musa di David Lynch. 16 cover con le quali il duo esplora quasi tutta l’intera discografia della band di Robert Smith in ordine cronologico, riproponendo classici come “Just Like Heaven”, “Drowning Man”, “Charlotte Sometimes”, “Friday I’m In Love”, “A Forest” e “Lullaby”, e catturando tutta la gamma emotiva della band, dall’ottimismo alla malinconia, dall’oscurità alla gioia, dalla profondità alla leggerezza. Marc Collin ha spiegato: "I Cure sono stati il primo gruppo di cui ero fan quando ero giovane. Chrystabell ha scelto di imparare ogni sfumatura di Robert Smith, prima di reinterpretarlo. Il risultato è una pura devozione alla melodia – racconta Collin -. Questo progetto per me è stata una visione: mi sono immaginato Chrystabell da sola sul p