Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da 2020

Miley Cyrus: le cover di "Boys don't cry" dei Cure e "Zombie" dei Cranberries

Forse non è più il caso di definire "sorprendenti" le cover che Miley Cyrus propone nel corso delle sue esibizioni. La cantante americana negli ultimi mesi ha regalato ai suoi fan molte interpretazioni di grandi classici, spaziando dai Beatles ai Foo Fighters, da Hall & Oates ai Blondie. Nel corso del passato fine settimana Miley ha partecipato al #SOSFest (Save Our Stages) evento organizzato dalla National Independent Venue Association, per sostenere i locali di musica indipendente colpiti dalla pandemia da Coronavirus.
La cantante si è esibita sul palco del leggendario Whiskey A Go Go di Los Angeles e ha proposto due cover di grande effetto. "Boys don't cry" dei Cure e "Zombie" dei Cranberries. In entrambi i casi si è trattato di brani che Miley non aveva mai eseguito in precedenza, ma il risultato finale è decisamente all'altezza delle aspettative.



Kelly Clarkson: l'omaggio a Whitney Houston ai Billboard Music Awards

Kelly Clarkson è tornata a rendere omaggio a Whitey Houston. Lo ha fatto nel corso della annuale cerimonia dei Billboard Music Awards, nella quale la 38 enne cantante americana ha interpretato la cover di "Higher Love", brano di Steve Winwood che lo scorso anno è tornato in classifica grazie al remix curato dal dj norvegese Kygo.
Sul palco del Dolby Theatre di Hollywood la vincitrice di "American Idol" è stata accompagnata dai Pentatonix e da Sheila E (alla batteria) per una cover davvero intensa e cantata senza indecisioni.Nel corso del suo popolare show televisivo la Clarkson aveva già più volte dichiarato la sua grande ammirazione per Whitney Houston, cantando le cover di "How Will I Know," "I'm Every Woman" e “Exhale (Shoop Shoop)."



La versione originale di "Higher Love" venne pubblicata da Steve Winwood nel 1986, “Higher Love” e compare nell'album "Back in the high live". La Houston registrò la cover del b…

A.A. Williams: la cover di "Lovesong" dei Cure

La cantautrice inglese A.A. Willimas ha pubblicato un omaggio ai Cure, la sua versione di "Lovesong". Si tratta di un primo assaggio di un album di cover in uscita il prossimo 12 febbraio 2021 su etichetta Bella Union. Un lavoro nato durante il lock down, che conterrà nove brani presi dal repertorio di Pixies, Deftones, Nick Cave, Radiohead, Nine Inch Nails, Smashing Pumpkins e altri.
La cover di "Lovesog" è una eterea versione che cantautrice britannica esegue in solitudine, accompagnandosi al pianoforte, con un suggestivo video in bianco e nero girato nella sua casa londinese.

La Williams ha da poco pubblicato il suo album di debutto Forever Blue, che ha ottenuto un ottimo riscontro da parte della critica, anche nel nostro paese. È possibile pre-ordinare il nuovo album qui.


La versione originale di "Lovesong" compare nell'album "Disintegration" dei Cure, pubblicato nel 1989. E' ad oggi il singolo di maggior successo del gruppo negli USA, …

Declan McKenna rende omaggio a Paul McCartney

Mentre tutti erano impegnati a rendere omaggio a John Lennon per il suo 80esimo compleanno Declan McKenna è andato controcorrente e ha pubblicato una cover di Paul McCartney. Il giovane cantautore londinese, che ha da poco pubblicato il suo secondo album "Zero", ha scelto di rileggere "Heart Of The Country" brano che l'ex Beatles pubblicò nel 1971.Si tratta di una versione lo-fi pubblicata su Soundcloud che vede Declan impegnato al banjo. Il nuovo album del 21enne musicista londinese è stato accolto molto positivamente dalla stampa britannica ed ha raggiunto la seconda posizione della UK Chart.


La versione originale di "Heart Of The Country" compare nell'album RAM pubblicato da Paul e Linda McCartney nel 1971.Nel 2013 il mensile americano Rolling Stone inserì il brano alla 23esima posizione nella classifica delle migliori canzoni di Paul da solista, ma all'epoca della sua uscita il critico Jon Landau stroncò il disco e definì il brano "il …

Death Angel: la cover di Under Pressure nel nuovo EP

La musica di Freddie Mercury e di David Bowie è capace di mettere d'accordo gli appassionati di ogni genere musicale. La dimostrazione arriva dalle innumerevoli cover del loro repertorio, che non mancano mai di sorprendere. E' il caso della sorprendente versione acustica della celeberrima "Under Pressure" realizzata dai californiani Death Angel, una delle più celebri e longeve band della scena thrash metal statunitense.
Il gruppo ha inserito la cover nell’EP digitale “Under Pressure” che contiene anche un inedito nuovo di zecca, “Faded Remains“, e due versioni acustiche di “A Room With A View” e “Revelation Song“.

Il cantante Mark Osegueda ha spiegato:

"Avevamo bisogno di pubblicare durante questo periodo così frustrante. Benché sia un EP acustico, possiamo definirlo heavy in un diverso senso della parola. La musica, del resto, è il mezzo attraverso il quale ci esprimiamo al meglio!"

Il chitarrista Rob Cavestany ha aggiunto:

"Quello che è iniziato come una …

Sean Lennon canta "Isolation" per gli 80 anni del padre

Anche Sean Lennon ha voluto celebrare quello che sarebbe stato l'ottantesimo compleanno di John Lennon. Lo ha fatto pubblicando sul suo canale YouTube, la cover di "Isolation" che il padre pubblicò 50 anni fa nel suo primo album da solista. Sean - figlio di John e di Yoko - ha raccontato di aver registrato il brano "in famiglia" con l'aiuto del nipote Jack al basso. Le parti di batteria sono state registrate dallo stesso Sean che ha invitato i fan a pubblicare sui social le cover del padre utilizzando il tag #LENNON80."E' pazzesco come il testo della canzone si adatti perfettamente a questo anno" ha commentato il figlio di Lennon.


La versione originale di "Isolation" compare nel primo album da solista di John Lennon insieme alla Plastic Ono Band pubblicato nel 1970. 
Fu scritta da John nel suo periodo di crisi più nera dopo la fine dell'avventura da Beatle. La batteria è suonata da Ringo Starr mentre al basso è presente Klaus Vo…

Nuovo omaggio a Francesco Guccini: esce "Note di Viaggio – capitolo 2"

A un anno di distanza dalla pubblicazione del primo capitolo, esce domani Venerdì 9 ottobre “Note di viaggio – Capitolo 2: non vi succederà niente”, nuovo tributo alla musica di Francesco Guccini.
Il disco - prodotto come il precedente da Mauro Pagani - è stato interamente realizzato nello storico studio Officine Meccaniche di Milano sarà disponibile nelle versioni CD Standard, CD Limited Edition numerata, Vinile, Vinile Limited Edition numerata, in streaming e digital download.
Se al primo capitolo del progetto avevano partecipato (tra gli altri) Elisa, Ligabue, Carmen Consoli, Giuliano Sangiorgi, Nina Zilli anche In questo secondo volume non mancano i nomi di grande richiamo come Zucchero, Fiorella Mannoia,Emma e Roberto Vecchioni, Vinicio Capossela e Gianna Nannini.
La copertina è stata nuovamente affidata allo street artist Tvboy e richiama il tema del viaggio per mare, citando però il dipinto Il Quarto Stato di Giuseppe Pellizza da Volpedo.

Tracklist

1. Zucchero - Dio è morto
2. Fior…

Jaded Hearts Club: un album di cover per il gruppo di Matt Bellamy e Graham Coxon

Di loro c'eravamo già occupati su queste pagine nel gennaio del 2018 quando - con il nome di Dr. Pepper’s Jaded Hearts Club Band - si erano esibiti come "tribute band dei Beatles". Ora il superguppo formato da Matt Bellamy (Muse), Graham Coxon (Blur), Jamie Davis (della label Transcopic), Nic Cester (Jet), Miles Kane (Last Shadow Puppets) e Sean Payne (Zutons) ha abbreviato il proprio nome in The Jaded Hearts Club e ha pubblicato un album di cover di classici del rock e del soul.
Il disco si intitola You've Always Been Here ed è prodotto dal frontman dei Muse Matt Bellamy (che nella band non canta e suona il basso). In totale undici brani tra i quali spiccano classici come "Fever" e "Money (That's what I want)" ma non mancano gemme meno conosciute come “Love’s gone bad” di Chris Clark e “This love starved heart of mine (It's killing me)” tratta dal repertorio di Marvin Gaye.
I brani - come ha spiegato Nic Cester a Rolling Stone - sono stati …

Una cover dei Byrds per Leo Kottke e Mike Gordon

Il chitarrista Leo Kottke e il bassista dei Phish Mike Gordon hanno registrato un nuovo album insieme. Nel disco, intitolato "Noon" e uscito per l'etichetta Megaplum / ATO Records, compare anche un omaggio ai Byrds con la cover della celebre" Eight Miles High". Il brano è cantato dallo stesso Kottke il che rappresenta un'eccezione nella lunga carriera del chitarrista folk abituato ad eseguire solitamente brani strumentali (basti pensare che il suo album del 1999 si intitolava One Guitar, No Vocals).
Il brano dei Byrds viene completamente spogliato dei suoni psichedelici che lo hanno reso iconico, per un arrangiamento folk davvero interessante con il primo piano lo straordinario finger-picking di Kottke.L'album "Noon" è per ora disponibile solo in versione digitale: il CD e il vinile saranno nei negozi dal 20 Novembre.


Eight Miles High dei Byrds è considerato il primo successo nella storia del rock psichedelico e certamente uno dei capolavori del…

50 anni fa moriva Janis Joplin: le 5 cover migliori

Il 4 Ottobre 1970 a causa di un’overdose di eroina moriva in una stanza del Landmark Motor Hotel di Los Angeles Janis Joplin. Aveva solo a soli 27 anni essendo nata nel 1943 a Port Arthur, in Texas ed è stata la la prima cantante bianca a portare nel rock la tradizione del blues e del soul. Insieme a Jim Morrison e Jimi Hendrix, entrambi morti a 27 anni, è entrata a far parte del famigerato "Club 27" che egli anni diventerà sempre più tristemente numeroso. Considerata il primo genio del rock al femminile, a distanza di 50 anni dalla sua morte, il suo ricordo è vivo tra gli amanti della musica.  La cantante texana deve gran parte del suo successo proprio alle sue indimenticabili interpretazioni nelle quali la sua inconfondibile voce tocco vette ineguagliabili. Noi a MyWay abbiamo scelto le nostre 5 preferite,
Me and Bobby McGee  (originale di Roger Miller)

Cry Baby (originale di Garnet Mimms & The Enchanters)

Ball and Chain(originale di Big Mama Thorton)

Summertime (originale di …

Aimee Mann rende omaggio Leonard Cohen con la cover di "Avalanche"

Aimee Mann ha pubblicato un nuovo singolo, la cover della ballata ‘Avalanche’ di Leonard Cohen. Il brano compare come "opening theme" nella colonna sonora del serie televisiva "I’ll Be Gone In The Dark" trasmessa negli USA dalla HBO e basata su un libro di Michelle McNamara.
La cantante - che ha da poco festeggiato il suo sessantesimo compleanno - era molto amica della scrittrice (scomparsa nel 2016) e ha dichiarato di essersi sentita "onorata nell'ascoltare la sua cover all'inizio di ogni puntata".
La Mann e il marito Michael Penn hanno registrato e prodotto il brano nel loro salotto di casa.Il brano è per ora disponibile solo sul canale YouTube della cantante e su Spotify e l'immagine di copertina utilizzata per il video è un chiaro omaggio alla celebre cover dell'album "Songs of Love and Hate" di Cohen, che conteneva la versione originale della canzone. Per l'ex voce dei 'Til Tuesday si tratta del primo tributo "uff…

Corey Taylor dei Slipknot canta “Ace Of Spades” dei Motorhead

Corey Taylor, voce dei Slipknot, ha pubblicato una cover di "Ace Of Spades" dei Motörhead. Una energica versione live registrata in occasione del concerto in streaming al Forum di Los Angeles come parte dell'evento "Forum Or Against 'Em" durante il quale il cantante ha presentato le canzoni del suo album di debutto solista “CMFT” (acronimo di CoreyMotherFuckingTaylor!) pubblicato su etichetta Roadrunner Records.
“CMFT”, co-prodotto dallo stesso Corey con Jay Ruston, è frutto di un processo che ha impegnato Taylor per molto tempo, con brani scritti negli scorsi mesi e altri che risalgono addirittura agli anni della sua adolescenza. Registrato presso l’Hideout Studio di Las Vegas, con il produttore Jay Ruston e la sua band (Christian Martucci chitarra, Zach Throne chitarra, Jason Christopher basso e Dustin Robert batteria), l’album traccia una mappa selvaggia ed esilarante della psiche musicale di Taylor.

"Ace of Spades" è il brano più famoso dei Motö…

Peter Bence: la cover di "September" degli Earth, Wind & Fire

Il pianista ungherese Peter Bence ha voluto salutare la fine del mese di settembre con un'altra delle sue incedibili cover. Sul suo canale YouTube è stata infatti pubblicata ieri la sua versione di "September" degli Earth Wind and Fire. Una versione strumentale che Peter, come sua abitudine, ha registrato in completa solitudine son il suo pianoforte e una pedaliera loop. Il risalutato è ancora una volta spettacolare, soprattutto se non avete mai visto all'opera il giovane talento ungherese che qualche anno fa era entrato nel Guinness dei Primati per "il maggior numero di accordi suonati al pianoforte in un minuto": ben 765.La cover di "September" non è però compresa nel nuovo album di Bence "The Awesome Piano" uscito nel corso del 2020. Godetevi il video (e attenzione ai calzini di Peter).

Gli Earth Wind and Fire pubblicano il 45 giri "September" nel novembre del 1978. Il brano porta la firma di due componenti del gruppo Mauric…

Yungblud: la cover di "Cardigan" di Taylor Swift (con sorpresa)

Anche Yungblud è stato ospite della nuova stagione del BBC Live Lounge. Il cantautore britannico, capace nei suoi dischi di mischiare hip hop, indie rock e pop punk, ha voluto rendere omaggio a Taylor Swift con quella che a noi piace definire una "instant cover", cantando il nuovo singolo della star USA "Cardigan".  Ma la sorpresa è arrivata a metà del brano quando Dominic (vero nome del cantante) ha inserito nella cover anche un omaggio a Avril Lavigne, con un breve citazione della celebre "I'm with You". Uno "snippet" (come si chiama in termine tecnico) che sembra essere stato particolarmente apprezzato dai fan del giovane cantante di Doncaster, che per l'occasione era accompagnato da una violinista e da una violoncellista.


La versione originale di "Cardigan" compare nel nuovo album di Taylor Swift intitolato "Folklore", l'ottavo nella carriera della cantate americana.
Il brano porta la firma della stessa Taylor …

London Grammar: la cover di "Blinding Lights" di The Weeknd

Prosegue la nuova stagione del BBC Live Lounge, la celebre trasmissione condotta da Clara Amfo sulla BBC Radio 1 che ha già visto ospiti nel mese di settembre Miley Cyrus, Biffy Clyro e Anne-Marie.
Nella puntata trasmessa ieri - martedì 22 settembre - i protagonisti sono stati i London Grammer che, oltre al loro nuovo singolo "Baby It's You" , hanno proposto una originale rilettura di "Blinding Lights" di The Weeknd.
La suadente voce della cantante Hannah Reid ha reso davvero speciale la cover, che abbandona i suoni synth pop dell'originale per un arrangiamento etereo e sognante. Forse un po'eccessivo l'uso del riverbero sulla voce.Il prossimo ospite della trasmissione sarà Usher.



La versione originale di "Blinding Lights" è stata pubblicata da The Weeknd alla fine del 2019 e fa parete del suo quarto album "After Hours". Il brano ha vinto due MTV Video Music Awards e ha raggiunto la numero 1 in USA, Canada, UK, Francia e anche in It…

Lykke Li canta la cover di "I Will Survive"

Lykke Li ha registrato una cover di "I will survive" di Gloria Gaynor. Una versione minimale e cantata con grande intensità, che la cantautrice svedese ha pubblicato sul suo canale YouTube e che è disponibile anche sulle piattaforme di streaming. La Li - diventata famosa in Italia grazie alla hit "I Follow River" - si è affidata spesso a delle cover nella prima parte della sua carriera, spaziando dai Kings Of Leon a Jim Croce, dai Fleeetwood Mac a Chris Isaac. In questo caso il classico di Gloria Gaynor viene riletto in modo molto originale, trasformandolo in una lunga e dolente ballata piano e voce.Coraggiosa e ispirata.

La versione originale di "I Will Survive" - scritta da Freddie Perren e Dino Fekaris - raggiunse la vetta delle classifiche sia in Usa che in UK nel 1978. Fino ad allora Gloria Gaynor aveva conosciuto il successo solo grazie ad alcune cover.
In origine la casa discografica la relegò a lato B del singolo "Substitute" e solo l'…

Miley Cyrus canta la cover di un classico di Hall & Oates

Miley Cyrus ama interpretare cover e non ha certamente paura di svelare le proprie influenze musicali. La cantante - che ha da poco pubblicato il suo nuovo singolo "Midnight Sky" - ha reso omaggio a Daryl Hall & John Oates interpretando dal vivo una convincente versione di "Maneater" nel corso del The Tonight Show Starring condotto da Jimmy Fallon sul canale televisivo americano NBC.La star di Nashville ha proposto una rilettura davvero originale del brano, con una prima parte solo vocale e una seconda parte con un arrangiamento molto rock, cantata con grande grinta e personalità. Miley è apparsa un ottima forma (non solo dal punto di vista vocale) e ha sfoggiato un mini abito rosso molto sexy abbinato ad una borsetta dello stesso colore. Nel corso della puntata, la Cyrus ha anche cantato il nuovo singolo "Midnight Sky" che si basa sul sample di “Edge of Seventeen" di Stevie Nicks e ha raccontato a Jimmy Fallon di aver ottenuto il permesso dalla c…

Anne-Marie: la cover di Watermelon Sugar di Harry Styles

E' ripartita la stagione del BBC Live Lounge, la celebre trasmissione della Radio One diventata negli anni un vero punto di riferimento per gli appassionati di cover di tutto il mondo. Nella puntata di oggi, giovedì 10 settembre, negli studi londinesi di Maida Vale è tornata Anne- Marie, la giovane cantante inglese lanciata nel 2016 dal successo di "Rockabye" dei Clean Bandits.Oltre al suo nuovo singolo "To Be Young", Anne- Marie ha cantato la cover di Watermelon Sugar di Harry Styles. Una versione acustica (con tanto di violoncello) cantata senza incertezze (ma anche senza particolare pathos).


 La versione originale di "Watermelon Sugar" è contenuta nell'album "Fine Line" di Harry Styles. Il brano che è firmato da Thomas Hull, Mitch Rowland, Tyler Johnson e dalla stesso Styles è stato il primo singolo del ex One Direction a raggiungere la numero 1 nelle classifiche USA.

Miley Cyrus canta "My Future" di Billie Eilish

Con il mese di settembre è ripartita la stagione del BBC Live Lounge, la celebre trasmissione in onda dal 2006 sulla Radio One della BBC e che da qualche anno è condotta da Clara Amfo. La prima puntata della nuova stagione ha visto come protagonista Miley Cyrus in collegamento da Los Angeles, con un mini special di quattro canzoni. Tra i brani proposti, spicca l'omaggio a Bille Eilish con una bella cover di "My Future" che Miley ha rielaborato in maniera molto personale, stravolgendo l'arrangiamento originale e modificando la parte finale del testo. L’originale si conclude infatti con la frase "I'll see you in a couple years" ( “ci vediamo fra un paio d’anni”) , mentre la cantante di Nashville ha aggiunto un lapidario "but probably not" ( “ma probabilmente no”) rivolgendo poi una beffarda linguaccia alla camera.Bella versione e interpretazione molto convincente


La versione originale di "My Future" è stata scritta e registrata a Los An…

Tiziano Ferro: in arrivo un album di cover

Tiziano Ferro pubblica il prima album di cover della sua carriera.
Il prossimo 6 novembre uscirà infatti “Accetto Miracoli: l’esperienza degli altri”, il secondo capitolo dell’album pubblicato nel 2019. Al disco originale è stato aggiunto un secondo CD contenete 13 cover: alcune come "Almeno tu nell'universo", "Perdere l'amore" e "Portami ballare" erano stati interpretati da Ferro già lo scorso febbraio, durante i suoi interventi al Festival di Sanremo e . Altre sono invece delle novità assolute come la cover di "Rimmel" di Francesco De Gregori che verrà proposta in anteprima anteprima live, in collegamento da Los Angeles e accompagnato dalla sua band, durante due eventi musicali che si tengono in questi giorni all’Arena di Verona: i “Seat Music Awards”, in onda su Rai 1 il 2 settembre, e il 9 settembre “RTL Power Hits Estate”, in diretta in Radiovisione su RTL 102.5 e in contemporanea su Sky Uno e TV8.
Le altre cover del disco saranno:
Mor…

Una cover di Post Malone per Rick Astley

Rick Astley - star della musica pop inglese degli anni 80 - ha condiviso suoi suoi canali social una cover di "Better Now" di Post Malone. Il cantante di "Never Gonna Give You Up" ha registrato il brano nel suo studio casalingo, accompagnandosi con la chitarra acustica. "Ci sono un sacco di parole in questa canzone" ha scherzato il cantante "non credo di conoscerle tutte. Però mi piace!". La cover fa parte di una serie di video casalinghi che il cantante ha inaugurato nei giorni del lockdown proponendo hit come "Titanium" di David Guetta ma anche "Everlong" dei Foo Fightres. A Marzo il cantante ha annunciato l'intenzione di tenere un concerto per i medici e lo staff del servizio sanitario nazionale impegnati nell'emergenza sanitaria, che dovrebbe tenersi a Manchester il prossimo 28 ottobre.


La versione originale di "Better Now" è contenuta nell'album Beerbongs & Bentleys è il secondo disco di  Post Malo…

Mika e Michele Bravi cantano la cover di 'Bella d'estate'

Ancora una cover italiana in questa estate del 2020. Dopo il non proprio riuscitissimo esperimento di "I Love My Radio" arriva ora un'omaggio a Mango con la versione di "Bella D'Estate" cantata da Mika e Michele Bravi.
Al suo fianco in questa impresa, il cantante ha voluto una sua personale scoperta musicale. Michele Bravi, suo pupillo (e vincitore) durante la settima edizione di XFactor, lo affianca con la sua voce graffiate e la sua innata e profonda sensibilità.
I due artisti si sono conosciuti a X Factor nel 2013 dove Mika debuttava come giudice, mentre Michele era concorrente e poi vincitore di quella edizione grazie proprio alla felice intuizione del cantante libanese.
Mika ha raccontato : "Ho riscoperto Bella d'Estate quasi per caso, senza pianificazione, mi è venuta l'idea di cantarla. E’ una cover nata per amore della canzone stessa, per amore di Mango, ma anche di Lucio Dalla, che ha scritto il testo e di cui sono un grande ammiratore. …

Antonello Venditti e Francesco De Gregori cantano “Canzone” di Lucio Dalla

Francesco De Gregori e Antonello Venditti hanno pubblicato a sorpresa una cover di Canzone, celebre successo di Lucio Dalla. Per De Gregori non si tratta di una novità assoluta, visto che avava già cantato il brano con lo stesso Dalla nell'album dal vivo "Work In Progress" del 2010.Una cover con suoni molto diversi rispetto all'originale, e con l'aggiunta dell'armonica a bocca suonata da De Gregori e della steel guitar.
Questa nuova versione è stata prodotta da Alessandro Canini.
De Gregori e Venditti  hanno rinviato al prossimo anno l'atteso show allo Stadio Olimpico di Roma per il 17 luglio 2021. I biglietti già acquistati per lo show , inizialmente previsto per il 5 settembre , 5 settembre 2020 rimangono validi per lo show di sabato 17 luglio.

La versione originale di "Canzone" compare nell'album "Canzoni" pubblicato da Lucio Dalla nel 1996. La musica  è dello stesso Dalla mentre il testo è firmato con Samuele Bersani.


Neil Young canta "The Times They Are a Changin'" di Bob Dylan

La scorsa settimana su Rockol abbiamo pubblicato la lista delle cover ufficialmente pubblicate da Neil Young nel corso della sua lunga carriera. Ora l'elenco va aggiornato con una nuova canzone, visto che il cantautore canadese ha pubblicato sul suo sito una rilettura della celebre "The Times They Are a Changin'".Una versione acustica che Young ha interpretato in solitaria lo scorso 23 giugno, accompagnandosi come di consueto con la chitarra acustica e l'armonica a bocca.
Il cantautore canadese ha più volte omaggiato Dylan nel corso della sua carriera con le cover di "All Along the Watchtower", "Blowin' in the Wind" e di "Girl from the North Country", ma aveva interpretato The Times They Are a Changin solo una volta dal vivo nel 1988.Per ora la cover è disponibile solo qui.
Bob Dylan scrisse il brano nel 1963 nel tentativo di farne un inno dei cambiamenti che avvenivano in quel momento storico. Il brano venne pubblicato come sing…

CRISPIE x Ilra: la cover di My Heart Goes Boom

Il nuovo singolo del collettivo di produttori tedeschi Crispie realizzato con la cantante Ilira è la cover di una hit degli anni 2000 dei French Affair,
Il brano sarà in radio da venerdì 28 agosto e si intitola "Ladida (My Heart Goes Boom)"

Lanciata all'inizio di luglio, questa nuova versione di ILIRA (reduce dal recente singolo collaborativo con Tiësto "Lose You") e CRISPIE sta facendo scintille. In rotazione persino sulle emittenti francesi NRJ e Fun Radio, il brano “LADIDA (MY HEART GOES BOOM)” conta oltre 8.9 milioni di stream su Spotify ed è entrato nella Top 10 di Shazam Francia.


La versione originale di My Heart Goes Boom compare nell' album "Desire" (2000), e ha ottenuto un buon successo internazionale, raggiungendo la Top 5 in Danimarca, Francia, Spagna, Svizzera e Italia e la vetta delle classifiche in Germania ed Austria.
La canzone è firmata da
Barbara Alcindor
Torsten Dreyer
Karsten Dreyer, componenti del gruppo French Affair

La cover di "Live and Let Die" con Evanescence, Iron Maiden e Whitesnake

La chitarrista degli Evanescence Jen Majura ha pubblicato sul suo canale Youtube la cover del classico dei Wings "Live and Let Die". Il brano fa parte della serie che il musicista ha ribattezzato "One Minute Jam" e dura infatti poco più di 60 secondi. Alla cover hanno partecipato in collegamento "virtuale" Nicko McBrain batterista degli Iron Maiden e il chitarrista dei Whitesnales Joel Hoekstra.
Majura ha gia realizzato due album da solista ma in questi giorni gli Evanescence stanno per pubblicare un nuovo album intitolato "The Bitter Truth", il primo di inediti dopo una lunga pausa di quasi 10 anni.


La versione originale di "Live and Let Die" venne pubblicata dai Wings nel 1973 per la colonna sonora del film James BondAgente 007 - Vivi e lascia morire.
Il brano è prodotto da George Martin ed è stato scritto da Paul e Linda McCartney.
Nel 1991 il brano tornò in classifica grazie alla cover dei Guns'n'Roses.

U2 e Elton John: ascolta la cover di “Bang A Gong (Get It On)"

In attesa dell'uscita dell'album tributo a Marc Bolan “AngelHeaded Hipster: The Songs Of Marc Bolan and T. Rex” è stata svelata la cover di “Bang A Gong (Get It On)” dove sono presenti gli U2 e Elton John.

Non è la prima volta che la band irlandese rende omaggio al Bolan: nel 2001 Bono registrò una cover di Children of The Revolution, per la colonna sonora di “Moulin Rouge“ insieme a Gavin Friday, proponendola poi in due occasioni dal vivo.
La cover di Bang A Gong (Get It On) è stata registrata a New Orleans, durante il The Joshua Tree Tour 2017.
L’album AngelHeaded Hipster è stato realizzato sotto la direzione di Hal Willner, un veterano con la fama di saper creare l’alchimia con i diversi artisti con cui ha collaborato, che ci ha lasciato il 7 aprile colpito da COVID-19. Al disco partecipano tra gli altri anche Joan Jett, Todd Rundgren, Nick Cave, Peaches, Lucinda Williams e Marc Almond

Oltre all’album tributo, che dovrebbe uscire in un doppio cd e in vinile, è previsto anche un…

The Sword: una cover dei Rush per il nuovo EP

I The Sword hanno pubblicato una nuovo cover per il loro EP Conquest Of Quarantine, Dopo aver reso omaggio a Marc Boland e aver registrato una nuova versione di una loro hit, la band metal ha reso omaggio ai Rush con la cover di i “Working Man” registrata durante il lockdown.Per la band texana si tratta della prima reunion ufficiale dopo lo scioglimento nel 2018. Il ritorno sulle scene è stato rimandato al prossimo anno




La versione originale di "Working Man" compare come traccia conclusiva nell'album di debutto dei Rush, che la band canadese pubblica nel 1974

Crêuza de mä pe Zêna, il brano di De Andrè per il nuovo ponte di Genova

L'inaugurazione del Ponte Genova San Giorgio è stata accompagnata dalla nuova versione di Crêuza de mä di Fabrizio De André: Una cover voluta da Dori Ghezzi che ha radunato 18 grandi nomi della scena musicale italiana Mina, Zucchero, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Vinicio Capossela, Vasco Rossi, Antonella Ruggiero, Francesco Guccini, Ivano Fossati, Ornella Vanoni, Giuliano Sangiorgi, Paolo Fresu, Diodato, Vittorio De Scalzi, Jack Savoretti e Cristiano De André.
A cui si aggiunge la voce inconfondibile di Faber che è stata mantenuta per il celebre attacco del brano, scritto da De Andrè insieme a Mauro Pagani che ha così raccontato a Radio Popolare
"Tranne pochi amici che sono venuti in studio, tutti hanno cantato da casa. Le righe erano quelle che erano, ma abbiamo cercato di dare spazio a tutti per fare in modo che si esprimessero. E devo dire che il genovese non è una lingua facile. Io sono un bresciano esportato, ma quello di cui mi posso vantare sono i 15 anni di tour con F…

Anohni: la cover di "It’s All Over Now, Baby Blue" di Bob Dylan

Anohni ha registrato la cover di un classico di Bob Dylan. La cantante che fino al 2015 era nota al pubblico come voce degli Antony and the Johnsons, ha reso disponibile online la sua cover di "It’s All Over Now, Baby Blue" che verrà pubblicata come 7 " solo il prossimo 2 ottobre per la Secretly Canadian. Sulla B side sarà presente un'altra cover: 'Be My Husband' di Nina Simone.
"Ho registrato It’s All Over Now, Baby Blue con il chitarrista Kevin Barker un paio di anni fa - ha spiegato l'artista - "L'ho ascoltato di recente e mi ha fatto provare una nausea di nostalgia per la sofferenza del presente o persino del futuro"

Anohni ha anche raccontato di avere registrato all'epoca anche altre canzoni di Dylan, incoraggiato dal produttore Hal Willner scomparso ad aprile a causa del coronavirus.



La versione originale del brano compare nell'album di Bob Dylan Bringing It All Back Home del 1965.Tra le tante cover, spiccano quelle di Joan…

Una cover di Bonnie Raitt per i Bombay Bicycle Club

I Bombay Bicycle Club hanno reso omaggio a Bonnie Raitt con una interessante cover di "Two Lives". La indie band londinese ha inserito il brano nell'omonimo EP in vendita sul loro sito con la formula del "Pay-what-you-want download".
Il cantante del gruppo Jack Steadman ha spiegato nelle note:
"Mio padre mi ha fatto conoscere questa bellissima canzone durante uno dei nostri lunghi viaggi in auto e mi sono innamorato all'istante. Ci è sembrati anche il titolo perfetto per il nostro EP che racconta le "due vite" delle nostre canzoni, quella con l'arrangiamento completo e quella acustica" .L'EP è stato registrato dalla band durante i giorni del lockdown.



La versione originale di "Two Lives" compare nell'album Sweet Forgiveness di Bonnie Raitt uscito nel 1977. La canzone porta la firma del pianista Mark Jordan.


Sting: su Rockol lo speciale di My Way con le sue cover migliori

E' Sting il protagonista di questa settimana del nostro speciale "My Way"  sulle pagine di Rockol.Dai Beatles, a Gershwin, dagli Squeeze a Bill Withers sono davvero tante le cover che il cantante inglese ha pubblicato nel corso della sua lunga carriera. Compresa la celebre rilettura di "Little Wings" di Jimi Hendix contenuta nel suo secondo album da solista "... Nothinng Like The Sun" realizzata con Gil Evans e la sua orchestra. Forse non la migliore cover del brano, ma certamente la più famosa. La prossima settimana lo speciale sarà dedicato agli Who,

Jovanotti, la cover di "Caruso" di Lucio Dalla (VIDEO)

Anche Jovanotti partecipa al progetto “I Love My Radio” e lo fa con due versioni inedite di “Caruso” di Lucio Dalla: una con la collaborazione dei Cacao Mental, gruppo di cumbia contemporanea, e la seconda con l’Orchestra di Paolo Buonvino che ha curato l’orchestrazione e diretto gli archi dell’Orchestra Roma Sinfonietta. Riletture certamente coraggiose ma entrambe non molto a fuoco, come molte delle cover dell'iniziativa.
“Caruso” è il nono brano delle 10 cover di “I Love My Radio”, il progetto che unisce per la prima volta le emittenti radiofoniche italiane. Arriva dopo “50 Special” di J-Ax, “Centro di gravità permanente” di Biagio Antonacci, arriva dopo la reinterpretazione di “Mare mare” di Elisa, “Quando” di Marco Mengoni, “La donna cannone” di Gianna Nannini, “Una donna per amico” di Eros Ramazzotti, “Non sono una signora” di Giorgia e “Sei nell’anima” dei Negramaro


 Lucio Dalla incise nel per la prima volta "Caruso" nel 1986 per l'album Dallamericaruso. Oggi …

Alex Kapranos e Clara Luciani: la cover di “Summer Wine”

Il frontman dei Franz Ferdinand Alex Kapranos e la cantante francese Clara Luciani hanno realizzato una cover del brano “Summer Wine” portata al successo da Nancy Sinatra e Lee Hazlewood nel 1967. La traccia, cantata in inglese e francese, è stata registrata e mixata tra lo studio scozzese di Alex e il Motorbass di Zdar a Parigi ed è accompagnata da un video diretto da Ryder The Eagle. Sul brano e sul video, Alex ha dichiarato
“A ottobre Clara mi aveva chiesto di raggiungerla sul palco dell’Olympia di Parigi, dove abbiamo cantato “Summer Wine” insieme per la prima volta. Siamo grandi fan di Lee e Nancy e l’interazione tra le due parti che nasce in questo brano è molto bella. Clara ha tradotto il ritornello in francese, così ne è venuta fuori una versione bilingue. Abbiamo deciso di registrarla appena iniziato il lockdown, più per noi stessi che per altro. Volevamo creare un mondo immaginario in cui rifugiarci, dal momento che eravamo rinchiusi in casa. Non che non fossimo felici, ma la…

La cover swing di Come As You Are dei Nirvana

Ha già superato le 350 mila visualizzazioni la cover in versione swing di "Come As You Are"pubblicata dal canale YouTube There I Ruined It che si ripromette di "rovinare" le migliori canzoni con delle cover version sopra le righe.
Dopo la cover di "Swallow" di da Lady Gaga e Bradley Cooper trasformata in una polka, in questi giorni è compara la versione del classico dei Nirvana accompagnata dalle immagini originali della celebre esibizione all'MTV Unpugged. Mistero però su chi sia il responsabile del "vilipendio": il video è accompagnato solo dalla frase ironica: "Ho trasformato la canzone dei Nirvana ‘Come As You Are’ in una canzone swing vecchio stile e adesso mi odio".
A dire il vero l'idea di riarrangiare in versione swing i brani dei Nirvana non è così originale; in passato lo avevano già fatto Paul Anka (con Smells Like Teen Spirit) e Richard Cheese.

La versione originale di "Come As You Are" compare nell'album…

U2: la cover di "Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin

Bono e The Edge hanno partecipato a sorpresa all'evento benefico 'Songs From An Empty Room', andato in onda nella serata di ieri sul canale televisivo irlandese RTE2. E per l'occasione hanno cantato la cover di "“Stairway to Heaven" dei Led Zeppelin, brano che la band aveva eseguito dal vivo solo in una occasione nel 1987 (in versione "snippet" solo in altre tre,
Una breve versione acustica che è comparsa (e rimossa subito) in rete.
Ora è disponibile in questo video, che vi invito a vedere prima che sparisca.



La versione originale è contenuta nel quarto album dei Led Zeppelin uscito nel 1971. Nonostante sia uno dei brani più famosi della storia del rock, non è mai stato pubblicato come singolo. Ebbe invece un buon successo la cover pubblicata come 45 giri dai Far Corporation nel 1985.

Eli Paperboy Reed trasforma "Do It Again" degli Steely Dan

Eli "Paperboy" Reed è un cantante e musicista soul statunitense che nel corso della sua ormai quasi ventennale carriera ha saputo farsi apprezzare, soprattutto dalla critica purtroppo per lui, per il suo stile molto "vintage". E' originario del Massachusetts e ha la pelle bianchissima ma vin da giovane è rimasto folgorato dal groove della musica nera, soprattutto da soul e r’n’b. Impara a suonare piano, armonica e chitarra e debutta nel 2005 con un divertente album di cover intitolato "Sings "Walkin' and Talkin' for My Baby" and Other Smash Hits!".
Eli - che di cognome fa Husock e deve il suo soprannome di Paperboy al cappello che indossava sempre e che ricordava i cappelli indossati dai ragazzini-strilloni che vendevano i giornali per le strade d’America - ha da poco pubblicato su Bandcamp una irresistibile versione di un "Do It Again".
La cover sarebbe dovuta comparire nella colonna sonora della serie "Suits" m…

Una cover di Creuza de mä per il Ponte di Genova

Mina, Zucchero, Diodato, Gianna Nannini, Mauro Pagani, Giua, Vinicio Capossela, Vasco Rossi, Paolo Fresu, Vittorio De Scalzi, Jack Savoretti, Antonella Ruggiero, Francesco Guccini, Ivano Fossati, Ornella Vanoni, Giuliano Sangiorgi, Cristiano De André, Sananda Maitreya (Terence Trent D'arby)
Sono gli artisti che hanno ricantato "Crêuza de mä, la celebre canzone composta da Fabrizio De André e Mauro Pagani per l'inizativa lanciata da Dori Ghezzi insieme a Sony Music, Nuvole Production e la Fondazione Fabrizio De André Onlus.
Il brano verrà suonato in occasione dell' inaugurazione del Ponte di Genova San Giorgio in programma il prossimo 3 Agosto,
La versione originale del brano è la canzone che apre e dà il titolo all'undicesimo album ci Fabrizio De André uscito nel 1984.

Ben Harper e Rhiannon Giddens omaggiano Nick Drake

Ben Harper e Rhiannon Giddens hanno pubblicato la cover di "Black Eyed Dog" di Nick Drake. I due musicisti si erano incontrato per la prima volta a Los Angels poche settimane fa e questa è la loro prima collaborazione in assoluto.

«Sentivo parlare di Ben Harper da molto tempo, ma non l’avevo mai conosciuto», ha raccontato la Giddens. «Mi è subito sembrato uno spirito affine: non ha tanto a che vedere con quello che suoniamo, anche se siamo entrambi neri che suonano musica tradizionale, ma piuttosto con lo spirito con cui interpretiamo quel materiale».

Harper da parte sua ha dichiarato:

Ho sempre desiderato interpretare ‘Black Eyed Dog’, questa collaborazione doveva avvenire molto tempo fa, ma sono felice che sia finalmente arrivato il momento”.




Nick Drale registrò la versione originale di "Black Eyed Dog" nel febbraio del 1974 ma il brano venne pubblicato solo nel 1979, all'interno della raccolta Fruit Tree.


Chris Cornell: la cover di ‘Patience’ dei Guns N’ Roses

I familiari di Chris Chris Cornell hanno reso pubblica on line una cover di "Patience" dei Guns N' Roses rimasta finora inedita. La traccia è stata pubblicata sul canale YouTube ufficiale del cantante di Seattle, per celebrare quello che sarebbe stato il suo 56esimo compleanno.
Una versione acustica, in linea con l'originale prodotta da Tom Syrowski, cantata in modo impeccabile.
"Il suo compleanno ci è sembrato il momento perfetto per condividere questo brano e celebrare Chris, la sua voce, musica, storie e arte", ha scritto la famiglia di Cornell in una nota.




La versione originale del brano compare nell'album G N' R Lies pubblicato il 15 aprile 1989.
Il brano fu suonato con tre chitarre acustiche, quella di Slash, di Izzy Stradlin e di Duff "Rose" McKagan, Il singolo raggiunse la quarta posizione nella classifica USA e la decima in quella inglese e ottenne  un buon airplay nelle radio italiane,

Quando i big suonano cover: speciale Nirvana

Per tutta l'estate trovate le cover di My Way anche sulle pagine di Rockol,
In questo weekend uno speciale dedicato ai Nirvana, con tutte le cover pubblicate dalla band di Kurt Cobain. Dai Devo ai Led Zeppelin, dai KISS a David Bowie le sorprese non mancano nella discografia della band di Seattle. Compresa la meravigliosa rilettura di "Where Did You Sleep Last Night?", un brano tradizionale di musica folk statunitense composto probabilmente negli anni settanta del 1800. La cover compare in chiusura del celebre MTV Unplugged in New York.



Giorgio Poi canta la cover di "Estate" di Bruno Martino

Nella colonna sonora della televisiva Summertime disponibile su Netflix, i più attenti avranno notato la presenza della cover di "Estate" di Bruno Martino cantata da Giorgio Poi. Ora la bella versione del cantautore novarese, è stata pubblicata ufficialmente anche su Spotify. La cover compare nell'ultima puntata della serie diretta da Lorenzo Sportiello e Francesco Lagi. Giorgo Poi e Calcutta hanno partecipato alla colonna sonora anche con loro composizioni originali.



La versione originale del brano è quella pubblicata nel 1961 Bruno Martino con il titolo di "Odio L'estate". Il 45 giti non ebbe un particolare successo (non andò oltre la 19esima posizione in classifica) ma è diventato negli anni uno dei pochi brani italiani entrati nel repertorio dei jazzisti di tutto il mondo. Moltissimi gli artisti che hanno interpretato il brano: da Chet Baker a Toots Thielemans, da Joao Gilberto a Michel Petrucciani, da Mina a Mia Martini, da Irene Grandi a Jimmy Fontan…

Tiziano Ferro: la cover di "Bella D'Estate" di Mango (VIDEO)

Dopo Elisa, Giorgia, Gianna Nannini, Eros Ramazzotti e Biagio Antonacci, arriva anche la cover cantata da Tiziano Ferro per "I Love My Radio", il progetto lanciato questa estate che unisce per la prima volta le emittenti radiofoniche italiane – RTL 102.5, RDS 100% Grandi Successi, Radio Deejay, Radio Italia solomusicaitaliana, Radio 105, Radio Kiss Kiss, Virgin Radio, Rai Radio 2, Radio 24, R101, Radio Subasio, m2o, Radio Ca-pital, Radio Monte Carlo, Radiofreccia, Radio Norba, Radio Zeta, Radio Bruno – per festeggiare i 45 anni del sistema radiofonico italiano.

E' stato lo stesso cantante di Latina ad annunciare oggi sui suoi canali social l'arrivo della cover di "Bella d'estate" di Mango,

“Il dolore di un addio, la fine dell’estate.
Ho sempre voluto rendere omaggio a questa perla dell´incommensurabile Mango, scritta insieme al Maestro Lucio Dalla.
Grazie a Laura Valente per l’amore e il supporto incondizionato.
Provo a riprendere in mano questo 2020 con n…

Billie Joe Armstrong dei Green Day canta una cover di Billy Bragg

Billie Joe Armstrong continua a proporre covcr attraverso i canali social dei Green Day con il suo "No Fun Monday", Dopo aver reso omaggio nelle ultime settimane a John Lennon, alle Bangles, agli Avengers e a Johnny Thnderers questa settimana il musicista californiano ha regalato ai suoi fan una cover di A New England di Billy Bragg.
Una versione convincente, con un arrangiamento che si distanzia dall'originale che vedeva il cantautore inglese accompagnato solo dalla sua chitarra elettrica.
Peccato solo che il video abbinato al brano sia decisamente minimale, mentre per le precedenti cover del "No Fun Monday" Billie Joe aveva dimostrato maggiore creatività.

Molto apprezzabile invece il fatto che nelle note il cantante abbia ricordato anche la bella versione di "A New England" realizzata dalla compianta Kirsty MacColl.





La versione originale di "A New England" è stata pubblicata da Billy Bragg nel 1983 nell'EP d'esordi del cantautore …